Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuti su Autopareri! La community italiana che dal 2003 riunisce gli appassionati di automobili e di motori

Recommended Posts

non capisco cosa c'è da capire. :-)

hai una base su cui puoi mettere dal 1.4 60CV a motoroni V6, hai bisogno chiaramente di quanti più modelli per giustificare l'alto e il basso di gamma. Diversifichi al massimo. Con la berlina e la hatch il gioco era più facile. Con la SW, o ne fai due diverse sulla stessa base (Marea/Lybra, per es.) oppure risparmi e cerchi di differenziare con poco in modo da aumentare i margini. Scelsero la seconda, anche perché sapevano che dove arrivava Bora cominciava la gettonatissima Passat.

Fine.

  • I Like! 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, slego scrive:

la cosa che dicevo io è che - a differenza delle precedenti versioni che erano in tutto e per tutto delle Golf con la coda - con la Bora per la prima volta hanno voluto creare una sedan che fosse quanto meno possibile somigliante a una Golf (e fortemente ispirata alla Passat), tanto che le due berline in comune (parlando di carrozzeria) avevano solo le portiere anteriori e il parabrezza.

poi con le due sw hanno di fatto annullato questo sforzo, avendole fatte identiche a parte il frontale.

 

Vero è che con la Bora hanno accentuato di più il discorso diversificazione per quanto riguarda le berline. Ma dire tout court che le varie serie della Jetta/Vento fossero soltanto delle Golf con la coda trovo che sia un po' una semplificazione che mi convince solo in parte. In primo luogo perchè ogni Jetta/Vento ha sempre avuto un frontale che in qualche modo si differenziava abbastanza nettamente dalla Golf corrispondente, non so se anche in termini di lamierati ma di sicuro alle voci fanaleria/maschera; in secondo luogo perchè senza coda e con la coda le due auto assumevano ciascuna una propria filosofia e una personalità totalmente differenti l'una dall'altra.

 

Un po' come ai tempi era con Delta/Prisma, giusto per citare un esempio: due diverse facce della stessa medaglia, ma con stili, personalità e credo anche clientela d'elezione ben diversi.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
56 minuti fa, Mazinga76 scrive:

Vero è che con la Bora hanno accentuato di più il discorso diversificazione per quanto riguarda le berline. Ma dire tout court che le varie serie della Jetta/Vento fossero soltanto delle Golf con la coda trovo che sia un po' una semplificazione che mi convince solo in parte. In primo luogo perchè ogni Jetta/Vento ha sempre avuto un frontale che in qualche modo si differenziava abbastanza nettamente dalla Golf corrispondente, non so se anche in termini di lamierati ma di sicuro alle voci fanaleria/maschera; in secondo luogo perchè senza coda e con la coda le due auto assumevano ciascuna una propria filosofia e una personalità totalmente differenti l'una dall'altra.

 

le vecchie Jetta/Vento differivano dalla Golf solo per fari e mascherina, oltre che per la coda ovviamente. avevano persino lo stesso identico giroporte della Golf, di cui erano dichiaratamente la versione tre volumi. ovvio che si rivolgessero a un target diverso - diciamo clientela più tradizionalista e meno giovane - ma la fascia di mercato (e prezzo) era grossomodo la stessa.

 

con Bora hanno spostato l'asticella: partiva da un posizionamento più alto, cercava una sua identità autonoma, costava decisamente di più della Golf e si proponeva come auto di una (mezza) categoria superiore. e in effetti vista dal vero - e pure salendo a bordo - era quella l'impressione che dava.

 

comunque sono spippolamneti miei, eh? possiamo chiuderla qui :)

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, slego scrive:

 

le vecchie Jetta/Vento differivano dalla Golf solo per fari e mascherina, oltre che per la coda ovviamente. avevano persino lo stesso identico giroporte della Golf, di cui erano dichiaratamente la versione tre volumi. ovvio che si rivolgessero a un target diverso - diciamo clientela più tradizionalista e meno giovane - ma la fascia di mercato (e prezzo) era grossomodo la stessa.

