Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuto su Autopareri - il forum dell'automobile!

Quanto ti piace la Ferrari F8 Tributo 2019?  

62 members have voted

  1. 1. Quanto ti piace la Ferrari F8 Tributo 2019?

    • Molto
      46
    • Abbastanza
      10
    • Poco
      5
    • Per niente
      1


Recommended Posts

Ferrari presenta la Ferrari F8 Tributo, erede della Ferrari 488 GTB.

Rispetto al modello uscente il V8 3.9 TwinTurbo è stato potenziato sino a raggiungere i 720 CV (185 CV/ litro), mentre l'aerodinamica è stata rivista ed è in grado di garantire un 15% di carico in più in ogni situazione. Il sistema Side Slip Angle Control, che governa le forze laterali della vettura, è ora alla versione 6.1

Rivisto il sistema di scarico, che ora include una versione aggiornata del Ferrari Dynamic Enhancer (FDE+), attivabile attraverso il "Manettino" su posizione Race.

Il volante ha un diametro ridotto rispetto a quello installato nella 488.

ferrari-f8-tributo.jpg

ferrari-f8-tributo.jpg

ferrari-f8-tributo.jpg

ferrari-f8-tributo.jpg

ferrari-f8-tributo.jpg

ferrari-f8-tributo.jpg

 

Press Ufficiale Ferrari

Cita

 

THE FERRARI F8 TRIBUTO: A CELEBRATION OF EXCELLENCE

An homage to the most powerful V8 in Ferrari history

The first photographs revealed ahead of official March 5th unveiling at Geneva Motor Show

Maranello, 28 February 2019 – Ferrari has revealed the first official photographs of the F8 Tributo, the new mid-rear-engined sports car that represents the highest expression of the company’s classic two-seater berlinetta. The name is an homage to both the model’s uncompromising layout and to the engine that powers it – with a massive 720 cv and a record specific power output of 185 cv/l, it is the most powerful V8 in Prancing Horse history for a non-special series car and sets the benchmark not just for turbos, but for engines across the board. The 3902 cc V8 won “Best Engine” in the International Engine of the Year awards three years running in 2016, 2017 and 2018 and, in addition, in 2018, was awarded the title of the best engine of the last two decades.

As these prestigious awards demonstrate, in the automotive world, Ferrari’s V8 engine is seen as the very epitome of sportiness and driving pleasure. This is particularly the case when it is mid-rear-mounted in a two-seater. Ferrari has been honing the scope of abilities of this architecture, which creates an optimal weight balance, to perfection for over four decades. The result is the F8 Tributo, which is one of the fastest, most thrilling and communicative supercars ever.

The new car replaces the 488 GTB, with improvements across the board, providing even better control on the limit along with greater on-board comfort. The F8 Tributo punches out 50 cv more than the car it replaces, is lighter and benefits from a 10% improvement in aerodynamic efficiency along with the latest version of the Side Slip Angle Control, now in 6.1 guise. So while the F8 Tributo offers the highest levels of performance of any car in the current range, that performance is also very usable.

The F8 Tributo delivers its 720 cv without the slightest hint of turbo lag and produces an evocative soundtrack. Instantaneous power is matched by exceptional handling thanks to advanced vehicle dynamics solutions. These include a new version of the Ferrari Dynamic Enhancer (FDE+) which can be activated in the manettino’s RACE position for the first time, a move designed to make performance on the limit easier to reach and control for an even greater number of drivers. The steering wheel rim is also smaller in diameter to enhance the level of tactility and make the car feel even more agile. In addition, weight reduction measures have cut the car’s dry weight by 40 kg compared to the 488 GTB, further enhancing both responsiveness and driving pleasure without impinging on interior comfort.

