Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuto su Autopareri - il forum dell'automobile!
Nico-74

Consiglio urgente su acquisto Suzuki Baleno GPL

Recommended Posts

Ciao a tutti,

sto per comprare una Suzuki Baleno con allestimento Cool a GPL (con impianto BRC della casa madre). Una concessionaria della mia zona me la vende (nuova con permuta) a 11.000 euro mentre un rivenditore autorizzato multimarche (anche Suzuki) scende a 10.500. Secondo voi è meglio prenderla dal concessionario Suzuki che ha anche la sua officina ufficiale oppure va bene anche il rivenditore multimamrche (che non ha una propria officina)? Mi farebbe ovviamente comodo risparmiare ed in entrambi i casi la garanzia coprirebbe per tre anni anche l'impianto, ma vorrei che limpianto GPL fosse montato al meglio in modo da non avere problemi per il futuro. Grazie a chi mi aiuterà! 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ovviamente meglio del concessionario ufficiale .

Stiamo parlando della versione GPL della casa, non di trasformazione successive vero ? Perché le auto giapponesi in media digeriscono male il GPL . per lo meno sui lunghi kmtraggi.

Io personalmente andrei di hybrid benzina che ha percorrenze litro  di 22/24 km/litro  .

 

  • Thanks! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie stev66,

si parliamo assolutamente di GPL della casa.

Si la hybrid sarebbe il massimo, ma per una questione mia di costi non posso prenderla.

Ecco perché prendendo il GPL della casa vorrei quantomeno farlo montare al meglio. Ilmio dubbio è proprio sullo spendere qualcosina in più, ma farlo montare in una officina ufficiale Suzuki per evitare eventuali problemi in futuro.

Quello multimarche è comunque un grosso rivenditore, ma non avendo una officina propria a chi si rivolgerà per i montaggi degli impianti gpl della casa????

Edited by Nico-74

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se il GPL è della Casa, può essere che sia montato in qualche centro Suzuki Italia e poi mandato al concessionario, e non montato del concessionario finale.

Per sicurezza io mi affiderei al concessionario ufficiale comunque. 

in ogni caso ricorda che il GPL* è un'iniziativa di Suzuki Italia, avvallata da Suzuki, ma il motore non nasce per supportare il GPL . 

Questo vuol dire che sui kmtraggi abbondanti potresti avere problemi, soprattutto se non si ha l'accortezza di percorrere un po' di km a benzina. (  problemi già successi per esempio in Mazda con Mazda 2 a GPL  )

 

 

*  "perversione" tutta italiana, visto che fuori Italia e parzialmente Spagna è un'alimentazione che non esiste .

 

 

  • I Like! 1
  • Thanks! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

La macchina è in pronta consegna sia dal concessionario che dal rivenditore e l'impianto GPL è da montare in loco, quindi a maggior ragione il tuo consiglio di comprare dal concessionario ufficie è ancora più valido.

Ho letto in giro che la Suzuki Baleno va bene con l'impianto a GPL, quindi volendo risparmiare sui consumi mi sono orientato su questo.

Se fosse esistito un modello a metano uscito direttamente dalla officina di produzione l'avrei preferito, ma altre macchine a gpl/metano con questo rapporto qualità prezzo, attualmente  non ne ho trovate sul mercato...

Secondo te quando ed per quanto devo camminare a benzina?

Edited by Nico-74

Share this post


Link to post
Share on other sites

In effetti, l'unica alternativa è la Hybrid, ma costa di più .

La percentuale dovrebbe essere indicata dal libretto di uso e manutenzione, ma la regola spannometrica dice un pieno a benzina ogni 4/5 GPL.

tieni presente che molto dipende dall'uso medio e dal kmtraggio che effettuerai, in quanto l'impatto del uso del GPL ( carburante che brucia a temperatura maggiore di quella della benzina e con minore potere lubrificante , sollecitando perciò maggiormente le valvole di scarico ) è maggiore se ovviamente fai tanti km ad andature che sollecitano molto il motore ( ed ecco perché nelle trasformazioni di auto usate si cerca sempre di usare quelle a maggior cilindrata )  Se ne fai pochi ad andature moderate  , puoi anche andare a GPL quasi sempre .

 

  • I Like! 1
  • Thanks! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io ho una guida molto tranquilla, corro poco e percorro mediamente 17.000 km all'anno. D'altra parte se amassi la guida sportiva cercherei di non prendere un'auto a gas :)

Con queste percorrenze dovrei poter passare a benzina con meno frequenza giusto?

Share this post


Link to post
Share on other sites

In teoria, sì, ma ricorda che comanda il libretto di uso e manutenzione .

 

Metti comunque in conto una maggiore usura del motore rispetto all'andare semplicemente a benzina .

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

Con le giuste accortezze, non ci dovrebbe essere problema, in quanto oggi la meccanica è dimensionata per arrivare a 250.000 km senza interventi .

