Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuto su Autopareri - il forum dell'automobile!
Pejo71

Problemi con centralina TPMS S-CROSS - Suzuki non risponde

Recommended Posts

Ad Ottobre 2015 compro da www.gommadiretto.it 4 gomme invernali complete di cerchi con sensori TPMS.

Li monto sulla mia SUZUKI S-Cross (comprata il 26 Agosto 2015) senza nessun problema.

Ad Aprile 2016, quando ho rimontato le gomme estive montate sui cerchi SUZUKI la centralina TPMS ha segnalato l’anomalia.

E qui è iniziato l’incubo….

Porto l’auto dalla concessionaria e dopo un primo reset della centralina e riprogrammazione (160 euro spesi), 4 giorni successivi di fermo auto per verifiche, mi dicono che a colpa dei sensori TPMS di www.gommadiretto.it la centralina è “impazzita” e mi suggeriscono (obbligano) di sostituire la centralina, riprogrammarla e cambiare tutte i sensori sulle gomme invernali totale speso da me 383 euro.

Allora chiedo a www.gommadiretto.it spiegazione sui sensori. Mi dicono che hanno montato i sensori RDKS VDO Redi approvati da SUZUKI, ma se gli mando una dichiarazione della concessionaria che i danni da me subiti sono dovuti ai sensori cercheranno di rimborsarmi le spese.

Sono in attesa dal 03/06 ma nessuna risposta, neanche dal numero verde SUZUKI che invia invano solleciti alla casa madre.

Sono scandalizzato dalla loro gestione delle problematiche di un cliente, sono stati solo capaci di addebitare tutte le spese di un’auto in garanzia senza cercare di gestire il problema. Complimenti!

In più ho scoperto che solo la SUZUKI Celerio ha un reset della centralina TPMS, tutti gli altri modelli no (quasi tutte le auto di altri costruttori hanno questa funzione), quindi occorre prestare molta attenzione nel montare sensori non originali perché se non vengono riconosciuti occorre andare per forza dalla concessionaria e spendere parecchio.

Speriamo che prima o poi si degnino di assumersi le loro responsabilità…

Share this post


Link to post
Share on other sites

A me fa storcere il naso non tanto i sensori ma quando il sistema software della Suzuki e non mi capacito come possano aver rovinato una centralina tanto da doverla sostituire.

Share this post


Link to post
Share on other sites

In effetti, lato auto dovrebbe trattarsi di un banale ricevitore, con al limite la capacità di ritararsi (su input dell'utente) per azzerare il valore di riferimento quando si fa il cambio gomme.

 

Francamente mi risulta molto strano che la centralina di un ricevitore radio si scassi in maniera radicale solo perché ha ricevuto segnali da trasmettitori non compatibili (peraltro funzionando correttamente nel durante!).

 

O il software ha la robustezza di un castello di carte, oppure la centralina è schizzata per gli affari suoi...

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Concordo sul fatto che il problema della centralina non sia da imputare agli altri sensori, diversamente avresti avuto la segnalazione di malfunzionamento all'impiego delle invernali e non dopo... Potrebbe invece essere stata la programmazione dei sensori stessi (non ho capito se all'epoca l'avevi dovuta fare o no... mi sembra strano che ti abbia accettato i nuovi sensori senza codifica) a mandare in tilt la centralina. Quanto alla Celerio, evidentemente ha un TPMS passivo che usa i segnali dell'ABS per rilevare il "diametro" delle ruote e quindi un eventuale sottogonfiaggio, sistema molto più economico (non ha valvole strumentate, è solo software in centralina ABS/ESP) ma meno efficace e molto più lento a segnalare anomalie.

Share this post


Link to post
Share on other sites

La centralina che impazzisce a causa dei sensori, al punto da diventare inservibile come hardware, mi è nuova. 

  • I Like! 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma la cosa allucinante è la gestione del problema da parte della SUZUKI, è incredibile, ma alle mie lamentele (i dubbi sul fatto che la centralina TPMS fosse difettosa dall'inizio sono ovvi) hanno solo risposto fatturando il ripristino della condizione originale, senza venirmi incontro in alcun modo e senza darmi la possibilità di chiedere i danni a gommadiretto.it. Semplicemente non rispondono...Spero che altri malcapitati, anche per altre problematiche, non ricevano lo stesso trattamento...saper gestire gli inconvenienti è fondamentale per qualunque azienda seria...

  • Sad! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
23 ore fa, Pejo71 dice:

 Semplicemente non rispondono.. 

