Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuti su Autopareri! La community italiana che dal 2003 riunisce gli appassionati di automobili e di motori
  • 0
gianmy86

Comportamento in caso di allagamenti/esondazioni

Question

 

Ho appena visto le immagini impressionanti di quanto è successo a Palermo, e colgo l'occasione per aprire una riflessione sul comportamento teoricamente migliore da adottare, mentre si è alla guida o comunque in auto, qualora si venga sorpresi da un allagamento o da un'esondazione improvvisa.

Me lo chiedo perchè girando tanto in auto, ho paura che possa statisticamente accadere di ritrovarmi in una situazione del genere.

 

Del resto, se guardo indietro, a 19 anni fui "costretto" a guadare una strada con circa 55 cm d'acqua per ritirarmi a casa, dopo 3 ore di coda e già due giri alternativi, uno causato proprio da un allagamento del sottopasso dello svincolo autostradale che oggi ho dietro casa, in cui quella notte ci fu una vittima.

E qualche mese fa, fui costretto a riparare a casa dei miei, causa video del fiume d'acqua giratomi via whatsapp da garagista e familiari. 

Inoltre, negli anni, ci sono stati altri casi di vittime in zone che più o meno saltuariamente mi capita di frequentare.

 

Per cui mi chiedo.

In caso di allagamento, non potendo allontanarsi in auto, è opportuno provare ad uscire dall'auto nel tentativo di trovare un ipotetico riparo, o è meglio chiudersi dentro lasciando che l'auto venga spinta dalla corrente?

E, soprattutto, propendendo io per la seconda opzione, ci sarebbe il rischio di ingresso di acqua in abitacolo o comunque questo è ben isolato in ogni caso, in tutti i punti, salvo caso di urti violenti?

 


- '95 Fiat Cinquecento 900 cc MOTORE NUOVO(dal 1995 in garage, spero mia finchè campo)

- '10 Alfa Romeo MiTo 1.4 TB MultiAir 135 cv Distinctive Premium Pack (dal 2017)

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

10 answers to this question

Recommended Posts

  • 0
Posted (edited)

Credo dipenda tutto dalla situazione... se scendi dall'auto e cerchi riparo se la strada è diventata un torrente rischi di non riuscire nemmeno a camminare e di cadere (magari pestando la testa) ed essere trascinato via, se rimani nell'auto hai quel minimo di protezione in più, ma devi sperare che l'auto si "incagli da qualche parte" e che non entri troppa acqua in modo da poter aspettare che tutto si plachi.

Se si viene sommersi ho letto che l'impiando elettrico dovrebbe comunque funzionare quel poco che ti permette di abbassare i finestrini e uscire da quelli (le portiere se l'auto non è piena d'acqua non riusciresti ad aprirle) se i finestrini non scendono, bisogna "solo" non perdere la calma e attendere che l'auto sia completamente sommersa anche internamente a quel punto le porte si dovrebbero riuscire ad aprire e a quel punto si esce.

In ogni caso se ti ritrovi in situazioni del genere purtroppo credo vada molto a fortuna perchè le condizioni cambiano in maniera talmente repentina che ogni scelta potrebbe essere letale o salvifica.

 

Se ci si ritrova a "guadare" qualcosa so che la regola base è riuscire a creare un'onda davanti al muso in modo da "spingere" l'acqua, se si va troppo veloce si "rompe" l'onda che si riversa sul cofano spesso entrando nella presa d'aria, ma anche in questo caso bisogna guardare bene dove si ha la presa d'aria in modo da valutare se è una cosa fattibile o no.

 

Tutto questo a livello teorico di quanto ho letto/sentito, fortunatamente non mi è mai capitato di ritrovarmi in situazioni del genere.

