Jump to content

Recommended Posts

A prescindere gli investimenti per le elettriche che secondo gli esperti potrebbero portare ad un " deserto del profitto "..

Forse ci sono altre cause e fattori certamente non trascurabili..

Cita

Luci e ombre nel primo trimestre 2019 per Volkswagen


Bene, ma non benissimo. I conti di Volkswagen battono le attese, ma l’utile operativo è in calo a causa di importanti spese che pesano sul bilancio. Nel frattempo, la casa automobilistica tedesca conferma gli obiettivi del 2019 e promette maggiore impegno in questa fase di cambiamento della mobilità.

I NUMERI DELLA CASA AUTO

Il gruppo automobilistico tedesco ha chiuso il primo trimestre dell’anno con un fatturato in crescita del 3,1% a 60 miliardi, nonostante un calo nelle immatricolazioni del 2,8% a 2,6 milioni di euro tra gennaio e marzo.

L’utile operativo, però, scende del 7% nel primo trimestre del 2019 a 3,9 miliardi dai 4,2 miliardi del periodo gennaio-marzo 2018  .

COSA FA SBANDARE I CONTI

Il calo degli utili è dovuto ad un accantonamento da un miliardo di euro, legato, secondo quanto spiegato dalla casa auto, ad oneri “eccezionali” relativi a “rischi legali” del Dieselgate.

Escludendo tale effetto, l’utile operativo rettificato è aumentato del 14% a seguito di un aumento del 3,1% delle vendite a 60 miliardi di euro, nonostante un calo delle vendite del 2,8%. di veicoli venduti tra gennaio e marzo.

I COSTI DEL DIESELGATE

I costi sostenuti dal colosso automobilistico tedesco Volkswagen per lo scandalo dieselgate hanno superato i 30 miliardi di euro (34 miliardi di dollari) dopo che il gruppo ha contabilizzato ulteriori 1 miliardo di euro per rischi legali nei dati relativi al primo trimestre pubblicati oggi. L’importo stanziato include i costi per gli avvocati, i risarcimenti e i procedimenti legali in corso, ha affermato Frank Witter, membro del consiglio di amministrazione del Gruppo VW responsabile delle finanze. Mentre abbiamo coperto tutti i costi attualmente prevedibili, i costi aggiuntivi non possono essere esclusi, ha aggiunto Witter.

 

Volkswagen ha ridotto la sua stima per le vendite dell’esercizio in corso, segnalando una domanda in rallentamento nonostante un aumento dell’11,2% dell’utile operativo adjusted dei primi nove mesi, data la crescente domanda per Suv e vetture Skoda e Porsche.

Cita

La maggiore domanda per i modelli ad alto margine VW Tiguan e Touareg hanno contribuito a bilanciare il calo generale nelle vendite del marchio VW nei nove mesi conclusi a settembre, con le consegne di Porsche e Skoda in rialzo rispettivamente dell’8% e del 15,3%.

I ricavi della divisione autovetture sono ancora previsti in aumento del 5% quest’anno e la società ha ribadito che si aspetta un margine operativo per la divisione auto e per tutto il gruppo nel range tra 6,5% e 7,5% per l’intero esercizio.

Audi ha chiuso il 2018 in negativo , poi non mi sembra che nel 2019 le vendite siano migliorate .!?

 

Cita

 

La diminuzione dei ricavi, scesi da 59,789 miliardi di euro nel 2017 a 59,248 lo scorso anno e soprattutto del calo del profitto operativo prima delle voci straordinarie, 4,705 miliardi contro i 5,058 del 2017 (-7,0%) con un profitto netto di 3,529 miliardi (era stato di 4,671)

 

La previsione di Audi Group per il 2019 è cauta: ''Sarà un anno di transizione - ha detto Schot - anche perché dovremo confrontarci con la seconda fase delle omologazione WLTP. Ma ci siamo preparati''. L'azienda si attende un moderato incremento delle consegne, anche per effetto di 20 lanci di modelli nuovi o rinnovati, 

 

Edited by Pawel72

La felicità è quando ciò che pensi, ciò che dici e ciò che fai sono in armonia.

Link to comment
Share on other sites

Io vedo Audi in affanno da vari anni, nonostante l'espansione della gamma.

Stile peggiorato e qualita' percepita in caduta (parlo come media della gamma, poi ci sono singoli modelli o versioni ancora molto buoni).

 

  • I Like! 5

"All truth passes through three stages. First, it is ridiculed, second it is violently opposed, and third, it is accepted as self-evident." (Arthur Schopenhauer)

65540b21bc9c02fae8a50143b3dfab8c.jpg

Automobili

Volkswagen Scirocco 1.4 TSI 160cv Viper Green (venduta)

BMW M4 DKG Competition Package 450cv Sapphire Black

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Dodicicilindri scrive:

Io vedo Audi in affanno da vari anni, nonostante l'espansione della gamma.

