Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuto su Autopareri - il forum dell'automobile!

Recommended Posts

Posted (edited)

Presentata ieri la prima stazione beta dei nuovi Supercharger V3 da 250 kW, potenza raddoppiata rispetto ai V2.

Tra un mese inizio costruzione rete V3 non-beta.

 

- Cavi raffreddati a liquido più sottili, flessibili ed efficienti degli attuali non raffreddati.

- Rendimento di conversione portato dal 92% della rete V2 a 96% delle rete V3 con nuovi inverter dedicati.

- Rete a 250 kW sfruttabile da Model 3 che possiede le batterie con celle 2170

- Update via software OTA a tutte le Model 3 prodotte finora 

- Con update dovrebbe essere sfruttabile anche tutta la rete CSS da 350 kW (con tetto limitato a 250 kW)

- Pre-Warmup batteria (se necessario) in tempo per l'arrivo al SC programmato nella navigazione.

- Capacità di carica singola, carica non condivisibile.

 

- 1609 km di range in 1 hr - 26,8 km in 1 min.

- Ricarca completa su Model 3 da 0 a 100% in (range EPA min/max)

  1. M3 50kWh =  384 km in 14.3 min.
  2. M3 75kwh = 522 km in 19.5 min.

Nota: nessuno carica mai da 0% a 100%, i vlori reali saranno ancora inferiori...

 

- Update rete esistente V2 a 145 kW

- Update di Model S/X via software OTA a velocità non specificata

 

Battuta la velocità di recupero range delle tedesche:

 

- Tesla Model 3 a 250 kW = 107 km in 4 min. 

- Porsche Taycan a 350 kW = 100 km in 4 min 

- Audi Etron a 150 kW = 53 km in 4 min.

 

Questo perchè ovviamente quanti km di range recuperi nell'unità di tempo, dipende dall'efficienza, ovvero dal consumo al km, dell'auto.

Ad esempio, la Kia Niro EV che carica al max a 75 kW, ottiene lo stesso range con 30 min. di carica della E-tron che carica a 150 kW. 

 

Il 90% delle ricariche elettriche tuttavia c'entra poco con questi dati, perchè si fanno a casa di notte in ricarica lenta, non bisogna fissarsi troppo con questi caricatori veloci che non sono affatto il punto centrale. Così come non bisogna fissarsi che ogni volta si debba fare il pieno (non lo si fa sempre nemmeno con le ICE) perchè anche qui nella maggior parte dei casi il Pieno a casa + rabbocco di pochi minuti, copre ormai distanze elevatissime.

 Ma bene, si va tutti avanti rapidamente e la concorrenza tra case non può che far bene a tutti. 

 

 

https://electrek.co/2019/03/06/tesla-supercharger-v3-kw-capacity-efficiency/

 

La comunicazione ufficiale di Tesla, con interessanti elementi commerciali aggiuntivi:

 

https://www.tesla.com/it_IT/blog/introducing-v3-supercharging?redirect=no

Edited by Maxwell61
  • Thanks! 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

Un test che ho fatto apposta qualche tempo fa: cronometrato stop in area di sevizio.

 

- Parcheggio immediatamente davanti al bar

- Bar deserto, no fila in cassa

- Cornetto, caffè, pipì

- Stacco cronometro a seduta in auto = 14 min.

- Se avessi dovuto far benzina, da aggiungere il tempo per farla e pagare alle casse.

 

Invito i curiosi che viaggiano molto in autostrada, a tener nota dei km viaggiati senza sosta e cronometrare le soste comprensive di rifornimento. Magari così qualcuno inizia ad accorgersi che non esiste affatto un problema di velocità di ricarica delle EV più moderne. 

 

Edited by Maxwell61

Share this post


Link to post
Share on other sites
38 minuti fa, Maxwell61 scrive:

Un test che ho fatto apposta qualche tempo fa: cronometrato stop in area di sevizio.

 

- Parcheggio immediatamente davanti al bar

- Bar deserto, no fila in cassa

- Cornetto, caffè, pipì

- Stacco cronometro a seduta in auto = 14 min.

- Se avessi dovuto far benzina, da aggiungere il tempo per farla e pagare alle casse.

 

Invito i curiosi che viaggiano molto in autostrada, a tener nota dei km viaggiati senza sosta e cronometrare le soste comprensive di rifornimento. Magari così qualcuno inizia ad accorgersi che non esiste affatto un problema di velocità di ricarica delle EV più moderne. 

