Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuto su Autopareri - il forum dell'automobile!

Recommended Posts

2 ore fa, Cosimo dice:

C'è qualche immagine del layout meccanico ed elettrico?

 

Guarda qua:

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Credo l grosso delle innovazioni saranno al livello di pacco batterie :pen:

 

interessante l'abbinamento con il dct, sarà abbastanza robusto? imho la frizione lì in mezzo avrà ben da fare 

Share this post


Link to post
Share on other sites

A parte le considerazioni estetiche, mi piace che abbiano voluto unire un doppia frizione all'ibrido: interessante anche il tipo di batterie che useranno.

 

Se le soluzioni saranno efficaci nelle prove su strada, prevedo che Toyota avrà una rivale in campo ibrido.

 

A livello d'interni valgono le stesse considerazioni che ho fatto per la nuova Sportage: mi piacciono perché classici, pratici e senza stranezze, e spero che seguiranno sempre questo corso.

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 ore fa, Cosimo dice:

Credo l grosso delle innovazioni saranno al livello di pacco batterie :pen:

 

Non proprio, la stessa batteria i Polimeri di litio, Li-PO, è utilizzata già da qualche anno sulla Sonata Hybrid, di buon successo in USA ma non in vendita in Italia. Si tratta di una batteria di 1,56 kWh, contro gli 0,75 kWh della Li-Ion di Prius IV, che però è usata solo per le Prius in USA e non in EU, ed i 1,3 kWh delle Ni-Mh delle Prius IV EU. Stessa capacità massima per le nostre vecchie HSD, dal 2010 in poi.

 

Ovviamente non è importante la potenza massima della batteria ma quale è la % totale di scarica ammessa nel sistema. Per le Litio di solito è molto ampia, tipo 20%-90%, mentre per le Ni-Mh di Toy è 40%-80%.

 

Quindi se paragoniamo il teorico possibile utilizzo della 1,56 kWh di Ioniq/Niro con gli 0,75 kWh Li-on oppure 1,3 kWh Ni-Mh di Prius, dovrebbe risultare il doppio di range di carica usabile.

 

Ma finchè non avremo una Ioniq sotto le mani, non lo sapremo, potrebbero essersi tenuti qualcosa di riserva se, come fanno per la Sonata in USA, la batteria è garantita a vita (e il powertrain ibrido 10 anni).

 

Aggiungo il dettaglio tecnico dell' ECO-DAS, già presente su Ioniq e annunciato anche per questa ibrida.

1) Inserendo il tragitto nel navi, e complementando con un sensore a bordo che guarda avanti, il software legge il dislivello in arrivo e prepara la batteria caricandola piu del normale per dare pieno sfruttamento in salita dove il motore termico tende a consumi alti, e poter arrivare in cima a batteria esausta col massimo dello spazio per la ricarica in discesa successiva.

2) Sempre col percorso nel navigatore, potendo prevedere le decelerazioni, dà al momento giusto l'avviso nel cruscotto di "Coasting guide", cioè di sollevare il piede e andare in glide per ottimizzare i consumi.

 

Invito a snobbare poco questo ibrido, ha perfino un doppio circuito di raffreddamento separato per blocco e testa ed il sistema ibrido è stato sviluppato in ambito universitario. Chi arriva ultimo, di solito ha il vantaggio di usare l'esperienza di chi lo ha preceduto. Toyota è meglio che si stia attenta, anche dal punto di vista tecnologico, visto che già dal punto di vista estetico sta dando i numeri al lotto. E per ora la gestione smart del sistema ibrido (anche se bisognerà vederlo al lavoro) col suo pessimo apparato di navigazione che ho la sfortuna di possedere, se lo scorda.

 

PS: Per i mods, aggiungete il suffisso Hybrid a sta povera macchina, che gli hanno costruito il telaio apposta non derivato dalle esistenti per poterla fare anche PHEV ed EV :-)

 

 

Edited by Maxwell61
  • I Like! 5

Share this post


Link to post
Share on other sites
9 minuti fa, Maxwell61 dice:

Invito a snobbare poco questo ibrido, ha perfino un doppio circuito di raffreddamento separato per blocco e testa

 

 

Ma questa non è una caratteristica comunissima nei benzina moderni?

