Vai al contenuto

Messaggi Raccomandati

Mercedes ha rilasciato una descrizione più approfondita del suo turbodiesel da 2,0 litri a quattro cilindri di nuova concezione che alimenta la nuova Mercedes-Benz Classe E 220d.

Daimler sta spianando la strada per una nuova famiglia di motori turbodiesel con il nuovo OM 654 che fa il suo debutto ufficiale sulla Classe 220d M.Y. 2016 in vendita questa primavera. E' il primo motore diesel a 4 cilindri interamente in alluminio realizzato da Mercedes e riesce ad essere circa il 13% più economico rispetto alla precedente unità da 2.1 litri. 
La cilindrata è stata ridotta a due litri ed il peso è calato da 447 libbre (202,8 kg) a 371.2 libbre (168,4 kg) in un formato più compatto.

Inoltre, il motore genera meno rumore e meno vibrazioni a causa della tecnologia appena implementata. Si sfrutta l'iniezione common rail di quarta generazione e ha ricevuto pistoni in acciaio con camere di combustione a gradini con rivestimento all'interno del cilindro in NANOSLIDE.

Oltre ad essere più frugale e raffinato, l'unità da 2.0 litri è anche più potente passando da 170 cavalli di potenza del 2.1 litri (125 kW) a 192 CV (143 kW) a 3.800 giri. La coppia massima di 295 libbra-piede (400 Nm) è inviata attraverso il cambio automatico a nove velocità da 1.600 giri a 2.800 giri al minuto.

In veste E 220d, la nuova Mercedes Classe E coprirà la volata a 62 miglia (100 chilometri) all'ora in 7,3 secondi, toccando una velocità massima di 149 mph (240 km orari). Per quanto riguarda il consumo di carburante, ha bisogno di 4,7 - 4,3 litri / 100 km in città, 4,1 - 3,6 litri in autostrada, e 4,3 - 3,9 litri nel ciclo combinato, con emissioni di CO2 che variano tra 112-102 g / km.

L'OM 654 turbodiesel è parte di una nuova famiglia di motori modulari che andrà ad alimentare tutta la gamma di automobili della stella a tre punte. Le unità saranno offerte in diversi livelli di potenza, nei layout longitudinali e trasversali, così come in auto dotate di un layout a trazione anteriore, trazione posteriore e trazione integrale.

Mercedes fa presente che i nuovi motori sono stati progettati per soddisfare le future normative sulle emissioni (RDE - Le emissioni reali di guida) e sono dotati di una valvola multi-way di ricircolo dei gas di scarico. 
I turbodiesel sono compatibili AdBlue e tutte le parti relative alla riduzione delle emissioni sono montati direttamente sul motore.

Fonte: Mercedes-Benz

2016-mercedes-e220d-engine.jpg000.jpg000.jpg
000.jpg000.jpg000.jpg000.jpg000.jpg000.jpg
000.jpg000.jpg000.jpg000.jpg000.jpg000.jpg000.jpg000.jpg

Chapeau Mercedes-Benz.

  • Like! 5

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Modulare? Dobbiamo aspettarci un 6 e un 3 cilindri?

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
7 minuti fa, leon82 dice:

Modulare? Dobbiamo aspettarci un 6 e un 3 cilindri?

 

Probabile. Su prossima Classe S è previsto il debutto dei nuovi 3 litri 6 cilindri benzina, IN LINEA, che manderanno in pensione i V6 e dai quali si deriverà il nuovo 2,0 litri 4 cilindri. 

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Ospite

Normalissimo motore moderno, non ci vedo nessuna rivoluzione technologica... 

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
19 minuti fa, leon82 dice:

Modulare? Dobbiamo aspettarci un 6 e un 3 cilindri?

 

Il 6L 3.0 c'è già sul listino della E, arriverà il 3L 1.5

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Ormai 3L 1.5, 4L 2.0 e 6L 3.0 per tutte le case automobilistiche... evviva l'originalità :D

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
25 minuti fa, CuoreSportivo86 dice:

Normalissimo motore moderno, non ci vedo nessuna rivoluzione technologica... 

 

Post-trattamento dei gas di scarico, l'alleggerimento di oltre 35 kg, sono cose da poco?

  • Like! 5

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Ospite

Si ma niente di rivoluzionario. 

Anzi... Una cosa rivoluzionaria c'è: non useranno più il 1.5 DCi?? 

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Di nuovo non vedo né tecniche né tecnologie, a parte il nanoslide (sembra interessante), però raggiunge una bella potenza.

I pistoni in acciaio credo siano lo standard?

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Contenuti simili

    • Da Beckervdo
      Kia tiene vivo il propulsore Diesel, lanciando in Europa il pacchetto EcoDynamics+ al debutto sulla rinnovata Sportage 2018.

      Il sistema è completamente versatile: può esser abbinato alla trazione anteriore o integrale, alla trasmissione manuale o automatica.
      Il nuovo motore diesel è associato ad un sistema ibrido-leggero con impianto dedicato da 48V a cui è associato un motore elettrico.
      Rispetto al precedente propulsore diesel (non si dichiara se il 1.7 o il 2.0 litri) i consumi scendono del 4% rispetto al precedente e con omologazione Euro6d-Temp e cicli RDE / WLTP.
       
      Il motore termico può svolgere due funzione: ricarica delle batterie (generatore) o esser aiutato dal comparto elettrico. Il motore integrato nel sistema generatore ISG, eroga un plus di potenza di 10 kW. 
      Di più "nin 'zo"
       
      Via Autoblog.nl
       
    • Da Beckervdo
      Volkswagen presenta al Wien Symposium il suo nuovo EA288 EVO da 2.0 litri.
      Il nuovo propulsore sostituisce il 1.4 TDI, il 1.6 TDI ed il precedente 2.0 litri TDI.
      Con potenze che vanno da 100 kW (136 CV) fino a 150 kW (204 CV), mentre la coppia è aumentata del 9% (in media) su tutte le potenze disponibili. L'unità da 204 CV eroga 400 Nm di coppia costanti tra 1750 e 3000 rpm.
       
      A dare manforte all'unità termica ci pensa un sistema elettrico a 48V con una piccola batteria agli ioni di litio.
       
      Rivista completamente la linea di scarico, con il DPF posizionato più vicino allo scarico del turbocompressore (anch'esso revisionato) ed una nuova gestione della valvola EGR per garantire il rispetto delle normative Euro6D-Temp con i cicli WLTP e RDE.
       
      I primi modelli che lo utilizzeranno saranno a marchio Audi (longitudinali), mentre per l'installazione trasversale debutterà prima su Volkswagen, poi Seat ed infine Skoda.
       

       
      Via Autoforum.cz
×