Jump to content

I prossimi modelli Alfa Romeo


Beckervdo
Message added by __P,

AlfaRomeo23-27roadmap.thumb.png.e81655d9d0e886569ea7956f9d474467.png

 

Aggiornato al 08/03/2023


2024

- 966 ~ Milano ▶️ SPY TOPIC

 

2025

- 951/A5U ~ New Stelvio ▶️ RUMOR TOPIC

 

2026

- 953/A5S ~ New Giulia

 

2027

- A6U ~ E-UV

 

 

 

Modelli presentati nel corso del 2022

- Tonale ▶️ PRESENTATA!

 

Modelli presentati nel corso del 2023

- Giulia M.Y. '23 ▶️ PRESENTATA!

- Stelvio M.Y. '23 ▶️ PRESENTATA!

- Giulia & Stelvio Quadrifoglio 100° Anniversario M.Y. '23 ▶️ PRESENTATE!

- Giulia Quadrifoglio M.Y. '23 ▶️ PRESENTATA!

- Stelvio Quadrifoglio M.Y. '23 ▶️ PRESENTATA!

- 33 Stradale ➡️ PRESENTATA!

Recommended Posts

Ma il passionale Ceo francese che ha riunito la stampa italiana al Museo Alfa di Arese, non vuole parlare di lei, bensì di quello che verrà dopo. Le nuove Giulia e Stelvio, ovviamente, ma anche del suo sogno nel cassetto: un ipotetica nuova Duetto.

 

Due anni per disegnarle

Stelvio e Giulia sono pronte. Il design è “congelato”, come si dice in gergo tecnico, dopo due anni di lavoro sullo stile. Tant'è che Imparato si sbilancia sul risultato:

 

Quella che abbiamo disegnato è una bomba, non potevamo chiudere lo stile di questa macchina senza essere assolutamente innamorati di lei. E ora lo siamo!

 

Entrambe saranno costruite in Italia a Cassino e sono state sviluppate sulla base dalla piattaforma STLA Large seguendo la strategia “multi energia” del Gruppo Stellantis che prevede lo sviluppo parallelo sia di versioni 100% elettriche che ibride.

Imparato ha quindi colto l’occasione per ironizzare su chi aveva criticato questo approccio:

 

Ricordatevi, due anni fa quando si parlava di piattaforma multi-energy… non era molto trendy, no? Oggi sembra che non faccia bene essere solo elettrici...

 

A chi provocatoriamente ha chiesto quanto la Giulia sia imparentata con la nuova Dodge Challenger fresca di presentazione negli USA, Imparato ha risposto che il tuning dell'auto sarà completamente diverso grazie alla flessibilità della piattaforma che consente di definire passo, lunghezza complessiva, larghezza e altezze da terra insieme a differenti moduli sospensione.

 

Le Alfa oltre il 2027

Il futuro dopo la Stelvio e la Giulia sarà definito alla fine del 2024 e Imparato ha confermato che ci sono diverse opzioni sul tavolo. La scelta sarà legata a doppio filo ai risultati commerciali nel breve periodo con la Milano e poi all’accoglienza della nuova Stelvio su mercati come gli Stati Uniti, il Giappone o la Cina.

 

Partendo dal presupposto che “Alfa Romeo è l'unico marchio che è capace di rendere una macchina da 30 mila euro fino a 2 milioni” Imparato ha allargato gli scenari senza escludere modelli più compatti che potrebbero, tra le altre cose, favorire il ritorno di una spider Alfa Romeo:

Non puoi inventarti un Duetto e basta. Ma se fai un segmento C puoi creare una versione Coupe o Spyder che sarebbe una cosa fantastica da fare. The sound of silence.

 

https://it.motor1.com/news/711671/alfa-romeo-futuro-imparato-2027/

  • Haha! 3

1486064684650356737.gif.a00f8cace62773a93b9739b2906757ee.gif

Link to comment
Share on other sites

2 minuti fa, j scrive:

Entrambe saranno costruite in Italia a Cassino e sono state sviluppate sulla base dalla piattaforma STLA Large seguendo la strategia “multi energia” del Gruppo Stellantis che prevede lo sviluppo parallelo sia di versioni 100% elettriche che ibride.

Imparato ha quindi colto l’occasione per ironizzare su chi aveva criticato questo approccio:

 

Ricordatevi, due anni fa quando si parlava di piattaforma multi-energy… non era molto trendy, no? Oggi sembra che non faccia bene essere solo elettrici...

