Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuti su Autopareri! La community italiana che dal 2003 riunisce gli appassionati di automobili e di motori

Recommended Posts

https://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2019-05-25/ft-fca-tratta-un-ampia-alleanza-renault-201941.shtml?uuid=ACr27rI

 

 

Fca è in «trattative avanzate» per un'ampia collaborazione con Renault che, in futuro, potrebbe tradursi nell'ingresso di Fiat Chrysler nell'alleanza Renault-Nissan-Mitsubishi. L'indiscrezione del Financial Times riaccende la febbre da risiko nell'industria automobilistica, con le case automobilistiche a caccia di alleanze per affrontare le sfide strutturali del settore.
Secondo il quotidiano le trattative sono concentrate su un'ampia cooperazione fra Fca e Renault, l'attrice “dominante” nell'alleanza con Nissan che sta cercando di garantire un futuro alla partnership dopo l'arresto di Carlos Ghosn

Fca e Renault non commentano, ma Fiat Chrysler in passato ha più volte ribadito di essere aperta a dialogare con tutti. «Se c'è una partnership, una fusione o un accordo che ci rende più forti, allora sono assolutamente aperto a valutare» ha detto di recente l'amministratore delegato di Fca, Mike Manley, in un'intervista al Financial Times. Non è al momento chiaro quanto Nissan sia coinvolta nelle discussioni in corso. 

Secondo quanto riportato dal quotidiano della City, le trattative fra Fca e Renault si stanno spingendo oltre una semplice condivisione di tecnologia e stanno procedendo più rapidamente rispetto a quelle di Fca con Psa.

Per Renault Fca sarebbe importante: la maggior parte delle attività di Fiat Chrysler è concentrata in Nord America, area da cui Renault è assente. A questo si aggiunge che Fca ha in portafoglio i marchi Alfa Romeo e Maserati, che occupano un ruolo in un segmento di mercato particolarmente redditizio e in cui Renault non compete.
Nel caso in cui Fca dovesse entrare un giorno nell'alleanza Reanult-Nissan-Mitsubishi la «bilancia del potere all'interno della partnership si sposterebbe ulteriormente dal Giappone portando al tavolo John Elkann» aggiunge il Financial Times. Un'inclusione di Fca consentirebbe inoltre all'alleanza di fare un balzo in avanti divenendo la maggiore casa automobilistica al mondo con 15,6 milioni di vendite all'anno, decisamente al di sopra della rivale Volkswagen e dei suoi 10,8 milioni di auto vendute. 

Un ingresso di Fca, comunque, non è così scontato: fonti riferiscono al Financial Times che si tratterebbe di una mossa complicata per sottrarre parte del peso di Nissan. Renault e Nissan si sono alleate nel 1999. Mitsubishi si è unita nel 2015 quando Nissan ne ha acquistato il 36%. L'attuale struttura dell'intesa resta comunque «asimmetrica», con Renault che ha il 43% delle azioni di Nissan e tutti i diritti di voto, e Nissan che ha il 15% delle azioni Renault.

 

  • Thanks! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

ed ecco già il primo prodotto!!

 

Spoiler

image.png.1349a221dedc36ddff7abb645593d563.png

 

 

 

:-P
 

  • I Like! 1
  • Haha! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Renault deve compensare la perdita di MB e la non improbabile emancipazione di Nissan/Mitsubishi... Non so se in questo quadro sia una buona mossa per FCA...

  • I Like! 1
  • Confused... 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tutti quelli che si alleeranno con FCA faranno una buona mossa... il contrario e un po’ meno scontato...

 

Io mi terrei lontano di un alleanza che dividerà i diritti di EXOR... anche se Renault-Nissan e molto meglio di PSA...

