Jump to content

Volkswagen Golf VI (Topic Ufficiale - 2008)


TDI
 Share

Recommended Posts

Messaggio Aggiornato al 17/05/2012

big_LEDdiurniVolkswagenGolf_01.jpg

big_LEDdiurniVolkswagenGolf_02.jpg

big_LEDdiurniVolkswagenGolf_03.jpg

3.jpg

3.jpg

3.jpg001.jpg 002.jpg 003.jpg 004.jpg

005.jpg 006.jpg 007.jpg

050.jpg 051.jpg 052.jpg 054.jpg

055.jpg 056.jpg 057.jpg 058.jpg

4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg

059.jpg 060.jpg

4.jpg4.jpg4.jpg

4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg

4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg

4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg

4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg212.jpg 213.jpg 214.jpg 215.jpg 216.jpg 217.jpg 218.jpg 219.jpg 220.jpg 200.jpg 201.jpg 202.jpg 203.jpg 211.jpg 205.jpg 206.jpg 207.jpg 208.jpg 209.jpg 210.jpg

032.jpg 033.jpg 034.jpg 035.jpg 036.jpg 037.jpg 038.jpg 039.jpg 040.jpg 041.jpg 042.jpg 043.jpg 044.jpg 045.jpg 046.jpg 047.jpg 048.jpg 049.jpg 050.jpg

100.jpg 101.jpg 102.jpg 103.jpg

104.jpg 105.jpg 106.jpg 107.jpg

4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg

4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg7.jpg6.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg4.jpg

200.jpg 201.jpg 202.jpg 203.jpg

204.jpg 205.jpg 206.jpg

4.jpg4.jpg

km77

Comunicato stampa:

La Golf è a tutti gli effetti ormai un’icona. Venduta in più di 26 milioni di esemplari in oltre 34 anni di storia, è seconda solo alla Toyota Corolla, attualmente in cima alla classifica dei modelli più venduti al mondo. Con una differenza sostanziale. Mentre la rivale giapponese ha subito nel corse delle varie generazioni sostanziali e profonde modifiche di design, la compatta tedesca è rimasta nello spirito e nelle linee molto più uguale a se stessa. Insomma la Golf, da molti anni vettura di riferimento nel proprio segmento, si identifica soprattutto attraverso una forte continuità espressiva. Non fa eccezione la sesta generazione, con una linea piuttosto conservativa e e, passateci il termine, molto prudente.

2- Design

Tra le modifiche più evidenti, rispetto alla quinta generazione, notiamo nuovi fari anteriori di maggiori dimensioni e più inclinati verso l’interno, e, come sulla Scirocco due nervature più accentuate sul cofano che si congiungono idealmente proprio con gli estremi interni dei due fari. Dalla recente coupé Volkswagen è stato mutuato anche l’andamento piuttosto discendente del padiglione, per accentuarne il look sportivo. Immutata la mascherina frontale suddivisa, come sulla Golf V, da due listelli cromati. Volevamo mantenere intatto” spiega Walter de Silva, responsabile con Klaus Bischoff del design VW, “ il vero DNA del modello, ma al contempo stesso renderlo più dinamico e sportivo. Il design della vettura è più complesso, ricercato e tridimensionale grazie all’alternanza di linee tese e superfici piatte.

Il frontale si ispira direttamente a quello della prima generazione, con una griglia scura a diretto contatto con il paraurti, mentre il montante posteriore è inclinato come sulla quarta serie. La parte posteriore è dominata da linee orizzontali, più squadrate e vi è qualche reminiscenza “Touareg” se osservate il listello bianco inferiore che ricopre gli indicatori di direzione e le due luci circolari, sempre dei gruppi ottici.” Per ogni ulteriore valutazione, meglio ovviamente aspettare di vederla dal vivo.

