Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuto su Autopareri - il forum dell'automobile!

Recommended Posts

Messaggio Aggiornato al 09/09/2015

Carrera e Carrera S

2016-Porsche-911-3.jpg

2016-Porsche-911-2.jpg

2016-Porsche-911-5.jpg

2016-Porsche-911-6.jpg

2016-Porsche-911-8.jpg

2016-Porsche-911-9.jpg

2016-Porsche-911-14.jpg

Carrera e Carrera S Cabriolet

2016-Porsche-911-1.jpg

2016-Porsche-911-7.jpg

2016-Porsche-911-4.jpg

2016-Porsche-911-13.jpg

2016-Porsche-911-10.jpg

2016-Porsche-911-12.jpg

2016-Porsche-911-11.jpg

Press Release:

The sports car legend enhanced: the new Porsche 911 Carrera

New turbocharged engines, an advanced chassis, and new Porsche Communication Management

Atlanta, Georgia. Celebrating its debut at the Frankfurt International Auto Show, the new 911 Carrera is taking performance and everyday usability to new heights. Innovative flat-six engines derived from four decades of turbocharging used in racing and on road cars not only make this the fastest 911 Carrera ever, but also provide abundant torque for superior passing power. An advanced chassis offering an even more sophisticated combination of ride comfort and performance characterizes the handling of the new 911. For the first time, rear-axle steering is available as an option for the Carrera S, significantly enhancing its already superb agility. These improvements reduce the lap time on the North Loop of the Nürburgring to just 7 minutes and 30 seconds, making it 10 seconds faster than the previous Carrera S.

Many exterior features of the 911 Carrera have been visually refined from new headlights with four-point daytime running lights to integrated door handle recesses, a redesigned rear deck lid with vertical louvers, and new rear lights – including the characteristic four-point brake lights. The new standard Porsche Communication Management system with a multi-touch display offers an expanded range of functions and simplified usability.

New turbocharged engines: 20 horsepower increase, reduced fuel consumption

The completely new engine generation featuring twin-turbo technology enhances the driving pleasure of the 911 Carrera and provides a 20 hp increase compared to the previous models. The 3.0 liter engine in the standard Carrera now develops 370 hp. Using turbochargers with modified compressor wheels, a model-specific exhaust system, and a different tune for the engine management system, the 911 Carrera S delivers 420 hp from the same displacement.

The new Porsche 911 Carrera and Carrera S engines are characterized by significantly increased torque. Offering up to 331 lb.-ft. and 368 lb.-ft., respectively, from 1,700 rpm up to 5,000 rpm, both powertrains supply generous torque over a broad powerband. Reaching up to 7,500 rpm, the new engine generation also maintains relatively high engine speeds for a turbocharged powertrain – accompanied by the familiar Porsche sound.

Traditionally, a new 911 offers enhanced performance and efficiency compared to the predecessor. Depending on the model variant, the new engines are almost twelve percent more efficient compared to the previous generation according to the New European Drive Cycle (NEDC). EPA ratings will be available at a later date.

The new 911 models also boast impressive performance: the 911 Carrera Coupé with Porsche-Doppelkupplung (PDK) and Sport Chrono Package sprints from zero to 60 miles per hour in 4.0 seconds – making it two tenths of a second faster than its predecessor. The 911 Carrera S with PDK and Sport Chrono Package needs just 3.7 seconds (also 0.2 s faster). Both models reach higher top track speeds: the 911 Carrera is now able to reach 183 miles per hour, while the 911 Carrera S can achieve up to 191 miles per hour. All new Carrera variants are offered with a manual seven-speed transmission as standard.

When equipped with the optional Sport Chrono Package, the 911 Carrera now comes with a mode switch on the steering wheel, derived from the hybrid map switch in the 918 Spyder. The mode switch consists of a rotary dial with four positions for the driving modes Normal, Sport, Sport Plus, and Individual. Depending on the optional equipment installed in the car, the Individual setting allows drivers to configure their own specific vehicle set-up for the chassis, Auto Start/Stop system, PDK shifting strategy, and Sport Exhaust System. On models equipped with the PDK transmission, the mode switch has a "Sport Response" button, which pre-conditions the drivetrain for maximum acceleration.

