Vai al contenuto

Messaggi Raccomandati

ciaoa tutti,

ragazzi non sono un esperto di motori ed ho un po di confusione.... qualcuno potrebbe farmi chiarezza in termini pratici su alcuni concetti?

 

tipo, nella guida, qual è la differenza tra diesel e benzina? chi ha più ripresa?

cos'è la coppia?

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
5 ore fa, ernesto1985 scrive:

tipo, nella guida, qual è la differenza tra diesel e benzina? chi ha più ripresa?

cos'è la coppia?

Provo a spiegartelo in modo poco tecnico e come mai farebbe un professore (che mi bastonerebbe dopo aver letto ciò :) ), ma all'atto pratico non andrò molto lontano dalla realtà ;)

 

 

Nei motori di solito si dichiarano la potenza e la coppia di picco, ed assieme a questi 2 dati si dichiara anche il regime (i giri) a cui vengono ottenuti.

Es: potenza massima 120 CV a 4.800 giri, coppia massima 320 Nm a 2.000 giri.

 

La potenza massima nella pratica si traduce con prestazioni massime che avrà il tuo veicolo quando tieni a fondo il gas per un periodo prolungato (il quanto a lungo dipende dalle caratteristiche complessive del mezzo): dopo un po', nella giusta marcia, arriverai ad una velocità massima oltre la quale non andrai, ed otterrai in alcuni frangenti la massima accelerazione.

 

La coppia massima, la puoi interpretare come la "forza massima" con cui l'auto verrà spinta in avanti, a quel determinato regime a cui è stata dichiarata.

 

Il concetto di coppia subentra dal fatto che il motore e molti organi dell'auto - tra cui le ruote - sono fatti per trasmettere la forza ruotando: quindi non si poteva parlare di una "forza semplice" (N = newton) in senso stretto, come quando spingi avanti un carrello della spesa tramite il maniglione.

 

Tocca così parlare di una "forza che induce a ruotare" (Nm = newton x metro), ovvero è un po' come quando apri un vasetto di marmellata!  :D 

 

Oppure come quando avviti/sviti un bullone con ad una chiave inglese: tu applichi una forza con la tua mano (newton) su un punto della chiave, punto che si trova ad una certa distanza dal bullone (metro, unità di misura della lunghezza). In questa maniera sul bullone tu ottieni un valore di coppia (newton x metro)

 

concetto di coppia.jpg

 

 

 

 

Bon, torniamo a noi.

 

Chi ha più ripresa tra un benzina ed un diesel?

Dipende. Magari ti verrebbe da dire quello che dichiara più coppia, ma non è sempre così.

 

Perché? Vediamo i 2 motivi principali. 

 

1) Perché tra l'albero motore e le ruote c'è la demoltiplicazione/moltiplicazione dovuta al cambio ed agli ingranaggi che ci sono in cascata.

Poniamo ad esempio che la tua auto abbia una coppia massima di 320 Nm a 2.000 giri. Se tu sei in 1a marcia ed a 2.000 giri acceleri al massimo, alle ruote ne arriveranno (stima) 15 volte tanto (320 x 15 = 4.800 Nm) e l'auto schizzerà in avanti. Ma se sei in 4a, di quei Nm ne arriveranno (sempre numeri indicativi) solamente 4 volte tanto (320 x 4 =1.280 Nm ), quindi meno che in 1a marcia: va da sé che la tua auto recupererà velocità in modo più mite.


Tendenzialmente posso dirti che i motori a benzina, aspirati o turbo che siano - a parità di auto/potenza massima - hanno dei rapporti un po' più corti rispetto ad un analogo motore turbo diesel, proprio per compensare la minor coppia massima che riescono ad erogare, giocando sul range di giri utili più ampio.

 

 

2) Perché bisogna vedere in che arco di regimi c'è abbondanza di coppia e quanto questo sia ampio, non basta conoscere solo il picco di coppia!

Infatti, quando hai bisogno di ripresa e quindi di riaccelerare, ti troverai ad esempio a 1.400 giri ed avrai bisogno di continuare lo slancio fino a (ipotesi) 2.800 giri. Sarà necessario verificare se in quei regimi il tuo motore sarà in grado di fornire una coppia bella sostenuta, tale da spingerti in avanti con la forza di cui hai bisogno.

