Vai al contenuto

Messaggi Raccomandati

22 ore fa, gianmy86 dice:

 

Facile...Che loro la normativa Euro 6d la rispettano da almeno 7-8 anni! :::

Anzi che l'hanno inventata loro ..... sui rulli poi sono già Euro 8e

  • Like! 3

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
On 4/2/2018 at 17:41, Cosimo dice:

il problema di come viene prodotta l’energia elettrica pare non sia argomento di dibattito avvincente 

Nemmeno quello del come e dove vengano ricavati i materiali per la produzione di accumulatori, non si parla tanto nemmeno dei costi e delle procedure per lo smaltimento.

  • Like! 6

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
6 minuti fa, J-Gian dice:

Nemmeno quello del come e dove vengano ricavati i materiali per la produzione di accumulatori, non si parla tanto nemmeno dei costi e delle procedure per lo smaltimento.

its-magic-i-aint-gotta-explain-shit2.jpg

  • Like! 4
  • Grazie! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
21 minuti fa, J-Gian dice:

Nemmeno quello del come e dove vengano ricavati i materiali per la produzione di accumulatori, non si parla tanto nemmeno dei costi e delle procedure per lo smaltimento.

a me è bastato vedere lo smaltimento di quelle al piombo dal vivo :oddio:

  • Like! 2
  • Tristezza! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Una domanda sui filtri antiparticolato per i motori a benzina (che mi pare di capire siano ormai indispensabili per rientrare nelle normative future): il funzionamento è lo stesso dei DPF per i diesel? E anche la rigenerazione avviene ugualmente? Perchè i benzina in proporzione sono usati molto di più sulle piccole ed in città rispetto al gasolio, un DPF in questi casi potrebbe creare noie per la rigenerazione come avviene a volte col diesel?

 

Inoltre non ho capito se invece sui motori diesel il filtro sparirà, o si affiancherà alle nuove tecnologie per la riduzione dei NOx (se non erro :attorno:).

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
12 minuti fa, GL91 dice:

Una domanda sui filtri antiparticolato per i motori a benzina (che mi pare di capire siano ormai indispensabili per rientrare nelle normative future): il funzionamento è lo stesso dei DPF per i diesel? E anche la rigenerazione avviene ugualmente? Perchè i benzina in proporzione sono usati molto di più sulle piccole ed in città rispetto al gasolio, un DPF in questi casi potrebbe creare noie per la rigenerazione come avviene a volte col diesel?

 

Inoltre non ho capito se invece sui motori diesel il filtro sparirà, o si affiancherà alle nuove tecnologie per la riduzione dei NOx (se non erro :attorno:).

La produzione di particolato dai motori benzina è di gran lunga inferiore ai diesel. Inoltre, le temperature dei fumi allo scarico sono molto più elevate. Questo aiuta nelle fasi di rigenerazione.

 

No, il DPF non sparirà dai motori diesel, si affianca a sistemi di abbattimento NOx, tra cui quelle a base di Urea con filtri SCR.

  • Like! 1
  • Grazie! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Normalmente, chi si è preso una seg.A/B (salvo rare eccezioni) diesel con cilindrata inferiore a 1,5 litri è stata una scelta puramente dettata dalla "moda" di avere la macchina che consuma meno. Un diesel conviene solo se realmente utilizzato per quello che è stato creato. Fare strada. Allora si che conviene; altrimenti mi domando che senso abbia prendersi un diesel per farci il tragitto casa - lavoro e basta. capisco se questo tragitto ha un chilometraggio elevato, ma nella maggior parte dei casi così non è. Meglio se spariscono i diesel dalle piccole cilindrate e dalle utilitarie IMHO. I moderni turbo benzina non hanno nulla da invidiare, ma anche i normalissimi 3 cilindri aspirati consumano veramente poco pur essendo a benzina, senza la gabella dei problemi tra FAP e scarso chilometraggio d'utilizzo.

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Contenuti simili

    • Da AngeloUPuglis
      Il nuovo motore, che sostituirà l'attuale 1.4 TGI da 110cv, montato rispettivamente su Volswagen Golf/Caddy, Seat Leon, Skoda Octavia ed Audi A3, si accinge a debuttare sul mercato, nel 2018.
       
    • Da Davialfa
      Scusate la domanda un po' ingenua
       
      Mi chiedevo da cosa dipende la qualità costruttiva, specialmente negli assemblaggi di un automobile. Mi spiego meglio, è assodato che alcune marche, vedi ad esempio gruppo Vag (con Audi e Vw) ma più in generale marchi tedeschi o giapponesi sono riconosciuti ovunque per un ottima qualità costruttiva, sopratutto da un punto di vista degli assemblaggi, mentre ci sono altri brand come ad esempio Fiat o Alfa che sono da anni indietro rispetto ai primi della classe in questa specifica cosa. Mi chiedo come, in un mondo molto automatizzato come quello automotive, esistano ancora queste grandi differenze e da cosa dipendano. Cioè non credo che ad esempio in Fiat i progettisti o gli operai siano più "scarsi" che in vw o che se ne freghino se l'assemblaggio di un auto è fatto male.
       
      Dipende dalla qualità dei materiali? Dipende dalle risorse disponibili in fase di progettazione ( più progettisti che si occupano di verificare 100 volte che il progetto è ok)? differenze risorse per le fabbriche (robot più precisi, più operai, migliori macchinari etc)? 
      Perché se Vw dovesse fare una punto, con le stesse caratteristiche della punto e lo stesso design, questa verrebbe di qualità costruttiva di una punto made in fiat?
       
      Non so se mi sono spiegato, scusate per le domande un po' stupide
×