A standard feature: reengineered PASM with chassis lowered by ten millimeters

The uniqueness of the 911 Carrera stems from its ability to blend refined everyday comfort with exceptional performance. On the new generation, Porsche has increased the dynamic capability even further than before. The revised PASM chassis (Porsche Active Suspension Management), which lowers the ride height by ten millimeters, is a standard feature. It helps improve driver control during fast cornering. New shock absorbers enhance comfort thanks to an even more precise response characteristic and improved body control during spirited driving. New standard wheels with five twin spokes are equipped with tires that offer reduced rolling resistance and enhanced grip. Furthermore, the width of the rear rims has been increased by 0.5 to 11.5 inches on all variants. The rear tires of the 911 Carrera S now measure 305 instead of 295 millimeters in width.

Rear-axle steering is available as an option for the 911 Carrera S, adopted from the current 911 Turbo and 911 GT3. It further enhances the turn-in behavior of the 911. Additionally, it increases driving precision when changing lanes at higher speeds. At the same time, it ensures greater maneuverability in city traffic thanks to a turning radius that is 1.6 feet smaller than without this option. The improved handling is transmitted to the driver via the new steering wheel generation with a design based on the steering wheel from the 918 Spyder. For enhanced everyday practicality, Porsche offers an optional electro-hydraulic lift system with lifting cylinders that are integrated into the front axle struts. At the touch of a button, the ground clearance at the front axle is increased by 40 millimeters within 5 seconds. This is particularly useful when clearing speed bumps or steep driveways.

New Porsche Communication Management including online navigation

A standard feature of the new 911 Carrera models is the newly developed Porsche Communication Management System (PCM), including an online navigation module. The PCM can be operated by multi-touch gestures on the seven-inch display, similar to a smartphone. Handwritten user inputs are recognized. Mobile phones and smartphones can now also be connected via Wi-Fi. Also new is the option of connecting an iPhone® to the PCM to utilize Apple CarPlay™.

Real-time traffic information is available for significantly enhanced navigation. It gives the driver a quick overview of the traffic situation and guarantees dynamic adaptation of the route to this information. Google® Earth and Google® Streetview are also being integrated for the first time to offer better orientation. Porsche Car Connect and the Connect Plus module can be used for remotely controlled vehicle functions, transferring destinations to the PCM for navigation and streaming music using third-party service providers via the PCM.

New and extended optional assistance systems

The 911 Carrera also offers enhanced active safety through new and improved assistance systems. Post-collision braking is a standard feature, and the cruise control now brakes moderately when the pre-set speed is exceeded, for example when driving downhill. The Adaptive Cruise Control (ACC) option has been upgraded with a coasting function in conjunction with the PDK transmission. The optional Lane Change Assistant monitors traffic approaching from behind with radar and uses LED lights to the left and right of the mirror triangle to warn the driver of vehicles in the blind spot.

Market launch in March 2016

The new Porsche 911 Carrera models will be launched in the United States in March of 2016. Manufacturer's suggested retail prices start as follows:

911 Carrera $89,400

911 Carrera S $103,400

911 Carrera Cabriolet $101,700

911 Carrera S Cabriolet $115,700

40 years' turbo experience in motorsport and series production

At Porsche, innovations and developments that have proved themselves under extreme racing conditions benefit production models, too. Testing in motorsport ensures the performance and resilience of the new engines for production sports cars. In the development of turbocharged six-cylinder flat engines Porsche can look back on more than 40 years of experience. For example, turbocharging with a bypass valve was first used in 1972 in the 917/10 racing car before entering series production in 1974 in the first 911 Turbo. In 1974, charge air cooling was also first introduced in the 917/10. In 1977, this technology then celebrated its premiere in the 911 Turbo 3.3. Further milestones in the development of turbo engines include sequential turbocharging with two consecutive chargers (for the first time in the 959), twin-turbo charging with two parallel chargers (for the first time in the 911 Turbo, type 993) and adjustable intake valves (for the first time in the 911 Turbo, type 996).

