Vai al contenuto

Messaggi Raccomandati

A 3 settimane di distanza dalla sorellona Golf, oggi son riuscito a provare la Polo TGI.

Stesso percorso dell'altra volta, quindi 25 minuti di test drive su strade miste: a scorrimento veloce, a scorrimento lento, quasi montagna.

Fuori, la Polo è quel che è: una Golf in scala. La sua linea può essere noiosamente piacevole, o noiosamente noiosa. IMHO, non è qualcosa (specie quella a metano) che quando passa può far girare le teste alla gente e gridare al capolavoro.

La vettura provata era in allestimento highline, quindi attualmente è quella in vendita più accessoriata ma che IMHO occorre comunque completare con la lista degli optionals: sensori di parcheggio antero-posteriori innanzi tutto e (perchè no?) anche una telecamera posteriore per aiutare nei parcheggi.

Le due bombole del metano (che il venditore mi ha assicurato essere in acciaio) sono collocate sotto il bagagliaio, in quello che doveva essere lo spazio della ruota di scorta, ma sono posizionate meno "a sbalzo" rispetto a Golf, cosa che ha notevolmente giovato alle qualità stradali dell'auto. Il serbatoio della benzina è rimasto invariato, così l'autonomia combinata può arrivare ai 1000 km.

Come la Golf, la Polo s'avvia direttamente a metano e non è possibile commutare manualmente a benzina.

Internamente lo spazio è da seg.C di qualche anno fa, si sta comodi in 4 e all'occorrenza anche una quinta persona può starci. Come da tradizione VW, lo spesso montante posteriore e il lunotto piccolo riducono drasticamente la visibilità posteriore, ma l'esemplare da me provato montava i sensori di parcheggio. Gl'interni neri con cielo grigio non aiutano a dare luminosità o ariosità all'interno, tutt'altro. La IMHO gravissima barbonata che si nota immediatamente è il cambio meccanico a sole 5 marce. Poi dirò perché, secondo me, è una pecca così grave.

Il sedile di guida accoglie senza essere troppo rigido né troppo contenitivo, suppongo fatto apposta per un uso non certo sportivo (e ci mancherebbe, data l'indole dell'auto); qua mancava la regolazione lombare, cosa che su viaggi medio-lunghi può farsi sentire.

Su strada il piccolo 1.0 tricilindrico turbo a metano/benzina (da 90 cavalli) tradisce l'assenza del quarto cilindro solo al minimo ed in piena accelerazione, quando le vibrazioni si fanno strada sulla leva del cambio e sul volante. La manovrabilità è buona e anche la tenuta di strada, complice la notevole larghezza per una seg.B e la generosa gommatura, anche di serie con cerchio da 16 pollici per la vettura da me provata. Il tricilindrico risulta vispo ed agile, sale rapidamente di giri (sono arrivato a 4000 giri, oltre non ne ho avuta la possibilità) e le marce, comandate da una leva abbastanza corta e non lontana dal volante, entrano con facilità, senza lunghe escursioni della leva né indurimenti o impuntamenti di sorta. La nota veramente dolente è data dal cambio stesso: l'accoppiata del 5 marce col motore è alquanto infelice. Se la prima è normale, la seconda è lunga e la terza lunghissima, mentre la quarta e la quinta sono risultate adeguate su strada extraurbana veloce. Sarebbe da valutare in autostrada, ma non l'ho presa durante la prova. Comunque: situazioni stradali che con la Panda III a metano affronterei tranquillamente in seconda per poi passare in terza, con la Polo sono state uno strazio. Tornantini da affrontarsi in prima, col motore che chiedeva pietà, perché incapace di affrontarle in seconda e zone di rallentamento che normalmente affronto in terza costretto a farle con una seconda che risulta invece troppo corta, perché la terza è troppo lunga. Insomma, secondo me occorrerebbe un 6 marce - o magari il DSG.

