Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuti su Autopareri! La community italiana che dal 2003 riunisce gli appassionati di automobili e di motori
  • EMERGENZA COVID-19
  • Rimanete al sicuro! Rispettate le distanze e le misure igieniche
  • Autopareri è sempre attivo e vi è virtualmente vicino per tenervi compagnia durante la fase di lockdown!

Recommended Posts

Credo l grosso delle innovazioni saranno al livello di pacco batterie :pen:

 

interessante l'abbinamento con il dct, sarà abbastanza robusto? imho la frizione lì in mezzo avrà ben da fare 


CI SEDEMMO DALLA PARTE DEL TORTO VISTO CHE TUTTI GLI ALTRI POSTI ERANO OCCUPATI

Share this post


Link to post
Share on other sites

A parte le considerazioni estetiche, mi piace che abbiano voluto unire un doppia frizione all'ibrido: interessante anche il tipo di batterie che useranno.

 

Se le soluzioni saranno efficaci nelle prove su strada, prevedo che Toyota avrà una rivale in campo ibrido.

 

A livello d'interni valgono le stesse considerazioni che ho fatto per la nuova Sportage: mi piacciono perché classici, pratici e senza stranezze, e spero che seguiranno sempre questo corso.


......se la Regione non se ne sbatte a tempo debito di quelle porcherie che chiamano strade lascio le macchinette con touch grattascroto agli altri, il mio prossimo acquisto si chiamerà Panda 1000 4x4, Suzuki SJ413, Vitara JLX o Terrano II 2.7 TDI......

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 ore fa, Cosimo dice:

Credo l grosso delle innovazioni saranno al livello di pacco batterie :pen:

 

Non proprio, la stessa batteria i Polimeri di litio, Li-PO, è utilizzata già da qualche anno sulla Sonata Hybrid, di buon successo in USA ma non in vendita in Italia. Si tratta di una batteria di 1,56 kWh, contro gli 0,75 kWh della Li-Ion di Prius IV, che però è usata solo per le Prius in USA e non in EU, ed i 1,3 kWh delle Ni-Mh delle Prius IV EU. Stessa capacità massima per le nostre vecchie HSD, dal 2010 in poi.

 

Ovviamente non è importante la potenza massima della batteria ma quale è la % totale di scarica ammessa nel sistema. Per le Litio di solito è molto ampia, tipo 20%-90%, mentre per le Ni-Mh di Toy è 40%-80%.

 

Quindi se paragoniamo il teorico possibile utilizzo della 1,56 kWh di Ioniq/Niro con gli 0,75 kWh Li-on oppure 1,3 kWh Ni-Mh di Prius, dovrebbe risultare il doppio di range di carica usabile.

 

Ma finchè non avremo una Ioniq sotto le mani, non lo sapremo, potrebbero essersi tenuti qualcosa di riserva se, come fanno per la Sonata in USA, la batteria è garantita a vita (e il powertrain ibrido 10 anni).

 

Aggiungo il dettaglio tecnico dell' ECO-DAS, già presente su Ioniq e annunciato anche per questa ibrida.

1) Inserendo il tragitto nel navi, e complementando con un sensore a bordo che guarda avanti, il software legge il dislivello in arrivo e prepara la batteria caricandola piu del normale per dare pieno sfruttamento in salita dove il motore termico tende a consumi alti, e poter arrivare in cima a batteria esausta col massimo dello spazio per la ricarica in discesa successiva.

2) Sempre col percorso nel navigatore, potendo prevedere le decelerazioni, dà al momento giusto l'avviso nel cruscotto di "Coasting guide", cioè di sollevare il piede e andare in glide per ottimizzare i consumi.

