Jump to content
News Ticker
Benvenuto su Autopareri!

Il futuro dell'auto elettrica


Recommended Posts

 

Come si sta muovendo l'EU per quel che riguarda il tema batterie?

A giugno 2021, T&E ha provato a fare il punto della situazione:

 

 

[...]

Lo studio. Una delle ultime ricerche in grado di fornire “un punto della situazione” è stata diffusa dall’organizzazione non governativa Transport & Environment all’inizio di giugno, quando ancora non erano stati annunciati in dettaglio i progetti della Renault per Douai, della Nissan per Sunderland e del gruppo Stellantis per Termoli. In sostanza, lo studio contava - alla data del 31 maggio 2021 - 38 impianti in fase di costruzione o in programma tra Unione Europea e Regno Unito, per un totale di quasi 40 miliardi di euro di investimenti e 44 mila posti di lavoro creati o salvaguardati. In poche parole, un vero e proprio boom che consentirà agli europei di cogliere due grandi obiettivi: conquistare buona parte della catena del valore delle batterie e, soprattutto, ridurre il ritardo rispetto a cinesi e coreani, finora i leader del settore. 

[...]

I volumi attesi. Se tutti i 38 progetti saranno completati, allora l’Europa si sarà dotata di una capacità produttiva di oltre 460 GWh entro il 2025 e di più di 1.140 GWh entro il 2030, 13 volte più degli attuali volumi (87 GWh). In sostanza, il Vecchio Continente sarà in grado di passare da una quota del mercato globale delle batterie del 7% a una superiore al 30% nel giro di una decina di anni. In tal modo dovrebbero essere soddisfatte le aspettative della Commissione europea, che ha varato numerose iniziative, tra cui la European Battery Alliance, e approvato miliardi di aiuti pubblici per ridurre la dipendenza dalla Cina, quantomeno per i prodotti finiti (la questione delle materie prime, invece, è lungi dall’essere affondata con lo stesso piglio e la stessa determinazione). La realizzazione delle 38 fabbriche, ovviamente, avrà un impatto sulla produzione di vetture elettriche, visto che la loro attivazione sarebbe sufficiente a sostenere il 50% delle vendite di auto elettrificate in Europa nel 2035 (32% per le sole Ev) e oltre il 90% nel 2030 (75% per le elettriche). Secondo Transport & Environment, si avrebbe di riflesso anche un impatto sulle emissioni di anidride carbonica: -44% nel 2025, -62% nel 2027 e -91% nel 2030.

[...]

 

Vi consiglio l'articolo completo: https://www.quattroruote.it/news/industria-finanza/2021/08/09/mobilita_elettrica_gigafactory_europa_investimenti_capacita_produttiva_dati.html

Link to comment
Share on other sites

3 ore fa, jeby scrive:

O semplicemente sdoganare il nucleare diffuso

Se bastasse, chissà 😅.. 

 

"

Il nucleare, i giacimenti e le rinnovabili non risolvono

Il nucleare, che non emette CO2, e le altre fonti non fossili, come le rinnovabili, aiutano ma non bastano a mitigare il fenomeno dei rincari. Come mai la Francia tutta atomica, il Paese industrializzato con il minore tasso di emissione di CO2 al mondo, ha prezzi alti? E prezzi alti nell’Austria idroelettrica? Semplice. I produttori rinnovabili e nucleari quando vendono le loro partite di corrente alla borsa elettrica cercano di spuntare il miglior prezzo possibile e collocano le loro offerte a un valore immediatamente inferiore di quello dei concorrenti fossili, conseguendo così margini interessantissimi per i loro azionisti.... "

 

https://amp24.ilsole24ore.com/pagina/AE1Fxji

 

 

Edited by mikisnow
  • I Like! 2
Link to comment
Share on other sites

29 minuti fa, Aymaro scrive:

ecco, esattamente quello che intendevo, ti limiti a guardare un solo punto di vista (lotta al Co2) e applichi una soluzione (auto elettrica) senza valutare tutti gli scenari, economici, finanziari e geo-politici.

C'entra col Co2 perché la decisione di andare solo verso l'auto elettrica farà si che l'industria automobilistica europea sarà costretta a rivolgersi alla Cina per avere i materiali per le batterie (detiene il 90% delle materie prime, non sul territorio ma per accodi che ha stretto in vari paesi e continuerà a stringere, vedi esempio dell' afghanistan in questi giorni, dove si sono già detti disponibili ad appoggiare l nuovo governo dei talebani, e non di certo perché ne condividono i valori, loro i mussulmani li ammazzano in patria, ma perché l'afghanistan è ricco di terre rare e risorse che serviranno in futuro..) e le batterie stesse, oltre alle minori competenze in campo di elettrico della nostra industria. Questo fa si che tutta l'industria automobilistia europea dipenderà dalla Cina esattamente come oggi dipende da Taiwan per i microchip, e sono gli stessi che oggi dichiarano che non dipenderanno più dall'Asia ad aver deciso portare lil più grosso settore industriale continentale alla dipendenza dalla Cina.