4- Interni

Più netto e nitido il passo in avanti all’interno, con plastiche e materiali ricercati e piccoli dettagli cromati, vedi la cornice della strumentazione analogica e delle bocchette di aerazione o ancora dei comandi clima, che, come sulla recente Passat CC, suggeriscono l’appartenenza a vetture di classe superiore. Rispetto alla Golf attuale, promettono in Volkswagen, è stata maggiormente studiata l’ergonomia dei comandi principali e secondari come quelli del climatizzatore automatico Climatronic o i tasti degli alzacristalli elettrici o del regolatore degli specchietti laterali collocati in posizione meno arretrata rispetto, facilitandone l’uso. Tra le novità segnaliamo anche un nuovo dispositivo che rivela esattamente quale dei passeggeri posteriori non ha le cinture allacciate, l’impiego di pelle più robusta e di migliore qualità per il rivestimento dei sedili delle versioni per cui è prevista e quattro comodi ganci nel bagagliaio per fermare borse o sacchetti.

5- Confort

La nuova Golf, promettono in Volkswagen, sarà la più silenziosa e confortevole di tutte e anche di molte e più recenti rivali. Per isolare ulteriormente l’abitacolo, per esempio, è stata impiegato una speciale pellicola trasparente annegata in ciascuna degli otto cristalli, e il nuovo design dei retrovisori esterni riduce sensibilmente i fruscii aerodinamici. Non solo, sono stati scelti cerchi e pneumatici particolari per limitare la rumorosità da rotolamento e si è fatto ampio uso di materiale fonoassorbente per rendere più educato e meno invadente il timbro dei motori.

6- Motori TDI

La Golf VI sarà disponibile per la prima volta con motori quattro cilindri turbodiesel common rail che offrono uno spettro di potenza da 66 kW / 90 Cv fino a 125 kW / 170 Cv. Al momento del lancio saranno disponibili due unità 2.0 TDI da rispettivamente 81 kW / 110 Cv e 103 kW / 140 Cv. Il primo offre una percorrenza media di 22,2 km/l (4.5 l/100 km) con un livello di emissioni di 119 g/km CO2. Il secondo, da 140 Cv, percorre in media, sempre secondo la Casa, 20.4 km/l (4.9 l/100 km) con emissioni di 129 g/km CO2.

7- Motori a benzina

Quattro saranno invece i motori a benzina disponibili sin dall’inizio, con potenze da 80 a 160 Cv. Il quattro cilindri entry-level da 80 cavalli promette buone percorrenze (15.6 km/l in media) ed emissioni piuttosto ridotte: 149g/km CO2. Ancor più parsimoniosi e forse adeguati al tipo e al peso della vettura le due varianti del quattro cilindri 1.4 TSI . La versione da 122 cavalli è in grado di percorrere 16,1 km/l in media, con un livello di emissioni di 144 g/km di CO2, mentre quella più potente, da 160 Cv di potenza, 15,8 km/l. Se si escludono i motori entry level a gasolio e benzina, tutti saranno disponibili anche con il nuovo cambio DSG a doppia frizione Volkswagen, nelle due varianti, a sei o 7 marce, in base al valore di coppia erogata. Quanto sia riuscito il binomio, ad esempio, tra il motore 1.4 TSI da 160 Cv e il cambio DSG a sette rapporti lo attestano i consumi con una percorrenza media di 16,6 km/l (6 l/100 km e 139 g/km CO2). Quest’ultima unità sostituisce l’attuale 2,0 litri FSI da 150 cavalli che, abbinato al cambio a sei marce automatico, percorreva in media 12 km/l (8,3 l/100 km) e consumava dunque 2.3 litri in più (+28%). Tutti i motori a benzina e a gasolio rispettosa la normativa Euro 5.

8- Dotazioni

Tra le dotazioni disponibili segnaliamo il cruise control adattativo (ACC), l’ “adaptive chassis control” (DCC), il nuovo sistema di regolazione adattiva dell'assetto che troviamo anche sulla Scirocco, e l’assistente al parcheggio “Park steering assistant”. E’ un optional che comprende il Parkpilot (sensori di parcheggio anteriori e posteriori) e che consente di parcheggiare automaticamente il veicolo. Il dispositivo si attiva tramite un pulsante. Se la velocità non supera i 30 km/h, un sensore a ultrasuoni rileva al passaggio del veicolo tutti i parcheggi liberi presenti sia a destra, sia a sinistra della carreggiata e paralleli ad essa. Una volta individuato lo spazio adatto, una centralina calcola la manovra di parcheggio ideale. Poi il ParkAssist comunica al conducente la posizione da cui iniziare la manovra emettendo un segnale sonoro. Una volta inserita la retromarcia, bastano 15 secondi per “infilare” la vettura nel parcheggio. Durante tutta la manovra il conducente non deve far altro che accelerare e frenare, a sterzare ci penserà la Golf.