Nel misto medio-veloce, invece, mi son trovato presto a mio agio, giocando con terza-quarta-quinta tra le curve e pennellandole - ovviamente nei limiti del possibile. Non è una Giulia :mrgreen: 

 

Concludendo: sono rimasto generalmente soddisfatto dell'auto provata. L'unica nota veramente dolente è il cambio a 5 marce, che trovo veramente inadeguato ed anacronistico per una 4 metri con chiare ambizioni d'auto tuttofare, anche osservando la lista degli ausili alla guida presenti di serie o a pagamento.

VW tutto ciò se la fa pagare cara: una Polo TGI highline, configurata con ciò che ritengo necessario oggi per farsi 25.000 km l'anno, viene la bellezza di 22.000€ :shock: chiavi in mano da scontare. Per un'auto a 5 marce e senza regolazione lombare del sedile conducente. :pen: 

  • Like! 5
  • Grazie! 1
  • Wow! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Bella prova, non pensavo che i rapporti del cambio fossero addirittura peggio di quelli della Panda che deve assecondare i due cilindri del TwinAir.

 

Peccato che al momento il DSG non sia disponibile come optional sul TGI.

 

 

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Per chi conosce la zona, ho fatto il Piccolo Stelvio.

Con la Panda III NP si fa tutto in seconda-terza (senza tirare da assassini).

Con questa Polo affrontare i tornanti è stata una discreta tragedia: non si riusciva a tenere la seconda oppure si rimaneva sottocoppia.

Almeno non s'è sentito l'effetto pendolo che affliggeva la Golf TGI della mia precedente prova.

IMHO, per il DSG è solo questione di tempo, dato che VW tende a spalmarlo su tutta la gamma.

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
1 ora fa, marcolino1969 dice:

mi pare di rivedermi quando ho testato il 5 marce della ibiza nuova con il 1.0 aspirato....

Probabilmente (anzi, certamente) stesso cambio e motore ancora più asfittico... tragico, nevvero?

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Secondo me il cambio 5 rapporti non è il male assoluto, specie su auto che, come nel caso di questa Polo, non sono predestinate all'uso autostradale. Il problema è una rapportatura del cambio completamente sconclusionata*, con 4 rapporti spaziati bene ed una quinta un po' più lunga questa Polo si muoverebbe agevolmente anche in montagna e, probabilmente @Sandro non si sarebbe lamentato.

 

* domanda per i tecnici: per quale motivo verrebbero scelte rapportature così strane? Emissioni?

  • Like! 2

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Anche la Fiesta TDCI del 2003 aveva una rapportatura del cambio simile a questa Polo. Non so se sia dovuto a scelte progettuali del paese d'origine o cos'altro.

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Considerato che a 23.000 euro si trovano le Golf TGI Executive km.0....

Modificato da Gabriz4

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
5 ore fa, leon82 dice:

Secondo me il cambio 5 rapporti non è il male assoluto, specie su auto che, come nel caso di questa Polo, non sono predestinate all'uso autostradale. Il problema è una rapportatura del cambio completamente sconclusionata*, con 4 rapporti spaziati bene ed una quinta un po' più lunga questa Polo si muoverebbe agevolmente anche in montagna e, probabilmente @Sandro non si sarebbe lamentato.

 

* domanda per i tecnici: per quale motivo verrebbero scelte rapportature così strane? Emissioni?

 

Idem per la mia grande punto 1.3jet 90cv, prima cortissima seconda normale poi c'è un salto di ben 1000 giri quando si mette la terza, roba che se eri in salita ti toccava tirare a quasi 4000giri la seconda sennò ti ritrovavi sotto coppia, oppure i 500giri di differenza tra quinta e sesta, cosa assai fastidiosa in autostrada perchè in caso di rallentamento ti ritrovavi in sesta ai 100km/h a 2000 giri scarsi, chi ha guidato questo motore sa cosa significa.

Invece l'attuale focus con 120cv ha una rapportatura completamente differente quasi motociclistica nel senso che più si sale di marcia minore è la caduta di giri. 

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Contenuti simili

    • Da Vadocomeundiavolo
      Versione 1.8 tsi Highline 180 cv , Dsg.
       
