Vai al contenuto

Messaggi Raccomandati

Buongiorno,

 

Mi rivolgo agli esperti di brand di Automobili per una brevissima ricerca di mercato, sono grato a chi mi risponderà (se possibile motivando la risposta).

Mi scuso con i Moderatori se non è la sezione del forum adatto:

 

Qui di seguito una lista di 8 caratteristiche che si possono combinare con un brand di automobili

 

1) Piacere di guida
2) Affidabilità
3) Consumi ridotti
4) Estetica
5) Sportività 
6) Livello tecnologico Delle soluzioni ingegneristiche
7) Livello tecnologico infotainment
8 ) Tenuta del prezzo sul mercato dell'usato

 

Dovreste abbinarmi 2 (non di meno non di più) caratteristiche con ognuno dei seguenti brand (possibilmente motivando)

 

Opel

Dodge

Alfa

Honda

Bmw

Toyota

Fiat

 

Grazie mille!

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Ecco qua:

 

Opel

7) Livello tecnologico infotainment --> non penso ad Opel se penso all'eccellenza nell'infotainment, ma mi sembra stiano cercando surfare l'onda nel segmento low-end (in competizione con i brand francesi); considerata la gamma attuale Opel, molto orientata su segmenti "urban" un infotainment superiore alla media è un must.

4) Estetica --> pur non essendo un fan del brand, apprezzo esteticamente diversi modelli recenti (Astra, Mokka, Zafira), quindi ritengo che a livello di design la ruota giri in maniera soddisfacente

 

Dodge

5) Sportività --> Dodge è uno dei modelli che meglio incarna la filosofia americana di sportività, ovvero tanti "muscoli". Nonostante non sia un fan della tipologia, la Challenger ha decisamente il suo fascino.

4) Estetica --> Conosco poco la gamma Dodge attuale, ma a parte la Dart (che potrebbe aver su qualunque brand), le gamme Charger/Challenger, ma anche Caliber/Journey sono facilmente riconoscibili e concettualmente ispirate alle storiche muscle car.

 

Alfa

1) Piacere di guida --> tradizionalmente sempre punto di attenzione delle soluzioni tecniche su ogni segmento (ne sono portabandiera Stelvio, Giulia e 4C nei rispettivi segmenti, ma anche MiTo e Giulietta in misura meno esasperata)

5) Sportività  --> abbastanza legato al punto precedente; come tratto distintivo menzionerei il recente ritorno del brand in F1

 

Honda

2) Affidabilità --> il motore V-TEC è da sempre uno spot di ingegneria di precisione ed affidabilità

6) Livello tecnologico Delle soluzioni ingegneristiche --> come sopra

 

Bmw

1) Piacere di guida --> anche se sta progressivamente perdendo peso a favore della seconda caratteristica, i segmenti di punta del brand continuano ad avere un'attenzione superiore alla media per le doti dinamiche della vettura; citerei ad esempio la reinterpretazione della Z4, trasformata con l'ultimo modello dall'essere una roadster da turismo ad una piccola sportiva  

7) Livello tecnologico infotainment --> il brand offre moltissimi contenuti di livello (per lo più come optional) e personalmente ritengo il sistema di navigazione BMW uno dei migliori e user-friendly in circolazione

 

Toyota

2) Affidabilità --> Toyota è sinonimo di qualità totale in tutto il mondo manifacturing nonostante i richiami per la non-qualità nella storia recente 

3) Consumi ridotti --> è il primo brand a cui penso se parliamo di ibrido e, nonostante il dibattito sulla convenienza o meno di questa alimentazione, la mia percezione è quella di un brand che sviluppa soluzioni tecniche con forte focus sull'efficienza energetica.

 

Fiat

8) Tenuta del prezzo sul mercato dell'usato --> il brand è ormai quasi del tutto identificabile con la gamma 5oo, che ritengo sia una delle più performanti in termini di mantenimento del valore nel tempo (con Panda outsider silenziosa)

4) Estetica --> anche qui, il brand 5oo la fa da padrone ma anche altri modelli della gamma attuale (Panda, 124 Spider) sono fortemente caratterizzati; un bel cambio di passo rispetto a quando le FIAT dovevano essere sopratutto pratiche lasciando le briciole al design (penso a Croma mk2, Stilo, Multipla)

  • Like! 2

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Grazie per la risposta, alcuni punti mi hanno anche sorpreso.

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Ok ragazzi, vi chiedo di non ammassarvi con le risposte, non vorrei mandare in Tilt il server di Autopareri.

 

Metto in palio un modellino di Giulia Sw 

  • Ahah! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

L'ho letto solo ora!

Appena ho un minuto scrivo le mie, dato che bramo il modellino della Giulia SW. :si:

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Inviato (modificato)

Opel

2) Affidabilità

8 ) Tenuta del prezzo sul mercato dell'usato

 

Dodge

nessuna delle proposte

 

Alfa

1) Piacere di guida

4) Estetica

 

Honda

2) Affidabilità
3) Consumi ridotti

 

BMW

1) Piacere di guida

7) Livello tecnologico infotainment

 

Toyota

2) Affidabilità

6) Livello tecnologico Delle soluzioni ingegneristiche (ibrido e idrogeno)

 

Fiat

3) Consumi ridotti
4) Estetica

Modificato da 4200blu
  • Grazie! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

1) Piacere di guida
2) Affidabilità
3) Consumi ridotti
4) Estetica
5) Sportività 
6) Livello tecnologico delle soluzioni ingegneristiche
7) Livello tecnologico infotainment
8 ) Tenuta del prezzo sul mercato dell'usato

 

Dovreste abbinarmi 2 (non di meno non di più) caratteristiche con ognuno dei seguenti brand (possibilmente motivando)

 

Opel

Niente, mi spiace, ma non riesco ad associare nulla di interessante ad Opel

 

Dodge

8 ) Tenuta del prezzo sul mercato dell'usato

In accezione negativa però. Qui in Italia le poche Dodge/Chrysler, si trovano a prezzi di saldo, assicurando un value for Money mostruoso. Sebbene nei modelli dell'era Cerberus siano stati dei catafalchi marcianti con qualità sotto i piedi.