Stile peggiorato e qualita' percepita in caduta (parlo come media della gamma, poi ci sono singoli modelli o versioni ancora molto buoni).

 

 

Hai gli stessi pensieri (molto validi anche secondo me) come un commento sulla Automobilwoche

https://www.automobilwoche.de/article/20191126/BCONLINE/191129933/kommentar-zum-personalabbau-bei-audi-zeichen-des-niedergangs

  • Thanks! 1
Link to comment
Share on other sites

Saranno anni molto difficili per tutti. 

 

il mercato sta cambiando,

1. berline e sportive sono sempre meno profittevoli o in perdita netta. si guadagna sui SUV. 

2. e di fronte c'è l'elettrificazione e la guida autonoma. 

 

se sulla prima puoi cassare i modelli come il TT la A5 e la R8 che sembra non abbiano eredi,  il punto 2 è il vero problema per tutti i generalisti, perchè oggi le auto elettriche costano molto di più dei pari modelli a scoppio, hanno meno autonomia e non esiste un network di ricarica minimamente paragonabile ai distributori di carburante. inoltre il pieno di carburante lo si fa in 7 minuti, il pieno di energia in 40 / 50 minuti. 

 

ma l'elettrico è il futuro? per me si, basta guardare la Model3 Performance che già oggi da 2 secondi al giro alla M3 su una pista di 3 km... probabilmente si andrà a regime fra 10 anni con prezzi di listino paragonabili agli ICE e tempi di ricarica accettabili, con prestazioni nettamente superiori e costi di gestione irrisori delle auto elettriche rispetto agli ICE. 

 

e quando succederà il mercato dell'auto non sarà dominato da VAG o Toyota o GM ma da Tesla, che ha anni di vantaggio, una rete di distribuzione di proprietà (sia di punti vendita che di ricariche), e ha l'immagine nella testa del consumatore come "auto elettrica originale". Inoltre sta costruendo tempi a tempi di record megafabbriche (vedi in cina) e presto in UE (Berlino). 
Inoltre basta vedere i dati di vendita di Tesla (model 3 in usa ad esempio) e i modelli elettrici delle case europee. 
Esempio la MB EQC costa 80K e non la vuole nessuno, fa la polvere nei saloni.
I clienti se devono spendere 80k per un suv mercedes prendono la GLE con il motore a scoppio, perchè mai dovrebbero prendere la EQC? 

Inoltre le vendite delle elettriche delle case tradizionali sono osteggiati dai concessionari. 
In Tesla sono diretti dalla casa e dentro allo store parli con dipendenti di Tesla. 
Gli altri marchi hanno una distribuzione indipendente che deve guadagnare, e i conce stanno in piedi sulla manutenzione programmata dei motori a scoppio, che nell'elettrico non esiste. 


nessun venditore in conce MB o Audi spinge la vendita dei modelli eletterici perchè il concessionario non ci guadagna rispetto ad una vendita ICE, dove hai il cliente ogni anno che paga il tagliando. 

Non esiste che il concessionario spinga l'auto elettrica al posto della ICE. 

 

Quindi si Tesla oggi perde soldi, ma gli investitori pompano denaro fresco perchè fra 10 anni vedono un mondo dove l'elettrico sarà sempre più diffuso e Tesla sarà leader del mercato, e isoldi se li rifanno con gli interessi. 

Le case tradizionali dovranno cercare di tenere il piede in due scarpe con più costi di sviluppo di Tesla e la problematica relativa alla distribuzione sia delle auto che dell'energia. 

 

Bene ha fatto FCA a fondersi con PSA, restare da soli in questo scenatio era un suicidio; 
Secondo me i prossimi dovranno essere Daimler e BMW. 
Hanno la stessa gamma pantografata, non ha senso restare indipendenti.  

  • I Like! 1

"quello che della valle spende in 1 anno di ricerca io lo spendo per disegnare il paraurti della punto." Cit.

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Alain scrive:

Saranno anni molto difficili per tutti. 

 

il mercato sta cambiando,

1. berline e sportive sono sempre meno profittevoli o in perdita netta. si guadagna sui SUV. 

2. e di fronte c'è l'elettrificazione e la guida autonoma. 

 

Sicuramente perderemo per strada diversi modelli iconici, anche in marchi da cui non te lo aspetteresti, faccio qualche esempio:

 

se va avanti l'andazzo odierno:

 

AUDI non manderà avanti in futuro

addio a TT - R8  sono ormai certe all'eliminazione, A5 + A7 dipenderà dai numeri di vendita delle attuali versioni.

