Vai al contenuto
Autopareri news
  • Buon 2019 da Autopareri e Benvenuti sul nuovo tema grafico! Scegli il tuo tema preferito in fondo alla pagina: chiaro (light) o scuro (dark).

Messaggi Raccomandati

Cari amici, come vi avevo annunciato in questo topic:

 

autopareri.com/forums/topic/62681-parere-su-berlina-usata

 

per esigenze familiari (arrivo bebè) a Febbraio ho dovuto vendere la mia amata SLK. Dopo 6 mesi di inaspettata e interminabile agonia e dopo innumerevoli test drive di oltre 20 vetture tra cabrio, berline, SUV e hatchback, finalmente ho trovato una sostituta: Audi A5 Sportback 2.0 TDI 177 CV del 2013, 60.000 Km certificati, facente parte del programma “Audi Prima Scelta Plus” con 4 anni di garanzia.

 

ESTERNI

La A5 SPB MK1 restyling a mio parere è la più bella segmento D (forse seconda solo alla Giulia). Il color “Blu Luna Metalizzato” è particolare e cangiante, talora verso il nero, talora verso il viola o il grigio. Completano l’insieme le minigonne del pack S-Line associate a cerchi da 17 appena gommati con Pirelli PZero. L’unico neo estetico di questa vettura è il fatto che le ruote posteriori non sono a filo carrozzeria; per risolverlo ci vorrebbero cerchi almeno da 18 se non da 19 con il giusto ET.

DSC_0111.jpg

DSC_0112.jpg

DSC_0113.jpg

DSC_0114.jpg

 

INTERNI

La qualità percepita è alta. Buoni i materiali e assemblaggi impeccabili. Ma non mancano le magagne, per esempio la plastica in metalluro che circonda il quadro strumenti, il pulsante dell’hazard o i supporti delle alette parasole che si sono già rotti. Molto belli invece i sedili sportivi, dotati di regolazioni elettriche e lombari, in pelle nera che però fa morire di caldo.

DSC_0117.jpg

 

DOTAZIONE DI SERIE

Abbiamo configurazione a 5 posti, inserti in radica di noce, xenon con led anteriori e posteriori, clima trizona, navigatore MMI Plus, sensori di parcheggio anteriori e posteriori con retrocamera, fari e tergi automatici, specchi ripiegabili, cruise adattivo con lane assist e brake warning e altre minchiate come pack luci, S-Line exterior, pack portaoggetti etc etc. Il sistema di parcheggio è comodissimo (grazie anche al diametro di sterzata ridotto, riesco a piazzare questa balena di 4.70m dove voglio), il cruise adattivo al momento mi sembra cervellotico. L’esemplare è sì ben dotato ma alla fine gli accessori realmente utili sono davvero pochi, e mancano l’hill holder (davvero grave) e il sensore di pressione pneumatici, il che è inammissibile per un'auto che da nuova, probabilmente sarà costata oltre 55.000 euro

DSC_0116.jpg

 

ABITABILITA

Ti ritrovi lo spazio e il bagagliaio di una station in un abito da coupè. Lo spazio davanti e dietro non manca e il bagagliaio è immenso e rivestito con cura. La macchina, nonostante sia molto bassa, è comoda per portare in giro il pargolo (le porte posteriori sono ampie e si aprono parecchio) e tutte le sue cianfusaglie. Promossa a pieni voti!

 

