Vai al contenuto

Messaggi Raccomandati

Forte delle passate ed iconiche esperienze in ambito sospensivo (si pensi alle Idrattive), Citroen mette in campo un nuovo tipo di ammortizzatore, che ha la particolarità di gestire meglio le escursioni più ampie compiute dalle sospensioni.

 

Andando al sodo, questi ammortizzatori incorporano un sistema di molle e canalizzazioni idrauliche, che combinati consentono di attutire e smorzare efficacemente, le "botte di fine corsa" che posso capitare quando l'auto percorre terreni particolarmente sconnessi.

 

Questa caratteristica, oltre a concorrere già di suo al confort nelle situazioni più estreme, consente di adottare sospensioni con una corsa più lunga, ed ammortizzatori con una taratura che privilegia la comodità e la capacità di assorbimento, migliorando globalmente le prestazioni in termini di confort ed NHV. Il tutto senza controlli elettronici.

 

Tra le auto su cui sono già disponibili, citiamo la Citroen C4 Cactus 2018 e la Citroen C5 Aircross.

 

Spaccato in sezione degli ammortizzatori PHC:

 

Progresse Hydraulic Cushions (3).jpg

Progresse Hydraulic Cushions (2).jpg

Progresse Hydraulic Cushions (1).jpg

 

 

Descrizione del funzionamento:

 

 


 

 

Cita

PROGRESSE HYDRAULIC CUSHIONS (PHC)

Con il lancio del programma CITROËN ADVANCED COMFORT®, il Marchio ridefinisce il concetto di confort moderno in funzione delle tue esigenze: luminosità, connettività, ergonomia, fluidità e confort di guida... Le sospensioni con fine corsa idraulici progressivi (PROGRESSE HYDRAULIC CUSHIONS, PHC), filtrando le imperfezioni della strada, si integrano perfettamente in questa nuova visione del confort globale.
 

COME FUNZIONA?

Il confort delle sospensioni è una caratteristica inconfondibile di CITROËN. Un know how che permette ai veicoli di filtrare in modo eccellente le imperfezioni della strada con un semplice principio. CITROËN aggiunge due fine corsa idraulici, uno di estensione e uno di compressione, per far lavorare la sospensione in base alle sollecitazioni della strada.

Compressioni ed estensioni ridotte
Molle e ammortizzatori controllano i movimenti verticali senza sollecitare i fine corsa idraulici. La presenza dei fine corsa ha permesso agli ingegneri di offrire una maggiore libertà di movimento al veicolo, per ottenere un effetto "tappeto volante", come se la vettura sorvolasse le deformazioni della superficie stradale.

Compressioni ed estensioni elevate
Molle e ammortizzatori lavorano insieme al fine corsa idraulico di compressione o di estensione, rallentando il movimento in modo progressivo per evitare i colpi bruschi del fine corsa. Contrariamente al tradizionale fine corsa meccanico, che assorbe l'energia ma ne restituisce una parte, il fine corsa idraulico assorbe e dissipa questa energia, evitando i fenomeni di rimbalzo.

Fonte: http://www.citroen.it/progresse-hydraulic-cushions-phc.html

 

Ne avevamo già parlato qui: http://www.autopareri.com/forums/topic/61374-citroen-advanced-confort-project

 

 

  • Like! 3
  • Grazie! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

con le nostre strade dovrebbero essere un must

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Inviato (modificato)

@J-Gian non vorrei sbagliarmi, ma mi sa che c'è già un topic in giro su questo argomento. Appena ho la possibilità do un occhio.

Modificato da superkappa125
  • Grazie! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

15.000 euro di incentivo per gli abitanti di Roma :-))

  • Ahah! 5

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
15 ore fa, superkappa125 dice:

@J-Gian non vorrei sbagliarmi, ma mi sa che c'è già un topic in giro su questo argomento. Appena ho la possibilità do un occhio.

Visto che di recente vengono spesso citate nella pubblicità della Cactus, a questo punto lascerei i topic separati :-)

 

Anche se varrebbe la pena di reperire il link ed allegarlo qui, per completezza! 