A me pare un controsenso bello e buono.

 

Il problema non è l'auto elettrica, il problema è il come !

Innanzi tutto ogni transizione tecnologica è avvenuta perché conveniva, non per imposizione.

Poi come detto, la stanno portando avanti nel modo sbagliato, sia da un punto di vista economico (motivi di cui sopra) sia da un punto di vista del risultato che vogliono ottenere (cioè riduzione del Co2).

Perché se non sai come produrre l'energia, sarai costretto a rivolgerti al carbone per produrla (e tanto vale..) e poi perché si stanno concentrando solo su un campo.

I trasporti valgono il 16% della produzione di Co2 mondiale (in UE immagino sia più bassa) e l'europa contribuisce si e no al 10% del Co2 mondiale...

 

ora no sono bravo con i numeri, ma il 16% del 10% a me pare poca cosa....

 

l europa e sempre stata avanti a tutti per civilta e responsabilita, io sono tutta la vita per questa transizione sul quale il pianeta non puo aspettare. se l europa deve essere un'altra volta la prima che sia cosi.

 

poi scusate finiamola con sti discorsi che "non si puo imporre", perche di fatto tutto cio e imposto dalla salute del pianeta.

  • I Like! 2
  • Confused... 1
  • Haha! 3
Link to comment
Share on other sites

5 minuti fa, ravanellidiciamo scrive:

 

l europa e sempre stata avanti a tutti per civilta e responsabilita, io sono tutta la vita per questa transizione sul quale il pianeta non puo aspettare. se l europa deve essere un'altra volta la prima che sia cosi.

 

poi scusate finiamola con sti discorsi che "non si puo imporre", perche di fatto tutto cio e imposto dalla salute del pianeta.

ecco, io ti porto esempi, fatti concreti, numeri e tu mi rispondi con lo "slogan" l'europa e l'avanguardia!! O non hai capito quello che intendevo (e cioè che è giustissimo cercare di azzerare il Co2, ma così si ottiene poco o nulla ed in più si fanno danni) oppure ritieni che abbia torto, ti faccio una domanda allora:

Nei fatti, cosa c'è di errato in quello che ho detto dato che non concordi?

 

Sull'imporre, non è una questione ideologia e di essere contro le imposizioni, è una questione di risultato che si vuole ottenere. 

Se si deve imporre un qualcosa e non avviene in modo naturale, è perché l'auto elettrica non conviene a chi la deve comprare e soprattutto, non è così risolutiva per il problema...

C'è il rischio che sia un flop e crei seri danni all'economia del continente, poi altro che avanguardia

  • I Like! 4
  • Thanks! 4
Link to comment
Share on other sites

35 minuti fa, Aymaro scrive:

ecco, io ti porto esempi, fatti concreti, numeri e tu mi rispondi con lo "slogan" l'europa e l'avanguardia!! O non hai capito quello che intendevo (e cioè che è giustissimo cercare di azzerare il Co2, ma così si ottiene poco o nulla ed in più si fanno danni) oppure ritieni che abbia torto, ti faccio una domanda allora:

Nei fatti, cosa c'è di errato in quello che ho detto dato che non concordi?

 

Sull'imporre, non è una questione ideologia e di essere contro le imposizioni, è una questione di risultato che si vuole ottenere. 

Se si deve imporre un qualcosa e non avviene in modo naturale, è perché l'auto elettrica non conviene a chi la deve comprare e soprattutto, non è così risolutiva per il problema...

C'è il rischio che sia un flop e crei seri danni all'economia del continente, poi altro che avanguardia


non ci sono fatti i numeri concreti quando si parla di questi argomenti. la tua posizione sarebbe quella di aspettare il gioco al massacro con costi sociali che pagheremo tutti primo poi.

 

te saresti favorevole farei lavorare i bambini a due all’ora di notte o importare i neri dall’Africa per raccogliere il cotone per essere piu competitivo?

  • I Like! 1
  • Haha! 1
Link to comment
Share on other sites

16 minuti fa, ravanellidiciamo scrive:


non ci sono fatti i numeri concreti quando si parla di questi argomenti. la tua posizione sarebbe quella di aspettare il gioco al massacro con costi sociali che pagheremo tutti primo poi.

 

te saresti favorevole farei lavorare i bambini a due all’ora di notte o importare i neri dall’Africa per raccogliere il cotone per essere piu competitivo?

non capisco da dove tu abbia dedotto tutto questo, io ti parlo approccio sbagliato ed una causa giusta e tu capisci che sono a favore dello schiavismo.. davvero non capisco come tu sia arrivato ad una conclusione del genere (sorvolando che tu ti permetta di muovere un'accusa del genere senza minimamente conoscermi..)