       
      Sono a quota 8100 km e con un viaggio da 5000 km alle spalle posso dare le prime impressioni.
      Prima cosa il motore , superlativo.
      Sempre pronto allo stimolo del gas , non c’è carico o salita che possano metterlo in difficoltà , ha sempre una spinta superiore alle aspettative.
      Ha una riserva di potenza superiore alla media delle auto che circolano , in un attimo diventa cattivo e ti proietta a velocità vicine ai 200 km/h.
      Pieno in basso , cremoso ai medi e cattivo oltre i 3000 giri.
      In italia in autostrada a qualsiasi velocità , basta scalate in 5ª che diventa veramente rabbioso.
      Confort.
      Di categoria superiore alla Golf , ma qui contribuiscono una serie di fattori , che messi insieme creano un ambiente piacevole , che rende ogni viaggio un piacevole spostamento.
      Confort , innanzitutto dateci spazio , recitava una vecchia prova di Quattroruote.
      E qui ce n’è in ogni direzione , ma quello che contribuisce maggior mente al benessere dei passeggeri , è quello che si trova intorno alla testa.
      Pochi cm di aria rispetto ad una berlina tradizione , bastano per dare un senso di benessere.
      Poi lo spazio per gambe , spalle e carico è scontato in una monovolume.
      Poi c’è l’insonorizzazione ,grazie al motore bel incapsulato , si sente solo oltre i 5000 giri con un gradevole rombo sportivo ,alle ruote che non fanno arrivare rumori parassiti in abitacolo.
      Solo intorno ai 120 si crea un fruscio nella zona montante specchio sx , non particolarmente forte , che scompare a velocità superiori o inferiori.
      Sospensioni , io ho assetto sportivo e cerchi da 18” , tendenzialmente rigide , ma diventano scomode solo su ostacoli brevi tipo dossi rallentatori , certo regalano una guida precisa e reattiva da veicolo con un baricentro più basso.
      Anche sul misto il retrotreno segue bene i cambi di direzione.
      Solo a pieno carico o in 7 persone ,ha una risposta un po’ telefonata.
      Anche gli innumerevoli accessori rendono la vita di bordo piacevole.
      Dal cambio dsg , ai sedili ergo eccezionali anche dopo 12 ore di viaggio.
      Altra nota positiva.
      Viaggiare a pieno carico , non è sempre uguale.
      Generalmente i veicoli a pieno carico tendono a sedersi e questo comporta una posizione di guida differente anche se si regola nuovamente la posizione del sedile di guida , si viaggia sempre un pò infossati.
      Qui non succede , il veicolo si abbassa meno e soprattutto in maniera uniforme sulle 4 ruote.
      Questo comporta una posizione di guida inalterata rispetto a quando si viaggia scarichi , tanto che ne anche gli specchietti vanno regolati nuovamente.
      Unito ad una posizione di guida che fa assumere angoli di anche , ginocchia e caviglie favorevoli da mantenere a lungo tempo , il tutto sopra ai già citati sedili ergo.
      Consumi.
      In città guida normale 10 km/lt , guida attenta 11 km/lt , se ci si lascia prendere la mano o in particolari condizioni di traffico , è facile fare 8 km/lt.
      A pieno carico con velocità 130/140 km/h con acc , tipiche delle autostrade italiane , 14 km/lt.
      In Germania nei tratti senza limiti a velocità 150/170 km/h con qualche puntata a 180/190 km/h si fanno tranquillamente i 12 km/lt.
      Diventa fastidiosa solo l’autonomia del serbatoio di solo 60 litri di capienza.
      Per il resto fari super e adas ben calibrati come sulla Golf.
      Dimenticavo i freni , più potenti ma soprattutto più modulabili rispetto alla Golf , veramente una piacevole sorpresa.
       
       

      Qui durante una pausa in autogrill.
      Notare la tendina parasole e il monitor per il passeggero.
       
       
       
       
    • Da marcolino1969
      In sostituzione della Ford Fiesta ecco la mia nuova (presa usata di 12 mesi) vettura per lavoro e svago.
      Renault Megane IV allestimento Intens, motore 1.5 dci da 110cv con cambio a 6 rapporti manuale.
       