State-of-the-art aerodynamic solutions incorporated into the car’s body help ensure that the extraordinarily powerful engine can be fully exploited. As with the 488 Pista, the F8 Tributo’s aero package is directly evolved from the track and it adopts several features from the 488 Pista designed to help manage engine heat, including, for instance, the rearward-angled front radiators and the dynamic engine air intakes positioned either side of the spoiler instead of on the rear flanks.

Designed by the Ferrari Styling Centre, the F8 Tributo is essentially a bridge to a new design language that will continue to emphasise Ferrari’s key characteristics of high performance and extreme aerodynamic efficiency.

The front of the car is characterised by the S-Duct, a solution that made its debut on the 488 Pista, but which has been redesigned to suit the extensive modifications made to this area of the car. The result is that the S-Duct alone contributes an impressive 15% to the overall increase in downforce compared to the 488 GTB. The new, more compact, horizontal LED headlights allowed Ferrari’s aerodynamicists to incorporate new brake cooling intakes in combination with those on the outside of the bumper, the aim being to improve air flow throughout the entire wheelarch and thereby avoid having to increase the size of the braking system to cope with the car’s greater speed.

The new Lexan rear screen showcases the engine compartment and also brings a modern twist to the most distinctive design element from Ferrari’s most famous V8, the F40. The louvres help extract hot air from the engine compartment without impacting the efficiency of the blown spoiler which has been further evolved to increase downforce generated at the rear. The spoiler wraps around the tail lights, visually lowering the car’s centre of gravity and allowing a return to the classic twin light cluster and body-coloured tail, another signature of the early 8-cylinder berlinettas like the very first in the legendary series, the 1975 308 GTB.

The cabin retains the classic, driver-oriented cockpit look typical of Ferrari’s mid-rear-engined berlinettas, but every element of the dash, door panels and tunnel, has been completely redesigned. The new generation HMI (Human Machine Interface), complete with round air vents, new steering wheel and controls as well as a new 7” passenger touchscreen display, significantly enhance the on-board environment for driver and passenger.

Ferrari F8 Tributo
Technical specifications

ENGINE
Type 90-degree V8 turbo
Overall displacement 3902 cc
Max. power output* 720 cv at 8,000 rpm
Specific power output 185 cv/l
Max. torque 770 Nm at 3,250 rpm

DIMENSIONS AND WEIGHT
Length 4611 mm
Width 1979 mm
Height 1206 mm
Dry weight** 1330 kg

PERFORMANCE
0-100 km/h 2.9 s
0-200 km/h 7.8 s
Top speed 340 km/h

FUEL CONSUMPTION/CO 2 EMISSIONS
Under homologation

* With 98 octane petrol
**With lightweight options

 

 

Via Ferrari

  • I Like! 3
  • Absurd! 1
  • Wow! 4

Share this post


Link to post
Share on other sites

Di primo acchito esteticamente non mi entusiasma.


Mi aspettavo qualcosa piü in sitle J50/Deborah.

 

Vediamo se migliora con altre foto.

Edited by superkappa125
  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

posso dire che preferivo i 2 fanali posteriori invece dei 4?

boh, non mi fa impazzire

  • I Like! 6

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vado controcorrente, era dalla F430 che una Ferrari non mi entusiasmava come questa! 

  • I Like! 7

Share this post


Link to post
Share on other sites

Aspetto le foto live, non mi convince la parte sotto lo stemma Ferrari frontale 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Similar Content

    • By ykdg1984
      DS Automobilies schiera la pedina più importante della sua giovane storia. Infatti, la DS 3 Crossback  è la seconda delle sei auto totalmente inedite che il marchio presenterà entro il 2024, ma è la prima che rispetta la promessa di proporre una versione ibrida plug-in o una full-electric. È, quindi, con questo modello che DS inizia a proporre uno dei frutti del suo ruolo di leader dell’innovazione all’interno del gruppo PSA: l’elettrificazione.
       