 

Potrebbe tornare molto utile avere in macchina uno di questi, (dovrebbero renderli obbligatori nella dotazione a mio parere insieme all'estintore)

rompivetro-500x500.jpg

Edited by Albe89
  • I Like! 4
  • Thanks! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
  • 0
37 minuti fa, Albe89 scrive:

Se ci si ritrova a "guadare" qualcosa so che la regola base è riuscire a creare un'onda davanti al muso in modo da "spingere" l'acqua,

 

Quando mi è capitato (quella volta, oltre 50 cm, poi qualche volta tra i 35 e i 40 cm) ho sempre messo la prima e andato a passo d'uomo, anche e soprattutto per evitare che l'onda creasse ulteriore danno a case, negozi o altre eventuali auto provenienti in senso inverso.

Ecco, quella volta, proprio il coglione di turno che andava spedito fece si che l'onda salì fin sul cofano. Ricordo benissimo che i tergicristalli mi spazzarono acqua e terra. Ancora non so come il motore non mi piantò in asso (e a giudicare dal rimprovero del capoofficina, ci mancò davvero pochissimo)


- '95 Fiat Cinquecento 900 cc MOTORE NUOVO(dal 1995 in garage, spero mia finchè campo)

- '10 Alfa Romeo MiTo 1.4 TB MultiAir 135 cv Distinctive Premium Pack (dal 2017)

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
  • 0

Io credo che la cosa più sbagliata sia rimanere in auto, che potrebbe diventare una trappola vera e propria e farci fare la fine del topo. Uscendo un qualche riparo è più probabile trovarlo, fosse anche salire sul tetto dell'auto stessa. 

Forse in questi casi il suv avrebbe una qualche utilità😂

 

Ovviamente non so nulla di come comportarsi in questi casi, se ci sono stati degli studi fatti su queste tragedie e dei comportamenti che si sono rivelati più utili, oppure delle simulazioni per testare cosa sarebbe meglio fare. Sarebbe interessante sapere se qualcuno ha notizie in merito, anche perché, visti i rovesci degli ultimi anni, potrebbe essere una situazione non così remota in cui trovarsi

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
  • 0
"
rompivetro-500x500.jpg


Questo è una bella idea, lo comprerò pure io da tenere insieme al giubbino rinfrangente.

Qualcuno ha idea di quanta forza ci voglia per rompere il finestrino di un’auto?


☏ iPhone ☏

Share this post


Link to post
Share on other sites
  • 0
1 ora fa, FoggyLC scrive:

 


Questo è una bella idea, lo comprerò pure io da tenere insieme al giubbino rinfrangente.

Qualcuno ha idea di quanta forza ci voglia per rompere il finestrino di un’auto?


☏ iPhone ☏

 

Sono temperati, basterebbe un calcio ben assestato. Poi dipende molto dallo spessore, quelli delle vecchie auto sono più sottili...

Share this post


Link to post
Share on other sites
  • 0
On 16/7/2020 at 19:07, lucagiak scrive:

Io credo che la cosa più sbagliata sia rimanere in auto, che potrebbe diventare una trappola vera e propria e farci fare la fine del topo. Uscendo un qualche riparo è più probabile trovarlo, fosse anche salire sul tetto dell'auto stessa. 

 

Dipende. Uscire "a caso" dall'auto potrebbe essere ancora più pericoloso perché non si hanno nozioni su come sia la situazione fuori. Corrente dell'acqua, dissesti sulla strada/buche. Anche un nuotatore provetto ha i suoi cazzi ad andare contro corrente, figuriamoci qualcuno che esce dall'auto per cercare riparo.

Sicuramente l'idea di stare sul tetto può essere utile.

Share this post


Link to post
Share on other sites
  • 0

Una corrente d'acqua ha molta più spinta di quanto tendiamo a stimare. Già un flusso di poche decine di centimetri è in grado di spostare un'auto, se ben lanciato, figurarsi reggersi in piedi.

 

A mio avviso bisogna essere rapidi a valutare l'ambiente intorno, e se il livello inizia a montare scappare il prima possibile verso un punto alto. Al limite, se si viene sorpresi da una corrente improvvisa già sostenuta, piantare rapidamente l'auto contro qualcosa di stabile (palo, muro, albero, camion...) in maniera da non essere trascinati via, e tenere le porte chiuse per evitare l'effetto vela.


There's no replacement for displacement.

