Jump to content
News Ticker
Benvenuti su Autopareri!

Recommended Posts

La prossima CR-V sarà la prima Honda ad introdurre il nuovo sistema ibrido i-MMD (intelligent Multi-Mode Drive), composto da un 2.0 i-VTEC 4 cilindri benzina a ciclo Atkinson (potenza ignota, ma si vocifera di 140 CV per un totale di oltre 180 CV considerando l'elettrico), più 2 motori elettrici, uno dei quali utilizzato solamente come generatore: in pratica un ibrido serie!

 

Questa particolarità fa sì che l'i-MMD non sia necessiti di un cambio tradizionale, essendo alternativamente spinta solamente dal motore elettrico, oppure solamente dal termico (anche se aiutato a volte dall'elettrico).

 

Le informazioni trapelate sono ancora poche, ma pare che fino a 70/80 km/h la forza motrice derivi dal solo motore elettrico, con il termico che si limita a generare energia elettrica a regimi costanti, nel suo range di regimi ritenuto più efficiente.  Oltre quella sogli di velocità, subentra la spinta diretta del motore termico, che - soggetto ad un'opportuna ed unica demoltiplica - in queste condizioni risulta più efficiente per il coasting. Per facilitare le riprese (non c'è kick-down), l'elettrico può correre in aiuto come boost, alimentato dalle batterie o dal generatore, il cui carico elettrico (e quindi meccanico) sul motore termico è variabile.

 

La semplificazione meccanica è notevole, sarà da valutarne l'efficienza su strada più avanti.

 

 

Arriverà poi anche un 1.5 Turbo a benzina accoppiato al CVT, mentre sparirà la versione diesel.

 

Honda-CR-V-Hybrid-Prototype-1.jpg

Honda-CR-V-Hybrid-Prototype-2.jpg

Honda-CR-V-Hybrid-Prototype-4.jpg

Honda-CR-V-Hybrid-Prototype-3.jpg

 

  • Thanks! 1
Link to post
Share on other sites
  • Replies 30
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Toyota ci mette di mezzo un sistema che consente di variare meccanicamente il rapporto di trasmissione (pur facendolo tramite motori elettrici), che penso la renda molto più flessibile ed in vantaggio

Tipico andazzo da locomotiva diesel elettrica motore termico che parte a cannone ed elettrico che intanto un po' alla volta prende i giri... poi arrivi alla velocità impostata e improvvisamente tutto

mio fratello ha chiesto (al tagliando eh...) due info in concessionaria sulla ibrida....arriva inizio 2019 forse una da provare in ogni concessionaria  prima della fine dell'anno.

Posted Images

On 5/9/2017 at 16:53, savio.79 scrive:

sembra seguire la filosofia Toyota della semplificazione, piuttosto che della complicazione, nel passaggio da propulsione unica a ibrida.

Toyota ci mette di mezzo un sistema che consente di variare meccanicamente il rapporto di trasmissione (pur facendolo tramite motori elettrici), che penso la renda molto più flessibile ed in vantaggio.

 

Diciamo che da un lato c'è semplificazione meccanica, dall'altro crea complessità di gestione non indifferenti. 

 

 

On 5/9/2017 at 18:29, CarBreathing scrive:

Il concetto è equiparabile a quello applicato da Koenigsegg su Regera quindi?

Per certi aspetti sì, ma Honda non ha una trasmissione idraulica nel mezzo :) 

 

 

Ecco uno schema, con le principali fasi di funzionamento:

 

- Fino a 40 km/h, spinge l'elettrico alimentato solo da batteria:

Honda Ibrido i-MMD - Autopareri (1).png

 

- Fino a 70/80 km/h, spinge solo l'elettrico, alimentato a batteria e dalla generazione elettrica dovuta alla potenza del termico, che però resta sconnesso dalle ruote (frizione aperta):

Honda Ibrido i-MMD - Autopareri (2).png

 

- oltre i 70/80 km/h, solo motore termico (frizione chiusa), la rapportatura verosimilmente sarà la 6a di un benzina.