      Missione strategica. Di conseguenza, le caratteristiche più scontate della DS 3 Crossback sono la corporatura da Suv e la taglia compatta, dovuta alla lunghezza di 4,12 m. Il loro intreccio la collocano in uno dei settori accreditati di maggiore crescita nei prossimi anni e nel quale, in ossequio alle ambizioni premium del marchio, si propone come alternativa a modelli come l’Audi Q2 e la Mini Countryman. Parallelamente questa nuova Suv compatta accompagna in pensione la DS 3.
       
      Si proietta nel futuro, ma non tradisce il passato. Svolge questi compiti indossando vesti nelle quali s’intersecano stilemi evoluti dalla vettura che sostituirà con altri del tutto inediti. Si tratta, per esempio, della palpebra che sormonta i fari anteriori e degli elaborati scudi paraurti. Abbinandosi a tratti caratterizzanti come le “pinne di squalo” laterali ereditate dalla DS 3, le fiancate muscolose che insieme all’andamento orizzontale della coda tendono a esaltare l’autorevolezza della corporatura e l’altezza da terra rialzata originano un aspetto che non passa inosservato. Poi, la DS 3 Crossback sfoggia anche soluzioni raffinate come le maniglie delle porte retrattili, tipo quelle della Tesla e della Range Rover Velar. Inoltre, anteriormente inalbera accanto alla grande calandra DS dei gruppi ottici Matrix Led Vision Beam.
       
       
      Punta al'elettrico... Quella dei fari è una tecnologia inusuale su una vettura compatta, ma non è quella di maggiore spicco. Infatti, la DS 3 Crossback porta al debutto alcune importanti primizie. È questo il caso dell’architettura CMP (Common Modular Platform) studiata per ottimizzare la volumetria interna, soprattutto, in presenza della propulsione elettrica. Quest’ultima dà origine alla versione E-Tense ed è affidata a un’unità con una potenza di 136 CV e una coppia di 260 Nm, gestibile anche con le modalità Eco e Sport. È alimentata da una batteria agli ioni di litio da 50 kWh ricaricabile completamente in 5 ore tramite wallbox e all’80% in 30 minuti utilizzando una colonnina rapida. Secondo la Casa è in grado di spingere la vettura a una velocità di 150 all’ora e sino a 100 orari in 8,7 secondi, con un’autonomia  superiore ai 300 chilometri, secondo il ciclo Wltp. Ma questo valore, al momento, non è ancora stato omologato.
       
      …pur non ripudiando benzina e gasolio. Ma le novità non mancano anche nello schieramento dei motori termici. Tra quelli a benzina PureTech, tra l’altro tutti con filtro antiparticolato, debutta il tre cilindri turbo di 1.2 litri con 155 CV, abbinato al cambio automatico a otto marce, al quale si affiancano quelli di analoga cilindrata da 100 e 130 CV. Il capitolo dei turbodiesel BlueHDi, invece, è composto dai recentissimi motori di 1.5 litri con potenze di 100 e 130 CV. Per le unità da 130 e 155 CV è previsto solo il cambio automatico a otto marce, mentre le meno potenti sono equipaggiate con il manuale a sei marce.
       
      L’artigianalità incontra l’hi-tech. All'interno si ritrovano le lavorazioni complesse che vogliono esaltare la ricercatezza del marchio e anche gli allestimenti Montmartre, Bastille, Rivoli e Opera, ai quali si aggiungono la sportiva Performance Line e quella in tiratura limitata La Première, che rimandano ad ambientazioni parigine. Ma questa Crossback è diversa dalle altre DS. L’arredamento, infatti, è il punto d’incontro tra materiali e lavorazioni che vogliono richiamare l’artigianalità e la sartorialità e soluzioni hi-tech come la strumentazione digitale, l’head-up display e il touch screen da 10,3” del sistema d’infotainment.
       