PLANCIA E COMANDI

Buona la posizione di guida benchè non si riesca a "scendere in basso" come su BMW. Ottimi i comandi vocali, il già citato park assist, il funzionamento del telefono (benchè la connessione Bluetooth sia un po' lenta), la gestione dei file multimediali. Discutibile la logica di funzionamento del sistema MMI. In primis, trovo folle l’abuso di tasti dislocati tra volante, piantone e tunnel: fa distrarre in continuazione e non è immediato trovare subito la funzione che serve. La logica dei menù di navigazione è bizzarra, con la manopola che gira in senso antiorario e il joystick (che sarebbe utilissimo per navigare tra le varie funzioni senza distogliere lo sguardo dalla strada) utilizzabile solo in modalità navigazione! Il tasto accensione/volume/fast forward/rewind a destra del cambio è scomodo. Il navigatore è privo di collegamento online e urge di un aggiornamento mappe. Ultima considerazione sui comandi al volante e su quelli del clima, anch’essi poco intuitivi perché ti costringono spesso a svolgere due o tre sequenze di comandi (es. per direzionare flussi dell’aria) quando in altre auto sarebbe sufficiente una sola operazione. In conclusione, posso sostenere che questa curiosa ergonomia dei comandi secondari è un ottimo invito a distogliere lo sguardo dalla strada e a distrarsi.

 

SU STRADA

Ecco, qui abbiamo luci ma anche qualche ombra. Dal 2008 non guidavo un cagafumo e devo ammettere che il diesel non mi mancava affatto (avrei volentieri ripiegato su un benzina, a trovarlo). Il motore va bene, spinge il giusto, in maniera regolare, senza darti però grosse emozioni. Il turbo inizia a farsi sentire piuttosto in basso, attorno ai 1400, per garantire poi una risposta pronta e decisa nella fascia di maggiore utilizzo, fra i 2000 e i 3000. Ho scelto il cambio manuale anche per le pessime recensioni del multitronic (ma anche il cambio s-tronic comunque non sembra riuscitissimo per affidabilità). Buona la manovrabilità, tranne per la retro; le sei marce sono correttamente spaziate e questo garantisce una buona ripresa. Frizione pesante. Consumi in atto non eccezionali, ma da verificare meglio.

Anche la trazione anteriore non mi mancava affatto… devo condividere in parte le perplessità di Wilhem 275. Da quanto ho potuto capire, la A5 SPB deriva dalla A4 avant, con allargamento delle carreggiate e sospensioni ad hoc. La macchina nel complesso va bene, è abbastanza piantata a terra complice anche un assetto molto (o troppo) rigido; forse i cerchi da 17 in termini di confort sono un vantaggio rispetto a gommature più estreme. Lo sterzo è diretto, quasi ai limiti dell’impeccabile per precisione e progressività; leggero a basse velocità offre poi un’eccellente sensazione del contatto con la strada sebbene a volte fornisce qualche reazione fastidiosa in presenza di sconnessioni del fondo stradale. Purtroppo trasmette molto anche quella sensazione odiosa di carico di coppia motrice sull’asse anteriore. Sicuramente la configurazione longitudinale a sbalzo unita a un bilanciamento del peso un pò eccessivo all’anteriore non aiuta da questo punto di vista. D'altronde volevo prenderla a trazione integrale ma non sono riuscito a trovarne una ad un prezzo ragionevole; non so se con la trazione integrale ci sia in effetti un grosso miglioramento nel cosiddetto “piacere di guida” (miglior bilanciamento peso?) dato che nei forum audi le opinioni non sono chiare. Intendiamoci, la macchina va bene, però non ti trasmette quel piacere o quella sicurezza totale che hai su Giulia e (forse) su 3er.

 

CONCLUSIONI

Sono molto soddisfatto: l’auto mi piace ed anche apprezzata ed ammirata da chiunque la vede. E’ spaziosa e versatile pur avendo un look sportivo ed adatto una persona sotto i 40 anni. Da guidare è piacevole anche se le doti dinamiche, pur da non disprezzare, non sono all’altezza della linea e delle altre qualità. Diciamo che lo stato di necessità (per nuove esigenze lavorative non potevo più procrastinare l'acquisto) non mi ha permesso di poter arrivare ad una quattro S-tronic, che forse sarebbe stata la quadratura del cerchio, ma comunque ho avuto la fortuna di trovare un esemplare ben accessoriato e, soprattutto, con 4 anni di garanzia della casa madre.

