Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuti su Autopareri! La community italiana che dal 2003 riunisce gli appassionati di automobili e di motori
  • EMERGENZA COVID-19
  • Rimanete al sicuro! Rispettate le distanze e le misure igieniche
  • Autopareri è sempre attivo e vi è virtualmente vicino per tenervi compagnia durante la fase di lockdown!
Pawel72

Stop auto: si ferma il 7% del PIL europeo

Recommended Posts

L’industria automobilistica europea si ferma temporaneamente davanti al coronavirus. E' lo stop a un colosso economico che vale il 7% del pil dell'Unione europea (ultimo dato disponibile del 2018) e che dà lavoro a 13,8 milioni di persone direttamente e indirettamente.

 

Cita

La produzione

Complessivamente le principali Case costruttrici possiedono 309 stabilimenti sul territorio europeo. Secondo i dati dell’Acea, l’associazione europea dei costruttori automobilistici, 137 di questi sono adibiti alla produzione di automobili, mentre i restanti vengono utilizzati per la costruzione di veicoli commerciali, autobus e motori.

Nel 2018 i veicoli usciti dagli impianti europei sono stati 19,2 milioni, un dato che rappresenta il 23% della produzione a livello globale e che fa dell’Europa il secondo costruttore al mondo dopo la Cina. Le automobili sono state l’86,1% del totale (16,5 milioni di unità), per una media di 45.315 autovetture prodotte ogni giorno.

Con 5,1 milioni di veicoli assemblati nel 2018, la Germania è di gran lunga il primo produttore europeo, seguita da Spagna (2,2 milioni), Francia (1,7 milioni) e Regno Unito (1,5 milioni). Solo 671mila le auto prodotte in Italia, che si posiziona al settimo posto superata anche da Repubblica Ceca e Slovacchia.

La forza lavoro

Altrettanto importante è il riflesso di questi numeri sull’occupazione. Il comparto automobilistico nel suo complesso (quindi compresa anche manutenzione, distribuzione ecc.) impiega 13,8 milioni di persone, il 6,1% di tutta la forza lavoro Ue. Quelli che si dedicano alla produzione di veicoli sono invece 3,5 milioni, l’11,4% di tutti i lavoratori del settore manifatturiero europeo.

Il paese con il maggior numero di occupati è ancora una volta la Germania, con 870mila lavoratori impegnati negli stabilimenti automobilistici, seguita da Francia (223mila), Polonia (203mila) e Regno Unito (186mila). In Italia la forza lavoro impiegata nella produzione di automobili è di 162mila persone, il 4,4% di tutti gli occupati nel settore manifatturiero a livello nazionale. Cifre che tuttavia triplicano se si arriva a prendere in considerazione l’intera filiera.

Le ricadute finanziarie

Oltre alle ricadute sul piano occupazionale, un blocco prolungato dell’industria automobilistica potrebbe avere pesanti ripercussioni a livello commerciale, finanziario e in termini di innovazione. Secondo le stime relative all’anno 2018, il volume d’affari generato complessivamente dal settore automotive è di 1.313 miliardi di euro (il 7% del pil dell'Unione europea).

428 sono invece i miliardi di gettito fiscale originati dal settore tramite tasse e contributi, mentre le esportazioni di veicoli generano un surplus commerciale di 84,4 miliardi di euro. Infine, in un periodo in cui i costruttori stanno pesantemente puntando sulle nuove tecnologie, come elettrificazione e guida autonoma, il 28% di tutti gli investimenti in ricerca e sviluppo a livello europeo deriva dall’automotive (57,4 miliardi di euro).

 

  • I Like! 1

Nella seconda metà degli anni 60', Enzo Ferrari si divertiva a stuzzicare i vertici della Fiat, guidando personalmente berline di serie della Peugeot, una marca automobilistica che il Commendatore aveva sempre dimostrato di apprezzare...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cita

Volkswagen, Mercedes e BMW alla Merkel: "Sostegno a Italia e Spagna o non riapriamo"

 

L’allarme è stato lanciato da tutta la filiera automotive tedesca che, in mancanza di approvvigionamento della componentistica italiana e spagnola, non potrà riaprire le fabbriche e tornare a produrre.

Articolo completo: https://www.automobilismo.it/volkswagen-mercedes-e-bmw-alla-merkel-sostegno-a-italia-e-spagna-o-non-riapriamo-35416

Share this post


Link to post
Share on other sites

La divisione Automotive della consulenza aziendale internazionale Bain&Company ha pubblicato una ricerca per il mercato globale 2020 sotto la pressione Covid-19.

Hanno abbozzato 4 scenari (quich rebound / short setback / prolonged slowdown / deep recession). Secondo la ricerca lo scenario 3 "prolonged slowdown" sara la piu probabile.

Questa scenario significa un calo del mercato globale di 29% per il anno '20 con una grave perdita della rentabilita per 90%. La crisi automotive piu grave da sempre. Il maggior calo con -35% secondo loro sara al Nord america, -30% per Europa, un po' meno grave per Cina.

 

Le vendite per mese (rosso lo scenario 3, grigio la prognosi prima Covid)

grafik.png.504ceff2eeebd5058037922d234d9e3c.png

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

Un po’ quello che dicevo settimane fa, quando parlavo di un terzo di perdite per tutti più o meno...

Edited by iDrive

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.