Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuto su Autopareri! La community italiana che dal 2003 riunisce gli appassionati di automobili e di motori
  • EMERGENZA COVID-19 - E' un momento particolarmente difficile
  • ma grazie alla collaborazione di tutti
  • ne usciremo sicuramente vincitori! Nel quotidiano occorre rispettare alcune regole ed accortezze
  • ma nel mondo virtuale non c'è pericolo
  • ed Autopareri vi è virtualmente vicino ed attivo
  • per tenervi compagnia!
Sign in to follow this  
Guest frallog

[RISOLTO] Spinotto ammortizzato. Cosa ne pensate?

Recommended Posts

Guest frallog

Tra questa e un'altra nota che porro' sul forum nei prossimi giorni esauriamo le note di febbraio.

Riflettevo sul fatto che l'albero motore deve sopportare degli sforzi enormi per un intervallo di tempo che e' in realta' molto piu' piccolo rispetto a quello di un ciclo. Durante lo scoppio ad esempio la pressione iniziale sfiora gli 80-90 bar, per diventare una ventina di bar quando il pistone e' a mezza altezza, e per scendere a quattro cinque bar quando il pistone e' in basso al PMI. Purtroppo l'albero deve essere progettato per sopportare il massimo sforzo e dunque in realta' risulta molto sovradimensionato rispetto a quella che e' la PME di un ciclo.

Allora mi sono detto che forse sarebbe possibile creare una specie di interfaccia che assorba l'energia dell'urto nel momento dello scoppio per poi restituirla dopo quando il perno di manovella ha compiuto diciamo 45°-60° di percorso. Come naturalmente e' semplice, con delle molle. Le molle si iniziano a caricare al di sopra dei 45 bar di pressione e si scaricano quando parimenti la pressione scende al di sotto di questo valore, restituendo l'energia elastica accumulata allo scoppio. Tralasciando di inserire le molle nella biella che e' troppo delicata per il movimento rototraslatorio che compie, una molla si potrebbe inserire tra pistone e spinotto, ed altre due nei bracci che reggono il perno di manovella dell'albero a gomiti. Naturalmente il coefficiente elastico delle molle dovrebbe essere tale che anche al massimo numero di giri queste siano in grado di trasmettere l'energia accumulata all'albero motore. Questa cosa e' assolutamente fattibile, basti pensare che gia' esistono molle simili, precisamente quelle di richiamo delle valvole. Queste infatti si comportano in questo modo e scattano in tempi brevissimi.

Ecco allora un po' di schemi:



Schema base per identificare i termini
per dare adito a tutti di comprendere
cio' di cui si parla.

+---+
| |<- braccio
====| |====| |====
^ | |
| +---+
perno ^
di banco | perno di
manovella


+-----+
| | <- Pistone
+=====+
| ^ |
|
Spinotto


Ora trattiamo invece le entita' modificate, le vedremo molto piu' in dettaglio rispetto allo schema precedente.



Scema di uno dei bracci dell'albero motore

+===========+
| --- |
| || || | <--- Braccio che regge
| | --- | | il perno di manovdella
| | \ | |
| | \ <---|---- molla
| | \ | |
| | \ | |
| | \ | |
| |


Schema dello spinotto:


============= Spinotto superiore: fisso nel pistone
/
/<------- Molla
/
/
============= Spinotto inferiore: mobile nel pistone
(nelle pareti del pistone sono scavati
due canali laterali che consentono
allo spinoto inferiore di scorrere
nel pistone). Nello spinotto inferiore
(mobile) si innesta la testa della biella.

Svantaggi:

- Complessita' costruttiva

- Molle che devono resistere per 300000Km con coefficiente elastico inalterato

Vantaggi:

- Minore sollecitazione sull'albero motore

- Maggiore regolarita' nell'erogazione della coppia nei monocilindrici

- Albero motore parecchio piu' leggero

Opinioni in merito sono gradite.

Regards,

Francesco 8)))

Share this post


Link to post
Share on other sites

Allora:

Sulla manovella: aggiungi vibrazioni flessionali sull'albero. cosa assolutamente deleteria, che accorcia (e di molto) la vita a fatica dell'albero.

Spinotto: Lo spinotto deve essere piantato , rigido e solidale con la testa del pistone. Questo per evitare lo "scampanio", ovvero che il pistone ruoti su stesso rigando la canna del cilindro

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest frallog

Ok per la manovella. pero' lo spinotto mobile (quello basso, sotto la molla) non permette una rotazione. Esso infatti e' installato in due canali laterali scavati nelle pareti laterali del pistone.

Regards,

Francesco 8)))

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest frallog

Ah scusa Diabolik82 ho capito adesso cosa intendi con scampanio, e a quale rotazione ti riferivi. Beh per questo problema basta allungare un po' le pareti del pistone in basso no?

Regards,

Francesco 8)))

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lo spinotto ha gioco solo nei motori economici.

Nei motori "spinti" invece è montato con interferenza, o nel piede di biella o quasi sempre nello stantuffo. Per evitare lo scampanamento.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ok per la manovella. pero' lo spinotto mobile (quello basso, sotto la molla) non permette una rotazione. Esso infatti e' installato in due canali laterali scavati nelle pareti laterali del pistone.

Regards,

Francesco 8)))

Lo spinotto inferiore non ha bisogno di inviti e di scanalaute poichè è solidale con la biella.

E' invece il pistone che no è più guidato e può inclinarsi in qualsiasi direzione.

Il problema principale rimangono le vibrazioni che si ripercuotono anche sulla camera di combustione: volume non più controllato della camera di combustione e possibilità di risonanze che farebberpo ballare come un pazzo il pistone e lo farebbero grippare in pochi decimi di secondo.

Altro problema è l'appesantimento notevole delle parti mobili che si mangerebbe tutta la prontezza del motore e anche un sacco di potenza.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest frallog

No Cbwin3 le guide sono scavate all'interno delle pareti del pistone, non del cilindro.

Regards,

Francesco 8)))

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest frallog
Lo spinotto inferiore non ha bisogno di inviti e di scanalaute poichè è solidale con la biella.

E' invece il pistone che no è più guidato e può inclinarsi in qualsiasi direzione.

Il problema principale rimangono le vibrazioni che si ripercuotono anche sulla camera di combustione: volume non più controllato della camera di combustione e possibilità di risonanze che farebberpo ballare come un pazzo il pistone e lo farebbero grippare in pochi decimi di secondo.

Altro problema è l'appesantimento notevole delle parti mobili che si mangerebbe tutta la prontezza del motore e anche un sacco di potenza.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Regazzoni, scusa ma che c'entra? E' chiaro (ovvero mi sembra ovvio) che andrebbe affrontato uno studio specifico sulla costante elastica e sulle masse per evitare problemi di risonanza con le frequenze di oscillazione delle parti, durante tutto l'inviluppo dell'arco dei giri per cui il motore e' progettato.

Regards,

Francesco 8)))

Le frequeze di risonanza di un oggetto così massiccio come il gruppo pistone spinotto (se resi sospesi) sono ovviamente abbastanza basse da incrociare frequenze di forzanti presenti nel motore: vorrei ricordarti che non c'è solo il regime di rotazione (che comunque quadrtuplica tranquillamente il suo valore), ma ci sono anche le vibrazioni dei gas in espansione, quelle dei gas in aspirazione e in scarico.

Quindi un corpo "sospeso" come quello che prevedi tu, hapiù che il rischio di andare in risonanza durante le innumerevoli condizioni di funzionamento.

E poi non vedo quale sia il vantaggio di rendere pesante più del doppio il gruppo pistone-spinotto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.