 

Pregi

- linea

- versatilità

- dotazione di serie (quantomeno il mio esemplare)

- cambio (ad eccezione dell'inneso della retro)

- qualità percepita

 

Difetti

- Reazioni talora brusche dello sterzo

- Assetto troppo rigido

- Ergonomia di alcuni comandi

- frizione pesante

Modificato da Lagarith
problemi di visualizzazione immagini con tapatalk
  • Like! 6
  • Grazie! 2

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Bellissima recensione. 

Però mi vien da pensare, leggendoti, che su strada ti saresti trovato meglio con una giulia. Sia come handling che come confort a parità di cerchio. 

Resta il fatto che ti sei portato a casa una signora macchina (come dici tu da oltre 50 sacchi) e se hai spuntato un buon prezzo... Pure meglio :D

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Bellissima recensione. 
Però mi vien da pensare, leggendoti, che su strada ti saresti trovato meglio con una giulia. Sia come handling che come confort a parità di cerchio. 
Resta il fatto che ti sei portato a casa una signora macchina (come dici tu da oltre 50 sacchi) e se hai spuntato un buon prezzo... Pure meglio

Ciao,
Sicuramente la Giulia sarebbe stata la quadratura del cerchio tranne per il discorso bagagliaio, dove mi sono reso conto che non posso fare a meno del portellone e dei sedili abbattibili.

L'altra seria candidata era Giulietta, di cui ho apprezzato molto le doti dinamiche pur non essendo convinto della linea e degli interni.

Quando oramai avevo quasi concluso per una Giulietta 2.0 JTDm-2 170 TCT, ho beccato questa A5 per cui ho chiuso a 24.000 compreso passaggio.

Considerato lo stato del veicolo, gli accessori, la garanzia e i prezzi a cui si trova in genere questo modello usato, penso di aver fatto un buon affare
  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

allora cari amici, riaggiorno il topic dopo 3 mesi e quasi 5000 km di utilizzo:

INTERNI
Rimane sempre la sensazione di grande qualità percepita ma ho notato che i rivestimenti in radica sono delicati e rischiano di graffiarsi facilmente. Per quanto riguarda la posizione di guida, nonostante le numerose regolazioni elettriche e il supporto lombare, devo ammettere che non sono riuscito ancora a trovare "la mia posizione". In pratica se trovo la posizione più comoda come seduta ho poi problemi con il volante perchè o sbatto con le ginocchia sul piantone entrando ed uscendo (talora attivando involontariamente il cruise control), oppure alzo il volante ma non riesco a vedere la parte inferiore del display (quella che mostra la marcia inserita). Ho notato altresì che i tasti per i vetri elettrici sono un pò troppo arretrati e alle volte sbaglio a premere. Per quanto riguarda i sedili, mi è venuta per un momento in mente l'idea di far rivestire la parte centrale in alcantara nera per renderli più traspiranti... che dite una grossa cappellata?

PLANCIA E COMANDI
Ecco, questa è la nota più dolente... è un sistema progettato esclusivamente per far distrarre il conducente. Ad esempio mi chiedo ancora come abbiano potuto collocare gli slot SD e CD in alto e il clima in basso, che peraltro che ha comandi davvero cervellotici e ti costringe inevitabilmente a distogliere lo sguardo dalla strada per regolarlo. Discutibile la logica di funzionamento del computer di bordo, con i comandi sparsi tra volante e leva dei tergicristalli. Anche i comandi al volante sono assurdi: sono "indipendenti" rispetto al display centrale del MMI, non funzionano a motore spento, e quindi anche un'operazione semplice come cambiare traccia audio richiede due passaggi. Manca inoltre sul volante il tasto "back" per annullare i comandi vocali o andare al livello superiore di una cartella. Infine, il comando del cruise è in una posizione infelice; nella mercedes è in alto a sx e ti permette di azionarlo e controllarlo pur mantenendo la classica posizione delle 10.10 al volante. Fortunatamente ho risolto le difficoltà che avevo con il freno a mano elettrico (che peraltro è rumoroso in inserimento) dopo che ho scoperto la modalità automatica di disattivazione che funge anche da hill holder se necessario

ACCESSORI
Davvero impensabile a mio parere acquistare quest'auto senza sensori e telecamera posteriore (che fortunatamente io ho). Per il resto ho apprezzato il cruise adattativo e la frenata automatica. Il lane assist lo uso solo se sono molto stanco perchè mi pare troppo invasivo. Per il resto non posso non confermare la bontà della dotazione di serie già espressa in precedenza.