Ma devi essere conscio che sta guidando un'auto trasformata in Italia per un carburante non previsto inizialmente* , la cui combustione sollecita il motore di più e diversamente da quanto da capitolato di progetto.  

 

 

P.S. Verifica se il recupero del gioco valvole è automatico o manuale ( dovrebbe essere automatico ) in quanto è un'altra cosa sollecitata dal GPL .

 

* e quindi senza quelle modifiche alla meccanica che altre case fanno nelle loro versioni a GPL/metano, es. Fiat o VW.

 

 

  • I Like! 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Similar Content

    • By Beckervdo
      Sembra che la piccola "panda" di Suzuki, la Ignis, possa esser stata sottoposta ad un restyling di mezza vita. La vettura sarà molto simile alla S-Presso in vendita in India.
      Nuova griglia frontale, nuovo paraurti, nuova info-telematica di bordo, saranno gli aggiornamenti principali.
      Non c'è conferma sull'utilizzo del nuovo sistema MHEV P2.5 a 48V

       
    • By Pawel72
      Ho raccolto diverse informazioni per quanto riguarda questo argomento.
       
      Auto Premium chi guadagna di più ?
      2018
      È la Ferrari il costruttore con la migliore redditività: 68.987 euro per ogni unità venduta, il 24,6% se si considera che per portare a casa un’auto del cavallino bisogna mettere in conto circa 279.978 euro.
      Se ci pensa Ferrari a tenere alto il tricolore italiano, di tutta risposta i tedeschi di Porsche e Bmw non rimangono a guardare. La casa di Stoccarda seconda classificata con una marginalità media unitaria del 18,4%, un risultato che frutta al marchio del gruppo Volkswagen 16.780 euro su ogni vettura venduta ad un prezzo medio di 91.309 euro.
      Seguono i connazionali di Monaco, nonostante lo scarto abbondante: vendere un’auto per Bmw vale a dire registrare un guadagno di 3.057 euro, il 9,2% dei 41.518 euro mediamente spesi da un cliente. Quarto e quinto posto per Audi e Mercedes-Benz, con profitti unitari pressoché identici (poco superiori ai 3.340 euro), così come è molto vicina la marginalità rispettivamente dell’8,8% e 8,7%. Volvo segna 7,9%: 2.425 euro su ogni unità immatricolata.
      Risultati meno entusiasmanti per Maserati. Il tridente segna una redditività del 6,7%, un profitto di 4.889 euro rispetto ai 73.444 euro medi per una vettura della casa modenese. Un valore mediocre rispetto ai concorrenti (Porsche fra tutti) destinato nei piani a migliorare: entro il 2022 l’obiettivo è di 100mila immatricolazioni a livello globale e una marginalità che dovrebbe salire al 15%.
      Deludono le premium di Jaguar Land Rover: complessivamente i marchi inglesi registrano un profitto medio unitario dell’1,7%, vale a dire solo 779 euro dei 45.652 incassati nei concessionari. Meglio di niente.
      Bocciate Tesla e Bentley: i due marchi più vendono più perdono soldi. La “B” alata registra profitti negativi per ogni auto immatricolata pari a 17.425 euro, il 10,6% rispetto al prezzo di vendita. Un risultato inaspettato per un brand della famiglia Volkswagen, che probabilmente non ha ancora raggiunto dei livelli di vendita tali da sopportare gli elevati costi produttivi. Al contrario, non stupiscono i risultati del costruttore californiano: record negativo per Tesla che brucia 10.931 per ogni unità venduta: si tratta del 16,4% dei 66.510 euro medi necessari per portarsi a casa un’elettrica di Musk.
       
       
      https://www.lautomobile.aci.it/articoli/2018/08/21/auto-premium-chi-guadagna-di-piu.html
       
       
      2018
      Suzuki sorpassa il BMW è il marchio più redditizio del mondo .
      La differenza è davvero risicata, ma i conti non mentono: 11,8% è il margine di profitto per Suzuki, contro 11,4% per BMW, che fino ad ora era in testa nella classifica mondiale dei marchi automobilistici più redditizi. Lo comunica con un tweet l’Handelsblatt Global.
      2019
      Peugeot e Skoda sono diventati più redditizi rispetto al BMW e Mercedes..!?
      https://www.fitnessfinanziario.it/2019/09/05/bmw-e-mercedes-sono-meno-redditizi-rispetto-a-psa/
       
      Industria automotive: profitti in calo.
      Purtroppo ( o per fortuna ? ) l ' elettrico non sfonda,  e soprattutto non porta proffitti.! 
      Dicono che i profitti di molte Case Auto hanno già evidenziato segni di deterioramento e da qui al 2023 potrebbero ridursi ulteriormente in maniera significativa..
       
    • By KimKardashian
      City car stile SUV concorrente di Mahindra KUV100, Renault Kwid e Datsun Redi-Go. Lunga poco più di 3,50 metri è solo per l’India ed ha un 1.0 tre cilindri. Prezzo base 5.500 euro. A voi i commenti







      Modello base



×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.