 

Invito a snobbare poco questo ibrido, ha perfino un doppio circuito di raffreddamento separato per blocco e testa ed il sistema ibrido è stato sviluppato in ambito universitario. Chi arriva ultimo, di solito ha il vantaggio di usare l'esperienza di chi lo ha preceduto. Toyota è meglio che si stia attenta, anche dal punto di vista tecnologico, visto che già dal punto di vista estetico sta dando i numeri al lotto. E per ora la gestione smart del sistema ibrido (anche se bisognerà vederlo al lavoro) col suo pessimo apparato di navigazione che ho la sfortuna di possedere, se lo scorda.

 

PS: Per i mods, aggiungete il suffisso Hybrid a sta povera macchina, che gli hanno costruito il telaio apposta non derivato dalle esistenti per poterla fare anche PHEV ed EV :-)

 

 

Edited by Maxwell61
  • I Like! 5

Share this post


Link to post
Share on other sites
9 minuti fa, Maxwell61 dice:

Invito a snobbare poco questo ibrido, ha perfino un doppio circuito di raffreddamento separato per blocco e testa

 

 

Ma questa non è una caratteristica comunissima nei benzina moderni?

 

Per il resto quoto, promette molto bene e i coreani sono avanti sulle batterie, sia nella ricerca che nella produzione (e senza bisogno di gigafabbrica :P ) .

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non so quanto sia comune sui benzina moderni, il mio retropensiero era per Toyota, che su HSD non ce l'ha, e finquando non uscira Prius IV, nemmeno gli Active Grill Shutter che almeno tengono un pò al caldo... :-)

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Maxwell61 dice:

Non so quanto sia comune sui benzina moderni

 

Sì è una cosa che sta prendendo piede parecchio, ed è decisamente una bella trovata, specie sui motori con S&S ;)

 

Per il resto vedremo quanto sarà globalmente efficiente il sistema, pare abbiano lavorato bene su alcuni componenti e sulla logica di funzionamento globale, ma Toyota ha un sistema che permette di controllare il flussi di energia che è gran lunga più flessibile.

Share this post


Link to post
Share on other sites
13 ore fa, J-Gian dice:

ma Toyota ha un sistema che permette di controllare il flussi di energia che è gran lunga più flessibile.

Non mi sembra che ci siano ancora abbastanza dati per permettere un confronto.

A livello teorico, io ritengo il contrario; il sistema HSD che è costretto, a velocità costante, a far ricircolare continuamente energia in due grossi motori elettrici che girano uno al contrario dell'altro, con perdite meccaniche ed elettriche, rispetto ad una presa diretta al termico grazie al distacco di tutto tramite frizione, già sulla carta risulta più efficiente, semplice e brillante.

Infatti Hyundai dichiara che in "Highway" , Ioniq consuma di meno di Prius, il che sarebbe del tutto naturale proprio per la presa diretta, ed attuale tallone d'achille dell'HSD proprio per le perdite.

 

Come ho già scritto, il sistema PowerSplitDevice risale al 1994 e Toyota lo copiò dall'inventore (a cui paga 100$ per ogni ibrida venduta)

http://www.autoblog.com/2014/02/27/ford-hit-by-lawsuit-over-hybrid-technology-from-surprise-paice/

a quel tempo non c'erano molte alternative ed è del tutto naturale che 20 anni dopo possano essere mature altre scelte più semplici ed efficaci.

 

L'affidabilità del tutto è un'altra cosa, e quella dipende dalle strategie sulla qualità di costruzione, ed è una variabile indipendente.

Il laoyout ibrido col cambio DCT dovrebbe essere identico per filosofia a quello nuovo Honda i-DCD montato su Jazz , di cui qui un'animazione del funzionamento:

 

 

 

Edit: mi correggo, già sappiamo che questo layout è più efficiente rispetto al layout HSD (prima di Prius IV): in Giappone, nei cicli di consumo, Jazz hybrid  con DCT, stesso atkinson 1,5cc e stessa potenza termico (e credo elettrico ma non ricordo esattamente) ha già detronizzato Aqua hybrid  dal podio dell'auto con i consumi dichiarati piu bassi del mercato.

