Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuto su Autopareri - il forum dell'automobile!

Quanto ti piace la Kia Rio 2016?  

52 members have voted

  1. 1. Quanto ti piace la Kia Rio 2016?

    • Molto
      6
    • Abbastanza
      22
    • Poco
      17
    • Per niente
      7


Recommended Posts

2017 Kia Rio

2017 Kia Rio

2017 Kia Rio

2017 Kia Rio

 

Press release:

 

Cita

Kia Reveals All-New Rio Ahead of Paris Motor Show Premiere

September 1, 2016 – The all-new, fourth-generation Kia Rio will make its world premiere on 29 September in Paris, at the 2016 Mondial de l’Automobile. With a progressive new exterior and interior design, the Rio is revealed for the first time globally today through an exclusive set of images.
 
Design of the new Rio was led by Kia’s design centers in Germany and California, in close collaboration with the company’s global design headquarters in Namyang, Korea. The appearance of the new Rio is defined by straight lines and smooth surfacing, giving the car a distinctive, confident new look.
 
Progressive exterior design
At the front, the Rio wears the latest evolution of Kia’s ‘tiger-nose’ grille, now thinner in height and wider across the front of the car. Integrated bi-function projection headlamps – again, thinner and more sculpted than those of its predecessor – project a new U-shaped LED light signature. Changes to the front of the car, including moving the fog lamps’ position outwards within the front bumper, are designed to add greater visual width for a more stable overall look. The new Rio grows by 5 mm in width (to 1,725 mm), further adding to this effect.
 
In profile, the fourth-generation Rio’s lengthened, more balanced stance is achieved with a long bonnet and longer front overhang, a 10 mm longer wheelbase (up to 2,580 mm), a thinner, more upright C-pillar, and a shorter rear overhang. Overall, the new car is 15 mm longer than its predecessor (now 4,065 mm long), and 5 mm shorter in height (to 1,450 mm). Straight, clearly-defined lines run down the full length of the car’s shoulder and along its doors, further stretching the appearance of the car for a more stable, confident look.
 
The rear section of the Rio is now more upright, with a near-vertical rear windscreen and a shorter overhang. The straight line that runs from the grille, through the headlamps and along the top of the doors, continues around the back of the car, paired with thinner, more sculpted rear lamps, which now feature a new arrow-shaped LED light signature. Like the wider-looking ‘face’ of the car, the rear design of the new Rio gives it a stronger overall appearance.
 
Modern, driver-oriented cabin
The new Kia Rio will offer motorists a modern new cabin design, featuring sculptural forms and a more ergonomic layout than its predecessor.
 
Like the exterior, straight lines running the width of the dashboard characterize the shape of the interior, giving the cabin a wider appearance and increasing the sense of space for occupants.
 
The dashboard itself is now angled towards the driver, and at its center is a new infotainment system, a ‘floating’ HMI (human-machine interface), with a high-resolution touchscreen to power the Rio’s audio, navigation and new connectivity systems. The new HMI has allowed Kia to reduce the number of buttons on the center console.
 
The new Rio is available with a choice of black or grey cloth seat upholstery, or with black or grey artificial leather. A ‘Red Pack’ for the Rio gives buyers black with red artificial leather-trimmed seats throughout the cabin. The cabin itself features gloss black and metallic trim throughout, for a more modern finish.
 
Production starts at the end of 2016
The all-new Rio will offer buyers class-leading practicality and safety technology, the latest connectivity features, and more assured and engaging ride and handling characteristics.
 
The Kia Rio is the Korean manufacturer’s global best-selling model, with more than 473,000 sold around the world in 2015. The next generation will enter production towards the end of 2016 for Europe, with production timings for other regions to be announced closer to launch.
 
Kia’s 2016 Mondial de l’Automobile press conference will start at 14:45 CET on 29 September. Kia’s stand will be located in Hall 3 of the Paris Expo Porte de Versailles.

 

KIA

 

 

Topic Spy: Kia Rio 2017 (Spy)

Enorme passo avanti rispetto alla precedente e, imho, anche rispetto alla i20 dalla quale deriva.

