Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuti su Autopareri! La community italiana che dal 2003 riunisce gli appassionati di automobili e di motori

Recommended Posts

56 minuti fa, Unperdedor scrive:

Perdonami, lascia perdere il confronto con Leclerc perché ieri ha sbagliato anche lui, e dimmi secondo te da quanto tempo Vettel non fa la differenza, cioè quello che ci si aspetta da uno come lui?

Io poi veramente non capisco il credito infinito di cui gode Vettel, nonostante la serie ormai infinita di puttanate. Eppure io li leggevo i forum quando vinceva con la Red Bull, e per tutti era l’insopportabile “ditino” che vinceva solo grazie a Newey. Boh, i misteri. 

Non mi pare di aver difeso Vettel a spada tratta e senza motivo, semplicemente mi dà fastidio quando i giudizi sono troppo esagerati con un pilota. Seb ha commesso errori tra 2018 e 2019, innegabili, ma a mio avviso un 50% di responsabilità in questi errori ce li ha anche la squadra, che sbaglia strategia una volta si e una no e che ha cannato la macchina per la seconda parte di 2018 e per la prima parte del 2019. Quanto alle volte in cui ha fatto la differenza nel 2019 (per quanto mi ricordo) direi Germania, Canada, Ungheria, Singapore, Russia, Giappone in qualifica; considero gare positive quelle che ha fatto in Cina, Baku, Giappone, Messico, Texas fino alle qualifiche; gare cannate direi Bahrein, Silverstone, Monza e oggi. Ci si aspetta di più da lui? Giusto, sono d'accordissimo, ma considerato il cancello che gli hanno dato a inizio anno non mi pare manco tutto da buttare, invece pare che sia l'unico che fa errori.

 

58 minuti fa, Mattia92 scrive:

Comunque entrambi potevano evitare la situazione con un minimo di intelligenza. Invece entrambi vogliono dimostrare di essere migliore dell'altro.

Concordo, ma tutto sommato forse è anche naturale questo istinto in due campioni. Deve intervenire il muretto a questo punto, essendo più reattivo, dando ordini di scuderia perentori e stabilendo PER BENE i limiti nella lotta in pista.

 

10 minuti fa, nicogiraldi scrive:

Bah solo io reputo l'incidente un normale incidente di gara?

Leclerc era dietro e le linee erano quelle i volanti erano dritti nessuno scarto.

Poteva lasciare più spazio.

secondo me 50% di colpa a entrambi.

Io per questo volevo vedere il camera car di Vettel, nell'inquadratura frontale lo spostamento della vettura è netto, perciò secondo me la responsabilità maggiore è sua, ma l' angolo delle ruote pare veramente minimo. Charles ha una parte di responsabilità, ma nettamente minore, perchè comunque una lotta fra compagni di squadra dovrebbe essere meno aggressiva, e il suo sorpasso in curva 1 invece è stato bello cattivo (per questo dico che il team deve intervenire ed eliminare questi problemi prima che sorgano, avete messo gomme nuove al monegasco? Imponetevi e dite a Seb di farlo passare subito).

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 minuti fa, GL91 scrive:

Non mi pare di aver difeso Vettel a spada tratta e senza motivo, semplicemente mi dà fastidio quando i giudizi sono troppo esagerati con un pilota. Seb ha commesso errori tra 2018 e 2019, innegabili, ma a mio avviso un 50% di responsabilità in questi errori ce li ha anche la squadra, che sbaglia strategia una volta si e una no e che ha cannato la macchina per la seconda parte di 2018 e per la prima parte del 2019. Quanto alle volte in cui ha fatto la differenza nel 2019 (per quanto mi ricordo) direi Germania, Canada, Ungheria, Singapore, Russia, Giappone in qualifica; considero gare positive quelle che ha fatto in Cina, Baku, Giappone, Messico, Texas fino alle qualifiche; gare cannate direi Bahrein, Silverstone, Monza e oggi. Ci si aspetta di più da lui? Giusto, sono d'accordissimo, ma considerato il cancello che gli hanno dato a inizio anno non mi pare manco tutto da buttare, invece pare che sia l'unico che fa errori.

 

Ok, magari sono esagerato, ma ribadisco quello che penso. Ormai Vettel è una zavorra. Non è più un pilota in grado di giocarsi il titolo contro gente come Hamilton, Verstappen o un Leclerc completamente maturo. E siccome non è nemmeno un pilota che si rassegnerà a portare le borracce a Leclerc, è un pilota inutile e probabilmente anche dannoso. So che la mia opinione è impopolare, ma questa è.

Share this post


Link to post
Share on other sites
21 minuti fa, espresso scrive:

Già una volta Vettel ha fatto una cagata quest’anno con Leclerc

Quando? Giuro, nessuna volontà polemica, veramente non ricordo.

 

3 minuti fa, Unperdedor scrive:

So che la mia opinione è impopolare, ma questa è.

In realtà mi sa che è una opinione molto popolare al momento ?

Comunque a parte gli scherzi, tranquillo, ci stiamo solo confrontando fra appassionati, è normalissimo pensarla diversamente, non credo certo di avere la verità in tasca, potresti pure avere ragione tu ?

