Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuto su Autopareri - il forum dell'automobile!
DSPGT

Ergonomia dell'iCockpit Peugeot

Recommended Posts

On 7/9/2018 at 15:22, Bertoz scrive:

Com'e' il cambio nell'attuale 208? Puo' essere mantenuto anche nella nuova che sta per arrivare?

 

Ricordo, 10 anni fa, di aver guidato una Peugeot 207 di un concessionario, giusto per provarla (era la 1.4 HDI).

Sedili come la pietra (anche se quelli di Audi lo sono molto di piu') e soprattutto il cambio era cosi' duro che in confronto quello di un trattore agricolo era una piuma.

Guarda, io in casa ho sia 207 che 208. Ti posso dire il mio punto di vista, i sedili e il cambio sono meglio nella 207. Il cambio di 208 non lo trovo preciso, soprattutto in 1° e 2° marcia, mentre i sedili sono troppo morbidi, ma ben si coniugano all'assetto più turistico. D'altra parte il volante piccolo con l'i-Cockpit lo trovo riuscito, ma sono alto 1,75, e quando ritorno sulla 207 mi sembra di guidare un camion, a causa dello sterzo più grande.

Edited by Wilhem275

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma se l'ergonomia del posto guida, in 120 anni di automobile, si è affermata seguendo una certa impostazione divenuta standard, un motivo ci dovrebbe essere, credo. Pensare di decidere l'invenzione di un posto guida completamente diverso mi pare abbastanza ridicolo, al di là del puro e semplice marketing. L'i-cockpit è una soluzione sbagliata, poco adattabile alle varie stature, e stanca anche chi ci si trova bene a primo impatto. Il volantino piccolo è simpatico, e realmente  permette la sensazione di maggior "sportività", peccato che alla lunga sia stancante. Il diametro dei volanti "normali" riprende la larghezza del busto dell'utente medio, e fa si che le braccia  appoggiandosi al torace cadano perfettamente sulla corona. Se guidi col volantino piccolo ti ritrovi con le braccia che fanno pressione sulle costole e le spalle strette. Per di più deve essere posizionato in basso (perché non vedi la strumentazione). Alla lunga è molto fastidioso e hai spalle e petto sempre contratti. E' una soluzione che ha pochissime luci e tante ombre, ma per il marketing è ok, senz'altro. 

On 7/9/2018 at 15:22, Bertoz scrive:

Com'e' il cambio nell'attuale 208? Puo' essere mantenuto anche nella nuova che sta per arrivare?

 

Ricordo, 10 anni fa, di aver guidato una Peugeot 207 di un concessionario, giusto per provarla (era la 1.4 HDI).

Sedili come la pietra (anche se quelli di Audi lo sono molto di piu') e soprattutto il cambio era cosi' duro che in confronto quello di un trattore agricolo era una piuma.

Rimane uno dei peggiori cambi in circolazione a mio avviso, specie il 5 marce... leveraggi lunghi, innesti gommosi e imprecisi. Poi, la leva è rumorosa ma è sempre stato così. Me la ricordo così anche sulla 205...

  • I Like! 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
39 minuti fa, V-rus scrive:

Ma se l'ergonomia del posto guida, in 120 anni di automobile, si è affermata seguendo una certa impostazione divenuta standard, un motivo ci dovrebbe essere, credo. Pensare di decidere l'invenzione di un posto guida completamente diverso mi pare abbastanza ridicolo, al di là del puro e semplice marketing. L'i-cockpit è una soluzione sbagliata, poco adattabile alle varie stature, e stanca anche chi ci si trova bene a primo impatto. Il volantino piccolo è simpatico, e realmente  permette la sensazione di maggior "sportività", peccato che alla lunga sia stancante. Il diametro dei volanti "normali" riprende la larghezza del busto dell'utente medio, e fa si che le braccia  appoggiandosi al torace cadano perfettamente sulla corona. Se guidi col volantino piccolo ti ritrovi con le braccia che fanno pressione sulle costole e le spalle strette. Per di più deve essere posizionato in basso (perché non vedi la strumentazione). Alla lunga è molto fastidioso e hai spalle e petto sempre contratti. E' una soluzione che ha pochissime luci e tante ombre, ma per il marketing è ok, senz'altro. 

Non posso ribattere per esperienza personale perché io l'ho provato solo per dieci minuti, e tu invece parli di conseguenze sul lungo periodo di utilizzo. Plausibili, in effetti, per come le descrivi.

 

Tuttavia, poiché ne ero sempre stato incuriosito, ho chiesto ad alcuni miei clienti (non un campione significativo, per carità) come si trovassero (parlo di possessori di 308 o 3008/5008, non 208 che è più piccola) e nessuno ha mai lamentato questo tipo di problemi. Qualcuno ha specificato solo che era assurda la mancanza di tasti fisici per il clima, ma quella è un'altra storia.

 

Inoltre, proprio perché ero interessato all'acquisto di una 308, mi ero iscritto al forum "nonsosepossofareilnomedialtriforum" dove non c'è un "peugeottista" che sia uno, che lamenta simili problemi.