SU STRADA
Mi dispiace dirlo ma mi manca... la trazione integrale. Il telaio mi da la sensazione che 177 cv solo sull'anteriore siano troppi. intendiamoci non parliamo di nulla estremamente critico e delicato, ma le reazioni di coppia al pur ottimo sterzo sono abbastanza fastidiose e il peso all'avantreno si sente nella precisione di inserimento in curva e nella capacità di "pennellare" le traiettorie. Se devo fare un paragone femminile, questa A5 SPB è una bella donna, sessualmente potente, ma che in qualche modo ti lascia sempre la sensazione/paura che prima o poi potrebbe tradirti. Il che non ti permette di fidarti al 100% e quindi di godertela a fondo nella guida. Confermo che il cambio è ottimo, ma l' S-Tronic sarebbe stato la quadratura del cerchio.

In conclusione confermo le impressioni positive della prima recensione che non vengono certo inficiate troppo da queste valutazioni in corso d'opera. Rimango comunque soddisfatto dell'acquisto che in atto concilia abbastanza bene le mie esigenze di un'auto con design e velleità sportive ma adatta alla famiglia e con un buon bagagliaio. L'unica alternativa sarebbe stata la Serie 4 Gran Coupè ma era fuori budget. se fosse esistita una giulia fastback...

  • Like! 2

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Ciao a tutti,

riaggiorno dopo 8 mesi la discussione. Sono arrivato a quasi 15.000 km dall'acquisto

 

IMG_20180510_104540.jpg

IMG_20180510_104610.jpg

 

La grossa novità è che da 5000km ho cambiato i 17 con i cerchi 18 S-Line originali (prodotti da Ronal) passando dall'indegna misura 225/50/17  ai 245/40/18 con Yokohama advan sport. Ora io non sono fissato con le gomme e cerchi, in origine volevo proprio i 17 cause strade siciliane di merda, ma mi devo ricredere. L'estetica della macchina è migliorata notevolmente, soprattutto al posteriore dove adesso le ruote sono quasi a filo. Ma il grosso miglioramento a mio parere è a livello dinamico... sento la macchina più piantata, stabile ma anche più maneggevole, sento ridotto anche il sottosterzo. La sensazione è che con i 225/50/17  fosse decisamente sottogommata. Aggiungo altresi che queste yokohama sono gomme eccezionali.

Magari sono sensazioni mie, ma mi sembra di guidare un'altra auto.

 

Per quanto riguarda il resto, confermo le note positive su:

- sterzo

- cambio

- park distance control

- bagagliaio

- Active cruise control

- estetica

 

Invece sul versante negativo:

- reazione di coppia al volante, troppo fastidiose (ci voleva la trazione quattro, cacchio!)

- ergonomia di alcuni comandi

- aggiungo altresì lo spazio interno, ad un uso più intenso si è rivelato un'pò deludente, soprattutto in relazione alle dimensioni esterne.

 

I due grandi rimpianti che ho su questa vettura sono la mancanza della trazione Quattro e del cambio automatico, però alla fine pazienza, significa che mi godrò un giorno ancora di più lo ZF su Giulia o Stelvio

 

  • Like! 2

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

auto molto bella e bellissimo colore.

se posso, vero che per "riempire" la macchina ci vogliono cerchi da 18", ma quelli che monti non mi piacciono, sembrano più piccoli di quello che sono.

immagino il 177cv vada piuttosto forte.

 

posso chiederti quanto l'hai pagata con 60mila km e di che anno è?