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
3 ore fa, J-Gian dice:

Visto che di recente vengono spesso citate nella pubblicità della Cactus, a questo punto lascerei i topic separati :-)

 

Anche se varrebbe la pena di reperire il link ed allegarlo qui, per completezza! 

Eccolo:

 

 

Scusate, ma ultimamente il tempo é davvero poco.

  • Grazie! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Contenuti simili

    • Da RiRino
      Messaggio Aggiornato al 21/06/2018
       
      Fonte: press. FCA presentazione Jeep Renegade
       
       
      1.0 Multiair III - 3 Cilindri
       









       
       
       
      1.3 Multiair III - 4 Cilindri
       













       
       
       
       
       
      Messaggio Originale 06/05/2018
       
      In FCA debutteranno i GSE(GlobalSmallEngine) 3 e 4 cilindri modulari in alluminio, 3 cilindri 1.0 aspirato e probabilmente turbo che coprirà la fascia di potenza 70-100cv all'incirca e 4 cilindri 1.3-1.4 aspirato e turbo con potenze tra i 100 e 150cv circa. In base alle applicazioni avranno 2 o 4 valvole per cilindro, variatori di fase o multiair, iniezione diretta o indiretta.
       
      Poi ci sarà il GME (GlobalMediumEngine) a 4 cilindri 2.0 in alluminio che a spanne starà sui 180cv in sù, ci potrebbero essere anche ipotetiche versioni aspirate per gli USA anche con potenza minore.
       
      Sia i GSE che i GME avranno +o- le stesse caratteristiche e tecnologie:
       

       
       
      Entrambi sono motori completamente nuovi, tempo fà qualcuno ipotizzava che il GME fosse derivato alla lontana dal basamento Tigershark/Gema, può essere che lo abbiano utilizzato come base di partenza per progettare il nuovo motore, ma di fatto sono motori diversi.
       
       
       
       


    • Da Beckervdo
      ZF introduce una trasmissione manuale con attuatori elettronici per le vetture micro e mini-ibride.
      eAMT (electrified Automated Manual Trasmission) per l'impiego su vetture con propulsori trasversali. 
      Il sistema combina l'asse elettrico motorizzato (eVD) con la trasmissione manuale (AMT) in un unico sistema, questo gli consente di non avere interruzione di continuità nel passaggio dalla trazione elettrica a quella "convenzionale".
      In aggiunta a tutte le funzioni peculiari dell'ibrido, quali il recupero dell'energia in frenata e boost, è in grado di rendere le piccole vetture convertibili all'ibrido ad un costo ridotto. Resta solo da definire lo spazio all'interno dello chassis.
       
      —Norman Schmidt-Winkel, functional developer of electric drives at ZF   ZF afferma che la nuova eAMT è al pari di funzionamento di un moderno automatico a convertitore di coppia o di un doppia frizione.  Essendo un manuale automatizzato, ci sarà un minimo distacco di potenza nel passaggio da una marcia all'altra, ma questo è ampiamente superato dall'unità elettrica, che limita la mancanza di continuità.  La centralina di gestione dell'unità elettrica sull'asse posteriore, capisce quando è stato richiesto un cambio marcia, o quando è richiesto un plus di potenza - magari in fase di sorpasso - e la trazione viene aggiunta anche dall'asse posteriore.  Valido anche per quando si percorrono sterrati leggeri e fondi a bassa aderenza, sfruttando un integrale on-demand in piena regola.   ZF l'ha dimensionato sulla SUV Duster, proponendo anche un funzionamento - per brevi km - in modalità esclusivamente elettrica, rendendo di fatto la vettura una micro-hybrid.   Utilissimo per gli start/stop cittadini e per il traffic Jam, mentre nelle fasi di gas costante in autostrade è possibile disaccoppiare la trasmissione manuale e veleggiare (Coasting) riducendo i consumi.   


       
      Via Green Car Congress
×