 

Tipicamente, un motore turbo diesel  avrà una coppia media più alta a regimi più bassi (tra i 1.700 ed i 2.700 giri) rispetto ad altri motori. Per questo sembrano più pronti e facili da guidare, perché di solito su strada si tiene il motore in quei regimi li, fortuna vuole siano quelli in cui il motore può esprimersi al meglio.  Vedi linea tratteggiata:

 

coppia 2.0 tdi turbo diesel.jpg

 

 

Un motore turbo benzina moderno invece, da il meglio in termini di coppia disponibile in un arco di regimi più ampio ben distribuito, indicativamente tra i 2.000 ed i 4.500 giri, quindi ne risulterà un motore molto elastico e facile da guidare, anche se magari non restituirà il "calcio nella schiena" di alcuni diesel, ma in compenso spingerà più corposamente in un arco di regimi più ampio.

 

coppia 2.0 tfsi turbo benzina.jpg

 

 

Un motore a benzina aspirato, è un motore che tipicamente non regala una gran risposta ai bassi giri, perché in assenza del turbocompressore avrà un picco di coppia concentrato a regimi medio alti, solitamente tra i 3.500 ed i 4.500 giri (sempre numeri ipotetici, perché dipende da motore a motore). Ecco perché se stai guidando normalmente e quindi sui 2.000 giri, magari in 4a marcia, se acceleri a fondo dovrai aspettare un bel po' prima che inizi a prendere vigore. Magari sarà meno immediato, ma qui ci viene in aiuto il cambio: scali una o due marce, e ti ritroverai magicamente su di giri, più vicino a quei regimi in cui il motore riesce ad esprimere al meglio le sue potenzialità ;-)

 

coppia benzina aspirato.jpg

  • Like! 13

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Pensa il mio motore ha il picco di coppia a 1250 giri , quindi più basso dei diesel , costante fino a 5000 giri e la potenza massima a 6000 giri.
È un benzina , ma spinge subito e sempre più di un diesel.

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Adesso, Vadocomeundiavolo scrive:

Pensa il mio motore ha il picco di coppia a 1250 giri , quindi più basso dei diesel , costante fino a 5000 giri e la potenza massima a 6000 giri.
È un benzina , ma spinge subito e sempre più di un diesel.

E' un turbo benzina con una guidabilità eccellente in effetti ;)

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

 

On 20/7/2018 at 15:13, ernesto1985 scrive:

ciaoa tutti, 

ragazzi non sono un esperto di motori ed ho un po di confusione.... qualcuno potrebbe farmi chiarezza in termini pratici su alcuni concetti? 

 

tipo, nella guida, qual è la differenza tra diesel e benzina? chi ha più ripresa? 

cos'è la coppia? 

 

All'atto pratico, in una stessa auto di pari potenza turbobenzina o turbodiesel, il discorso sta tutto nei rapporti del cambio. Tant'è che se le prendi a cambio automatico (che utilizza il motore sempre nel regime piu vantaggioso) vanno uguale. I diesel hanno piu coppia, ma hanno le marcie piu lunghe, soprattutto dalla 4a in poi.

Per farti un esempio concreto: la giulietta 1.4 turbobenzina 120cv e 215nm in 6a a 130 frulla a 3350giri/m; la diesel 120cv e 320nm gira a 2300giri/m. La 6a della benzina, è un rapporto a metà strada tra la 4a e la 5a del diesel.
Nel caso specifico, dati i rapporti corti, la benzina è piu brillante. Per contro già a 130 il motore si fa sentire bene, mentre nella diesel girando piu basso è impercettibile rispetto al resto dei rumori.

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
On 20 luglio 2018 at 17:15, J-Gian scrive:

Provo a spiegartelo in modo poco tecnico e come mai farebbe un professore (che mi bastonerebbe dopo aver letto ciò :) ), ma all'atto pratico non andrò molto lontano dalla realtà ;)

 

 

Nei motori di solito si dichiarano la potenza e la coppia di picco, ed assieme a questi 2 dati si dichiara anche il regime (i giri) a cui vengono ottenuti.