      Adas, connettività e servizi dedicati. La nuova Crossback porta con sé, di serie o a richiesta, il sistema di guida autonoma di livello 2 della più grossa DS 7, avanzati dispositivi di sicurezza, una connettività che permette di dialogare con la vettura anche solo con il Bluetooth e molte app dedicate. Tra queste, c’è anche quella che consente di assegnare l'auto, anche solo per periodi ben definiti, ad altri utenti. Infine, tra i molti pacchetti va segnalato DS Mobility. È destinato a chi acquista la E-Tense, perché offre la possibilità di utilizzare una DS 3 con motore termico quando non si è così certi di trovare facilmente punti di ricarica per la Crossback elettrica.
       
      Quattroruote.it
       










       
       
       
      TOPIC SPY ⤵️
       
       
    • By Beckervdo
      Foto ufficiali per la nuova Peugeot 208 che diventa più matura, grazie all'adozione di stilemi e contenuti delle sorelle maggiori. Primo fra tutti, l'utilizzo degli ultimi sistemi per la guida assistita/autonoma e l'introduzione in gamma di una declinazione ibrida/elettrica.
      La piattaforma è la CMP che abbatte la massa complessiva - a parità di allestimento - di circa 30 kg. 
      La nuova Peugeot 208 è lunga 4.05 metri.
       
      All'interno troviamo la solita plancia pluri-livello che include il nuovo sistema di infotelematica che - a seconda dell'allestimento - è disponibile con schermo da 5 / 7 o 10 pollici. Presente Apple CarPlay, Andrid Auto e MirrorLink, oltre ad un sistema di carica induttiva e ben 4 porte USB (di cui 2 di tipo C).
      Cinque sono gli allestimenti, ognuno con una propria caratteristica: "Access", "Active", "Allure", "GT Line" e "GT", abbinabili ad un motore a benzina 1.2 PureTech a 3 cilindri con potenze da 75 - 100 e 130 CV. 
      Per i "macina chilometri" è disponibile il 4 cilindri 1.5 BlueHDi da 100 CV.
      La 1.2 da 75 CV è disponibile esclusivamente con trasmissione manuale a 5 marce, tutte le altre hanno di serie un manuale a 6 rapporti; la 1.2 THP da 130 CV, invece, è dotata di serie dell'automatico ad 8 rapporti.
      Con gli esemplari dotati di trasmissione automatica, sono di serie i paddles al volante. 
       
      Peugeot e-208
      La Peugeot 208 è disponibile anche in declinazione completamente elettrica con il nome di e-208, il cui motore elettrico eroga 136 CV di picco ed una coppia massima di 260 Nm. L'autonomia è di 340 km secondo ciclo WLTP. 
      Tre modalità di guida sono selezionabili: Normale, Sport, ECO. Nella modalità Sport, lo scatto 0-100 km/h è coperto in appena 8.1 secondi.
      Inoltre, attraverso la cloche in plancia che seleziona le due modalità di avanzamento (avanti/indietro) è possibile selezionare quanto debba intervenire la frenata rigenerative (One Pedal Feeling) così da permettere un utilizzo "moderato" o "intenso". 
      Sarà in vendita solo attraverso un canale web dedicatole ed esclusivamente in allestimento GT.
      Il marchio francese assicura il pack batterie con una durata residua dopo 8 anni di utilizzo del 70%. 
      Tre possibilità di ricarica saranno offerte da Peugeot:  tramite un alimentatore domestico a 220 CV è garantita una carica completa in 16 ore - o un "Legrand Green Up" potenziato, costituito da un modulo a parete che richiede  5 ore e 15 minuti - se è installata una potenza trifase di 11 kW o 8 ore in monofase con potenza di 7.4kW. Se invece si utilizzasse un sistema di carica rapida da 100 kW, bastano 30 minuti per arrivare all'80% dello SoC.
       
       
       
      Peugeot e-208
       



       
       
      Topic Spy --> https://www.autopareri.com/forums/topic/62870-peugeot-208-ii-prj-p21-spy
    • By Aymaro
      trasmesso in diretta su TV8
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.