 

Chiedo quindi --- e dato che non ci guardiamo negli occhi, specifico che non è una domanda polemica ma seriamente interessata all'argomento --- se lo dici per esperienza personale, o per esperienza di conoscenti qui riportata, oppure per tue deduzioni o convinzioni, o altro...

 

Grazie.

 

________

Se del caso, ritenendo l'argomento interessante ma lievemente OT, qualche mod. può spostare a piacimento, magari col titolo "i-cockpit Peugeot: solo effetti speciali, o funziona davvero?" :-D  per cui mi auto-segnalo.

________

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, savio.79 scrive:

Non posso ribattere per esperienza personale perché io l'ho provato solo per dieci minuti, e tu invece parli di conseguenze sul lungo periodo di utilizzo. Plausibili, in effetti, per come le descrivi.

 

Tuttavia, poiché ne ero sempre stato incuriosito, ho chiesto ad alcuni miei clienti (non un campione significativo, per carità) come si trovassero (parlo di possessori di 308 o 3008/5008, non 208 che è più piccola) e nessuno ha mai lamentato questo tipo di problemi. Qualcuno ha specificato solo che era assurda la mancanza di tasti fisici per il clima, ma quella è un'altra storia.

 

Inoltre, proprio perché ero interessato all'acquisto di una 308, mi ero iscritto al forum "nonsosepossofareilnomedialtriforum" dove non c'è un "peugeottista" che sia uno, che lamenta simili problemi.

 

Chiedo quindi --- e dato che non ci guardiamo negli occhi, specifico che non è una domanda polemica ma seriamente interessata all'argomento --- se lo dici per esperienza personale, o per esperienza di conoscenti qui riportata, oppure per tue deduzioni o convinzioni, o altro...

 

Grazie.

 

________

Se del caso, ritenendo l'argomento interessante ma lievemente OT, qualche mod. può spostare a piacimento, magari col titolo "i-cockpit Peugeot: solo effetti speciali, o funziona davvero?" :-D  per cui mi auto-segnalo.

________

Ciao, si tratta di esperienza personale alla guida. Abbiamo in famiglia una 208 BlueHdi 75 cv. Può semplicemente essere che per me (ma sono nella media 1.75 m..) diventi scomodo a lungo andare. Poi lavoro in un concessionario che vende anche Peugeot, quindi mi capitano sempre in mano :D. Sicuramente su 308 e 3008 l'impostazione è più comoda e c'è stata un'evoluzione, dettata anche dalla maggior escursione delle regolazioni disponibili su quei modelli. Vedremo la nuova 508 se sarà ancora migliore.

Quoto il discorso topic apposito, se ritenete opportuno ;)

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Aggiungo la mia esperienza diretta, ho una 3008 da un anno e mezzo e mi trovo benissimo, non riscontro nessuno dei problemi che l'amico V-rus segnala.. Nemmeno in viaggi lunghi.. Inoltre adesso guidando altre auto mi sembra di avere in mano un volante enorme e scomodissimo..

Ho guidato anche a volte una 308 della mia ditta e l'ho sempre trovato un po' meno comoda della mia 3008, soprattutto per la visibilità della strumentazione. Nella 3008 la posizione di guida è senza dubbio migliorata secondo me..

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Aggiungo la mia breve esperienza con l'i.Cockpit.

 

L'unica auto guidata, e non solo provata staticamente è stata una 2008 hdi, guidata per 50 km tra autostrada e strada costiera. L'esperienza non è stata delle più felici, ho trovato difficile regolare opportunamente il sedile e per mantenere una posizione più o meno comoda, il tachimetro finiva coperto dalla corona del volante. Il volante piccolo è forse un pelo più maneggevole, ma non ho alla fine percepito alcun valore aggiunto, anche tornando subito dopo alla guida di un'auto "normale" mi aspettavo un effetto timone che non c'è stato.

 

Sulle prove statiche di 208 e 3008, invece, ho notato che inevitabilmente, l'i-Cockpit risente non poco dello spazio disponibile. La 208 l'ho trovata davvero scomodissima (ripeto, parlo di primissime impressioni), mentre il posto di guida della 3008 è l'unico che almeno non mi abbia dato quella sensazione iniziale di spaesamento.

Detto questo, preferirei di gran lunga un'auto con comandi e impostazione di tipo più tradizionale.

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Considerazioni generali: io di solito percepisco molto lo spessore della corona del volante più che il diametro, e l'altezza del piantone rispetto al sedile.

 

Non ho ancora avuto modo di fare il chiappa-test di un iCockpit. Per mettere la strumentazione sopra al volante (o almeno provarci...) hanno spostato lei in su o il volante in giù?

Share this post


Link to post
Share on other sites

/image/05/7/peugeot-308-2013-125-fr.200057.jpg

volante un filo più basso, strumentazione più alta, volante più piccolo. Io non mi ci trovo molto sinceramente. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

più che i cockpit è un high cockpit. 😂 Non ho mai capito perché è connaturato dei francesi fare per forza i diversi.

 

Per non dimenticare.

 

renault_vel_satis.jpg

  • Haha! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Boh...

Sia su 208 che su 308 non c'era verso che battessi le ginocchia sul volante!