 

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

io trovo che sia terribile! Un passo indietro allucinante. Linee anni 90, frontale bidimensionale, molto triste. Ecco penso che con questa generazione di utilitarie Hyundai e kia siano tornati agli inizi 2000 , ovviamente non come contenuti e finiture, ma come scialbezza e anonimitá (se si dice cosi ;)). Se la i20 la comprerei ancora, se sembra più sfiziosetta, questa proprio non la guarderei manco. Che peccato per kia

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vorrei vederla in altre foto, per ora non mi dispiace ma nemmeno mi fa impazzire, avrei preferito qualcosa di piu originale. Dentro sembra ben fatta.

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Al momento non mi entusiasma. Come per i20 nella vista laterale il muso risulta molto verticale (nuove norme urto pedone!?)

 

Internamente invece trovo brutta l'integrazione del sistema multimediale, o lo fai inegrato nella console o lo fai sospeso ma la scleta utilizzata non mi piace, in pratica è una via di mezzo, metà integrato e metà sospeso.

Edited by MotorPassion

Share this post


Link to post
Share on other sites

linea ben fatta, ma poco originale (meno della precedente). Mi sembra un'ottima alternativa alla classica polo VW.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non mi sembra malaccio, secondo il mio gusto preferisco il montante C di questa rispetto la sorella Hyundai....

 

Auto senza slanci, ma è un seg. B, Tolte Punto e Ypsilon il resto non brilla per eleganza e  originalità... (IMHO)

 

Edited by nubironaSW

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sono rassegnato. Ogni nuovo modello che esce (di qualsiasi segmento) rimpiango sempre più il precedente a livello di design.

Vista lateralmente, sembra una di quelle macchinine che disegnavo da bambino.....

 

Siamo proprio sicuri che tutti chiedono elettrodomestici multimediali?

  • I Like! 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Similar Content

    • By Beckervdo
      Kia presenta la Optima sul mercato locale (South Korea) con il nome di K5. 
      La Optima di sesta generazione ha adottato uno stile esterno più elegante, caratterizzato da una nuova interpretazione della griglia Tiger Nose, fari snelli con DRL integrati che scorrono tra il cofano e la parte anteriore parafanghi e un cofano muscoloso. Anche sul retro è presente una nuova firma luminosa, in cui i fanali posteriori riprogettati sono uniti da una striscia LED. Il bagagliaio, il paraurti posteriore ed il diffusore con terminali di scarico inglobati, sono nuovi e la linea del tetto è più arcuata verso la parte posteriore. Sarà possibile scegliere cerchi da 16 a 19".
      Con 4.905 mm di lunghezza e 1.860 mm di larghezza, la nuova Optima è ora più lunga di 50 mm e più larga di 25 mm. L'altezza è stata ridotta da 20 mm a 1.445 mm per creare un profilo ribassato e l'interasse è stato esteso da 2,805 mm a 2.850 mm.
      Le versioni europea e americana di Optima 2021 dovrebbero apparire praticamente identiche e verranno lanciate probabilmente il prossimo anno.

       
       
      Topic Spy ⬇️
      https://www.autopareri.com/forums/topic/68132-kia-optima-v-spy
       
    • By Sarrus
      al China International Import Expo 2019 a Shanghai, Kia presenta un SUV Coupe elettrico con livello di automazione 4, il cui design è ispirato alla Pelle di Drago della mitologia cinese
       
      https://www.carscoops.com/2019/11/kia-futuron-concept-is-a-bold-coupe-suv-with-electric-power-level-4-autonomy/
    • By fastfreddy
      Incuriosito da questa bella GT, una nuova proposta in un segmento dominato dai soliti noti, qualche mese fa sono andato a provare la Stinger 2.2 diesel (di provare il benzina non se ne parla proprio), una vettura di cui non si discute molto, nemmeno tra appassionati. Motivi d'interesse ce ne sono parecchi parlando di questa macchina, partendo dal fatto che è stata concepita sotto la direzione di un ex BMW Motorsport (cosa che la dice lunga sulle reali intenzioni del gruppo Hyundai) oppure sottolineando che i coreani, in totale contro-tendenza, si fanno in casa il loro cambio automatico , oppure ancora citando il prezzo ultra-concorrenziale al quale viene proposta (49k euro full optionals da scontare parecchio con in più i soliti 7 anni di garanzia) ...cose che magari si possono sviscerare nella discussione che eventualmente seguirà.
       
