Vai al contenuto
wireguy

Utilizzo fili di rame smaltati in automobili

Messaggi Raccomandati

Buongiorno a tutti,

 

bellissimo forum, sono sicuro che trovero' le risposte alle mie domande!

 

Sono chiamato a fare una ricerca/tesi di approfondimento sul tema di utilizzo di fili di rame smaltati (ovvero fili di rame ricoperti di uno smalto/lacca che ne permette l'isolamento) nelle automobili. 

 

Quello che ingenuamente viene subito in mente a me, ingegnere industriale e non elettrico, sono vari avvolgimenti che possono essere presenti in macchine come l'alternatore e lo starter di avviamento. Corretto? Vi sono altri utilizzi nell'auto "tradizionale" (non elettrica/ibrida) che mi sfuggono?

 

Parallelamente il mio obiettivo e' anche quello di fare una ricerca piu' approfondita dell'utilizzo di questi fili smaltati nelle auto elettriche/ibride e della differenza con l'utilizzo in macchine con motore ICE. Quindi dove vengono utilizzati e perche', in che quantita', etc etc.

Anche qui, a primo avviso la mia mente va subito sull'inverter ed ovviamente sul motore elettrico che contengono avvolgimenti. Corretto? Altre applicazioni?

 

Probabilmente ogni risposta scaturira' altre mie x domande quindi per ora puo' bastare cosi'.

 

Ogni tipo di materiale/link e' piu' che ben accetto.

 

Ringrazio anticipatamente chiunque contribuira'!

 

A

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
41 minuti fa, wireguy dice:

Quello che ingenuamente viene subito in mente a me, ingegnere industriale e non elettrico, sono vari avvolgimenti che possono essere presenti in macchine come l'alternatore e lo starter di avviamento. Corretto? Vi sono altri utilizzi nell'auto "tradizionale" (non elettrica/ibrida) che mi sfuggono?

 

Parallelamente il mio obiettivo e' anche quello di fare una ricerca piu' approfondita dell'utilizzo di questi fili smaltati nelle auto elettriche/ibride e della differenza con l'utilizzo in macchine con motore ICE. Quindi dove vengono utilizzati e perche', in che quantita', etc etc.

Anche qui, a primo avviso la mia mente va subito sull'inverter ed ovviamente sul motore elettrico che contengono avvolgimenti. Corretto? Altre applicazioni?

 

Ciao e benvenuto! ;-)

 

Le applicazioni sono le più svariate, si va dalle "macchine elettriche" come l'alternatore ed il motorino di avviamento che hai citato tu, al servosterzo elettrico, attuatori vari (farfalla, valvola egr, regolatore geometria variabile turbo, compressori elettrici (roba recente) ecc), elettroventole di raffreddamento, pompe elettriche (es. bassa pressione carburante), comando sportelli clima automatico, motorini alzavetro, sedili elettrici, chiusura centralizzata, micro motori strumentazione, solenoidi di sblocco per le serrature bagagliaio, per il disinnesto del motorino di avviamento; all'interno degli iniettori carburante il più delle volte c'è un solenoide per "farli aprire"; elettrovalvole, ad esempio quelle dei cambi automatici; solenoidi dentro le decine di relais sparsi nelle varie centraline e/o scatole di derivazione; ci sono svariate bobine basati su avvolgimenti elettrici; induttanze più o meno grandi, contenute all'interno di quasi tutti i circuiti elettronici sparsi nell'auto, o piccoli trasformatori.

 

Ci sono poi i sensori (giri, velocità, ecc.) ed i potenziometri, che a loro volta possono avere degli avvolgimenti per captare le variazioni di campo magnetico dovuto a qualche spostamento meccanico (es. pedale acceleratore).

 

Nelle auto elettriche la quantità aumenta, visto che che nei motori elettrici il rame abbonda, soprattutto a livello di statore, visto che il più delle volte il rotore è realizzato con magneti. I cavi, nel caso dei motori per la propulsione ibrida, possono diventare molto spessi anche a livello di avvolgimenti, questo per far fronte alle potenze in gioco ben maggiori ed aumentare l'efficienza. Tuttavia sono sempre avvolgimenti smaltati.

Nelle ibride spesso anche il compressore del clima ha un motore elettrico bello potente e pompe dell'acqua elettriche.

Gli inverter (ed i vari convertitori statici), possono contenere svariati induttori ad avvolgimento, oppure anche dei trasformatori all'interno dell'elevatore di tensione.