In questa fase l'elettrico può comunque fare da boost, cosa molto utile in caso sia necessario riprendere in fretta, o per mantenere regimi inferiori a velocità elevate:

Honda Ibrido i-MMD - Autopareri (3).png

 

 

 

 

  • I Like! 9
Link to post
Share on other sites

Non mi pare affatto stupida come cosa. In pratica si fa del tutto a meno del cambio e rimane solo una frizione on/off, immagino piuttosto semplice, e il vero lavoro di "frizione" lo si fa variando il carico del motore elettrico e del generatore.

 

Sono molto curioso sul peso di tutto il pacchetto.

There's no replacement for displacement.

5967677fbce20_autohabenbahnfahren.jpg.4606d45af194e6808929d7c2a9023828.jpg

Anche tu ti ecciti palpeggiando pezzi di plastica? Perché stare qui a discutere con chi non ti può capire? Esprimi la tua vera passione passando a questo sito!

Link to post
Share on other sites

Se è plugin+range extender ok, in urbano vai in elettrico e nella giornata tipo non accendi mai il termico.
Poi nei viaggi lunghi diventa ibrido parallelo/solo termico, con buon rendimento.

Se la batteria è piccola ed è ibrido seriale in città, ho qualche dubbio che raggiunga la stessa efficienza di Toyota+Hyundai.

Poi su tutto il consueto dubbio: ha senso offrire tecnologie a basso impronta ambientale su "cassoni Suv" e non su berline o monovolumi ovoidalaerodinamiche?

☏ Nexus 5 ☏

Link to post
Share on other sites

La giusta evoluzione dell'ibrido, meccanicamente più semplice delle tradizionali soluzioni.

 

Essendo un SUV avrebbero potuto anche mettere un motore elettrico al posteriore per fare una trazione integrale, come nel RAV4.

 

Comunque una soluzione di questo tipo alimentata a metano, invece che a benzina, sarebbe il massimo del risparmio economico ed ecologico. In città viaggerebbe solo in elettrico, se la piccola batteria si scarica interviene il motore a metano, in autostrada funzionerebbe solo il motore a metano, con costi chilometrici bassissimi. Una roba così ammazzerebbe l'auto completamente elettrica nella culla.

 

Credo che poi in fondo sia quello che ha studiato il CRF, anche se più complesso, perché mantiene il cambio tradizionale con una frizione elettrica.

 

biomethair_scheme.jpg

 

 

 

 

 

 

Link to post
Share on other sites

Se sto sistema funziona, sarebbe l'uovo di Colombo per il tempo che deve sopravvivere ancora il motore a scoppio. Inizio a pensare che i tanti problemi avuti al 7 marce doppia frizione del nuovo sistema ibrido sulla Jazz, che di fatto credo vendano solo in Giappone, abbia sollecitato una soluzione nuova.

Il sistema i-DCD alla fine non esteso alla nuova Civic e la limitazione di vendita di Jazz Hybrid al solo Jap, forse potrebbe essere legato a questo sviluppo. Era abbastanza inspiegabile come una delle prime leader dell'ibrido avesse piu o meno fatto sparire l'ibrido dai suoi listini.

 

 

Link to post
Share on other sites
19 ore fa, Wilhem275 dice:

Sono molto curioso sul peso di tutto il pacchetto.

Ho scoperto che in realtà il sistema è già stato introdotto lo scorso anno sulla Accord che sta per essere sostituita :)  Qui in EU non ne avevamo mai sentito parlare... :disp: 

 

Beh ecco, il peso dichiarato su quell'auto è di poco meno di 1.600 kg... Ma va a capire come viene misurato. In pratica, in più hai la batteria e 2 grossi elettrici al posto della trasmissione tradizionale. Però hai un termico relativamente semplice e leggero, senza turbocompressori e tutto ciò che ci va a seguito.

 

 

11 ore fa, Kippur dice:

Se la batteria è piccola ed è ibrido seriale in città, ho qualche dubbio che raggiunga la stessa efficienza di Toyota+Hyundai.

Dovrebbe uscire anche una plug-in, ma di base ha una batteria piccola, da ibrida: 1,4 kWh.

