Vai al contenuto
fuzz77

L'Italia acquista i primi 3 F-35

Messaggi Raccomandati

L'Italia ha già ordinato i primi tre cacciabombardieri F-35 Lightning 2 nell'ambito del controverso programma Joint Stike Fighter a un costo unitario di circa 80 milioni di dollari. Lo ha detto ieri nell'audizione alla Commissione Difesa della Camera il generale Claudio Debertolis, a capo di Segredifesa l'organismo che si occupa dell'acquisizione di nuovi armamenti. Debertolis ha spiegato che questi primi aerei sono quelli che in proporzione costeranno di più ma che il prezzo sarà decrescente nel prosieguo del programma che prevede al momento 131 velivoli per Aeronautica (110) e Marina (21) dei quali 69 F-35A convenzionali e 62 F-35B a decollo corto e atterraggio verticale.

Per quest'ultima versione, la più problematica sul piano tecnologico al punto da accumulare due anni di ritardo e di rischiare di venire cancellata, Debertolis ha parlato di problemi risolti anche se il Pentagono ha recentemente evidenziato che permangono serie difficoltà che coinvolgono la cellula e l'apparato propulsivo. "I primi velivoli costano sempre di più" e a regime gli F-35 costeranno circa 55 milioni l'uno, contro i 79 milioni di euro dell'Eurofighter" ha dichiarato Debertolis.

Joint Strike Fighter

4618110379_f7167651eb_o_153-110.jpg

vlcsnap-2011-10-26-14h15m42s227-480--153x110.jpg?uuid=0d95a418-ffcd-11e0-8c73-fee4ab022588

Cifre molto contenute che suscitano qualche perplessità. Nell'autunno scorso fonti vicine all'Aeronautica ritenevano già inverosimile che un F-35 potesse costare "solo" 78 milioni di dollari come previsto dal produttore statunitense, Lockheed Martin, nel 2008 mentre il prezzo di 55 milioni di dollari a esemplare era già stato superato nel 2004 dalla lievitazione dei costi. In ottobre uno studio della Corte dei Conti canadese effettuato sulla commessa di Ottawa per 65 velivoli della versione A (meno costosa della B anche rappresenta circa la metà della commessa italiana prevista) valutava che ogni velivolo sarebbe costato 148 milioni di dollari , cioè il 66 per cento di quanto aveva annunciato il governo canadese nel 2010. Fonti ben informate riferiscono che è assai Improbabile che l'F-35, jet di quinta generazione che adotta tecnologie innovative in parte ancora da integrare possa costare meno di un Eurofighter Typhoon. Del resto proprio un documento di Segredifesa risalente al 4 agosto 2011 prevede che tra il 2010 e il 2027 vengano spesi solo per acquisire i 131 jet previsti 15, 87 miliardi di euro, cioè più di 121 milioni a velivolo.

I primi 3 aerei "sono stati ordinati e saranno italiani" ha precisato Debertolis aggiungendo che all'aeroporto militare di Cameri (Novara), dove ha sede lo stabilimento per l'assemblaggio e la manutenzione degli F-35 costato 800 milioni di euro, "si sta già lavorando in hangar provvisori per costruire la parte fusoliera/ali, mentre l'assemblaggio partirà a inizio 2013". Il numero definitivo di F-35 italiani potrebbe subire dei tagli e indiscrezioni riferiscono di un'ipotesi d'acquisto per 100 aerei alla quale sarebbe decisamente contraria l'Aeronautica. "Il numero dei velivoli da acquistare non è un impegno da assumere subito, ma in base all'elaborazione da parte del ministro della Difesa del nuovo modello delle forze armate".

In ogni caso, informa Debertolis, "anche se il numero finale dei velivoli fosse molto più basso dei 131 iniziali, comunque assicureremo sempre alla nostra industria il lavoro, cercando di avere a compensazione l'assemblaggio di velivoli destinati ad altri Paesi. "Stiamo agendo sull'allungamento delle consegne degli aerei" ha aggiunto il generale spiegando che la ridefinizione di questo programma "è molto più semplice rispetto ad altri programmi, come quello dell'Eurofighter, perché è modulare e quindi i ritardi non comportano un aumento dei costi". Eppure negli Stati Uniti i tagli al Pentagono e la decisione di allungare i tempi di acquisizione dell'F-35 riducendo il numero di jet da acquisire ogni anno (solo 29 nel 2013) rischia di influire proprio sui costi, innalzandoli ulteriormente come ha lamentato Lockheed Martin. Possibile che i prezzi aumentino per il Pentagono e non per gli italiani? Del resto proprio le continue diluizioni delle acquisizione tra molti dei quindici Paesi a oggi coinvolti nel programma ha finora impedito di far emergere un costo chiaro e definito per i lotti di produzione LRIP-6 (Low rate initial production) cui apparteranno i primi velivoli italiani.