 

Perdona se è solo un elenco generico, ma magari può aiutarti a capire sul dove puntare ;-)

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Inviato (modificato)

Il problema dei fili smaltati in rame è che, essendo la vernice isolante che li ricopre estremamente sottile, sono isolati solo per piccole differenze di potenziale. Cioè tra un conduttore smaltato e un altro adiacente ci deve essere una piccola differenza di tensione dell'ordine, mi pare di ricordare vagamente, di pochi volt: 3, 4 volt al massimo, sicuramente meno di 10 volt.  Questo significa che vanno bene per gli avvolgimenti elletrici: motori, bobine, solenoidi, elttremogneti, trasformatori, ecc. Non li puoi usare per dare corrente ad una lampadina, o al forno di casa, o ad uncondizionatore, perchè appunto con la rete domestica a 200volt, questi conduttori scaricherebbero facilmente verso massa, ma anche i 12 volt dell'impianto dell'auto sono troppi per usare questi conduttori per "trasportare" energia elettrica al posto dei cavi alle varie utenze.

Modificato da infallibile_GF

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Contenuti simili

    • Da NikoBellic
      Salve a tutti!
      E' da un po' di tempo che volevo aprire questo topic per scoprire se ci sono altri autopareristi svapatori e aiutare chi vuole diventarlo!
       
      Cominciamo col dire che la e-cig è un dispositivo che funziona attraverso l'evaporazione di un liquido apposito, una soluzione a base di acqua, glicole propilenico, glicerolo, aromi ed eventualmente nicotina. Il liquido è vaporizzato da un atomizzatore, un dispositivo alimentato da una batteria ricaricabile.
      Questo atomizzatore è composto in buona sostanza da una spirale di filo resistivo, che si scalda con il passaggio della corrente. Intorno o dentro questa spirale si trova del cotone (che deve essere organico e non trattato), che assorbe il liquido, il quale a contatto con la coil, si scalda e viene vaporizzato.
      L'insieme di cotone e filo viene chiamata build, ma spesso si usa coil per indicare tutto, non solo il filo.
       
      Gli atomizzatori si dividono in due grosse categorie: rigenerabili e non-rigenerabili.
      La differenza è che nel primo la build viene fatta a mano dall'utente, che quindi la "genera" ogni volta che vuole: esempio

       
      Negli atomizzatori non-rigenerabili (i più semplici e adatti per cominciare), si comprano le testine già fatte, che vanno sostituite ogni tot tempo (dipende dall'atomizzatore e dal liquido che si usa, però intorno alle 2-3 settimane di solito) e costano intorno ai 2-3-5 € l'una.. queste contengono tutto al loro interno, e vanno solo avvitate nella sede opportuna:

       
      Gli atomizzatori si dividono ancora in due categorie: tank e dripper.
      I dripper sono tutti rigenerabili, non hanno un serbatoio e li liquido va "sgocciolato" sopra (to drip, appunto) ogni volta che il cotone è asciutto.. 
      I tank invece sono quelli più classici composti appunto da un serbatoio da 2-3-4 ml di liquido, che alimenta da solo la resistenza. Possono essere sia rigenerabili che non.
       
      Ci sono ancora due categorie di atomizzatori: quelli da tiro di guancia e quelli da tiro di polmone.
      Questa caratteristica è indipendente dalle altre, ma è il modo in cui l'atomizzatore va usato.
      Per intenderci, il tiro di guancia è quello classico delle sigarette, detto anche Mouth to Lung, perchè il vapore finisce in bocca e poi successivamente viene buttato giù nei polmoni.
      Con il tiro di polmoni invece si aspira direttamente con i polmoni, gonfiando il petto diciamo.. per chi ha provato, la modalità di tiro è simile a quella usata per narghile, bong o strumenti similari
       
      E' chiaro che il tiro di guancia è quello più adatto per iniziare in quanto molto simile a quello della sigaretta, essendo chiuso e leggermente contrastato
      L'altro invece è un tiro molto più arioso ( e di solito fa anche molto più vapore)
       
      Ho spiegato penso il 10% di quello che è lo svapo, c'è davvero un mondo dietro.. per me è diventata una passione
       
      Allora, ricapitolando, ad un neofita, che vuole smettere di fumare, consiglio una sigaretta elettronica con atomizzatore non rigenerabile, tank e per il tiro di guancia.
      Spesso i kit entry-level hanno anche la box incorporata, in sostanza, il pacco batterie + circuito.
      Alcuni dispositivi adatti possono essere:
      Justfog Q14: è stata la mia prima e-cig, pagata all'incirca 35 € in negozio (su intenrnet si trova intorno ai 20), batteria da 900 mAh e 2 ml di capienza.. entrambi più che sufficienti per una giornata (anche 2 o 3, dipende ovviamente da quanto si svapa).. Joyetech eGo AIO Box: l'atomizzatore è all'interno della box stessa, fatta di plastica.. questo le permette di essere molto resistente agli urti, piccola e leggera.. come durata di batteria siamo piu o meno sugli stessi livelli di quella precedente

       
      Entrambe dispongono di attacco micro-usb per la ricarica: si può usare quindi il caricabatterie del telefono (comodissima come cosa)
       
       
      Un consiglio: da evitare le e-cig in vendita nei tabacchini o nelle farmacie.. sono prodotti cari e poco performanti, con hardware vecchi e scomodi.. molta gente le prova, vede che fanno cagare, le butta via e da quel momento in poi pensa che tutte le sigarette elettroniche facciano cagare. E' sbagliatissimo!
      Andate sempre da un rivenditore indipendente, non dalle catene tipo smooke, o blu perche vi fregano!
      Negli ultimi anni c'è stata un'evoluzione pazzesca, e questi vi rifilano cose del 2012, ovvero risalenti alla prima ondata dello svapo..
       