Attualmente una Lancia Thema/Chrysler 300 è un'ottima stradista, con pochi noti problemi (risolvibili) ed un value for money assoluto.

 

Alfa

1) Piacere di guida
Bentornata Alfa Romeo. Tra Giulia e Stelvio, abbiamo due ottimi prodotti come piacere di guida, al pari della "veterana" BMW.

5) Sportività 
Anche nelle versioni più "soft" si può apprezzare un focus alla sportività. Quindi l'impronta dell'intero progetto a quello come punto focale, anche a scapito di altre zone.

 

Honda

3) Consumi ridotti
I motori Honda stanno riuscendo a sorprendermi abbastanza come campioni di consumi, sopratutto il 1.5 della Jazz ed il fu 2.2 Diesel o l'attuale 1.6 Diesel. Davvero degli ottimi motori con consumi irrisori.

5) Sportività 
Sebbene non sia al livello di BMW o di altri brand "sportivi", Honda è sempre stata focalizzata sulla sportività su alcuni suoi modelli. Vedere una Type-R o una Prelude Type-S è sempre un piacere. Anche se a volte esagerano troppo con i "ghirigori".

 

BMW

1) Piacere di guida

Anche se sta man mano scemando - su alcuni modelli - BMW è ancora una delle poche ad offrire un certo connubio di relazione uomo-macchina, incentrato al piacere di guida. 6 cilindri, TP, sterzi ancora di buona fattura nonostante siano elettrici ora.

7) Livello tecnologico infotainment

Pochi cazzi. La combo Magneti Marelli / HK su BMW da dei risultati strepitosi. Ci fai di tutto con il sistema ConnectedDrive ed è completamente interfacciato con Auto e Smartphone. A breve IoT.
 

 

Toyota

2) Affidabilità
L'affidabilità per Toyota, così come la parte lusso di LEXUS, è sempre stato un suo vanto. E le statistiche di tutto il mondo dei singoli enti indipendenti, lo confermano.

6) Livello tecnologico delle soluzioni ingegneristiche
Devo ammettere che fanno continua ricerca sull'ibrido sostenibile e sul modo di interscambiare le varie tecnologie.
 

Fiat

4) Estetica
Quando Fiat ci si mette, ti tira fuori dei guizzi estetici assolutamente innovativi per i segmenti in cui opera. Certo non parliamo di rivoluzione, ma siamo a pochi passi per capire la finezza di alcuni dettagli degli interni, come ad esempio è capitato su Panda o 500.

3) Consumi ridotti
Il 1.6 Mjet, così come i Fire sono dei campioni di consumi ridotti. Spero che anche con i futuri GSE ibridi potranno rimarcare il tutto.

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Interessante come alcune marche hanno identità a quanto pare molto piu definite di altre

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

L'accademia della crusca, afferma che se ne potrebbe fare a meno di utilizzare "brand" al posto di "marchio", in quanto definito "prestito di lusso".

Cita

 

L’intercambiabilità con il nuovo senso di marchio ci fa dire (adottando un atteggiamento leggermente semplificatorio) che brand non è dunque un prestito di necessità, ma un prestito di lusso, cioè un termine straniero di cui sarebbe possibile fare a meno, che viene adottato non perché non abbiamo altro modo di esprimere il suo denotato, ma per i suoi elementi connotativi – in questo caso per l’alone di prestigio e di modernità che gli conferisce il provenire dalla lingua dominante delle transazioni economiche e commerciali.

Al pari di ogni prestito, brand, in quanto nuova parola italiana, è accessibile al processo morfologico della derivazione. Come da sport si può formare sportivo e da computer si può derivare computerizzare, da brand si può fare brandizzare, e da questo brandizzazione. Chi per i motivi sopra detti consideri poco necessario il ricorso a brand potrà osservare che perfino meno opportuna sembra la scelta di trarne anche dei derivati. Ma si rifletta che se al posto di brand possiamo usare marchio, non esiste invece un *marchizzare che sostituisca brandizzarenel senso di ‘dotare un prodotto di caratteristiche ed elementi di accompagnamento che lo rendano riconoscibile ecc.’; quindi paradossalmente brandizzare sembra essere un prestito di necessità; o almeno, più necessario della base da cui è derivato.

 

http://www.accademiadellacrusca.it/it/lingua-italiana/consulenza-linguistica/domande-risposte/risposta-brandizzata

Detto ciò, credo non sia il caso di scaldarsi così tanto, per l'utilizzo di un vocabolo inglese, in un contesto italiano, se ha raggiunto l'obiettivo di comunicazione preposto.

È da apprezzarsi più che altro la buona volontà di sforzarsi nello scrivere in italiano, anziché far notare - magari anche con altri termini - che si potesse utilizzare "marchio" al posto di "brand". ;)

  • Like! 2

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Polemica segata. Lascio il messaggio di Beck come informazione generale.

Se avete dei dissidi segnalateli invece di litigare in pubblico, che poi le pulizie le dobbiamo fare noi...

Torniamo IT.

  • Like! 2
  • Grazie! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.