 

 

beh però tu dai per scontato che ci sia sempre una colonnina di ricarica rapida libera e una infrastruttura adeguata...

 

  • I Like! 4

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

Hai ragione, dovevo aggiungere che quelle valutazioni erano relative esclusivamente alla constatazione che la tecnologia delle auto e dei caricatori è tale ormai da non introdurre tempi dilatati rispetto alle ICE per quel 10% (numero a spanne ovviamente) di utilizzo su tratte autostradali eccedenti, diciamo i 300-400km.

 

In nessun modo ritengo che le infrastrutture attuali, in Italia, consentano quel risultato, nè consiglio un acquisto di una EV al momento attuale se non per chi ha un certo numero di fortunate coincidenze e soprattutto punto ricarica privato.. 

 

Peraltro ora ci sono solo pochissimi caricatori DC sulle aree di servizio autostradali italiane perchè la società Autostrade non ha dato il consenso e i caricatori DC da 50 kW , i tanti già installati da ENEL e società private, sono praticamente tutti fuori autostrada, anche se spesso nei paraggi.

 

E credo che ente autostrade abbia fatto bene a rimandare perchè le stazioni rapide da 50 kW (anche se pare che alcune possano arrivare a 92 kW se caricano una sola auto) nascono già obsolete. Il valore di carica massima di quasi tutte le EV degli ultimi due anni è minimo 100 kW e si capisce che lo standard necessario saranno le stazioni come IONITY, 2 x 175 kW in carica contemporanea, o 1 x 350 kW per l'occasionale supercar come Taycan con batteria a 800 V. Più di questo diventa inutile perchè è già allineato con i tempi dei rifornimenti autostradali della benzina (se si è capito perchè).

 

Presentate le fantascientifiche stazioni da 350 kW che sembra l'altro ieri, guardate quelle già in funzione o in costruzione qui, si sta andando velocissimi: https://ionity.eu/

 

Ente autostrade comunque si sta muovendo, ed alcune ENEL X DC sono comparse sulle autostrade. Ora è il Ministero dello Sviluppo Economico che si sta muovendo: https://www.vaielettrico.it/ricarica-in-autostrada-ci-scrive-il-ministero/

 

Ripeto: In ITALIA NON SIAMO PRONTI, la tecnologia e le auto si. Ma personalmente non comprerei una EV prima del 2021 e senza un posto auto privato con presa.

 

Ma alcuni paesi EU sono messi bene già ora. Ho recentemente fatto un viaggio attraversando in autostrada la Svizzera da Chiasso a Berna. Quasi tutte le aree di servizio avevano il caricatore DC. Ho avuto il problema di programmare i miei rifornimenti di GPL, con una autonomia di circa 400 km in autostrada, proprio uguale ad una EV da 64 kWh, ma se avessi avuto una EV, manco mi dovevo fare i conti. Ho detto tutto.

Edited by Maxwell61

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 ore fa, itr83 scrive:

 

beh però tu dai per scontato che ci sia sempre una colonnina di ricarica rapida libera e una infrastruttura adeguata...

 

oltre a che chiunque abbia un garage dove attaccare l'auto di notte

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Assolutamente non serve un garage, una presa a muro schuko da 16A con IP adatto all'aperto attaccata a un muro qualsiasi, che si faccia lavorare a 10A, è tutto quello che serve. Oltre a contatore condominiale adatto (con counter individuali sulla presa) o contatore singolo ovviamente.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

a quindi se uno fa benzina deve per forza andare al bar?

Ci son dei test anche su youtube della tesla model 3 da 75, in autostrada a velocità sostenuta, l'autonomia scende sotto i 300 km, anche parecchio sotto se si accende il clima e si è carichi. usualmente si ricarica con almeno il 20% di batteria rimanente e si arriva all' 80% perché dopo la ricarica diventa molto più lenta. Quindi sono circa 200 km di autonomia cioè in pratica in autostrada ti dovresti fermare ogni ora e mezza. è inutile rigirare la questione ma per chi usa la macchina per lavoro, chi non ha tempo di programmare chi ha degli orari da rispettare ( anche solo programmare di fare un viaggio per andare in vacanza magari prendere una nave) l'auto è elettrica è una opzione ai limiti dell'impossibile.