      Km percorsi dall'acquisto, 2200
       
       
       
      ESTERNI: 8
      Linea  elegante e riuscita, cerchi da 17 pollici sembrano perfetti per questo allestimento
       
      INTERNI: 9
      Di qualità sia al tatto che di sostanza, belli da vedere. ottimo lavoro.
       
      POSTO GUIDA:8.5
      Spazioso, ben realizzato tutto sotto controllo, vettura molto confortevole e dotata di ogni tipo di regolazione, manuale.
       
      PLANCIA E COMANDI:9.0
      Strumentazione in parte digitale  ben realizzata. si può configurare a piacimento, ottima la visibilità in ogni condizione
      Freno a mano classico , al centro della plancia rlink 2 di notevole dimensione e pieno di funzioni.
       
      ABITABILITA' 8.5
      molto buona, comoda anche in 5
       
      BAGAGLIAIO 8.5
      nella norma per forma e capienza.
       
      ACCESSORI 8.
      tutto quello che serve è già di serie, volendo si posso aggiungere molte dotazioni di sicurezza aggiuntive.
       
      COMFORT:9.0
      notevole , classico assetto alla francese, rollio eccessivo in caso di guida sportiva ma confort davvero ad ottimi livelli. perfetta per lunghi viaggi.
       
      MOTORE:8
      Potente il giusto, ricco di coppia sotto e più fiacco dopo i 3900 giri, nel complesso adatto alla vettura.
      ACCELERAZIONE 8
      Nella norma siamo circa sui 10.5 s per raggiungere i 100 km ora.
       
      RIPRESA 8.0
      Nonostante la coppia non esagerata ed i rapporti lunghi riprende anche da bassa velocità senza troppe esitazioni e senza obbligare, sempre alla scalata.
      CAMBIO 9
      Classico , 6 marce manuale, rapporti studiati per il contenimento dei consumi, innesti morbidissimi, qualche esitazione nello stacco della frizione, non troppo pesante.
      STERZO 8
      preciso e abbastanza diretto, manca solo di un poco di corposità e durezza ad alta velocità, avrei preferito un settaggio , almeno in configurazione sport piu pieno e duro dello sterzo.
      FRENI:8
      Adeguati alla vettura, nulla di esagerato. il beccheggio elevato tende a far serpeggiare leggermente la coda in caso di frenate secche e brusche.
      TENUTA DI STRADA/STABILITA’ 8.o
      sicura e piacevole, come detto si poteva leggermente ridurre la corsa in estensione degli ammortizzatori, fin troppo votati al confort e meno alla guida sportiva o allegra.
      CONSUMO:10
      esageratamente bassi, la vettura da me posseduta e provata che consuma meno in assoluto, i 23-23 al litro di media sono alla portata stando attenti, i 19 la media anche allegri.
      IN CONCLUSIONE:8.5
      Ben fatta dentro e piacevole di linea, dotata di una buona elettronica di bordo e con consumi irrisori. se cercate una macchina comoda che consuma poco, Megane è perfetta-
       

    • Da AngeloUPuglis
      Cari amici del forum, dopo anni di stallo in cui ho guidato utilitarie e conservato le altre SAAB in garage, ho finalmente potuto acquistare l'auto più potente che abbia mai avuto: Una SAAB 9-5 2.3TS Aero del 2002.
      Il tutto inizia con una battuta provocatoria da parte di un tizio che, vedendomi alla guida di una Mercedes E Klasse ( lavoro come NCC ) mi dice: sai che non ci stai male li dentro? Al che io gli ho risposto: eh non hai tutti i torti, una berlina comoda adesso ci starebbe proprio bene con il nuovo lavoro, e siccome il sottoscritto ha sempre un debole per SAAB, non ci pensa due volte a sfogliare autoscout ed a scovare una SAAB del 2002 inserzionata a 2500 euro.
      Giro di chiamate, ecc ecc, praticamente si parte da Alberobello per Rimini e si chiude l'auto per 2100 euro che però diventano 3100 causa passaggio di proprietà di 1030 euro.
       