Porsche

Prezzi:

Benzina:

3.0 Twin-Turbo (370 CV):

Carrera: 100.362€

Carrera Cabriolet: 113.782€

3.0 Twin-Turbo PDK (370 CV):

Carrera: 103.961€

Carrera Cabriolet: 117.381€

3.0 Twin-Turbo (420 CV):

Carrera S: 114.880€

Carrera S Cabriolet: 128.300€

3.0 Twin-Turbo PDK (420 CV):

Carrera S: 118.479€

Carrera S Cabriolet: 131.899€

-----

Edited by Touareg 2.5

Share this post


Link to post
Share on other sites

devo dire che rispetto alle altre 2 il facelift è davvero apprezzabile......... :lol:

Comunque a me piace questa generazione di 911, anche pre-lift

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questa è turbo giusto?

speriamo che la maggiore compattezza del motore l'abbiano sfruttata per un accentramento dei pesi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Questa è turbo giusto?

speriamo che la maggiore compattezza del motore l'abbiano sfruttata per un accentramento dei pesi.

Il peso sarà concentrato nel baricentro... che però è stato spostato 20 cm dietro la coda dell'auto :lol:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Similar Content

    • By ale75
      Non sapevo dove scriverlo ,scusate se lo metto qui
      718 boxster/ cayman passeranno al 4.0 6 cilindri aspirato da 400 cv presto 
      Ci sarà una boxster 25 anniversario con i colori della prima da 450cv 
      La 718 gt4rs mi pare avrà 485cv 
       
