Vai al contenuto

Messaggi Raccomandati

Mmmm ora che ricordo bene, il tizio mi parlava di dieci anni di garanzia su una Lexus... :-) 

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
13 minuti fa, TonyH dice:

Adesso è 5 anni sulla parte ibrida.

 

Ma toyota permette di estendere la garanzia fino ai 10 anni al costo di 60€/anno

 

https://www.toyota.it/assistenza/tagliando/toyota-hybrid-service.json

 

Se fai i tagliandi in Toyota l'Hybrid care è compreso fino al 10° anno:

 

Cita

...Ma se effettuerai regolarmente la manutenzione presso la rete Toyota, avrai diritto l'Hybrid Care gratuito ed incluso nel tagliando.

 

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

fatto sta che è una tecnologia ancora "nuova" in Italia come diffusione massiva, per cui tutte le comparative e problematiche che possono saltare fuori tra benza vs gas vs diesel, con l'ibrido praticamente non ci sono.

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
On 8/2/2018 at 15:42, Matteo B. dice:

e Suzuki non ha una batteria da laptop, Iso..su dai..ha roba in funzione della massa totale della macchina...

 

Era un'iperbole, non mi riferivo al sistema della Suzuki in paricolare. ;)

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
22 hours ago, savio.79 said:

@vince-991

Non so se sia una regola o se fosse una promozione temporanea, ma una volta in un concessionario Toyota mi hanno detto che la parte elettrica incluse batterie è garantita dieci anni.

Il motore endotermico è soggetto a minore usura/km e la manutenzione è prestabilita anche nei prezzi.

Non ci sono gli organi meccanici (parlo del HSD Toyota) più soggetti a usura (frizione e cambio).

I freni sono meno soggetti a usura. Manutenzione sui motori elettrici: come chiedersi “manutenzione su lavatrice o frullatore?”

Direi di andare tranquillo.

Per ulteriori dubbi, chiedere a un tassista 😬

Sono andato a curiosare si sito di Toyota e ho visto che per la CHR il tagliando è previsto ogni 15 mila km. La manutenzione programmata costa fino a 270 euro, varia a seconda dell'anno. Insomma qualche conticino bisogna farselo 

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Inviato (modificato)
On 2/8/2018 at 13:29, stev66 dice:

 

Certo che i risultati sono peggiori. Ma l'accorgimento "a pochi soldi" ti permette di mantenere prezzi bassi, riciclare meccaniche ancora non obsolete e garantire bassi costi di manutenzione .

che poi sia una soluzione ponte, sono d'accordo. Ma non la sottovaluterei .

 

questo è il consumo medio rilevato da al volante per l baleno micro ibrida

CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   17,2 km/litro 21,3 km/litro
Fuori città   21,7 km/litro 27,8 km/litro
In autostrada   16,4 km/litro non dichiarato
Medio   18,9 km/litro

25 km/litro

 

e questo quello rilevato per per la ben più costosa Yaris ibrida

In città   21,7 km/litro 30,3 km/litro
Fuori città   22 km/litro 27,8 km/litro
In autostrada   13,3 km/litro non dichiarato
Medio   19,2 km/litro 27,8 km/litro

 

si può notare come in città si comporti meglio Yaris, fuori città siano equivalenti, in autostrada meglio Baleno .

il consumo medio differisce dell 1% .   :)

 

 

 

 

non aggiungo granché alla discussione, volevo solo confermare le differenze relative dell'articolo in questione.

 

Dopo 300km fatti in autostrada, superstrada e collina una Yaris ibrida ultimissimo modello ha consumato esattamente come la mia Jazz 1.2 a parità di stile di guida, e cioè sui 18-19 km/l (è un percorso che conosco bene). Solo che si guida peggio, ma questa è un'altra questione e ho lasciato qualche commento a proposito nel topic della Yaris.

 

In città, invece, non c'è paragone non tanto per i consumi (vedi differenza % sopra), quanto per l'insieme motore-cambio che a bassi carichi e in piano va benone ed è anche più fluido di quello della Hyundai Ioniq, che invece è migliore su tutto il resto (ma è anche altro segmento).

Modificato da v13

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Contenuti simili

    • Da Davialfa
      Scusate la domanda un po' ingenua
       
      Mi chiedevo da cosa dipende la qualità costruttiva, specialmente negli assemblaggi di un automobile. Mi spiego meglio, è assodato che alcune marche, vedi ad esempio gruppo Vag (con Audi e Vw) ma più in generale marchi tedeschi o giapponesi sono riconosciuti ovunque per un ottima qualità costruttiva, sopratutto da un punto di vista degli assemblaggi, mentre ci sono altri brand come ad esempio Fiat o Alfa che sono da anni indietro rispetto ai primi della classe in questa specifica cosa. Mi chiedo come, in un mondo molto automatizzato come quello automotive, esistano ancora queste grandi differenze e da cosa dipendano. Cioè non credo che ad esempio in Fiat i progettisti o gli operai siano più "scarsi" che in vw o che se ne freghino se l'assemblaggio di un auto è fatto male.
       
      Dipende dalla qualità dei materiali? Dipende dalle risorse disponibili in fase di progettazione ( più progettisti che si occupano di verificare 100 volte che il progetto è ok)? differenze risorse per le fabbriche (robot più precisi, più operai, migliori macchinari etc)? 
      Perché se Vw dovesse fare una punto, con le stesse caratteristiche della punto e lo stesso design, questa verrebbe di qualità costruttiva di una punto made in fiat?
       
      Non so se mi sono spiegato, scusate per le domande un po' stupide
    • Da Beckervdo
      ZF introduce una trasmissione manuale con attuatori elettronici per le vetture micro e mini-ibride.
      eAMT (electrified Automated Manual Trasmission) per l'impiego su vetture con propulsori trasversali. 
      Il sistema combina l'asse elettrico motorizzato (eVD) con la trasmissione manuale (AMT) in un unico sistema, questo gli consente di non avere interruzione di continuità nel passaggio dalla trazione elettrica a quella "convenzionale".
      In aggiunta a tutte le funzioni peculiari dell'ibrido, quali il recupero dell'energia in frenata e boost, è in grado di rendere le piccole vetture convertibili all'ibrido ad un costo ridotto. Resta solo da definire lo spazio all'interno dello chassis.
       
      —Norman Schmidt-Winkel, functional developer of electric drives at ZF   ZF afferma che la nuova eAMT è al pari di funzionamento di un moderno automatico a convertitore di coppia o di un doppia frizione.  Essendo un manuale automatizzato, ci sarà un minimo distacco di potenza nel passaggio da una marcia all'altra, ma questo è ampiamente superato dall'unità elettrica, che limita la mancanza di continuità.  La centralina di gestione dell'unità elettrica sull'asse posteriore, capisce quando è stato richiesto un cambio marcia, o quando è richiesto un plus di potenza - magari in fase di sorpasso - e la trazione viene aggiunta anche dall'asse posteriore.  Valido anche per quando si percorrono sterrati leggeri e fondi a bassa aderenza, sfruttando un integrale on-demand in piena regola.   ZF l'ha dimensionato sulla SUV Duster, proponendo anche un funzionamento - per brevi km - in modalità esclusivamente elettrica, rendendo di fatto la vettura una micro-hybrid.   Utilissimo per gli start/stop cittadini e per il traffic Jam, mentre nelle fasi di gas costante in autostrade è possibile disaccoppiare la trasmissione manuale e veleggiare (Coasting) riducendo i consumi.   


       
      Via Green Car Congress
×