 

Più che altro sono curioso di sapere quale sia l'efficienza del sistema, visto che a velocità ridotte, o quando serve tanta potenza, tutto ciò che produce il termico dev'essere convertito in energia elettrica. Probabilmente vista la continua irregolarità della condotta di marcia, è più il tempo in cui sta spento rispetto a quello in cui lavora. La vince "non sprecando" probabilmente :)

 

Honda Hybrid i-MMD - Autopareri.png

  • I Like! 2
Link to post
Share on other sites

Ma sai che è un pò confusa la situazione di questo powertrain? 

Questo articolo del giugno 2017 riferisce di un test drive del powertrain "senza cambio", montato come prototipo su una Odissey, e ancora da fare fine tuning:

http://www.autoexpress.co.uk/honda/cr-v/99700/honda-i-mmd-hybrid-prototype-review

Purtroppo non ho tempo per approfondire in giro e capire se il sistema montato su Accord hybrid è identico, ma se lo fosse allora quel test drive non avrebbe senso.

Mi rattrista leggere di un comportamento apparentemente frullinante, altrimenti non è una soluzione, ma non credo sia il frullinamento da CVT, quanto piuttosto l'effetto del termico che funziona da seriale, come descritto in quelle immagini. 

 

Link to post
Share on other sites
  • J-Gian changed the title to Honda - Ibrido e:HEV (i-MMD: intelligent Multi-Mode Drive)

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

  • Similar Content

    • By Beckervdo
      Per ora disponibile solo in Giappone, la Subaru porta al debutto la Subaru XV e-Boxer Hybrid, ovvero una Ibrida convenzionale (non plug-in) che si associa al 4 cilindri Boxer da 2.0 litri da 145 CV e 188 Nm di coppia motrice.  Il piccolo motore elettrico garantisce altri 13.6 CV e 65 Nm di coppia. La Coppia massima di picco è 245 Nm.
      La parte elettrica è alimentata da una piccola batteria da 0.6 kWh che va a limitare lo spazio del serbatoio della benzina: questo scende da 63 litri a 48 litri.
      Grazie alla trazione integrale Subaru ed al cambio CVT, la nuova XV e-Boxer Hybrid limita il consumo da carburante - secondo ciclo WLTP - a 6.7 litri per 100 km. 
       
      In vendita in Giappone da Ottobre 2018, per Europa ed USA c'è ancora da attendere.
       
      È stato comunicato oggi da Subaru che la tecnologia e-Boxer farà il suo debutto al Salone di Ginevra 2019


       
       
    • By sonicwp7
      Honda Vezel (JDM)
       







       


       



      2021 Honda HR-V Global Model Debuts With All-New Look Inside And Out 
       
       
      Press Release:
       
      Honda Italia
       
       
      Topic Spy: ➡️ Honda HR-V III 2021 (Spy)
       
       
    • By Beckervdo
      Nuovo motore per il CR-V M.Y. 2018, ossia il 4 cilindri 1.5 Turbo V-Tec abbinato alla trazione anteriore o integrale. Il cambio CVT a variazione continua, è disponibile in associazione solo alla trazione integrale.
      Se si sceglie il 1.5 Turbo con la trasmissione manuale a 6 rapporti, si ricevono 173 CV e 220 Nm di coppia.
      Viceversa, optando per la trasmissione CVT, la potenza sale a 190 CV e 243 Nm di coppia.
      Le prestazioni migliori, però, si ottengono con il cambio manuale: lo scatto da fermo a 100 km/h viene coperto in 9.2 secondi con una velocità massima di 210 km/h. 
      La trasmissione CVT - ed integrale - ferma il cronometro a 10 secondi e raggiunge i 200 km/h.
      Niente diesel, ma in futuro nuovo 2.0 litri aspirato i-VTEC con modulo elettrico abbinato.
       
      Si è lavorato sulle sospensioni e sull'altezza da terra, che ora è stata aumentata di 35 mm, raggiungendo i 191 mm per i modelli TA e 201 mm per i modelli AWD. Il nuovo sistema di trazione integrale può variare la coppia distribuita dall'asse anteriore a quello posteriore in una proporzione massima di 40-60 %.
       
       
       
       














×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.