  • I Like! 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

ottima notizia per far risalire le quotazioni in borsa che di recente erano un pò in affanno

 

per il resto.... :pop:

  • I Like! 2
  • Haha! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
32 minuti fa, TONI scrive:

ottima notizia per far risalire le quotazioni in borsa che di recente erano un pò in affanno

 

per il resto.... :pop:

 

La perdita di valore recente è indubbia, ma limitata. Bisogna tenere conto del “ riallineamento “ del valore ufficiale di lunedì per lo stacco dividendo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, ILM4rcio scrive:

Boh, scrivono che Renault ha bisogno di FCA per il Nord America, ma Nissan non c'è già da millenni? Tra l'altro hanno pure Infiniti da quelle parti.
Secondo me dai francesi bisogna solo stare alla larga.

☏ LG-H870 ☏
 

Sono incasinatissimi per la governance dell'alleanza e in usa nissan sta andando malissimo con margini ormai verso lo zero 

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, davos scrive:

Sono incasinatissimi per la governance dell'alleanza e in usa nissan sta andando malissimo con margini ormai verso lo zero 

Infatti ne hanno abbassato il rating da A2 ad A3 proprio l'altroieri. Stanno cercando un posizionamento di maggiore redditività ma dipendono molto dalle flotte e dai prezzi bassi per vendere. Potrebbe essere utile, in quest'ottica, produrre qualche sedan o veicolo "riempitivo" per Chrysler su base Nissan, per saturare gli impianti del marchio nipponico? Altro elemento che può avvicinare i due gruppi, un pick-up half-ton, dato che il Navara/Frontier USA risale ai tempi dell'uomo di Neanderthal e RAM ne ha bisogno disperato.


Fai parte della categoria LGBT+ o vorresti supportarci?

Iscriviti alla nostra pagina su Instagram: @motorpride_it

🏳‍🌈

Share this post


Link to post
Share on other sites
32 minuti fa, aboutdas scrive:

Infatti ne hanno abbassato il rating da A2 ad A3 proprio l'altroieri. Stanno cercando un posizionamento di maggiore redditività ma dipendono molto dalle flotte e dai prezzi bassi per vendere. Potrebbe essere utile, in quest'ottica, produrre qualche sedan o veicolo "riempitivo" per Chrysler su base Nissan, per saturare gli impianti del marchio nipponico? Altro elemento che può avvicinare i due gruppi, un pick-up half-ton, dato che il Navara/Frontier USA risale ai tempi dell'uomo di Neanderthal e RAM ne ha bisogno disperato.

A livello industriale sarebbe una alleanza perfetta, fortissima in tutto il mondo in tutti i segmenti e col premium Maserati e alfa su cui investire. Tantissime possibilità di sviluppare prodotti a partire dal truck piccolo in usa e ellettrico. I problemi sono 2. Tanti casini nell'alleanza Renault Nissan e soprattutto che Renault è sostanzialmente un azienda a controllo statale.

  • I Like! 1
  • Confused... 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.

  • Similar Content

    • By Pandino
      Press release:
       
       
      RENAULT 

       
       
      Ecco la rinnovata Clio, modificata nel frontale e nella fanaleria. Decisamente meglio, imho.
       
       
    • By v13
      500 1.0 microibrida, esemplare noleggio, 6000 km all'attivo
      versione: credo una Lounge o similare con clima auto, tetto panoramico, cruise, strumentazione analogica, cerchi lega 15 (quelli a raggi, bruttarelli).
      Per il resto la 500 la conoscete tutti, una buona segmento A, con qualità percepita alta e qualità reale più che discreta, anche se c'era un clamoroso errore di montaggio del sottoplancia a sinistra del volante. Quindi mi concentro solo sulla parte inedita, il gruppo motore-cambio.
       
      PRO
       
      - consumi
      su 200 e passa km (di cui poca città, un po' di autostrada a 110km/h e un po' di tangenziale, 70% statale a tratti scorrevole, a tratti lenta) il computer di bordo segnala 4,3 l/100km. Guida attenta, ma normale, con non infrequenti puntate oltre i 3000 giri. Fatto il pieno il cdb mi è sembrato piuttosto accurato, decimo più, decimo meno.
       