      L'auto si presenta in buone condizioni, unico proprietario del 1945 ( non è la solita barzelletta, è quanto riportato dalla c.d.c. ) che ho chiamato e mi ha assicurato la sanità del veicolo, dicendomi di averla venduta per passare ad una Tata Mahindra...
      Esteticamente troviamo un auto molto larga e bassa, cerchi da 17 con misura 225/45 ( nessuna altra opzione a libretto ), che non lascia trasparire le prestazioni del motore. 
      Gli interni sono tipici SAAB: cruscotto di ispirazione aeronautica, comandi ben disposti, alcuni dei quali replicati sul volante. I sedili sono comodissimi e con ampie regolazioni. 
      Alla guida ci si accorge subito di quanto, nonostante l'auto monti un assetto ribassato, barre antirollio ( di serie solo su Aero ) e cerchi da 17 con spalla 45, sia eccellente il filtraggio delle asperità; vi assicuro che è molto meno rigida della Mercedes E220CDI anch'essa con i 17 e spalla 45, che guido per lavoro. Posso dire che come comfort sia seconda solo alla Citroen C5; nonostante questo aspetto la vettura tra le curve è sempre molto piatta e rolla pochissimo ( incredibile ) ma sulla tenuta di strada adesso aprirò una parentesi più ampia.
      Sia ben chiaro, scordiamoci di guidare sportivamente questa 9-5 Aero nel misto stretto, perchè il peso del 2.3 ed il passo lungo, specie nelle rotonde e nelle curve strette, aiutano pochissimo. L'auto soffre di non poco sottosterzo, accentuato da un posteriore saldissimo all'asfalto che rende impossibile qualunque sovrasterzo in ingresso. La situazione si capovolge nel misto veloce e nei curvoni autostradali: Mamma mia è incollata all'asfalto. Sembra seguire il principio delle F1 ( con le dovute proporzioni sia ben chiaro ) che nelle curve lente sono impacciate ma nelle curve veloci non temono rivali. Il sovrasterzo è una cosa impossibile da innescare con questa Aero, il sottosterzo è presente, appunto, in inserimento nelle curve lente ma stranamente in accelerazione, nonostante la mancanza di un autobloccante, il sottosterzo è meno marcato di quanto ci si aspetti. 
      La frenata è eccezionale, impianto privo di ogni sintomo di fading, pedale ben modulabile.
      Il cambio è un 5 marce così distribuite ( 1a 60- 2a 100- 3a 155- 4a 210 - 5a 260 ), la cui manovrabilità è molto efficace e che si impunta solo in caso di cambiate iperveloci. Promosso.
      Ora parliamo del motore, la chicca di questa vettura: E' siglato B235R, è il 2.3t da 250cv e 350nm di coppia a 1900 giri ( si a 1900 giri, roba da moderni 2000cc turbodiesel, e stiamo parlando di un turbo benzina del 2002 ). E' un'unità molto ben sfruttabile che sembra perfetta per la 9-5; l'erogazione è lineare già dai 1000 giri per poi cambiare temperamento a partire dai 2500 giri, fino a sfoderare cattiveria dai 5000 giri ( sembra un Vtec quasi per come cambia dai 5000 giri ) ed allungare fino a 6000 giri. Le prestazioni sono di tutto rispetto: 0 100 km/h in 7 secondi ( non è un tempone ma dovete considerare che 1a e 2a hanno coppia limitata, infatti in 3a attacca al sedile come fosse in 2a marcia. 
      Velocità massima di 250 km/h effettivi limitata elettronicamente, indicati dallo strumento 260 km/h.
      Ora il tasto dolente? I consumi? Macchè: mi aspettavo di fare i 7 a litro ed invece, piacevole sorpresa, consuma circa 12 km/l ( 10 km/l in città ) fino a toccare i 16 km/l a 90km/h di cruise.
      Agevolo foto
       
       
       





×