Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuto su Autopareri - il forum dell'automobile!

Recommended Posts

Posted (edited)

Hanno testato la Euro6b, praticamente un’auto non più in commercio è omologata con criteri non più validi.

 

per capire la differenza

- Fiesta ecoboost euro6b clean index 1.1

- Fiesta ecoboost euro6d-temp clean index 8.0

 

p.s. Bmw i3 “senza motore termico non ci sono emissioni allo scarico”. Bonjour monsieur LaPalisse

Edited by TonyH
  • I Like! 4
  • Haha! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, indeciso88 scrive:

https://www.greenncap.com/assessments/fiat-panda-0-9-twinair-4x2-manual/

 

Neanche lo conoscevo questo ente. Solo fuffa? Comunque sfortunato forte questo frullino

 

L' ente sembrerebbe serio visto che pare sia un derivato dell'euroncap. E anche il dominio è registrato a nome loro.

Sul Twinair, penso che resterà nella storia come una sperimentazione audace, ma fallita. Non a caso, nessun altro costruttore ha mai tirato fuori un bicilindrico, ripiegando sui tre.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

comunque è curiosnonotare come nel passaggio a 6d temp il millino della fiesta peggiori molto i consumi

Share this post


Link to post
Share on other sites

Gli stessi che hanno dato zero stelle a Panda...

 

DV3SIwYX4AEKi8I.jpg

  • I Like! 1
  • Disagree 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
11 ore fa, Nico87 scrive:

 


Sul Twinair, penso che resterà nella storia come una sperimentazione audace, ma fallita. Non a caso, nessun altro costruttore ha mai tirato fuori un bicilindrico, ripiegando sui tre.

 

 

Mi piacerebbe capirne di più, ma pare difficile non cadere nella tifoseria da stadio 

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Come già detto, Fiat ( e non FCA che non esisteva ) aveva pensato ad un bicilindrico perché motore baricentrato sul segmento A* e non B .   in pratica per le motorizzazioni fino a 100 CV

 

Oltre aveva i Fire nelle varie incarnazioni.

diventata FCA , la strategia è cambiata ed il bicilindrico è diventato superfluo.

 

comunque come dice Tony, aspettiamo la prova con la versione omologata oggi .

 

 

* segmento che si avviava a diventare il principale per Fiat

 

  • I Like! 1
  • Thanks! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

L’architettura a 2 cilindri era nata per 2 motivi.

1- sfruttamento degli studi termofluidodinamici del TBi

2- maggiore compattezza per moduli ibridi.

 

Poi nel 2008 tutto il mondo ha preso un’altra strada, e FGA pure (nel 2008 era in fase di industrializzazione lo SGE).

 

Che poi, numeri alla mano (le prove) i 3 cilindri usciti assieme a parità di potenze non è che facessero meglio.

Anzi, nelle versioni da 80-90cv spesso era il frullino nostrano a essere meglio perché PSA e Ford te lo davano aspirato...

Adesso iniziano a vedersi cose migliori. Ma sono passati anche 10 anni dal debutto.

  • I Like! 1
  • Thanks! 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 ore fa, indeciso88 scrive:

 

Mi piacerebbe capirne di più, ma pare difficile non cadere nella tifoseria da stadio  

 

Non faccio tifo da stadio su ben altre cose (e segmenti), figurarsi se faccio tifo per i frullini montati su auto che in casa mia non entreranno mai.

A mio parere il twinair come ho scritto prima è stato un motore di rottura, anche in considerazione dei tempi in cui è stato progettato. Ma come tante cose innovative, poi il mercato ha preso un altra direzione (tre cilindri). Essenzialmente per il fatto che non consumasse poco, ed era anche costoso (se non sbaglio, rispetto ai primi tempi diedero anche una bella sforbiciata al listino, almeno su 500), rumoroso e vibroso. Caratteristiche poi migliorate col tempo.
C'è anche da dire che è un motore che nonostante potenza e cubatura, adotta moltissime soluzioni pregiate (e costose) come multiair (olio 0w30...), turbo, intercooler, volano bimassa... Caratteristiche che impongono un uso e manutenzione rigorosa, pena rotture (soprattutto del modulo multiair). Usi che poco si addicono all'utenza media di queste auto.

Per il resto, per le poche volte che mi sono capitate su vetture a noleggio, non posso assolutamente parlarne male finchè si resta su panda e 500.

Su vetture piu grandi, proprio no. Se c'è una cosa che questo motore fa bene, è sentire il peso e le pendenze.

  • I Like! 2
  • Thanks! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Similar Content

    • By Beckervdo
      Nella primavera del 2018, Volvo Cars ha avviato un progetto pilota insieme a Taxi Gothenburg, che doveva gestire un centinaio di automobili, in primis la V90 con motori D3 e D4, alimentati con HVO100. Il tutto è andato così bene che Volvo ha annunciato in autunno che tutte le compagnie di taxi in Svezia potranno utilizzare il biodiesel rinnovabile nelle versioni D3, D4 e D5 del modello S90 e V90 dal 2018 in poi, così come il modello V60 dal 2019 in poi.
       
      Ora, sei mesi dopo, Volvo ha ricevuto un forte riconoscimento del fatto che l'HVO100 viene ben digerito dai suoi diesel. Pertanto, oggi annunciano che sarà disponibile anche per i conducenti di auto private la possibilità di rifornirsi con il Biodiesel rinnovabile l'HVO100.
       
      - Siamo soddisfatti dei buoni risultati del test con le flotte di taxi in Svezia. Pertanto, possiamo rilasciare liberamente il carburante HVO100 per i clienti privati e aziendali ", afferma Mats Andersson, Vicepresidente di Propulsion Power Systems di Volvo Cars.
       
      I modelli approvati per HVO100
      L'alimentazione con HVO100, tuttavia, non sono disponibili per tutti i modelli Volvo con motore diesel, ma solo per i modelli di auto su piattaforma SPA e CMA attualmente in produzione, ovvero XC90 dal 2015, S90, V90, V90 Cross Country dal 2016 in poi, XC60 dal 2017, V60, V60 Cross Country dal 2018 in poi e XC40 dal 2018 in poi. Le auto più vecchie con la stessa designazione del modello non devono essere riempite con HVO100.
       
      - Riteniamo molto positivo che ora possiamo offrire ai clienti che hanno un'auto Volvo con motore diesel tra i modelli attuali di poter rifornire di carburante un'alternativa senza fossili. Queste macchine hanno un sistema di alimentazione adattato alle caratteristiche leggermente diverse del carburante HVO100, afferma Mats Andersson.
       
      Emissioni più basse
      L'HVO100 omologato per il rifornimento di carburante deve essere classificato secondo lo standard europeo di carburante per il diesel paraffinico EN15940. 
      L'HVO100 riduce le emissioni di anidride carbonica dell'85-90 %. HVO, che sta per Hydatic Vegetable Oil, è anche incluso nel normale diesel ma in quantità notevolmente inferiore rispetto a HVO100 dove 100 rappresenta una quota del 100% di HVO.
       
      Via Teknikensvarld.se
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.