Mi chiedo se questo vuol dire qualcosa, ovvero che stanno pensando effettivamente di proporle anche termiche

  • I Like! 1
  • Adoro! 1

Placati

Link to comment
Share on other sites

E il 2027, anno in cui l’offerta Alfa sarà interamente elettrica? Imparato indica due soluzioni sul tappeto: “La prima è quella di tornare sul segmento più europeo, dunque il B della Milano, entrando così nella bagarre del prezzo che sarà molto complicata; oppure andare su, nel segmento E. Una decisione che prenderemo, però, solo nel secondo trimestre del 2024”. 

 

https://www.repubblica.it/motori/2024/03/08/news/il_futuro_alfa_romeo_una_storia_tutta_italiana_il_ceo_imparato_da_qui_al_2026_un_modello_allanno_il_rilancio_di_cas-422278416/amp/

 

 

«Mi piacerebbe rifare la Duetto Spider. Un altro modo per tenere un legame con la nostra storia. Non abbiamo ancora deciso nulla, ma dal 2027 in poi non posso escluderlo. Sarebbe fantastico, è una cosa che sogno di fare. Tutto dipende da come andranno sul mercato la Milano e le nuove Giulia e Stelvio — sorride — perché per partire con altri grandi progetti occorrono i soldi».

 

https://www.corriere.it/motori/news/24_marzo_08/torna-duetto-spider-capo-alfa-romeo-ci-stiamo-pensando-mio-sogno-9ce908ba-dd2f-11ee-a6b7-58b42c5bfc2b_amp.html

 

 

1486064684650356737.gif.a00f8cace62773a93b9739b2906757ee.gif

Link to comment
Share on other sites

SPORTIVE, SENZA OMBRA DI DUBBIO - Di certo, nel rispetto del passato della casa, le nuove Alfa Romeo Stelvio e Giulia vanteranno uno stile aggressivo e filante e caratteristiche tecniche di prim’ordine. La modularità della nuova piattaforma consente di ottenere le proporzioni richieste da auto di impronta sportiva, in termini di lunghezza del cofano, del rapporto fra passo e sbalzi, dell’altezza e della distanza minima da terra. Le qualità di guida per cui sono note le attuali Giulia e Stelvio dovrebbero essere replicate e, anzi, migliorate grazie a sospensioni dallo schema sofisticato (ipotizziamo il classico quadrilatero “alto” davanti e il multilink dietro); inoltre, sarà disponibile il controllo attivo del rollio (dispositivo simile a quello della Ferrari Purosangue, con attuatori elettrici che agiscono sugli ammortizzatori variando in tempo reale l’altezza delle ruote rispetto alla scocca) e l’Active safety terrain detection (per massimizzare il grip in base al tipo di terreno). Quanto alle prestazioni, la casa parla di meno di 3 secondi nello “0-100” per le versioni più potenti (4x4, con un motore davanti e uno dietro), mentre sarà impiegata la tecnologia a 800 Volt per velocizzare la ricarica: le auto accetteranno fino a 270 kW dalle colonnine ultra-rapide e la capacità della batteria potrà andare da 85 a 118 kWh; nell’ultimo caso, l’autonomia dovrebbe superare i 700 km.

 

L’ELETTRONICA EVOLVE - L’Alfa Romeo Stelvio sarà il primo modello del gruppo Stellantis con i sistemi (sviluppati internamente) STLA Brain e STLA SmartCockpit (che, poi, saranno adottati anche nella Giulia). Il primo termine definisce la nuova architettura elettronica, che permette di creare e aggiornare funzioni e servizi attraverso aggiornamenti over-the-air, senza attendere l’introduzione di un nuovo hardware o doversi recare in concessionaria. Lo SmartCockpit, invece, reinterpreta in modo nuovo il classico cruscotto “a cannocchiale”; il display avrà grafiche mirate alla facilità di consultazione piuttosto che aggiungere molte informazioni di interesse marginale, mentre l’infotainment adotterà un display curvo; i comandi potranno avvenire anche tramite lo sguardo o i gesti del guidatore e dei passeggeri. Fra gli altri dispositivi elettronici, oltre ai tanti aiuti alla guida, ci saranno quelli del pacchetto Xtended Visibility: l’head-up display, il Night Vision (sistema che, tramite una telecamera agli infrarossi, nelle ore notturne avvisa della presenza di persone o animali sulla strada prima che siano illuminati dai fari) e il retrovisore interno digitale.