 

Per il resto quoto, promette molto bene e i coreani sono avanti sulle batterie, sia nella ricerca che nella produzione (e senza bisogno di gigafabbrica :P ) .

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non so quanto sia comune sui benzina moderni, il mio retropensiero era per Toyota, che su HSD non ce l'ha, e finquando non uscira Prius IV, nemmeno gli Active Grill Shutter che almeno tengono un pò al caldo... :-)

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Maxwell61 dice:

Non so quanto sia comune sui benzina moderni

 

Sì è una cosa che sta prendendo piede parecchio, ed è decisamente una bella trovata, specie sui motori con S&S ;)

 

Per il resto vedremo quanto sarà globalmente efficiente il sistema, pare abbiano lavorato bene su alcuni componenti e sulla logica di funzionamento globale, ma Toyota ha un sistema che permette di controllare il flussi di energia che è gran lunga più flessibile.

Share this post


Link to post
Share on other sites
13 ore fa, J-Gian dice:

ma Toyota ha un sistema che permette di controllare il flussi di energia che è gran lunga più flessibile.

Non mi sembra che ci siano ancora abbastanza dati per permettere un confronto.

A livello teorico, io ritengo il contrario; il sistema HSD che è costretto, a velocità costante, a far ricircolare continuamente energia in due grossi motori elettrici che girano uno al contrario dell'altro, con perdite meccaniche ed elettriche, rispetto ad una presa diretta al termico grazie al distacco di tutto tramite frizione, già sulla carta risulta più efficiente, semplice e brillante.

Infatti Hyundai dichiara che in "Highway" , Ioniq consuma di meno di Prius, il che sarebbe del tutto naturale proprio per la presa diretta, ed attuale tallone d'achille dell'HSD proprio per le perdite.

 

Come ho già scritto, il sistema PowerSplitDevice risale al 1994 e Toyota lo copiò dall'inventore (a cui paga 100$ per ogni ibrida venduta)

http://www.autoblog.com/2014/02/27/ford-hit-by-lawsuit-over-hybrid-technology-from-surprise-paice/

a quel tempo non c'erano molte alternative ed è del tutto naturale che 20 anni dopo possano essere mature altre scelte più semplici ed efficaci.

 

L'affidabilità del tutto è un'altra cosa, e quella dipende dalle strategie sulla qualità di costruzione, ed è una variabile indipendente.

Il laoyout ibrido col cambio DCT dovrebbe essere identico per filosofia a quello nuovo Honda i-DCD montato su Jazz , di cui qui un'animazione del funzionamento:

 

 

 

Edit: mi correggo, già sappiamo che questo layout è più efficiente rispetto al layout HSD (prima di Prius IV): in Giappone, nei cicli di consumo, Jazz hybrid  con DCT, stesso atkinson 1,5cc e stessa potenza termico (e credo elettrico ma non ricordo esattamente) ha già detronizzato Aqua hybrid  dal podio dell'auto con i consumi dichiarati piu bassi del mercato.

http://blogs.wsj.com/japanrealtime/2013/07/19/new-honda-hybrid-bests-toyota-in-fuel-economy/

 

Edited by Maxwell61
  • I Like! 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Similar Content

    • By MotorPassion
      via Toyota











































       
       
      ———————————————————————————————————
      SPY TOPIC ⤵️
       
      https://www.autopareri.com/forums/topic/65325-toyota-yaris-iv-spy
       
      ———————————————————————————————————
       
    • By fastfreddy
      Incuriosito da questa bella GT, una nuova proposta in un segmento dominato dai soliti noti, qualche mese fa sono andato a provare la Stinger 2.2 diesel (di provare il benzina non se ne parla proprio), una vettura di cui non si discute molto, nemmeno tra appassionati. Motivi d'interesse ce ne sono parecchi parlando di questa macchina, partendo dal fatto che è stata concepita sotto la direzione di un ex BMW Motorsport (cosa che la dice lunga sulle reali intenzioni del gruppo Hyundai) oppure sottolineando che i coreani, in totale contro-tendenza, si fanno in casa il loro cambio automatico , oppure ancora citando il prezzo ultra-concorrenziale al quale viene proposta (49k euro full optionals da scontare parecchio con in più i soliti 7 anni di garanzia) ...cose che magari si possono sviscerare nella discussione che eventualmente seguirà.
       