 

con Bora hanno spostato l'asticella: partiva da un posizionamento più alto, cercava una sua identità autonoma, costava decisamente di più della Golf e si proponeva come auto di una (mezza) categoria superiore. e in effetti vista dal vero - e pure salendo a bordo - era quella l'impressione che dava.

 

comunque sono spippolamneti miei, eh? possiamo chiuderla qui :)

 

 

Sono d'accordo, con Bora hanno cercato di alzare l'asticella.

Forse era la macchina giusta, perche' secondo me era bella esteticamente e qualitativamente davvero fatta bene, ma al momento sbagliato (ossia quando hanno fatto la migliore Golf, la 4, e la migliore Passat della storia) e al prezzo sbagliato (troppo vicino a Passat, che all'epoca, va ricordato, non era una Golf allungata, ma una A4 sotto mentite spoglie).


"All truth passes through three stages. First, it is ridiculed, second it is violently opposed, and third, it is accepted as self-evident." (Arthur Schopenhauer)

65540b21bc9c02fae8a50143b3dfab8c.jpg

Automobili

Volkswagen Scirocco 1.4 TSI 160cv Viper Green (venduta)

BMW M4 DKG Competition Package 450cv Sapphire Black

Share this post


Link to post
Share on other sites

caso vuole che ne abbia incontrata una oggi per strada (avvistamento raro, direi): una Bora Variant 1.6 del 2002, verde bottiglia con interni chiari, ben tenuta e guidata da un tizio anzianotto.

devo dire che fa ancora la sua bella figura.

certo che all'epoca aveva una certa presenza, mentre oggi m'è sembrata davvero piccoletta.

Share this post


Link to post
Share on other sites
On 21/5/2020 at 11:06, v13 scrive:

non capisco cosa c'è da capire. :-)

hai una base su cui puoi mettere dal 1.4 60CV a motoroni V6, hai bisogno chiaramente di quanti più modelli per giustificare l'alto e il basso di gamma. Diversifichi al massimo. Con la berlina e la hatch il gioco era più facile. Con la SW, o ne fai due diverse sulla stessa base (Marea/Lybra, per es.) oppure risparmi e cerchi di differenziare con poco in modo da aumentare i margini. Scelsero la seconda, anche perché sapevano che dove arrivava Bora cominciava la gettonatissima Passat.

Fine.

Marea e Lybra erano su due basi diverse e non condividevano nulla se non qualche motorizzazione 

Lybra aveva il pianale di 156 con sospensioni diverse.

 

  • I Like! 1

Archepensevoli spanciasentire Socing.

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 hour ago, stev66 said:

Marea e Lybra erano su due basi diverse e non condividevano nulla se non qualche motorizzazione 

Lybra aveva il pianale di 156 con sospensioni diverse.

 

 

chissà perché mi sono confuso visto che avevo in mente il progetto Tipo, quindi Tempra/Dedra.
Ad ogni modo mettete l'esempio che volete

Share this post


Link to post
Share on other sites
On 21/5/2020 at 10:02, slego scrive:

 

queste erano una cosa diversa.

100/200 non avevano la pretesa di essere due auto ben distinte: erano chiaramente le versioni per così dire "barbon/premium" della stessa auto, così come 80/90.

un po' come faceva Volvo con le sue 240/260, 740/760, ecc.

 

la cosa che dicevo io è che - a differenza delle precedenti versioni che erano in tutto e per tutto delle Golf con la coda - con la Bora per la prima volta hanno voluto creare una sedan che fosse quanto meno possibile somigliante a una Golf (e fortemente ispirata alla Passat), tanto che le due berline in comune (parlando di carrozzeria) avevano solo le portiere anteriori e il parabrezza.

poi con le due sw hanno di fatto annullato questo sforzo, avendole fatte identiche a parte il frontale.

 

aggiungo che per me delle due quella "sbaglaita" era la Golf, dato che il posteriore riprendeva chiaramente il design della Passat Variant ed era quindi del tutto coerente con lo stile Bora, mentre non c'entrava niente con quello della Golf.