 

No, la mia posizione sarebbe di incentivare l'auto elettrica e di fare molto altro per ridurre le emissioni, a partire delle industrie, cominciare a far capire alla gente (non solo aumentando le tasse) che dobbiamo ridurre i nostri consumi (che è il contrario di schiavizzare i bambini... )di ridurre gli sprechi energetici (i riscaldamenti nel pubblico ad esempio) di trovare veri accordi con i maggiori paesi inquinanti per la riduzione del loro Co2 delle loro produzioni industriali (che si sposa con lo smettere di comprare robaccia inutile prodotta nei paesi emergenti..), tante piccole cose a mio avviso fanno fanno più di un solo provvedimento che mi sa più di bandiera che altro e cha avrà comunque dei costi sociali da dover pagare...

 

  • I Like! 8
  • Thanks! 1
Link to comment
Share on other sites

3 ore fa, 4200blu scrive:

 

...hmmm...Francia prezzi alti??????? 19ct/kWh contro 30,5ct in Germania - a me sembra molto economico la Francia...

 

Il discorso a prescindere dall'articolo che ho postato (giornalista in errore o no) è che avrei comunque qualche dubbio sul fatto che basti il nucleare per abbassare i prezzi. Attenzione non sto parlando di energia pulita Vs inquinante o dei contro del nucleare, ma di prezzi. Guardiamo cos'è successo con i prezzi della benzina Vs diesel. Se si decide il prezzo o peggio se si specula, non c'è fonte energetica che ti salvi. Esempio pratico ed ipotetico, magari vedremo un continuo aumento di benzina e gasolio fino alla transizione per poi avere un aumento dell'energia elettrica. Insomma in qualche modo devi pagare cara l'energia. Quello che incide oltre, cioè il rincaro per inquinamento o per domanda o per mancanza, è un altro discorso 😉

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share

  • Similar Content

    • By Cole_90
      Debutta la seconda berlina elettrica basata sulla nuova piattaforma EVA di Mercedes-Benz: la EQE ha stile e dettagli davvero simili alla più grande EQS, ma riproposti con un'enfasi più aggressiva e su proporzioni differenti.
      EQE misura 4,95m di lunghezza (27 in meno della sorella maggiore), 1,95 m di larghezza e 1,51 m di altezza e ben 3,12 m di passo.
       
      L'Hyperscreen a tutta larghezza qui è optional e si compone di tre elementi strumentazione, infotainment OLED e passeggero OLED.
       
      Al debutto (metà 2022) la EQE 350 da 292 cv e 530 Nm di coppia a motore singolo posteriore capace di 660 km di autonomia WLTP.
       
       




















       
       
      Press Release:
       
      Mercedes-Benz
       
      Topic Spy: ▶️ Mercedes-Benz EQE 2022 - Prj. V295 (Spy)
       
       
    • By Cole_90
      Elettrica e con le dimensioni da 718, essendo lunga 4,33m (qualcosa in meno dell'attuale Cayman): ecco la Mission R Concept.
      Quatto ruote motrici, due motori elettrici per ben 1088 cv e batterie da 80 kWh e 900 Volt!
      I 1088 cv vengono però sprigionati soltanto in modalità qualifica speciale, momento in cui riesce a compiere lo 0-100 km/h in soli 2,5 s.
      In modalità Race i cavalli erogati scendono a 680.
       































       
       
      Press Release:
       
      Porsche
       
    • By AleMcGir
      Presentata ufficialmente la nuova Mercedes-Benz EQB.
      La gamma motori per l'Europa non è ancora stata comunicata; si sa però che vi saranno versione a trazione anteriore ed anche integrale 4Matic, inoltre la top di gamma supererà i 200 kW di potenza ed è previsto anche il debutto di una versione long-range.
      Per quanto riguarda l'autonomia, Mercedes dichiara un valore di 419 km per la EQB 350, secondo il ciclo WLTP.
       
      Le misure di Mercedes-Benz EQB
      Lunghezza 4,68 metri Larghezza 1,83 metri Altezza 1,66 metri Passo 2,82 metricon Volume di carico da un minimo di 495 (465 sulla 7 posti) a un massimo di 1.710 litri (1.620 per la versione 7 posti), 90 in meno rispetto alla "sorella" con motori endotermici.  
      Foto Ufficiali:
       


























       
       
      Sketch:
       

       
      Video:
       
       
      Press Release:
       
      Mercedes-Benz
       
      Topic Spy: ➡️ Mercedes-Benz EQB 2021 (Spy)
       
       

×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.