5967677fbce20_autohabenbahnfahren.jpg.4606d45af194e6808929d7c2a9023828.jpg

Anche tu ti ecciti palpeggiando pezzi di plastica? Perché stare qui a discutere con chi non ti può capire? Esprimi la tua vera passione passando a questo sito!

Share this post


Link to post
Share on other sites
  • 0
1 ora fa, Wilhem275 scrive:

se si viene sorpresi da una corrente improvvisa già sostenuta, piantare rapidamente l'auto contro qualcosa di stabile (palo, muro, albero, camion...) in maniera da non essere trascinati via, e tenere le porte chiuse per evitare l'effetto vela.

 

Qui però mi chiedo della tenuta dell'abitacolo.

Perchè facendo come dici, è un attimo essere sommersi. E un asse di legno o un qualsiasi corpo contundente trascinato dalla corrente potrebbe spaccare un vetro o il parabrezza.

On 16/7/2020 at 21:57, kukro scrive:

Sono temperati, basterebbe un calcio ben assestato. Poi dipende molto dallo spessore, quelli delle vecchie auto sono più sottili...

 

Nella mia esperienza, per fortuna, non è vero.

Anni fa subii un'aggressione causata dalla road Rage.

Un tizio decisamente alterato provò a sfondarmi il cristallo laterale della 147 con un colpo di kickboxing molto ben assestato. Mi coprii la testa istintivamente aspettandomi la pioggia di vetri, ma per fortuna resse. 

Anche il motorino dell'alzacristallo, sebbene rimase molto più rumoroso. 

  • Haha! 1

- '95 Fiat Cinquecento 900 cc MOTORE NUOVO(dal 1995 in garage, spero mia finchè campo)

- '10 Alfa Romeo MiTo 1.4 TB MultiAir 135 cv Distinctive Premium Pack (dal 2017)

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
  • 0

Se il fiume d'acqua è sopra al livello dei finestrini non c'è ancora che tenga, l'auto viene già trascinata via. Solitamente una corrente forte non raggiunge questi livelli, per lo meno non tutto in un colpo.


There's no replacement for displacement.

5967677fbce20_autohabenbahnfahren.jpg.4606d45af194e6808929d7c2a9023828.jpg

Anche tu ti ecciti palpeggiando pezzi di plastica? Perché stare qui a discutere con chi non ti può capire? Esprimi la tua vera passione passando a questo sito!

Share this post


Link to post
Share on other sites
  • 0
Posted (edited)

È andata bene...(Milano)

 

 

081256163-7a3450be-810b-4ab6-85a1-5563ab67ef68.jpg

081256472-4e26e3ea-7d9c-404d-8ed1-81d16e6e20a9.jpg

 

Saronno...il "sottopasso della morte"

24072020-sottopasso-via-I-maggio-allagato-2.jpg

Edited by Damynavy

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Answer this question...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Similar Content

    • By ComoLecco
      Buongiorno,
      ho avuto un incidente in cui il paraurti anteriore era complettamente sganciato dal veicolo. La carrozzeria mi dice che ci vuole almeno 1 settimana per avere il paraurti nuovo.
      Non avendo il paraurti però non posso mettere neanche la targa nel posto previsto. C'è qualche soluzione temporanea per circolare comunque in questa settimana senza rischio di multa? Ad esempio posso stampare la mia targa e metterla sotto parabrezza? Oppure per legge sono costretto a stare per forza senza macchina finchè non mi metteranno a posto il paraurti?
       
    • By wrex
      Salve, ad agosto un mio amico austriaco mi verrà a trovare in Italia e insieme volevamo fare un tour in auto lungo la costa tirrenica. Siccome utilizzeremo la sua auto che è austriaca, volevo sapere se posso inserire la targa estera nel sito del telepass, il quale è intestato a me che sono residente in Italia.
      Grazie in anticipo.
    • By Palestra6
      Salve a tutti volevo chiedere se fosse possibile trasportare su un portabagagli omologato per 150 kg un peso di 120 kg su una macchina grande punto 


×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.