Es: potenza massima 120 CV a 4.800 giri, coppia massima 320 Nm a 2.000 giri.

 

La potenza massima nella pratica si traduce con prestazioni massime che avrà il tuo veicolo quando tieni a fondo il gas per un periodo prolungato (il quanto a lungo dipende dalle caratteristiche complessive del mezzo): dopo un po', nella giusta marcia, arriverai ad una velocità massima oltre la quale non andrai, ed otterrai in alcuni frangenti la massima accelerazione.

 

La coppia massima, la puoi interpretare come la "forza massima" con cui l'auto verrà spinta in avanti, a quel determinato regime a cui è stata dichiarata.

 

Il concetto di coppia subentra dal fatto che il motore e molti organi dell'auto - tra cui le ruote - sono fatti per trasmettere la forza ruotando: quindi non si poteva parlare di una "forza semplice" (N = newton) in senso stretto, come quando spingi avanti un carrello della spesa tramite il maniglione.

 

Tocca così parlare di una "forza che induce a ruotare" (Nm = newton x metro), ovvero è un po' come quando apri un vasetto di marmellata!  :D 

 

Oppure come quando avviti/sviti un bullone con ad una chiave inglese: tu applichi una forza con la tua mano (newton) su un punto della chiave, punto che si trova ad una certa distanza dal bullone (metro, unità di misura della lunghezza). In questa maniera sul bullone tu ottieni un valore di coppia (newton x metro)

 

concetto di coppia.jpg

 

 

 

 

Bon, torniamo a noi.

 

Chi ha più ripresa tra un benzina ed un diesel?

Dipende. Magari ti verrebbe da dire quello che dichiara più coppia, ma non è sempre così.

 

Perché? Vediamo i 2 motivi principali. 

 

1) Perché tra l'albero motore e le ruote c'è la demoltiplicazione/moltiplicazione dovuta al cambio ed agli ingranaggi che ci sono in cascata.

Poniamo ad esempio che la tua auto abbia una coppia massima di 320 Nm a 2.000 giri. Se tu sei in 1a marcia ed a 2.000 giri acceleri al massimo, alle ruote ne arriveranno (stima) 15 volte tanto (320 x 15 = 4.800 Nm) e l'auto schizzerà in avanti. Ma se sei in 4a, di quei Nm ne arriveranno (sempre numeri indicativi) solamente 4 volte tanto (320 x 4 =1.280 Nm ), quindi meno che in 1a marcia: va da sé che la tua auto recupererà velocità in modo più mite.


Tendenzialmente posso dirti che i motori a benzina, aspirati o turbo che siano - a parità di auto/potenza massima - hanno dei rapporti un po' più corti rispetto ad un analogo motore turbo diesel, proprio per compensare la minor coppia massima che riescono ad erogare, giocando sul range di giri utili più ampio.

 

 

2) Perché bisogna vedere in che arco di regimi c'è abbondanza di coppia e quanto questo sia ampio, non basta conoscere solo il picco di coppia!

Infatti, quando hai bisogno di ripresa e quindi di riaccelerare, ti troverai ad esempio a 1.400 giri ed avrai bisogno di continuare lo slancio fino a (ipotesi) 2.800 giri. Sarà necessario verificare se in quei regimi il tuo motore sarà in grado di fornire una coppia bella sostenuta, tale da spingerti in avanti con la forza di cui hai bisogno.

 

Tipicamente, un motore turbo diesel  avrà una coppia media più alta a regimi più bassi (tra i 1.700 ed i 2.700 giri) rispetto ad altri motori. Per questo sembrano più pronti e facili da guidare, perché di solito su strada si tiene il motore in quei regimi li, fortuna vuole siano quelli in cui il motore può esprimersi al meglio.  Vedi linea tratteggiata:

 

coppia 2.0 tdi turbo diesel.jpg

 

 

Un motore turbo benzina moderno invece, da il meglio in termini di coppia disponibile in un arco di regimi più ampio ben distribuito, indicativamente tra i 2.000 ed i 4.500 giri, quindi ne risulterà un motore molto elastico e facile da guidare, anche se magari non restituirà il "calcio nella schiena" di alcuni diesel, ma in compenso spingerà più corposamente in un arco di regimi più ampio.