      Sono stato davvero sbrigativo, ma è davvero lunga.. meglio sciogliere i vari dubbi che vengono man mano.. 
      E se c'è qualche vaper appassionato si faccia avanti!
    • Da David19
      Buongiorno a tutti, desidero un chiarimento su una cosa: ho da poco acquistato una Fiat Panda 1.3 multijet euro 4 del 2007 e siccome l'ho comprata usata mi sono rivolto presso un mio conoscente esperto di auto per verificare il chilometraggio effettivo dell'auto. Lui ha collegato una presa dal pc alla centralina e ha detto che i chilometri sulla centralina corrispondono a quelli del display e poi mi ha detto che la centralina ha subito una modifica: un aggiornamento...
      Che cosa si intende per aggiornamento della centralina? Vi ringrazio per le vostre delucidazioni!
    • Da jeby
      Apro una discussione per raccogliere le nostre esperienze di trakc day. La metto qui perché alla fine si tratta di sport, fatto e non guardato, e perché mi sembra strano che su un forum di appassionati d'auto manchi questo genere di discussione.
       
      Ieri sono stato in un posto per me veramente speciale: la pista sperimentale FCA di Balocco, ex Alfa Romeo.
      Sono andato a girare lì grazie ad un evento organizzato da track4fun.com
      Ho girato 3 turni da 20 minuti sul circuito “Alfa Track”, divertendomi come un matto e, soprattutto, continuando a migliorare il mio tempo sul giro (infatti il migliore è stato il penultimo della giornata) e mantenendo un passo più o meno costante per tutta la seconda metà e del secondo turno e tutto il terzo turno:
       
       
       
      Purtroppo un’Alfa GTV 916 ha preso fuoco e hanno dovuto chiudere la pista lievemente in anticipo.
      In più ho avuto una strana rottura, una boccola “Powerflex” del braccio inferiore della sospensione anteriore si è spezzata, cosa che mi ha impedito di girare al pomeriggio nell’altro circuito famoso del centro di Balocco, il “Langhe”
      La rottura è “strana” perché i powerflex sono componenti garantiti a vita, e soprattutto perché l’avevo appena fatto riparare per una rottura analoga:
       





       
      Sono comunque riuscito a riportare l’auto a casa, che ora riposerà per chissà quanto dato che non ho piani di rientrare in Italia per i prossimi mesi...
      Nonostante questo, sono molto contento perché:
      -    Ho girato a Balocco. E’ una pista meravigliosa. Se siete degli appassionati di auto provate ad andarci almeno una volta. Se siete interessati, EVO organizza una giornata l’1 Luglio: http://compraonline.edisport.it/it/78-evo-trackday-2017-balocco-1luglio2017. Balocco non è un autodromo, ma è un centro sperimentale privato quindi è molto difficile riuscire ad andarci
      -    Ho girato tanto a Balocco. Ok, non tanto quanto avrei voluto, ma comunque mi sono fatto più di un’ora piena di pista. Vi assicuro che non è poco.
      -    Ho girato bene: a parte i complimenti di alcuni “colleghi” (veramente e umilmente apprezzatissimi) sono stato felice di aver girato con costante miglioramento. In più, sentire l’auto che ti dice “ehi, guarda che sto perdendo anderenza dietro” e riuscire a gestire la derapata a cento all’ora pelando il gas mentre il sudore ti offusca la vista è un’emozione che, veramente, non ha eguali. Quell’azione di controllo con sicurezza e determinazione che in più rilascia una scarica di adrenalina non indifferente
      -    L’evento era ben organizzato. Poca attesa in pitlane, numero di auto limitato in pista, così da non dover continuamente sorpassare o farsi sorpassare
      -    Le presone erano molto educate, e non è scontato. Durante il briefing di inizio giornata ci è stata spiegato come effettuare sorpassi in sicurezza (banalmente: l’auto più lenta deve mettere la freccia e scansarsi e solo allora l’auto più veloce può passare). Sembra banale ma non lo è per nulla. Ad esempio, guardate la maleducazione dei partecipanti al Motor1days a Modena di sabato (dove ho girato poco, male e incazzato nero)
       

       
×