      Purtroppo il tempo per i test su strada concesso dai venditori è spesso abbastanza breve, ma come si suol dire, piuttosto di niente è meglio piuttosto...
       
       
      DESIGN
       
      La Stinger è stata disegnata da un ex Audi (Peter Schreyer) e si vede: la somiglianza con la A5 sportback è piuttosto lampante, soprattutto nel posteriore, anche se la Stinger riesce tutto sommato, grazie a proporzioni leggermente differenti (per via del cofano più lungo che deve ospitare i propulsori disposti longitudinalmente e l'accenno di coda), a discostarsi quel tanto che basta dalla tedesca da non sembrarne una copia sfacciata. La silhouette da hatchback, che prevede il portellone come quinta porta, tipica anche di alcuni coupé belli e intelligenti come l'Alfa GT, non solo è piacevole ma rende estremamente funzionale la vettura. Nel complesso, anche se la trovo meno elegante e un pò carica di dettagli, la preferisco all'Audi per essere più "piaciona", con vaghi richiami alle muscle-car americane (anche se le finte prese d'aria sul cofano, qualche cromatura di troppo e il baffo della fanaleria posteriore potevano risparmiarceli). Non amo invece la tipica calandra KIA che trovo un pò anonima e che forse andrebbe ripensata se l'idea è quella di combattere nei segmenti premium dove i marchi hanno un'immagine granitica, tutt'altro che cheap come la KIA. Anche gli interni, molto funzionali come d'altronde ormai tutti quelli delle vetture della concorrenza, ricordano cose già viste.
       
      Di spazio ce n'è veramente in abbondanza, sia davanti che dietro, cosa che personalmente apprezzo sempre molto: un pò perché mi piacciono le macchine grandi e un pò perché per via della mia altezza fatico sempre a trovare posto nelle automobili. D'altronde con un passo che sfiora i 3 metri non potrebbe essere altrimenti (a riprova che la misura che conta realmente è la lunghezza e non l'altezza).
       
       
      QUALITA' costruttiva
       
      Argomento quanto mai discutibile e, per certi versi, soggettivo oltreché non facile da affrontare per chi non fa il tester di mestiere. In ogni caso la mia impressione (da utente BMW di lungo corso) è quella di una qualità percepita veramente alta: i materiali sono di ottima qualità e anche le finiture soddisfano appieno. Toccare per credere. Gli esterni sono abbastanza curati, forse non come l'abitacolo, ma non vedo sbavature degne di nota. Direi che siamo quasi ai livelli della migliore produzione attuale, forse non a quelli spettacolari di Volvo (per me i migliori in assoluto al momento) ma certamente paragonabili alle tedesche. In ogni caso osservo che è veramente difficile oggi come oggi non farsi andar bene la qualità con la quale è realizzata un'automobile; anche chi non è al top costruisce sempre piuttosto bene.
       