9- Sicurezza

Completa anche la dotazione di sicurezza che include di serie un nuovo dispositivo di controllo della stabilità Esp, sette air-bag, inclusi due per la protezione delle ginocchia di guidatore e passeggero anteriore, speciali appoggiatesta attivi contro i colpi di frusta.

Edited by Touareg 2.5
Link to comment
Share on other sites

  • Replies 1.2k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Foto rubate uso renault? Comunque non è che mi faccia impazzire... Non doveva rompere col passato? A me sembra sempre uguale, sia dentro che fuori... Comunque è meglio dell'attuale, poi si sa che non si può decidere dalle foto, soprattutto in questo caso...

La teoria è quando si conosce il funzionamento di qualcosa ma quel qualcosa non funziona.

La pratica è quando tutto funziona ma non si sa come.

Spesso si finisce con il coniugare la teoria con la pratica: non funziona niente e non si sa il perché.

Link to comment
Share on other sites

Ottimo lavoro dell'equipe di manzoni........a me l'unica golf che piaceva era la V che aveva poco di golf........in questo restyling sono riusciti a rendere golf anche la linea della V facendola sembrare meno monovolumica e sviluppata in altezza.......ricreando quella piattezza di golf IV che piaceva a molti

Senza cuore saremmo solo macchine.......

Link to comment
Share on other sites

Foto rubate uso renault? ... ...

Direi di no....Foto ufficiali rimarchiate (non ne capisco ancora il senso, visto che e' stato autogids.be a rompere l'embargo)postate 2gg prima della diramazione ufficiale.

Edited by JOKEJOE
deflr5.jpg
Link to comment
Share on other sites

Non mi aspettavo nessuan rivoluzione.

Si tratta di un restyling pesante, ma sempre restyling rimane.

Il frontale nel complesso e' ben riuscito, anche se speravo nel debutto dei fari in stile UP.

112_frankfurt_motor_show_02s+volkswagen_up+headlight.jpg

Il posteriore con quei fanali in stile Touareg , forse andrebbe visto dal vivo x giudicare maglio.

Edited by JOKEJOE
deflr5.jpg
Link to comment
Share on other sites

Ottimo lavoro dell'equipe di manzoni........a me l'unica golf che piaceva era la V che aveva poco di golf........in questo restyling sono riusciti a rendere golf anche la linea della V facendola sembrare meno monovolumica e sviluppata in altezza.......ricreando quella piattezza di golf IV che piaceva a molti

Senza cuore saremmo solo macchine.......

Link to comment
Share on other sites

Design pesante da semi monovolume pressocche identica all' attuale anche nella linea ,che era l' aspetto che avrebbe dovuto cambiare di piu, a cui si è aggiunto qualcosa della Scirocco. Dal designer della Bravo (anche se è arrivato solo alla fine della progettazione e la sua opera quindi non ha influito molto ) mi aspettavo di piu , la Megane avrà gioco facile

Link to comment
Share on other sites

ma...la novità dov'è?

certo che quando ciancia de silva ciancia più forte di tutti

"La tua bocca è più grande del tuo motore" docet...:|

image.php?type=sigpic&userid=879&dateline=1242680787

Mi avete fatto venire fino a quassù e mi avete detto...mi avete detto che mi compravate una bomba...arriverò tardi per il pranzo e mia mamma...ahhh...ahhh..e non mi farà mangiare per punizione..aaaaaah che vigliacchi.........nessuno ha una cioccolata??? un croccante???

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share


×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.