 

La Bora era fatta prima di tutto per il mercato americano dove la Jetta ha sempre venduto bene come golf 3 volumi. Questa volta hanno cercato di differenziarla anche negli interni facendo versioni imborghesite. La Bora Sw alla fine l'hanno fatta cambiando 2 fari e una mascherina e 4 poggiatesta alla Golf Variant e facendo rivestimenti un po' più carini. Semplicemente perché avevano già tutti i pezzi in casa per farla.


 

"Beato chi non s'aspetta nulla, perché non sarà mai deluso"

 

Alexander Pope

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Similar Content

    • By MotorPassion
      Volkswagen presenta la nuova Tiguan 2020: la cosa che subito balza all'occhio sono i nuovi fari, ora più stretti , sulla scia dell'ottava generazione della Golf, con una nuova luce a LED che si integra visivamente con le nuove strisce di griglia più sottili. I fari, con tecnologia opzionale Matrix LED "IQ Light" , presentano anche l'appendice che si estende alle alette anteriori , un dettaglio ereditato dalla Volkswagen T6.1 Bulli.
      Il paraurti dispone anche un nuovo design e le aperture laterali a forma di "C" possono essere o in tinta con la carrozzeria o nere con l'allestimento R-Line Sport.
      Dietro, la Volkswagen mantiene la forma originale dei gruppi ottici, anche se lancia una nuova firma luminosa grazie all'utilizzo di fari con tecnologia LED standard.
      Il nome del modello è stato spostato , ora sotto il logo e il design sul lato inferiore del paraurti, con falsi scarichi integrati nel paraurti.
      All'interno, presenta anche importanti innovazioni: il quadro strumenti digitale è di 10 pollici (optional), il volante ha un nuovo design, più sportivo ed i suoi comandi multifunzione sono ora tattili. Il touchscreen nella console centrale è nuovo, 6,5 pollici di serie , proprio come i controlli per il sistema di climatizzazione.
      Anche l'onere tecnologico fa un salto importante. Serie, ha assistenti di guida avanzati "Lane Assist" di manutenzione sulla rotaia e sorveglianza della telecamera anteriore "Front Assist" . Come opzione, la nuova funzione "Travel Assist" , insieme al controllo automatico della velocità di crociera ACC, l'assistente per l' arresto di emergenza e l'illuminazione anteriore "IQ Light" con indicatori di direzione posteriori dinamici.
       
      Gli allestimenti sono organizzati in quattro livelli: Tiguan, Life, Elegance e R-Line , con un estratto più dettagliato di seguito
       
      TIGUAN
      Fari a LED Sistema di protezione proattiva degli occupanti Front Assist Volante multifunzione Sistema di intrattenimento informativo touchscreen da 6,5 pollici Servizi di connettività We Connect e We Connect Plus  
      LIFE (aggiunge alla precedente)
      Assistenza luce per abbaglianti Active Cruise Control ACC Barra del tetto longitudinale Climatronic climatizzatore automatico Cerchi in alluminio da 17 pollici  
      R-LINE (aggiunge alla precedente)
      Luci a matrice di LED IQ.LIGHT Quadro strumenti da 10 pollici Digital Cockpit Illuminazione ambientale regolabile multicolore Pacchetto invernale (volante riscaldato)  
      ELEGANCE (aggiunge alla precedente)
      Baule con apertura e chiusura elettriche Barra del tetto longitudinale verniciata in argento anodizzato  
      Nella connettività, ha due nuove porte USB-C, una connessione wireless con Apple CarPlay e i servizi forniti da "Volkswagen We Connect" gratuitamente, oltre a opzioni interessanti come l'illuminazione ambientale con colori diversi che si estendono attraverso i pannelli delle porte o un sistema audio surround Harman Kardon con 10 altoparlanti e quattro modalità di impostazione.
       