 

Prova a scrivere anche a delle riviste autorevoli, magari pubblicano il caso e di solito qualcosa si smuove

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non so se può darti una qualche soddisfazione, ma mi hai appena dissuaso dall'andare a farmi fare un preventivo per una Ignis e per una Swift 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Similar Content

    • By Beckervdo
      Sembra che la piccola "panda" di Suzuki, la Ignis, possa esser stata sottoposta ad un restyling di mezza vita. La vettura sarà molto simile alla S-Presso in vendita in India.
      Nuova griglia frontale, nuovo paraurti, nuova info-telematica di bordo, saranno gli aggiornamenti principali.
      Non c'è conferma sull'utilizzo del nuovo sistema MHEV P2.5 a 48V

       
    • By Pawel72
      Ho raccolto diverse informazioni per quanto riguarda questo argomento.
       
      Auto Premium chi guadagna di più ?
      2018
      È la Ferrari il costruttore con la migliore redditività: 68.987 euro per ogni unità venduta, il 24,6% se si considera che per portare a casa un’auto del cavallino bisogna mettere in conto circa 279.978 euro.
      Se ci pensa Ferrari a tenere alto il tricolore italiano, di tutta risposta i tedeschi di Porsche e Bmw non rimangono a guardare. La casa di Stoccarda seconda classificata con una marginalità media unitaria del 18,4%, un risultato che frutta al marchio del gruppo Volkswagen 16.780 euro su ogni vettura venduta ad un prezzo medio di 91.309 euro.
      Seguono i connazionali di Monaco, nonostante lo scarto abbondante: vendere un’auto per Bmw vale a dire registrare un guadagno di 3.057 euro, il 9,2% dei 41.518 euro mediamente spesi da un cliente. Quarto e quinto posto per Audi e Mercedes-Benz, con profitti unitari pressoché identici (poco superiori ai 3.340 euro), così come è molto vicina la marginalità rispettivamente dell’8,8% e 8,7%. Volvo segna 7,9%: 2.425 euro su ogni unità immatricolata.
      Risultati meno entusiasmanti per Maserati. Il tridente segna una redditività del 6,7%, un profitto di 4.889 euro rispetto ai 73.444 euro medi per una vettura della casa modenese. Un valore mediocre rispetto ai concorrenti (Porsche fra tutti) destinato nei piani a migliorare: entro il 2022 l’obiettivo è di 100mila immatricolazioni a livello globale e una marginalità che dovrebbe salire al 15%.
      Deludono le premium di Jaguar Land Rover: complessivamente i marchi inglesi registrano un profitto medio unitario dell’1,7%, vale a dire solo 779 euro dei 45.652 incassati nei concessionari. Meglio di niente.
      Bocciate Tesla e Bentley: i due marchi più vendono più perdono soldi. La “B” alata registra profitti negativi per ogni auto immatricolata pari a 17.425 euro, il 10,6% rispetto al prezzo di vendita. Un risultato inaspettato per un brand della famiglia Volkswagen, che probabilmente non ha ancora raggiunto dei livelli di vendita tali da sopportare gli elevati costi produttivi. Al contrario, non stupiscono i risultati del costruttore californiano: record negativo per Tesla che brucia 10.931 per ogni unità venduta: si tratta del 16,4% dei 66.510 euro medi necessari per portarsi a casa un’elettrica di Musk.
       
       
      https://www.lautomobile.aci.it/articoli/2018/08/21/auto-premium-chi-guadagna-di-piu.html
       
       
      2018
      Suzuki sorpassa il BMW è il marchio più redditizio del mondo .
      La differenza è davvero risicata, ma i conti non mentono: 11,8% è il margine di profitto per Suzuki, contro 11,4% per BMW, che fino ad ora era in testa nella classifica mondiale dei marchi automobilistici più redditizi. Lo comunica con un tweet l’Handelsblatt Global.
      2019
      Peugeot e Skoda sono diventati più redditizi rispetto al BMW e Mercedes..!?
      https://www.fitnessfinanziario.it/2019/09/05/bmw-e-mercedes-sono-meno-redditizi-rispetto-a-psa/
       
      Industria automotive: profitti in calo.
      Purtroppo ( o per fortuna ? ) l ' elettrico non sfonda,  e soprattutto non porta proffitti.! 
      Dicono che i profitti di molte Case Auto hanno già evidenziato segni di deterioramento e da qui al 2023 potrebbero ridursi ulteriormente in maniera significativa..
       
    • By KimKardashian
      City car stile SUV concorrente di Mahindra KUV100, Renault Kwid e Datsun Redi-Go. Lunga poco più di 3,50 metri è solo per l’India ed ha un 1.0 tre cilindri. Prezzo base 5.500 euro. A voi i commenti







      Modello base



×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.