      - cambio
      eccezionale! Secco ma gradevole, con corsa ragionevolmente corta. davvero eccellente per una segmento A, ma anche per una B o C.
      E meno male che è gradevole da usare, perché, come vedremo, ce n'è davvero bisogno
      Rapporti corti: qui c'era stato qualche dubbio sulla rapportatura, ma confermo che i 3600 giri a 130 km/h. In prima e seconda anche con una guida dolce si finisce sempre per cambiare sui 3000 giri.
       
      Motore:
      in sé e per sé non sembra male. Non vibra assolutamente mai e, pur senza avere la verve nel prendere giri del 3L VW o del Ford, arriva in fretta ai 5000 giri, poi si siede un po'. Su questo fa un po' meglio degli ultimi 1.2 Fire.
      Il problema è che gli manca coppia e si sente. Sotto i 2000 giri fa fatica e in realtà per tenere il ritmo del traffico bisogna tenerlo sempre fra i 2500 e i 3500. Se poi si vuole un minimo di brillantezza si devono usare le marce basse e tirarle fino e oltre i 4500 giri. Come detto, sia il cambio, sia il motore assecondano senza problemi. A occhio, però, i consumi risentono abbastanza dello stile di guida.
       
      La 6ª marcia è utile e confortevole, ma va usata sempre oltre i 2000-2500 giri ed esclusivamente in pianura. Al minimo falsopiano o salita, di default bisogna scalare in 5ª per non perdere velocità. Per guadagnare velocità, invece, va scalato in 4ª. Sono frequenti i passaggi 4ª-6ª, e in uscita da caselli o rotonde su statale anche i passaggi da 3ª a 5000 giri a 6ª.
       
      Il motore è piuttosto silenzioso. Non fa rumore da tricilindrico da fermo, ma non ha neanche quel rumore quasi da 6 cilindri (si fa per dire ) ad alti regimi, come i concorrenti PSA, Ford o VW. Ho notato una rombosità cupa ai 2000 e soprattutto ai 2500 giri frutto di qualche risonanza.
      L'unico vero problema è che ho notato incertezze ai bassi regimi, sia a caldo che a freddo, e solo con poco carico di acceleratore. Schiacciando oltre la metà nessun problema.
       
      Il Ford 1.1 85CV guidato su Fiesta mi era sembrato più potente, rotondo e gradevole. Il 1.2 82CV su C3 molto più vibrante, ma con più coppia in basso (ma con un cambio da denuncia). Il VW 70CV guidato su Polo precedente mi sembrò molto simile in tutto.
       
      Comportamento del microibrido:
      Fondamentalmente non si nota nulla.
      Nella strumentazione analogica (molto carina, ma davvero poco leggibile) l'indicazione della temperatura del refrigerante è sostituita dall'indicazione di carica della batteria. E qui si vede che la batteria si scarica e ricarica continuamente, segno che viene usata a tutte le velocità. C'è una spia quando la batteria si sta caricando.
      Interessante la ricarica da freno motore, che è così intensa che permette di rallentare spesso senza toccare i freni. All'inizio del rilascio è quasi inavvertibile ma se il rilascio prosegue, allora si fa molto deciso il recupero. Sotto i 1500 giri il freno motore comincia a perdere intensità e il computer suggerisce di scalare.
      Il cosiddetto "veleggio" sotto i 30 km/h è in realtà una specie di start & stop evoluto e devo dire che funziona davvero molto bene. Appena ci si fa l'abitudine si usa sempre.
       
      In definitiva, il comportamento è quello di un 3 cilindri aspirato moderno. Moscio è moscio, al limite del sottomotorizzato, ma se vi ritrovate in uno di questi profili:
      1) vi piace guidare
      2) hai imparato con gli aspirati del secolo scorso
      3) hai imparato bestemmiando con una Panda 750 fire, con la sua miscela magra a freddo e il suo cambio scorbutico,
       
      ...beh, allora ci farete subito la mano.
      Chi invece venisse da un turbo o da un'elettrica o ibrida rimarrà probabilmente traumatizzato.
    • By Pandino
      FB
       
      Inizia a muovere i primi passi la quarta generazione del Ducato (e compagnia bella), attesa nel 2020.
       
      @Aymaro ne sai qualcosa?


×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.