      In vendita dopo l'estate e con consegne programmate entro la fine dell'anno, anche la gamma motori è stata ottimizzata per essere più efficiente. L'offerta diesel è soggetta al nuovo motore 2.0 TDI Evo, con potenze da 115 a 190 CV, e con il doppio sistema di dosaggio AdBlue per ridurre le emissioni di azoto, mentre i motori a ciclo otto sono dotati della tecnologia eTSI a 48 Volt.
       
      A questi si aggiunge la declinazione PHEV che Volkswagen definisce eHybrid.
      Esternamente presenta tutte le novità della Tiguan "convenzionale", ma il design del paraurti anteriore  presenta prese d'aria più piccole alle estremità e un centro trapezoidale più allungato, sormontato da una lunetta in alluminio satinato nella parte inferiore.
      Ovviamente, è presente lo sportello anteriore per la presa di ricarica della batteria con capacità di 13 kWh ed aziona un motore elettrico da 110 CV che si abbina al 4 cilindri 1.4 TSI da 155 CV, ottenendo una potenza combinata di 245 CV che vengono scaricati al suolo attraverso la trasmissione automatica a 6 rapporti DSG. L'autonomia in modalità solo elettrica è pari a 50 km secondo ciclo WLTP.
       
      Al top di gamma, abbiamo la Tiguan R
      Rispetto ai precedenti allestimenti, la Tiguan R presenta un paraurti anteriore con il rivestimento delle prese d'aria laterali nero lucido e le calotte degli specchietti sono in alluminio satinato.
       
      I cerchi in lega standard sono 21 pollici , nel design "Estoril" , con le pinze dei freni dipinte di blu in vista. Sul retro presenta lo stesso nuovo design della grafica leggera delle luci. Rispetto alle versioni normali della nuova Tiguan , si differenzia per il fatto che, sotto il logo, presenta la lettera "R" invece del nome del modello. Solo il paraurti posteriore è diverso, con un diffusore integrato e quattro uscite di scarico.
       
      All'interno la grafica del Virtual Cockpit è specifica con il logo "R" in evidenza e la colorazione di base blu e sul volante è presente il pulsante "R" che seleziona la modalità "Race".
      Il motore è 2.0 litri TSI da 320 CV abbinato al cambio a doppia frizione a 7 rapporti.
      Per i più audaci, viene offerta la possibilità di montare un sistema di scarico firmato da Akrapovič . Sul lato dinamico, il sistema di trazione integrale 4Motion aggiunge una funzione di distribuzione della coppia variabile tra i due assi e tra le ruote posteriori sinistra e destra.
      Inoltre, ha un selettore della modalità di guida, con 7 possibili configurazioni, "Comfort", "Sport", "Offroad", "Snow", "Offroad Individual", "Individual" e "Race" , questo può essere attivato dal console di trasmissione.
      Il sistema di smorzamento adattivo, anch'esso standard, ora riduce l'altezza del corpo di 10 millimetri e, nella modalità "Race" più aggressiva, il conducente può ottenere le sensazioni più estreme disconnettendo completamente il aiuti alla guida come il controllo della trazione.
       
      Topic Spy ➡️ Clicca qui!
       
      Volkswagen Tiguan R-LINE




       


       
      Volkswagen Tiguan R






       
      Volkswagen Tiguan eHybrid


       
       
       
       
      Penso si possa già girare la discussione nella sezione Presentazioni. La cartella stampa ufficiale uscirà domani. 
       
      E qui in video:
       
       
    • By Beckervdo
      La versione base ha un motore da 2.0 litri TDI da 90 CV. Inoltre, troviamo altre tre configurazioni  con 110, 150 e 199 CV rispettivamente. Per inciso, Volkswagen ha progettato un modello elettrico insieme ad ABT, che eroga 112 CV. Il sistema elettrico è associato ad un pacco batteria da 77,6 kWh che gli garantisce un'autonomia di 400 chilometri, ma secondo ciclo NEDC, quindi nel ciclo reale sarà minore.

    • By MotorPassion
      Via Volkswagen
       
      _________________________________________________________
      Topic spy ➡️ Clicca qui!
      _________________________________________________________


×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.