    • By vpn
      Ebbene, questa è stata una delle giornate che, insieme al giorno in cui io e la mia ragazza ci siamo fidanzati, non credo che dimenticherò facilmente!
      Infatti... Stamane, 28 agosto, sono uscito di casa poichè sono andato a farmi la cartà d'identità, e mentre stavo facendo la strada per andare all'ufficio del Comune... Ebbene...
      Ho visto delle auto storiche, che non avevo mai visto prima nella realtà!
      Si, avevo visto delle immagini su Internet e nei film, ma a vederle dal vivo suscitano un fascino davvero fantastico... Un fascino che un'auto moderna non riesce a darti.
      La prima di queste è stata in una strada dietro casa mia, dove c'è un'officina e carrozzeria. Di solito, quando passo di là, capita di vedere a riparazione delle vecchie Fiat Tipo, 127, Ritmo prima serie, qualche Uno oppure delle Renault 4, ma questa volta...
      Parcheggiata vicino al marciapiede dell'officina c'era un'Alfa Romeo Giulia!
      Esattamente! Era una Giulia 1300 Super del 1970, bianca, con cerchi originali, neanche un filo di ruggine, praticamente era completamente restaurata! Sembrava nuova, ed aveva ancora il cellophane negli interni!
      Guardando quell'auto non ho potuto far altro che rimanere a bocca aperta. Il proprietario dell'auto, un signore anziano sulla settantina, era vicino all'auto che parlava con il meccanico dell'officina, delle peculiarità della sua "bambina", dello straordinario rombo del mitico 1.3 bicarburatore da 89cv, della trazione posteriore, i pilastri fondamentali di un'Alfa Romeo che si rispetti.
      E devo essere sincero, mentre guardavo quella Giulia, per un attimo, era come se ho fatto un salto indietro nel tempo di ben 39 anni: per un attimo mi sembrava essere tornato nel 1970, quando quest'auto straordinaria usciva dai cancelli della fabbrica di Arese, ed ho immaginato il momento in cui essa veniva assemblata, quando era messa sul banco di prova per testare il ruggito del motore bicarburatore, quando i sapienti maestri milanesi attaccavano lo stemma "Alfa Romeo -- Milano" sul trilobo dell'auto.
      Ed ho cominciato a pensare ai mitici film polizieschi italiani degli anni '70, quando la Polizia faceva inseguimenti mozzafiato a bordo delle loro Giulia, per inseguire i banditi che di solito correvano o con delle Citroen o con delle Fiat 125 o delle 128.
      Poi sono tornato in me, nel 2009, ed ho guardato quell'Alfa con un'aria di rispetto per una grande signora del passato, che con la sua estetica semplice ma cattiva, il rombo del suo motore e la sua velocità, atterriva tutte le rivali. Quando l'Alfa Romeo insegnava al mondo come si doveva realizzare un'auto dal Cuore Sportivo, l'opera d'arte di una casa automobilistica che è stata stuprata nella sua storia e nella sua maestria tecnica da parte di una dirigenza fallimentare, che per fortuna ora non c'è più.
      Purtroppo, ho dovuto proseguire per la mia strada, ma continuando il cammino per l'ufficio del comune, ho incrociato un'altra auto storica: la mitica Alfetta GT.
      Era di colore Rosso Alfa, come da tradizione, ed era precisamente una GTV V6, il mitico Busso...
      Aveva un rombo che definire "sinfonia" è riduttivo, ed uno scatto che difficilmente si può ritrovare su una vettura di oggi.
      Anch'essa era restaurata, ma parzialmente, dato che i cerchi erano un pò arrugginiti.
      Non ho potuto resistere a guardarla per tutto il tempo, prima che con velocità prendesse la curva per sparire nel nulla così com'era comparsa.
      -Accidenti!- ho pensato fra me e me. -Sembra quasi che queste auto passino apposta al mio passaggio!-
      E continuo per la mia strada.
      Arrivo all'ufficio del comune, arrivano anche i miei, sono pronto per realizzare la carta d'identità. Oramai, il prossimo 10 Ottobre c'è un grande passo da fare per me, dato che divento maggiorenne, divento un uomo.
      Finita l'attesa, il caldo dell'ufficio (inesistente il concetto di aria condizionata), esco per fare il ritorno a casa.
      Strada facendo, faccio i miei ultimi due incontri ravvicinati con auto storiche.
      Prima, vedo una Porsche 911 degli anni 70, con motore boxer raffreddato ad aria, e poi, mentre sono vicino casa, con la coda dell'occhio, noto qualcosa di particolare.
      Vedo una grossa berlina due volumi, di colore carta da zucchero. E' una due volumi piuttosto inconsueta, sembrava fosse degli anni 70. Non era in perfette condizioni, dato che la vernice della carrozzeria era opaca, e gli interni non stavano messi molto bene.
      I cerchi erano privi di coppette, e l'auto in generale, se poteva parlare, ne avrebbe avute tante da raccontare della sua vita (a giudicare dalle sue condizioni) piuttosto travagliata.
      Anche il rombo del motore di questa misteriosa auto sembrava mostrare segni di stanchezza e quasi di sforzo, proprio come se l'auto fosse "umana", come se fosse un vecchio signore avanti con gli anni, proprio come il suo proprietario.
      La guardo con più attenzione, e noto che quell'auto, nonostante le mediocri condizioni in cui era ridotta, non era la classica berlina a due volumi cinque porte che si vedeva tutti i giorni, negli anni '70.
      Ma bensì, quell'auto era niente di meno che... Una Lancia Beta Berlina. Proprio la prima Lancia che fu prodotta sotto l'egida della Fiat!
      Un tempo era la punta di diamante della casa di Chivasso, e vantava contenuti estremamente avanzati tecnologicamente rispetto alle sue rivali. Era insomma, il lusso fatto a quattro ruote. Il vero lusso italiano, che conservava ancora un fascino che oggi oramai si è perso, a causa della nostra perdita di fantasia, immaginazione, e anche a causa della progressiva standardizzazione ed americanizzazione della nostra società.
      Unico difetto? Non fu un'auto compresa nel nostro paese, poichè allora la carrozzeria due volumi non era molto considerata. Eppure, la versione berlina, così come la straordinaria Monte Carlo, e la HPE, aveva molto da dire.
      Ebbene, vedere le condizioni in cui quella Lancia storica era ridotta, stringerebbe il cuore a tutti gli appassionati, perchè al giorno d'oggi, queste auto non sono semplicemente dei pezzi di ferro con ruote, sospensioni e motore. Ma sono oggetti che hanno anima, come se fossero degli esseri viventi. Esse avevano personalità, carattere, una vita propria, che le automobili di adesso oramai hanno perso, diventando progressivamente degli elettrodomestici il cui unico vanto è solo la dimensione dei portalattine, dell'ASR, dell'ESP, dell'ABS e dell'EBD.
      E purtroppo mi rendo conto che in questi tempi moderni, la nostra società si è evoluta troppo in fretta, cambiando proprio come queste auto meravigliose, ed insieme ad esse, hanno perso qualsiasi forma di personalità, di unicità, di carattere e anima, che il nostro modo di fare e di pensare ha custodito fino alla fine degli anni '80.
      Per concludere? Questa giornata non credo che la dimenticherò facilmente. Il fascino che ti dà un'Alfa Romeo Giulia, una Beta berlina, una 911 raffreddata ad aria o una Alfetta GT, non riesce a dartelo nessuna auto dei giorni nostri. Infatti, dopo aver visto quella Giulia, sento una sensazione particolare in me. La sensazione di aver visto ed ammirato con rispetto, una bellissima Signora del Passato.