      Purtroppo il tempo per i test su strada concesso dai venditori è spesso abbastanza breve, ma come si suol dire, piuttosto di niente è meglio piuttosto...
       
       
      DESIGN
       
      La Stinger è stata disegnata da un ex Audi (Peter Schreyer) e si vede: la somiglianza con la A5 sportback è piuttosto lampante, soprattutto nel posteriore, anche se la Stinger riesce tutto sommato, grazie a proporzioni leggermente differenti (per via del cofano più lungo che deve ospitare i propulsori disposti longitudinalmente e l'accenno di coda), a discostarsi quel tanto che basta dalla tedesca da non sembrarne una copia sfacciata. La silhouette da hatchback, che prevede il portellone come quinta porta, tipica anche di alcuni coupé belli e intelligenti come l'Alfa GT, non solo è piacevole ma rende estremamente funzionale la vettura. Nel complesso, anche se la trovo meno elegante e un pò carica di dettagli, la preferisco all'Audi per essere più "piaciona", con vaghi richiami alle muscle-car americane (anche se le finte prese d'aria sul cofano, qualche cromatura di troppo e il baffo della fanaleria posteriore potevano risparmiarceli). Non amo invece la tipica calandra KIA che trovo un pò anonima e che forse andrebbe ripensata se l'idea è quella di combattere nei segmenti premium dove i marchi hanno un'immagine granitica, tutt'altro che cheap come la KIA. Anche gli interni, molto funzionali come d'altronde ormai tutti quelli delle vetture della concorrenza, ricordano cose già viste.
       
      Di spazio ce n'è veramente in abbondanza, sia davanti che dietro, cosa che personalmente apprezzo sempre molto: un pò perché mi piacciono le macchine grandi e un pò perché per via della mia altezza fatico sempre a trovare posto nelle automobili. D'altronde con un passo che sfiora i 3 metri non potrebbe essere altrimenti (a riprova che la misura che conta realmente è la lunghezza e non l'altezza).
       
       
      QUALITA' costruttiva
       
      Argomento quanto mai discutibile e, per certi versi, soggettivo oltreché non facile da affrontare per chi non fa il tester di mestiere. In ogni caso la mia impressione (da utente BMW di lungo corso) è quella di una qualità percepita veramente alta: i materiali sono di ottima qualità e anche le finiture soddisfano appieno. Toccare per credere. Gli esterni sono abbastanza curati, forse non come l'abitacolo, ma non vedo sbavature degne di nota. Direi che siamo quasi ai livelli della migliore produzione attuale, forse non a quelli spettacolari di Volvo (per me i migliori in assoluto al momento) ma certamente paragonabili alle tedesche. In ogni caso osservo che è veramente difficile oggi come oggi non farsi andar bene la qualità con la quale è realizzata un'automobile; anche chi non è al top costruisce sempre piuttosto bene.
       