http://blogs.wsj.com/japanrealtime/2013/07/19/new-honda-hybrid-bests-toyota-in-fuel-economy/

 

Edited by Maxwell61
  • I Like! 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Similar Content

    • By Beckervdo
      Kia presenta la rinnovata Rio 2021 con modifiche allo stile, in ambito sicurezza, infotelematica e l'adozione di motori MHEV48V.
      Esternamente notiamo un nuovo "Tiger Nose" all'anteriore con un paraurti più basso e largo, così come nuovi alloggiamenti per i fendinebbia. Per i fari anteriori abbiamo tecnologia LED e nuovo design delle Luci Diurne.
      Stesso discorso per il paraurti posteriore, con nuovo design più basso e largo. 
      Abbiamo due nuove tinte di colori per l'esterno: Perennial Grey e Sporty Blue, così come un nuovo design per i cerchi in lega leggera da 16". 
      All'interno abbiamo l'utilizzo di nuovi materiali, più morbidi e di qualità superiore, e l'utilizzo del nuovo schermo per la telematica da 8" (apple car play, android Auto, BT e DAB sono di serie) mentre il quadro strumenti ha ora un nuovo schermo multifunzione da 4.2". 
      I modelli GT-Line presentano interni neri monocromatici con profili e cuciture a contrasto bianchi sui sedili, oltre a un cruscotto con finitura in fibra di carbonio. Inoltre, tutti i modelli 2021 della Kia Rio sono ora dotati di regolazione dell'altezza del sedile del conducente e del passeggero anteriore (quest'ultimo optional).
       
      La gamma motori prevede l'utilizzo di un sistema MHEV 48V che Kia denomina "EcoDynamics+" basato sul 3 cilindri 1.0 Turbo ad iniezione diretta di benzina con un ISG a 48V (ibrido P0) con l'unità elettrica "SmartStream" con due livelli di potenza totale: 100 CV o 120 CV.
      Kia afferma che il nuovo gruppo propulsore EcoDynamics + riduce le emissioni di CO2 di Rio dall'8,1% al 10,7% sul ciclo combinato NEDC. Entrambi i propulsori MHEV saranno dotati di un sistema di selezione della modalità di guida composto da modalità Eco, Sport e Normale.
      La nuova Kia Rio EcoDynamics + è anche uno dei primi modelli di Kia a presentare la nuova trasmissione manuale intelligente (iMT). Invece di un collegamento meccanico, la frizione dell'iMT è controllata esclusivamente elettronicamente. Secondo Kia, contribuisce alla maggiore efficienza del sistema MHEV e alle minori emissioni di CO2, pur mantenendo l'impegno del guidatore di un cambio manuale convenzionale.
      In alternativa sono comunque disponibili le semplici varianti a benzina comprendenti il 1.0 Turbo GDI da 100 CV ed il 1.2 4 cilindri aspirato da 84 CV.
      Il motore turbo viene fornito di serie con un cambio manuale a sei marce, mentre un cambio automatico a doppia frizione a sette marce (7DCT) è opzionale. Kia afferma di aver anche aggiornato il sistema Idle Stop & Go (ISG) di Rio, che ora è collegato ai freni anziché alla frizione per ulteriori risparmi di carburante.
      La nuova Kia Rio 2021 sarà in vendita in Europa a partire dal terzo trimestre 2020.
       
      Topic Spy --> Clicca qui!
       
       














    • By J-Gian
      Le ibride plug-in iniziano ad essere sotto la lente d'ingrandimento degli ecologisti e degli enti governativi: l'uso che ne viene fatto, non risulta essere conforme a quello previsto (andrebbero usate prevalentemente in elettrico) e quindi penalizza l'ambiente. 
       

      Le "ibride alla spina", si presentano con un eccellente biglietto da visita: sono auto termiche con bassissime emissioni di CO2. Questo risultato è conseguenza della curiosa procedura matematica, che da molto peso all'utilizzo in modalità elettrica.
       

