Jump to content

F1 2024-2025 - Spy, Notizie, Ecc.


Sarrus

Recommended Posts

12 minuti fa, Alain scrive:

Attenzione perché ne parla anche Umberto Zapelloni… attualmente mi sembra aria fritta… 

https://topspeedblog.it/aria-di-terremoto-in-casa-ferrari-vasseur-non-e-piu-saldo/amp/

Si quel tweet prende spunto proprio da quell'articolo...è fuffa.

Che poi lo stesso Zapelloni è stato sgamato con gente alquanto sospetta nel paddock di Monza 😆

https://x.com/john_nuppey/status/1697361020065325063?s=20

 

 

Image

  • Wow! 1
Link to comment
Share on other sites

Io do peso a queste voci solo se ne parla la Gazzetta dello Sport, su Binotto ne aveva scritto solo quando JE aveva deciso ma non era ancora ufficiale (gp Abu Dhabi)

"quello che della valle spende in 1 anno di ricerca io lo spendo per disegnare il paraurti della punto." Cit.

Link to comment
Share on other sites

Budget cap: Ferrari ‘favorita’ dal decreto crescita?

Il giornalista Joe Saward ha sottolineato che una scuderia può godere di vantaggi di natura fiscale per cinque anni per lavoratori stranieri super qualificati

“Per quanto riguarda il Cost-Cap, un team di F1 potrebbe aver ottenuto agevolazioni fiscali dal proprio governo per cinque anni di tassazione ridotta per i lavoratori stranieri super qualificati – scrive Saward – ciò significa che la squadra può offrire (e dichiarare) uno stipendio inferiore rispetto ai rivali, ma il dipendente ottiene più soldi per effetto delle agevolazioni fiscali”. Parole che ricordano il ‘decreto crescita‘ sfruttato ad esempio dalle società del campionato di calcio di Serie A (e non solo) in sede di calciomercato. Il team in questione, dunque, potrebbe essere la Ferrari, per la quale il ‘decreto crescita’ in realtà potrebbe mitigare il fatto che mediamente il costo del lavoro in Italia è molto più elevato rispetto all’Inghilterra.

 

Budget cap e tassazione, un dilemma anche per Alunni Bravi

Il fatto che il budget cap venga applicato a scuderie che in base alla ‘nazionalità’ hanno regimi fiscali diversi è un problema sottolineato dal Team Representative dell’Alfa Romeo Alessandro Alunni Bravi: Per noi è molto importante riconoscere la differenza nel costo del lavoro tra Svizzera e Inghilterra, che ad oggi si aggira tra il 35-40% dei salari medi – le parole di Alessandro Alunni Braviper poter crescere come organico, va trovata una forma di indicizzazione. Altrimenti, una struttura come la nostra con seicento persone avrebbe un monte salari lordo equivalente a quello di un team con novecento dipendenti”.

Il responsabile del ‘team’ adibito al controllo del budget cap, Federico Lodi, è ovviamente consapevole che le ‘regole’ per i team cambino a seconda della loro sede: “I costi rilevanti partono da quelli sostenuti dalle squadre. Poi ci sono delle esclusioni, ma anche degli aggiustamenti, che possono essere di diversa natura. Uno di questi serve a eliminare le macro-differenze tra giurisdizioni. Il costo del lavoro ad esempio è molto più elevato in Italia piuttosto che in Inghilterra. Oltre un certo limite, gli oneri sociali possono essere esclusi. Anche la tassazione è diversa da ogni giurisdizione. Abbiamo delle misure per cercare di equalizzare il tutto, ma è impossibile eliminare tutto”.

 

https://www.formulapassion.it/motorsport/formula-1/budget-cap-ferrari-favorita-dal-decreto-crescita-tasse-cinque-anni-residenza

 

Link to comment
Share on other sites

18 ore fa, Alain scrive:

Io do peso a queste voci solo se ne parla la Gazzetta dello Sport, su Binotto ne aveva scritto solo quando JE aveva deciso ma non era ancora ufficiale (gp Abu Dhabi)

la gazza non è più in orbita JE è nelle mani di cairo che per vendere una copia in più o per avere un contatto in più sarebbe capace di far scrivere che gesù cristo è morto di freddo

  • I Like! 1
  • Haha! 3
Link to comment
Share on other sites

Pirelli: a Suzuka prove di 2024

Nel venerdì di prove libere i team potranno testare una nuova versione della mescola C2

“A proposito di C2, il venerdì di questo Gran Premio offrirà a tutte le squadre la possibilità di testare una nuova versione di questa mescola, con l’obiettivo di omologarla per la prossima stagione. Questa evoluzione dovrebbe fornire più grip rispetto all’attuale C2, posizionandosi così più correttamente tra C1 e C3. Ogni pilota avrà due set di gomme supplementari rispetto ai tradizionali 13 treni, da utilizzare nelle prime due sessioni di prove libere. Questo test fa parte di un programma di sviluppo definito nelle scorse settimane in vista del 2024 e proseguirà – per quanto riguarda l’attività in pista – in occasione del Gran Premio del Messico quando, con analoghe modalità, si potrà provare un’evoluzione della mescola C4″.

 

https://www.formulapassion.it/motorsport/formula-1/pirelli-a-suzuka-prove-di-2024-gomme-mario-isola-mescola

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×
×
  • Create New...

 

Please, disable AdBlock plugin to access to this website.