       
      GUIDA
       
      Parlando di meccanica, e scorrendo la scheda tecnica, direi che la Stinger promette bene: trazione posteriore con differenziale autobloccante, propulsore diesel da 2.2 litri di ultima generazione che fornisce una bella dose di cavalli (200) e soprattutto un'ottima coppia max di 441Nm a 1.750 rpm (valori praticamente identici a quelli dell'Alfa Giulia che ha medesima cubatura), cambio automatico a 8 rapporti, tutti i più avanzati sistemi elettronici del caso ...insomma non manca nulla o quasi. Unico neo, un peso non proprio da sportiva che si attesta tra i 18 e i 19 quintali a seconda delle versioni: evidentemente per contenere molto il prezzo di vendita si è fatto qualche risparmio nell'utilizzo dei materiali più nobili. In prova c'è ovviamente la versione a gasolio e quindi vada per questa anche se in verità mi sarebbe piaciuto guidare il V6 (versione che probabilmente acquisteremmo in quattro gatti in tutta Italia) o almeno il 2.0 turbo-benzina venduto su altri mercati. Purtroppo ho scelto una giornata veramente trafficata per fare un giro con questa macchina ma pazienza; un'idea riesco a farmela lo stesso. Dopo aver constatato ancora una volta dal vivo la sensualità della Stinger (le foto non le rendono proprio giustizia), mi accomodo al posto di guida che trovo ampiamente regolabile e ottimamente confortevole. Per avere la perfezione gradirei posizionare il volante un pelo più in alto ma devo prendere atto per l'ennesima volta che l'ergonomia della Giulia (macchina che ritengo il riferimento in molti aspetti) è veramente imbattibile per chiunque. Il propulsore si avvia con il solito leggero scuotimento tipico dei motori montati longitudinalmente e poi scompare. E' un'unità che non fa rimpiangere in nulla quelli della migliore concorrenza se non fosse per qualche evidente incertezza quando si dà gas, cosa abbastanza fastidiosa nella guida più spigliata e che probabilmente è da imputare a una regolazione perfettibile della gestione elettronica (che magari verrà aggiornata). Per il resto ha un'erogazione veramente lineare e corposa nonché un discreto allungo. Anche il cambio (realizzato in house) funziona egregiamente, dimostrando di non temere confronti con l'inappuntabile ZF che monta tutta la concorrenza: alle andature cittadine è molto soft ma quando serve snocciola velocemente tutte le marce. Osservo che utilizzare i paddles al volante con questi nuovi cambi a 8 marce è un esercizio praticamente inutile dal momento che si è costretti a premere in continuazione i comandi per non farsi prendere in contropiede dall'elettronica. Accessorio sempre piacevole ma superfluo su motori che hanno un range utile di giri veramente ristretto come quelli a gasolio.
       
      Ma veniamo al sodo, la dinamica di guida ...e quì casca l'asino. La sospensione anteriore non delle più raffinate (uno scontato McPherson forse nemmeno molto sviluppato), il passo lunghissimo e il peso vicino alle due tonnellate condizionano inevitabilmente il comportamento della Stinger. Auto piacevole ma non esattamente fulminea né precisa anche se molto stabile, abbastanza rigorosa e ben frenata. Negli inserimenti di curva è piuttosto legnosa e sottosterzante. Nel misto va un pò in affanno. Come detto non ho avuto molta strada libera ma il carattere della macchina lo si intuisce. Lo sterzo è piuttosto diretto ma non precisissimo e ritorna un feedback non entusiasmante, soprattutto nella modalità più sportiva, forse ottenuta in modo un pò artificioso via software (leggo su alcune riviste che il comando è stato ampiamente lodato, ponendolo un gradino sotto l'attuale riferimento, ovvero ancora una volta quello della Giulia ...modestamente non sono d'accordo anche se ho fatto pochi km). Tra l'altro, cosa forse apprezzata dal mercato, la macchina è veramente molto confortevole (anche con assetto impostato su sport+) e silenziosa, ma proprio per questo non riesce a coinvolgere adeguatamente. Tutte caratteristiche che non rovinano l'esperienza nella guida turistica ma che si fanno sentire quando si comincia a spingere e che non fanno meritare il premio di vera GT a questa pur valida Stinger.
       
       
      IN BREVE
       
      Nel complesso quindi si tratta di una bella vettura, venduta a prezzi da segmento inferiore, piacevole da guidare e tecnicamente valida, che sicuramente può appagare chi cerca un'auto premium (certo non nel marchio), anche se sul mercato c'è chi fa meglio in termini di piacere di guida (motivo per il quale personalmente non la comprerei nonostante i molti argomenti a favore).
       
       
      PAGELLONE finale
       
      Design esterni   9
       
      Design interni   8
       
      Abitabilità / Ergonomia   9,5
       
      Qualità percepita   9
       
      Al volante   7,5
       
      Prezzo   10
       
       
       
      La vettura in prova
       

       

×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.