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

a livello di comodità dei sedili? quando fai lunghi viaggi son comodi?

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social



auto molto bella e bellissimo colore.
se posso, vero che per "riempire" la macchina ci vogliono cerchi da 18", ma quelli che monti non mi piacciono, sembrano più piccoli di quello che sono.
immagino il 177cv vada piuttosto forte.
 
posso chiederti quanto l'hai pagata con 60mila km e di che anno è?


Ciao,
Sui cerchi avevo le stesse tue perplessità ma ti assicuro che dal vivo fanno tutt'altro effetto e il design è semplice e sportivo. Purtroppo la a5 spb, benché sia oggettivamente una bella vettura, ha qualche problema con le carreggiate e gli unici cerchi perfetti in termini di design sono i 19, i 18 sono um compromesso, i 17 un disastro da tutti i punti di vista.

Il 177 cv mi ha un po' deluso, peraltro la mancanza dell'audi drive select lo penalizza perché dicono che in modalità sport sia bello rabbioso. La quadratura del cerchio sarebbe 3.0 tdi a 6 cilindri.

L'auto è 2013 e l'ho pagata 24.000 compreso passaggio e 4 anni di garanzia

a livello di comodità dei sedili? quando fai lunghi viaggi son comodi?
Si nel complesso sono comodi (io ho anche la regolazione lombare) il problema è che non sono riuscito a trovare la posizione ideale perché sbatto con le gionocchia sul piantone, quindi alzo il piantone ma non riesco a leggere bene le ultime due righe del cdb, allora allontano il sedile ma la corsa della frizione è lunga e sento tirare la gamba.

Magari il problema è mio, non sono mai riuscito a trovare la posizione ideale in nessuna auto...
  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Avuta ance io ma con automatico, per me bellissima auto, la piu bella nella sua categoria... la delusione era un po’ nel comportamento su strada e nel motore diesel decisamente pigro.

spazio bagagliaio non era sicuramente da sw, ma comunque ero rimasto piacevolmente colpito dallo spazio a sedili abbattuti

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Avuta ance io ma con automatico, per me bellissima auto, la piu bella nella sua categoria... la delusione era un po’ nel comportamento su strada e nel motore diesel decisamente pigro.
spazio bagagliaio non era sicuramente da sw, ma comunque ero rimasto piacevolmente colpito dallo spazio a sedili abbattuti
Ciao, quale hai avuto? 177cv? Multitronic o s-tronic?

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Contenuti simili

    • Da Tempra Veloce
      Ieri pomeriggio ho provato una Toyota Rav 4 4x2 Hybrid Lounge 2.5
       
      Esterni: l'auto era blu scuro metalizzato e il colore migliorava di non poco la visione di un'auto enorme, con degli sbalzi posteriori importanti. Esteticamente sembra una Compass (il giroporta è molto simile) con un volume in più.
      Interni: rispetto al modello precedente l'evoluzione è netta: per i feticisti della plastichina il cruscotto è imbottito, la parte superiore dei pannelli è rivestita di pelle (o similpelle), gli interni sono morbidi e comodi, per i posti posteriori c'è molto spazio: incomprensibile la mancanza di un portaocchiali da sole, dei tasti dei vetri elettrici non illuminati e di una luce di cortesia antipozzanghera e la mancanza dei tweeter posteriori. L'imperiale è di qualità molto bassa, nella traversa tra i sedili anteriori e posteriori sono presenti due antiestetici tappi. Bello l'infoteneiment che è touchscreen, la radio dab è di serie. Ottima la qualità audio per essere un impianto di serie e la tenuta del segnale dab, peccato che per avere il navigatore occorrano ben 1000 euro e non sia per ora previsto il car play/ android auto. Il bagagliaio è enorme ed è ben rifinito, lo sportellone elettrico è di serie.
      Su strada: l'enorme motore ciclo atkinson unito al poderoso motore elettrico spingono bene e con grande omogeneità la mole, a fondo corsa la'botta' si sente ma poi si attenua. Lo sterzo è leggero e preciso, le sospensioni posteriori sono molto rigide, quando ero seduto dietro sentivo uno sbattimento. la macchina è ben rifinita, insonorizzata, farcita di elettronica. Il cdb era fisso sui 7lt/100km ovvero tra i 13 e i 14 km/lt
       