 

coppia 2.0 tfsi turbo benzina.jpg

 

 

Un motore a benzina aspirato, è un motore che tipicamente non regala una gran risposta ai bassi giri, perché in assenza del turbocompressore avrà un picco di coppia concentrato a regimi medio alti, solitamente tra i 3.500 ed i 4.500 giri (sempre numeri ipotetici, perché dipende da motore a motore). Ecco perché se stai guidando normalmente e quindi sui 2.000 giri, magari in 4a marcia, se acceleri a fondo dovrai aspettare un bel po' prima che inizi a prendere vigore. Magari sarà meno immediato, ma qui ci viene in aiuto il cambio: scali una o due marce, e ti ritroverai magicamente su di giri, più vicino a quei regimi in cui il motore riesce ad esprimere al meglio le sue potenzialità ;-)

 

coppia benzina aspirato.jpg

Complimenti, sei stato bravissimo.... Quindi un auto che ha una coppia massima ad un numero di giri basso ha più "spinta" quando partì da fermo giusto, quindi in salita va meglio giusto? Quindi, considerando che.i diesel hanno una coppia massima a giri più bassi rispetto al Benzina, in una partenza in salita vanno meglio i diesel?

  • Grazie! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Ne approfitto anche io per fare una domanda tecnica proprio relativa alla coppia.

Siccome sono in fase di valutazione tra lo Stelvio 200 e 280cv, guardavo i dati della coppia.

Il 200cv ha 330nm, il 280cv ha 70nm in più (quindi 400). Il 200cv però ha la coppia a 1750 giri, il 280cv invece c'è l:'ha a 2250 giri. Mi sapete dire quindi la differenza e il vantaggio di averla a 1750 anziché a 2250 giri? Ho visto la prova della Giulia 200cv e infatti lodavano il fatto di avere la coppia più in basso rispetto al 280, però volevo capire meglio la differenza tecnica

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Inviato (modificato)
4 ore fa, Marco88 scrive:

Ne approfitto anche io per fare una domanda tecnica proprio relativa alla coppia.

Siccome sono in fase di valutazione tra lo Stelvio 200 e 280cv, guardavo i dati della coppia.

Il 200cv ha 330nm, il 280cv ha 70nm in più (quindi 400). Il 200cv però ha la coppia a 1750 giri, il 280cv invece c'è l:'ha a 2250 giri. Mi sapete dire quindi la differenza e il vantaggio di averla a 1750 anziché a 2250 giri? Ho visto la prova della Giulia 200cv e infatti lodavano il fatto di avere la coppia più in basso rispetto al 280, però volevo capire meglio la differenza tecnica

Devi guardare le curve di coppia sovrapposte. Mi aspetto che il 280 abbia sempre almeno la stessa coppia del 200, che magari si ferma prima mentre il 280 continua a salire.

Modificato da jameson
  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Contenuti simili

    • Da Felis
      Premetto che non so cosa sia l'ingegneria dell'autoveicolo e allora chiedo a voi.
      Avendo due veicoli UGUALI, a PARITÀ di velocità costante (senza variazioni), consuma più carburante il veicolo con meno coppia motrice? O viceversa, o consumano uguale?
      A mio parere è valida l'ultima risposta. Attendo spiegoni!
      Grazie.
    • Da lancia21
      Ne approfitto per chiarirmi le idee sulla coppia. Mi spiego meglio.
      -Alcuni consigliano un auto a diesel che avendo più coppia è più piacevole da guidare
      -Altri affermano che l'importante è il cavallaggio e la cilindrata
      Io mi chiedo: se immaginiamo un confronto tra un auto che ha 500CV e 400Nm e un auto che ha 400CV e 500Nm quale considerate migliori in prestazioni?
      e a parità di cavalli una maggiore coppia come si avverte? in accellerazione? la risposta del motore?
      Potrebbe sembrare una domanda stupida, ma vorrei fatare il mito della piacevolezza di guida legata al diesel per effetto della coppia!
×