 

https://www.alvolante.it/news/alfa-romeo-piani-fino-al-2026-392933

  • I Like! 2
  • Thanks! 1
Link to comment
Share on other sites

30 minuti fa, angelogiulio scrive:

più che altro la giulia bev peserà due tonnellate e mezzo?

 

Si e sarà lunga 5 metri e 25  ed avrà almeno delle 305 all'avantreno....:si:

 

 

 

 

:mrgreen::disp2:>:)

Edited by pennellotref

. “There are varying degrees of hugs. I can hug you nicely, I can hug you tightly, I can hug you like a bear, I can really hug you. Everything starts with physical contact. Then it can degrade, but it starts with physical contact." SM su Autonews :rotfl:

Link to comment
Share on other sites

51 minuti fa, j scrive:

Ma il passionale Ceo francese che ha riunito la stampa italiana al Museo Alfa di Arese, non vuole parlare di lei, bensì di quello che verrà dopo. Le nuove Giulia e Stelvio, ovviamente, ma anche del suo sogno nel cassetto: un ipotetica nuova Duetto.

 

Due anni per disegnarle

Stelvio e Giulia sono pronte. Il design è “congelato”, come si dice in gergo tecnico, dopo due anni di lavoro sullo stile. Tant'è che Imparato si sbilancia sul risultato:

 

Quella che abbiamo disegnato è una bomba, non potevamo chiudere lo stile di questa macchina senza essere assolutamente innamorati di lei. E ora lo siamo!

 

Entrambe saranno costruite in Italia a Cassino e sono state sviluppate sulla base dalla piattaforma STLA Large seguendo la strategia “multi energia” del Gruppo Stellantis che prevede lo sviluppo parallelo sia di versioni 100% elettriche che ibride.

Imparato ha quindi colto l’occasione per ironizzare su chi aveva criticato questo approccio:

 

Ricordatevi, due anni fa quando si parlava di piattaforma multi-energy… non era molto trendy, no? Oggi sembra che non faccia bene essere solo elettrici...

 

A chi provocatoriamente ha chiesto quanto la Giulia sia imparentata con la nuova Dodge Challenger fresca di presentazione negli USA, Imparato ha risposto che il tuning dell'auto sarà completamente diverso grazie alla flessibilità della piattaforma che consente di definire passo, lunghezza complessiva, larghezza e altezze da terra insieme a differenti moduli sospensione.

 

Le Alfa oltre il 2027

Il futuro dopo la Stelvio e la Giulia sarà definito alla fine del 2024 e Imparato ha confermato che ci sono diverse opzioni sul tavolo. La scelta sarà legata a doppio filo ai risultati commerciali nel breve periodo con la Milano e poi all’accoglienza della nuova Stelvio su mercati come gli Stati Uniti, il Giappone o la Cina.

 

Partendo dal presupposto che “Alfa Romeo è l'unico marchio che è capace di rendere una macchina da 30 mila euro fino a 2 milioni” Imparato ha allargato gli scenari senza escludere modelli più compatti che potrebbero, tra le altre cose, favorire il ritorno di una spider Alfa Romeo:

Non puoi inventarti un Duetto e basta. Ma se fai un segmento C puoi creare una versione Coupe o Spyder che sarebbe una cosa fantastica da fare. The sound of silence.

 

https://it.motor1.com/news/711671/alfa-romeo-futuro-imparato-2027/

 

due anni fa ha fatto una conferenza stampa a pomigliano dicendo a tutta la stampa che le Alfa saranno solo BEV e il motore ICE era segnato e finito causa euro 7. https://www.auto.it/news/attualita/2022/03/29-5259571/alfa_romeo_non_tornera_indietro_solo_elettriche_dal_2027

adesso si vanta che le Large è multienergia, e aveno "ragione loro". 

 

ma ci ha preso tutti per scemi? 

 

 

  • I Like! 3
  • Alfa Romeo Hug [Trolling Mode] 3
  • Haha! 4

"quello che della valle spende in 1 anno di ricerca io lo spendo per disegnare il paraurti della punto." Cit.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×
×
  • Create New...

 

Please, disable AdBlock plugin to access to this website.