Oltretutto vorrei proprio vedere se davvero carica da 0.100% in 20 minuti o non subisce rallentamenti. 350 kw poi sono qualcosa di mostruoso roba che soddisferebbe più di 100 abitazioni, rendiamoci conto cosa vorrebbe dire in grande scala

Edited by davos
  • I Like! 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ah insomma il calcolo dei 20 minuti era se la carica procedesse sempre al massimo della velocità..ma quando mai..

c'è un video su youtube su la ricarica di una model 3 da 75 in un supercharcher   ( fatto nel 2018 quindi recente) per ricaricare da 0 a 100% impiega 1 ora e 48 minuti..arriva al massimo a 117 kW ma solo per pochissimo tempo

Share this post


Link to post
Share on other sites
56 minuti fa, Maxwell61 scrive:

Assolutamente non serve un garage, una presa a muro schuko da 16A con IP adatto all'aperto attaccata a un muro qualsiasi, che si faccia lavorare a 10A, è tutto quello che serve. Oltre a contatore condominiale adatto (con counter individuali sulla presa) o contatore singolo ovviamente.

 

sì ma almeno un posto auto in un cortile interno ci va, se lasci la macchina per strada mica puoi calare la prolunga dalla finestra...

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Oltre ovviamente ad essere proibito dalla legge e fonte di possibili incidenti .

Comunque non dimentichiamo che nel 2018 i veicolo BEV venduti sono stati 1.3 milioni , quasi il doppio del 2017, soprattutto grazie a Tesla model 3.  Ma che il numero dei veicoli complessivi venduti è stato 80 milioni circa ( fonte carsalesbase )  percentuale 1,6 % del venduto .

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Similar Content

    • By Beckervdo
      Nella primavera del 2018, Volvo Cars ha avviato un progetto pilota insieme a Taxi Gothenburg, che doveva gestire un centinaio di automobili, in primis la V90 con motori D3 e D4, alimentati con HVO100. Il tutto è andato così bene che Volvo ha annunciato in autunno che tutte le compagnie di taxi in Svezia potranno utilizzare il biodiesel rinnovabile nelle versioni D3, D4 e D5 del modello S90 e V90 dal 2018 in poi, così come il modello V60 dal 2019 in poi.
       
      Ora, sei mesi dopo, Volvo ha ricevuto un forte riconoscimento del fatto che l'HVO100 viene ben digerito dai suoi diesel. Pertanto, oggi annunciano che sarà disponibile anche per i conducenti di auto private la possibilità di rifornirsi con il Biodiesel rinnovabile l'HVO100.
       
      - Siamo soddisfatti dei buoni risultati del test con le flotte di taxi in Svezia. Pertanto, possiamo rilasciare liberamente il carburante HVO100 per i clienti privati e aziendali ", afferma Mats Andersson, Vicepresidente di Propulsion Power Systems di Volvo Cars.
       
      I modelli approvati per HVO100
      L'alimentazione con HVO100, tuttavia, non sono disponibili per tutti i modelli Volvo con motore diesel, ma solo per i modelli di auto su piattaforma SPA e CMA attualmente in produzione, ovvero XC90 dal 2015, S90, V90, V90 Cross Country dal 2016 in poi, XC60 dal 2017, V60, V60 Cross Country dal 2018 in poi e XC40 dal 2018 in poi. Le auto più vecchie con la stessa designazione del modello non devono essere riempite con HVO100.
       
      - Riteniamo molto positivo che ora possiamo offrire ai clienti che hanno un'auto Volvo con motore diesel tra i modelli attuali di poter rifornire di carburante un'alternativa senza fossili. Queste macchine hanno un sistema di alimentazione adattato alle caratteristiche leggermente diverse del carburante HVO100, afferma Mats Andersson.
       
      Emissioni più basse
      L'HVO100 omologato per il rifornimento di carburante deve essere classificato secondo lo standard europeo di carburante per il diesel paraffinico EN15940. 
      L'HVO100 riduce le emissioni di anidride carbonica dell'85-90 %. HVO, che sta per Hydatic Vegetable Oil, è anche incluso nel normale diesel ma in quantità notevolmente inferiore rispetto a HVO100 dove 100 rappresenta una quota del 100% di HVO.
       
      Via Teknikensvarld.se
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.