      ------------------------------------------------------------------------






      La Giulia che ho visto era una 1300 Super probabilmente del '70.
      Era bianca, praticamente identica a questa. Aveva persino il cellophane che proteggeva ancora i sedili ed i pannelli porta! L'anziano proprietario probabilmente è un grande Alfista appassionato della sua auto, dato che la chiamava "la sua bambina". E ci credo, ad avere un'auto così, come non si può trattarla come una figlia?
      Senz'altro questa è l'auto che più di tutte mi ha lasciato estasiato alla sua vista.

      La 911 invece era ferma, parcheggiata. Di colore beige, doveva essere dei primi anni 70. Una vera Porsche, con motore boxer raffreddato ad aria, montato a sbalzo al posteriore. Che dire, era una Porsche esclusiva, quando la casa di Zuffenhausen era realmente esclusiva.
      Altro che Cayenne, Panamera o 911 raffreddate ad acqua...

      Ahhhh, la GTV! Anch'essa una macchina fantastica. Rispetto alla Giulia di prima, questa non era in condizioni splendide, ma comunque era tenuta discretamente. A parte quello della Giulia, il rombo del Busso è una cosa indescrivibile! E' sinfonia pura!
      E la Fiat provò a sostituirlo con motori australiani, mah...

      Non l'ho riconosciuta immediatamente, anche perchè non l'avevo mai vista nella realtà, a parte la Fulvia e la Gamma. Ma sembrava quasi che l'anziano proprietario che la guidava non si rendesse conto dell'auto storica che aveva nelle sue mani. La straordinaria Beta Berlina. Era praticamente identica a questa, con fari quadrati, e dello stesso colore (esemplare importato dall'estero?), targa originale, quella quadrata in plastica nera degli anni '70. Molto probabilmente, a giudicare dalle condizioni terribili in cui era ridotta, l'anziano signore l'ha sempre usata come auto da battaglia, magari affrontando anche sterrati e mulattiere con essa.
      Che dire, a volte si ha un lingotto d'oro, ma certe volte non ci si rende conto di averlo...
      ------------------------------------------------------------------------
      A voi le considerazioni sull'esperienza che io ho fatto stamane...


×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.