       
      GUIDA
       
      Parlando di meccanica, e scorrendo la scheda tecnica, direi che la Stinger promette bene: trazione posteriore con differenziale autobloccante, propulsore diesel da 2.2 litri di ultima generazione che fornisce una bella dose di cavalli (200) e soprattutto un'ottima coppia max di 441Nm a 1.750 rpm (valori praticamente identici a quelli dell'Alfa Giulia che ha medesima cubatura), cambio automatico a 8 rapporti, tutti i più avanzati sistemi elettronici del caso ...insomma non manca nulla o quasi. Unico neo, un peso non proprio da sportiva che si attesta tra i 18 e i 19 quintali a seconda delle versioni: evidentemente per contenere molto il prezzo di vendita si è fatto qualche risparmio nell'utilizzo dei materiali più nobili. In prova c'è ovviamente la versione a gasolio e quindi vada per questa anche se in verità mi sarebbe piaciuto guidare il V6 (versione che probabilmente acquisteremmo in quattro gatti in tutta Italia) o almeno il 2.0 turbo-benzina venduto su altri mercati. Purtroppo ho scelto una giornata veramente trafficata per fare un giro con questa macchina ma pazienza; un'idea riesco a farmela lo stesso. Dopo aver constatato ancora una volta dal vivo la sensualità della Stinger (le foto non le rendono proprio giustizia), mi accomodo al posto di guida che trovo ampiamente regolabile e ottimamente confortevole. Per avere la perfezione gradirei posizionare il volante un pelo più in alto ma devo prendere atto per l'ennesima volta che l'ergonomia della Giulia (macchina che ritengo il riferimento in molti aspetti) è veramente imbattibile per chiunque. Il propulsore si avvia con il solito leggero scuotimento tipico dei motori montati longitudinalmente e poi scompare. E' un'unità che non fa rimpiangere in nulla quelli della migliore concorrenza se non fosse per qualche evidente incertezza quando si dà gas, cosa abbastanza fastidiosa nella guida più spigliata e che probabilmente è da imputare a una regolazione perfettibile della gestione elettronica (che magari verrà aggiornata). Per il resto ha un'erogazione veramente lineare e corposa nonché un discreto allungo. Anche il cambio (realizzato in house) funziona egregiamente, dimostrando di non temere confronti con l'inappuntabile ZF che monta tutta la concorrenza: alle andature cittadine è molto soft ma quando serve snocciola velocemente tutte le marce. Osservo che utilizzare i paddles al volante con questi nuovi cambi a 8 marce è un esercizio praticamente inutile dal momento che si è costretti a premere in continuazione i comandi per non farsi prendere in contropiede dall'elettronica. Accessorio sempre piacevole ma superfluo su motori che hanno un range utile di giri veramente ristretto come quelli a gasolio.
       
      Ma veniamo al sodo, la dinamica di guida ...e quì casca l'asino. La sospensione anteriore non delle più raffinate (uno scontato McPherson forse nemmeno molto sviluppato), il passo lunghissimo e il peso vicino alle due tonnellate condizionano inevitabilmente il comportamento della Stinger. Auto piacevole ma non esattamente fulminea né precisa anche se molto stabile, abbastanza rigorosa e ben frenata. Negli inserimenti di curva è piuttosto legnosa e sottosterzante. Nel misto va un pò in affanno. Come detto non ho avuto molta strada libera ma il carattere della macchina lo si intuisce. Lo sterzo è piuttosto diretto ma non precisissimo e ritorna un feedback non entusiasmante, soprattutto nella modalità più sportiva, forse ottenuta in modo un pò artificioso via software (leggo su alcune riviste che il comando è stato ampiamente lodato, ponendolo un gradino sotto l'attuale riferimento, ovvero ancora una volta quello della Giulia ...modestamente non sono d'accordo anche se ho fatto pochi km). Tra l'altro, cosa forse apprezzata dal mercato, la macchina è veramente molto confortevole (anche con assetto impostato su sport+) e silenziosa, ma proprio per questo non riesce a coinvolgere adeguatamente. Tutte caratteristiche che non rovinano l'esperienza nella guida turistica ma che si fanno sentire quando si comincia a spingere e che non fanno meritare il premio di vera GT a questa pur valida Stinger.
       
       
      IN BREVE
       
      Nel complesso quindi si tratta di una bella vettura, venduta a prezzi da segmento inferiore, piacevole da guidare e tecnicamente valida, che sicuramente può appagare chi cerca un'auto premium (certo non nel marchio), anche se sul mercato c'è chi fa meglio in termini di piacere di guida (motivo per il quale personalmente non la comprerei nonostante i molti argomenti a favore).
       
       
      PAGELLONE finale
       
      Design esterni   9
       
      Design interni   8
       
      Abitabilità / Ergonomia   9,5
       
      Qualità percepita   9
       
      Al volante   7,5
       
      Prezzo   10
       
       
       
      La vettura in prova
       

       

    • By reckoner00














       
      Fonte: http://www.autoevolution.com/news/2018-kia-stinger-gt-officially-revealed-114427.html#
       
       
       
       
       
      Press Release: http://www.kiamedia.com/us/en/media/pressreleases/12112/2018-kia-stinger-makes-world-debut-at-north-american-international-auto-show
       
       
       
      -------------------------------------------- 
      Spy: Kia Optima GT (Spy)
      -------------------------------------------- 
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.