 

BMW:

addio a Z4 - 8er è stato dichiarato in via para-ufficiale che le saluteremo quando le attuali andranno fuori produzione. Probabile anche che modelli come 2er AT dopo la nuova generazione che è ormai imminenete, ci saluterà per favorire magari, una nuova X2 che sia più suv e meno crossover.

 

MB:

addio a SLC di sicuro, e forse......anche alla mitica SL. Probabile anche un futuro incerto per S ed E klasse coupé/cabrio.

 

Probabile anche che non rivedremo più modelli di nicchia come Alpine, 4c, Boxster/Cayman.......GT86, BRZ & company.

 

E' triste....lo so..... :-(

in garage: MY22 BMW M3 Competition Xdrive G80 + MY22 Jaguar F-Pace SVR

 

Link to comment
Share on other sites

21 minuti fa, VuOtto scrive:

MB:

addio a SLC di sicuro, e forse......anche alla mitica SL. Probabile anche un futuro incerto per S ed E klasse coupé/cabrio.

 

..sembra che S-Cabrio e SL saranno sostitute di una macchina in via di mezza, una SL 2+2.

  • I Like! 2
  • Absurd! 1
Link to comment
Share on other sites

30 minuti fa, VuOtto scrive:

 

Sicuramente perderemo per strada diversi modelli iconici, anche in marchi da cui non te lo aspetteresti, faccio qualche esempio:

 

se va avanti l'andazzo odierno:

 

AUDI non manderà avanti in futuro

addio a TT - R8  sono ormai certe all'eliminazione, A5 + A7 dipenderà dai numeri di vendita delle attuali versioni.

 

BMW:

addio a Z4 - 8er è stato dichiarato in via para-ufficiale che le saluteremo quando le attuali andranno fuori produzione. Probabile anche che modelli come 2er AT dopo la nuova generazione che è ormai imminenete, ci saluterà per favorire magari, una nuova X2 che sia più suv e meno crossover.

 

MB:

addio a SLC di sicuro, e forse......anche alla mitica SL. Probabile anche un futuro incerto per S ed E klasse coupé/cabrio.

 

Probabile anche che non rivedremo più modelli di nicchia come Alpine, 4c, Boxster/Cayman.......GT86, BRZ & company.

 

E' triste....lo so..... :-(

 

E pensare che Boxter è stato il prodotto che salvò la Porsche. 

 

 

 

 

  • Sad! 1
  • Haha! 1

"quello che della valle spende in 1 anno di ricerca io lo spendo per disegnare il paraurti della punto." Cit.

Link to comment
Share on other sites

boxster salvò la Porsche nel momento in cui il trend era avere una vettura sportiva e compatta, poi sappiamo tutti cosa funziona adesso. Chi l'avrebbe mai detto vent'anni fa, che i SUV sarebbero diventati quello che sono oggi? Magari tra vent'anni....anche i SUV lasceranno spazio ad una mobilità diversa, condivisa, guida autonoma di livello 5, e l'automobile sarà solo un ricordo della belle epoque dei petrolheads.

 

Scherzi a parte, il nuovo Presidente della commissione Europea ha sottolineato che :"si batterà contro il cambiamento climatico", quindi al netto dell'indubbia utilità di tener presente che di casa al momento ne abbiamo solo una, prevedo normative sempre più stringenti per i veicoli ICE.

  • I Like! 1
  • Sad! 1

in garage: MY22 BMW M3 Competition Xdrive G80 + MY22 Jaguar F-Pace SVR

 

Link to comment
Share on other sites

On 11/28/2019 at 2:45 PM, TonyH said:

 

Quando inizieranno ad arrivare i conti sociali dell'integralismo ambientalista, si ritratterà tante cose.

 

La sfida non deve essere ridurre il nostro impatto tout-court. Ma ridurlo senza produrre macellerie sociali. E questo non l'abbiamo ancora capito.

Che alla fine della fiera, non è il pianeta che dobbiamo salvare (il pianeta è sopravvissuto a estinzioni molto pesanti), ma noi stessi!!

 

non ti sembra un filino esagerato? La "macelleria sociale" deriverà dalla cancellazione di qualche modello di auto?? O dai cambiamenti nella mobilità privata? Va', che abbiamo abitudini di produzione e consumo sballate che non si sa fino a quando reggeranno senza ulteriori crisi, guerre, divisioni sociali, migrazioni di massa, ecc. Rendiamocene conto. E non si tratta di "decrescita", si tratta di cambiare proprio i parametri del progresso.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×
×
  • Create New...

 

Please, disable AdBlock plugin to access to this website.