Io non sono piccolo, sia in altezza che in peso ma è una cosa che non mi era mai successa.

Con Bravo/Delta battevo il ginocchio sinistro sul piantone (motivo per cui non comprai Delta) mentre sulle due francesi ero costretto a guidare col sedile tutto giù e col volante tutto su, per riuscire a starci. Oltretutto, su 208, il movimento su/giù del piantone è quasi uno scherzone (tu pensi che vado in su, in realtà vado il là), e su 308 la situazione era appena migliore.

Con 208 ho avuto un'esperienza di una settimana di nolo, ed è stata una settimana automobilisticamente terrificante; che poi l'auto ha grandi qualità, non lo nego, ma l'ergonomia mette tutto in secondo piano.

308, invece, l'avevo seriamente considerata per l'acquisto per via del baule grande e regolare ma, anche li, una volta salito a bordo e fatta una prova, ho dovuto scartarla.

Chiudo con 3008 che è stata, invece, una piacevole sorpresa, magari dovuta allo spazio maggiore a disposizione.

Una volta salito a bordo ho trovato la posizione subito ed il volantino era alla giusta altezza.

Considerazione personale: hanno capito il livello di vacchitudine e stanno correggendo 'sto stracappero di i-cockpit. :si:

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Similar Content

    • By Beckervdo
      Beccato in Cina 
       
    • By Pawel72
      Ho raccolto diverse informazioni per quanto riguarda questo argomento.
       
      Auto Premium chi guadagna di più ?
      2018
      È la Ferrari il costruttore con la migliore redditività: 68.987 euro per ogni unità venduta, il 24,6% se si considera che per portare a casa un’auto del cavallino bisogna mettere in conto circa 279.978 euro.
      Se ci pensa Ferrari a tenere alto il tricolore italiano, di tutta risposta i tedeschi di Porsche e Bmw non rimangono a guardare. La casa di Stoccarda seconda classificata con una marginalità media unitaria del 18,4%, un risultato che frutta al marchio del gruppo Volkswagen 16.780 euro su ogni vettura venduta ad un prezzo medio di 91.309 euro.
      Seguono i connazionali di Monaco, nonostante lo scarto abbondante: vendere un’auto per Bmw vale a dire registrare un guadagno di 3.057 euro, il 9,2% dei 41.518 euro mediamente spesi da un cliente. Quarto e quinto posto per Audi e Mercedes-Benz, con profitti unitari pressoché identici (poco superiori ai 3.340 euro), così come è molto vicina la marginalità rispettivamente dell’8,8% e 8,7%. Volvo segna 7,9%: 2.425 euro su ogni unità immatricolata.
      Risultati meno entusiasmanti per Maserati. Il tridente segna una redditività del 6,7%, un profitto di 4.889 euro rispetto ai 73.444 euro medi per una vettura della casa modenese. Un valore mediocre rispetto ai concorrenti (Porsche fra tutti) destinato nei piani a migliorare: entro il 2022 l’obiettivo è di 100mila immatricolazioni a livello globale e una marginalità che dovrebbe salire al 15%.
      Deludono le premium di Jaguar Land Rover: complessivamente i marchi inglesi registrano un profitto medio unitario dell’1,7%, vale a dire solo 779 euro dei 45.652 incassati nei concessionari. Meglio di niente.
      Bocciate Tesla e Bentley: i due marchi più vendono più perdono soldi. La “B” alata registra profitti negativi per ogni auto immatricolata pari a 17.425 euro, il 10,6% rispetto al prezzo di vendita. Un risultato inaspettato per un brand della famiglia Volkswagen, che probabilmente non ha ancora raggiunto dei livelli di vendita tali da sopportare gli elevati costi produttivi. Al contrario, non stupiscono i risultati del costruttore californiano: record negativo per Tesla che brucia 10.931 per ogni unità venduta: si tratta del 16,4% dei 66.510 euro medi necessari per portarsi a casa un’elettrica di Musk.
       
       
      https://www.lautomobile.aci.it/articoli/2018/08/21/auto-premium-chi-guadagna-di-piu.html
       
       
      2018
      Suzuki sorpassa il BMW è il marchio più redditizio del mondo .
      La differenza è davvero risicata, ma i conti non mentono: 11,8% è il margine di profitto per Suzuki, contro 11,4% per BMW, che fino ad ora era in testa nella classifica mondiale dei marchi automobilistici più redditizi. Lo comunica con un tweet l’Handelsblatt Global.
      2019
      Peugeot e Skoda sono diventati più redditizi rispetto al BMW e Mercedes..!?
      https://www.fitnessfinanziario.it/2019/09/05/bmw-e-mercedes-sono-meno-redditizi-rispetto-a-psa/
       
      Industria automotive: profitti in calo.
      Purtroppo ( o per fortuna ? ) l ' elettrico non sfonda,  e soprattutto non porta proffitti.! 
      Dicono che i profitti di molte Case Auto hanno già evidenziato segni di deterioramento e da qui al 2023 potrebbero ridursi ulteriormente in maniera significativa..
       
    • By MikeMito
      Comunicato ufficiale PSA e FCA
       
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.