       
      A beneficiare di questo "trucchetto" sono soprattutto le auto di una certa caratura (ovvero quelle più grosse, pesanti e potenti), le quali improvvisamente sembrano emettere meno anidride carbonica di quasi la totalità delle utilitarie.
       
      Ma non è tutto: al momento, vendere un'ibrida plug-in consente ai costruttori di avere un "supercredito", un bonus che consentirà di compensare le maggiori emissioni di altri veicoli inquinanti, eventualmente in gamma.

      I vantaggi però non sono solamente dal lato produttori, diversamente - visto gl'importanti costi all'acquisto - tali auto rimarrebbero in concessionaria. Essendo ritenute ecologiche, le plug-in godono d'importanti incentivi, detassazioni e vantaggi assicurativi, talvolta parcheggi gratuiti e possibilità di accesso ad area a traffico limitato. 
       
      Anche per tali ragioni, in Europa ne sono state vendute circa 220.000 nel 2019 e si stima di raggiungere le 590.000 nell'anno in corso, per arrivare a coprire una quota di mercato del 5,2 % nel 2025.
       

      Finalmente però, qualcuno d'influente si è accorto di quanto possano essere controproducenti dal punto di vista ecologico ed economico. Transport&Environment (T&E), che da anni si occupa di analisi sulla mobilità sostenibile, ha portato alla luce i controsensi di tali tipologie di veicoli: people often get plug-in hybrids as a company car for which they get fuel paid on a fuel card, but they don't get electricity paid so there's no incentive to charge" - riferisce Julia Poliscanova, direttrice di T&E.
       
       
      Quindi una semplice analisi delle carte carburante, ha dimostrato come i conducenti non ricarichino praticamente mai le batterie delle auto Plug-in (sarebbe a loro spese..), preferendo invece utilizzarle in modalità termica. Il tutto con importanti dispendi di carburante e consistenti emissioni, solitamente superiori a quelli di un'auto tradizionale.
       
      Sono infatti auto significativamente più pesanti di un'equivalente non plug-ing, quindi poco efficienti, soprattutto nel momento in cui funzionano solamente in modalità termica. La tecnologia ibrida che utilizzano poi, nella maggior parte dei casi non è delle più evolute, quindi non fornisce un'ottimizzazione sufficiente a compensare la maggiorazione della massa.
       
      Come se non bastasse, l'attuale venduto riguarda mezzi molto potenti e quindi di loro già molto energivori, scelta che probabilmente consente ai costruttori di giustificare più facilmente i listini molto alti e garantire prestazioni apprezzabili, nonostante lo svantaggio sulla bilancia.
       
       
       

      Tutte queste incongruenze hanno portato paesi come l'Olanda alla rimozione di ogni forma d'incentivazione, seguita a ruota dall'Inghilterra e probabilmente in futuro anche da altri stati.
       
      Ciò ovviamente sta terrorizzando i costruttori, perché a quanto pare le svariate forme di incentivazione, sono il "doping" che alimenta le vendite di tale tipologia di modelli, tanto dispendiosi, quanto àncora di salvezza in vista dell'introduzione del tetto dei 95 g/km di emissioni medie di CO2.
       
       
      Resto curioso di vedere come andrà a finire. Perché è abbastanza antipatico assistere a come questi mezzi, non di certo alla portata di tutti, spesso dati come benefit aziendale a personale con impieghi abbastanza ben remunerati, drenino risorse destinabili altrove, magari a fasce più penalizzate e numerose. 
       
      Il tutto senza raggiungere lo scopo d'impattare meno sull'ambiente, anzi, penalizzando utilitarie che emettono "il giusto" e che tornerebbero molto utili al rinnovo di un parco auto vetusto ed inquinante.
       
       
      Se volete approfondire, vi indico un articolo da cui ho preso spunto: https://europe.autonews.com/automakers/plug-hybrids-give-automakers-emissions-compliance-lifeline
       
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.