Perplessità anche circa le compensazioni industriali. Debertolis ha detto chiaramente che la vittoria del jet francese Rafale nella competizione per il nuovo jet indiano determinerà uno stop alla produzione dell'Eurofighter Typhoon e i lavoratori oggi impegnati per il caccia europeo verranno dirottati alla linea dell'F-35. "L'Eurofighter avrà una cessazione di produzione: cambia lo scenario e un rallentamento del programma comporterebbe un aumento dei costi" ha detto il generale quando tra il 2009 e il 2012 era previsto un calo delle attività di produzione del caccia europea ma pari al 30 per cento, non totale.

Il generale ha riferito di 10.000 posti di lavoro nel programma del nuovo jet americano ma non si tratta di nuovi impieghi ma di un parziale recupero degli 11 mila posti garantiti oggi dalla produzione del Typhoon. "Si parte da un minimo garantito, sperando che con la prosecuzione dell'attività si avrà un indotto superiore anziché inferiore – ha spiegato Debertolis - Diciamo che ci sarà continuità occupazionale fra Eurofighter e Joint Strike Fighter". Anche in questo caso non mancano le perplessità Finora gli accordi firmati tra Lockheed Martin e l'industria italiana ammontano a meno di un miliardo di euro e poche centinaia di posti di lavoro. Debertolis ha accennato a nuovi accordi circa i quali "dovremmo chiudere l'accordo in queste settimane'' ma pare improbabile che anche ottenendo di assemblare a Cameri i jet destinati ad altri Paesi europei la forza lavoro impegnata sia così elevata (pur perdendo mille posti rispetto al caccia europeo) specie considerando che la nostra industria è produttrice del Typhoon ma solo fornitrice e sub-fornitrice dell'F-35

L'Italia acquista i primi Jet F-35 ma i costi annunciati suscitano perplessità - Il Sole 24 ORE

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Dimenticano la FACO di Cameri e i contratti di fornitura componenti e manutenzione dei velivoli delle FFAA al di fuori degli USA...

Modificato da justjames

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

mah..

la versione B mi trova sempre perplesso, ma in definitiva serve solo a noi, se gli Usa la mollano noi cosa emttiamo sulle presudo portaerei che abbiamo?

Teniamo gli Harrier a vita?

Però non capisco la quota di B per l'aeronautica.

C'è da dire che col senno di poi si poteva benissimo evitarsi l'Efa... e tenersi il 35 per fare un pò di tutto!

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
mah..

la versione B mi trova sempre perplesso, ma in definitiva serve solo a noi, se gli Usa la mollano noi cosa emttiamo sulle presudo portaerei che abbiamo?

Teniamo gli Harrier a vita?

Però non capisco la quota di B per l'aeronautica.

C'è da dire che col senno di poi si poteva benissimo evitarsi l'Efa... e tenersi il 35 per fare un pò di tutto!

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Anche i Marines usa l' F35-B , dovendo sostituire il loro Harrier "made in USA"

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Gli Inglesi pare che siano passati dal F35-B al più economico e semplice F35-C ed hanno modificato i progetti per le loro 2 nuove "supercarrier" (catapulte al posto dello skyjump e funi d'arresto) per ospitarli.

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Anche i Marines usa l' F35-B , dovendo sostituire il loro Harrier "made in USA"

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Anzitutto non sò se sapete ma i Marines si sono già comprati tutti gli Harrier2 (pero configurati gr7 o gr9 ) EX Gb..... con tanto di ricambi...... e lo danno in phase out per il 2025..... tempo 13 anni e altro che F35!!

Poi tatticamente nei panni dello zio sam a cosa servono gli Harrier , loro hanno portaerei portaerei!!!

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
ma anche no

l'Harrier è un elemento importantissimo della flotta dell'USMC (marines, non US Navy!)

il concetto operativo stesso dei Marines presuppone la disponibilità di mezzi dalle caratteristiche simili a quelle dell'harrier, a loro servono velivoli dalle caratteristiche STOL/VTOL che possano essere dislocati ed operare insieme agli elicotteri anche da basi improvvisate

dico solo che nel golfo gli AV8B dei marines furono tra i mezzi più impegnati

non è un concetto di macchina in funzione della portaerei che puoi permetterti o di cui hai bisogno, ma di aereo che ti serve in base alla tua filosofia operativa

che poi decollino dalle portaerei dell'US Navy poco importa

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Ecco il punto è quello Usmc.

In tutte le missioni internzionali , eccetto afghanistan, decollava dalle unità da sbarco , e oggi come oggi un supporto aereo in uno scenario moderno non è meglio un apache ad esempio risprtto un harrier per quello scopo?

Inoltre gli V/stol sono innegabilemnte più "pericolosi" , vedi il rateo d'incidenti del harrier stesso.

E per la loro conformazione (parlo di harrier) molto molto sensibili ai missili terra/aria a guida Ir molto più che un eleicottero ad esempio!

E sono questi i missili che vanno per la maggiore in uo scenario moderno fatto di pastori/guerriglieri più che di guerre propriamente dette.

Non mi stupirei se in periodi cosi poco floridi, lo zio sam facesse la decisione storica di lasciare ai Marines solo velivoli ad ala rotante.

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×