      In conclusione: non è un'auto che costa poco e che consuma poco. L'ibrido aiuta a muovere meglio l'enorme motore a benzina ai bassi regimi (dà più gusto a guidare di un diesel) e a tenere più bassi le emissioni.
       
      La mancanza di una scontistica adeguata e di incentivi statali (che stano solo su auto elettriche e auto plug-in) spendere quasi 50.000 euro seppur per una versione quasi full sono una bella botta.
    • Da gianmy86
      Auto guidata: Citroen C1 1.0 Vti Shine 72 cv

      Km al momento del ritiro 13563
      Km percorsi: 688
       
      Esterni
      In Citroen han fatto il possibile per renderla gradevole e “simpatica”, differenziando il più possibile la C1 dalle cuginette 107 e Aygo. Risultato secondo me riuscito solo in parte, quantomeno negli allestimenti base o medio come sull’esemplare della prova.
       
      Interni
      Qui inizia il viaggio negli anni ’90, il primo pensiero è andato alla mia prima auto, sembra la Cinquecento del 1996, aggiornata a qualche standard odierno. Si è circondati da plastiche rigide e grigiore misto, l’unica nota di colore è data dai dettagli sui bordi dei sedili con una trama a millerighe orizzontali e dallo schermo da 7” centrale quando acceso.
      Sugli sportelli lamiere a vista e pannelli in plastica non piacevoli al tatto e con gioco eccessivo.
       
      Posto guida
      Così così, il sedile di guida ha regolazioni discretamente ampie, ma si sente la mancanza della regolazione in profondità del volante: per fortuna c’è almeno quella in altezza e il quadro strumenti è solidale al volante, in modo da garantire una corretta visibilità delle informazioni. Schienale piuttosto rigido e molto poco contenitivo.

      Plancia e comandi
      La plancia come detto è di fattura economica. Il volante ha una comoda impugnatura, ma i comandi presenti (per radio e telefono) hanno uno scarso feeling al tatto e non sono illuminati, quindi inutilizzabili di notte. Il quadro strumenti è dominato dal grande tachimetro, al cui interno c’è un display con le indicazioni del trip computer, indicatore del livello carburante digitale e termometro. Curioso che per cambiare schermata vada pigiato il piolo nero di plastica (riecco gli anni ’80-’90). Il contagiri, invece, appare su un display digitale posto di lato, ma è piccolo e impreciso. A centro plancia invece, anche per l’assenza delle classiche bocchette dell’aria orientate verso gli occupanti, la fa da padrone lo schermo infotainment da 7”, con Apple Car Play e Android Audio. Presenti altresì ingresso aux e porta USB.
      I comandi del clima manuale non sono il massimo dell’intuitività, ma ci si fa l’abitudine. E, almeno quelli, per fortuna sono retroilluminati. Il cassetto portaoggetti non è frenato e lo spazio per riporre le cose è risicato.
      Inoltre spiace notare su un’auto nuova e fresca la presenza di fastidiosi scricchiolii in marcia, anche su asfalto liscio. Sebbene sia un’auto di suo non silenziosa.

      Abitabilità
      Così così. E’ omologata per 4 persone, ma in 347 cm difficile fare miracoli. Con il sedile regolato per la mia corporatura (173 cm) dietro tocco lo schienale con le ginocchia e il soffitto con la testa.

      Bagagliaio
      196 litri sono discreti per il tipo di auto, adatto per le buste della spesa o per un weekend breve, magari vicino casa.

      Accessori
      A farla da padrone è logicamente lo schermo infotainment, con annessi comandi al volante. Presenti anche i cerchi in lega e l’inutile, a mio avviso, limitatore di velocità, regolabile con una levetta posta dietro al volante sul lato destro.
       
      Comfort
      Così così. Un po’ di fonoassorbente in più non avrebbe guastato, il rumore del motore 1.0 a 3 cilindri è troppo presente e poco gradevole, soprattutto in accelerazione. Oltre gli 80 km/h compaiono anche fruscii aerodinamici e rumore di rotolamento degli pneumatici. Inoltre ha un assetto davvero troppo morbido, in autostrada a velocità costante tra i 100 e i 110 km/h è un continuo dondolare, pur avendo viaggiato  in assenza di vento. A tratti ho avuto la sensazione che, da passeggero, avrei forse sofferto il mal d’auto.

      Motore
      Giudizio ambivalente. Dopo 3 giorni e 700 km di utilizzo mi son fatto l’idea che questo tricilindrico è il motore adatto a quest’auto. Peccato solo che come sound sia il meno gradevole in assoluto su cui abbia mai viaggiato (pari merito con il 1.4 tdi VAG degli anni 2009-2010). Come nota positiva, non ho avvertito fastidiose vibrazioni in alcuna condizione di marcia.

      Accelerazione
      Non male, favorita dalle prime tre marce molto corte. Ma di certo non è un’auto da spari.

      Ripresa
      Finchè si resta in ambito cittadino o appena fuori città le prime marce corte, unite al peso piuma della carrozzeria la rendono quasi brillante nel disimpegnarsi tra incroci e rotatorie, diciamo fino ai 70 km/h. La quarta e la quinta marcia, invece, sono molto lunghe, e per riprendere in autostrada è necessario scalare o attendere che si raggiunga la velocità voluta con molta molta calma. In ogni caso, mantenendosi su velocità non superiori ai 120 km/h tachimetrici non si è mai in vera difficoltà, quindi il risultato è assolutamente positivo.

      Cambio
      5 marce, rapportato come detto. Purtroppo la leva è un po’ contrastata, soprattutto nel passaggio prima-seconda. Per un uso urbano sarebbe preferibile il robotizzato.

      Sterzo
      Ovviamente turistico, preciso il giusto, per quanto possa esserlo. In manovra e a passo d’uomo me lo sarei aspettato più leggero. Come angolo di sterzata non eccelle, ma l’auto è talmente compatta che non è un problema.

      Freni
      Buona modulabilità, non posso dire altro non avendo mai forzato la mano.
       
      Tenuta di strada/Stabilità
      Buona, in quanto né in autostrada, né su un tratto guidato collinare l’auto è mai andata in crisi. Ma le sensazioni che dà non sono proprio di sicurezza. Rollio e beccheggio sempre presenti, sopra i 130 km/h dà l’impressione di essere proprio al limite e toccando freno in discesa nell’unico tratto in cui ho superato i 140 km/h tachimetrici si è leggermente scomposta. Non è obiettivamente un’auto da tratte autostradali, quindi meglio tenersi ben sotto il limite massimo di velocità e andare con calma.

      Consumo
      Buono. Avendola ritirata e riconsegnata con il pieno, ho percorso 664 km con 33,4 litri di benzina.
      Media di 19,88 km/l. Percorso 80% autostradale, il restante urbano e collinare.
       
      In conclusione
      E’ un’auto fatta palesemente in economia, ma con soluzioni furbe che possono renderla interessante e piacevole per un uso esclusivamente urbano o quasi. Certo, dubito spenderei 11500 € per quest’auto, il confronto mi viene naturale sia con la Fiat Panda, sia con l’ultima citycar guidata a noleggio, una Lancia Ypsilon 1.2 avuta esattamente un anno fa. E, allestimento nello specifico a parte, è curioso notare come il criticato, vituperato 1.2 Fire sia ancora ben più elastico e godibile di questo motore nuovo, al prezzo di soli 2 km/l di consumo maggiore. Per non parlare della robustezza degli interni.

×

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.