  • I Like! 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 minuti fa, GL91 scrive:

Quando? Giuro, nessuna volontà polemica, veramente non ricordo.

 

In realtà mi sa che è una opinione molto popolare al momento ?

Comunque a parte gli scherzi, tranquillo, ci stiamo solo confrontando fra appassionati, è normalissimo pensarla diversamente, non credo certo di avere la verità in tasca, potresti pure avere ragione tu ?

 

Sono tranquillissimo, sei l'ultima persona con la quale litigherei. Ovviamente sono imbestialito perché per me una collisione fra due compagni di squadra è inaccettabile, quindi i miei toni sono un po' focosi diciamo. :-)

Edited by Unperdedor
  • I Like! 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Condivido, le colpe sono anche della squadra che non mette in chiaro le cose.

Riporto però un articolo di Giorgio Terruzzi che a mio avviso fotografa perfettamente la situazione.

 

Nell’incidente che ha tolto di scena entrambe le Ferrari c’è qualcosa che purtroppo abbiamo già visto molte volte. C’è la stizza di Sebastian Vettel che innesca una reazione immediatamente dopo uno smacco subito. Nello specifico il sorpasso portato da Leclerc alla “esse” dedicata a Senna. La conseguenza: una deviazione nella retta successiva, inutile e nefasta visto che Seb aveva davanti spazio a sufficienza per tentare una replica di ben altra natura.

Sono i fotogrammi dell’urto a raccontarci una dinamica psicologica reiterata che porta Sebastian a trasformare un piccolo smacco o un danno discreto in un affronto insopportabile, in una voragine spaventosa. Accade così da molto tempo ed è ormai facile per ciascun appassionato osservare un procedimento che ha prodotto una quantità molto rilevante di gioie perdute. Vettel, per qualche verso, si comporta all’improvviso come un bimbo al quale viene tolto il giocattolo e come un bimbo reagisce. Gesti da pista simili a strilli rabbiosi. Niente che abbia a che fare con una padronanza che peraltro manifesta quando ciò che sta tra le sue mani e attorno a lui non comporta un disordine improvviso. Il tutto, nello specifico, dopo una ripartenza infelice dietro Safety Car che aveva danneggiato, involontariamente soprattutto Leclerc, piantato dietro Vettel all’uscita della solita “esse”. Forse il problema in queste fasi è dovuto alla difficoltà di scaldare al meglio le gomme da parte di chi guida una Ferrari ma qui importa relativamente. Piuttosto, Leclerc aveva appena montato gomme morbide nuove ed era evidente, al netto delle caratteristiche caratteriali di chiunque, che fosse carico, pronto e più attrezzato per tentare di recuperare una piazza migliore, magari addirittura un podio, visto che sul podio è finito l’ottimo Gasly con la Toro Rosso, per un compendio preziosissimo offerto all’Italia motoristica. E’ molto facile pretendere da Mattia Binotto una gestione totale dei piloti in rosso. E’ molto difficile gestire un fenomeno che talvolta va in tilt. Anche perché Seb resta un campione di prim’ordine. Ma proprio i limiti caratteriali di Vettel indurranno, crediamo, a limitarne la libertà quando in palio ci sarà ben più di un piazzamento.

  • I Like! 5

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, Unperdedor scrive:

Sono tranquillissimo, sei l'ultima persona con la quale litigherei. Ovviamente sono imbestialito perché per me una collisione fra due compagni di squadra è inaccettabile, quindi i miei toni sono un po' focosi diciamo. :-)

Si ma figurati, sono d'accordissimo, sia per il litigare sul forum, che è assurdo visto che siamo qui per divertimento, men che meno con te visto che ci si confronta sempre in maniera costruttiva, sia sullo scontro fra compagni, assurdo, e sottolineo, per me le responsabilità sono anche del team che non è abbastanza fermo nel dare ordini di scuderia (e una volta erano la nostra specialità).

  • Thanks! 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Comunque meglio oggi che l'anno prossimo.

comunque mercedes oggi non in forma, er Hamilton ha commesso il 2° errore di stagione.

 

  • I Like! 2

Guidatore medio di S.w. mi piacciono le auto , fumatore Light e AD INTERIM convivente... questo è nicogiraldi....

875kg - 260+ cv i numeri del mio piacere

Share this post


Link to post
Share on other sites
8 minuti fa, AlexMi scrive:

Riporto però un articolo di Giorgio Terruzzi che a mio avviso fotografa perfettamente la situazione.

Riesci a modificare il post? L'articolo è veramente illeggibile, troppo grande.

Comunque Terruzzi ha ragione, va detto però che non è una caratteristica del solo Vettel, anzi, così al volo i primi due che mi vengono in mente che piuttosto che farsi passare ti mandavano a muro erano Senna e Schumi, non certo gli ultimi arrivati insomma, ma anche il Verstappen dei giorni migliori. Mi chiedo se certi aspetti "controversi" di un pilota forte, ovvero uno programmato per andare a 300 all'ora a dieci centimetri dal muro, siano limitabili senza snaturarlo.

Edited by GL91

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 minuti fa, AlexMi scrive:

Condivido, le colpe sono anche della squadra che non mette in chiaro le cose.

Riporto però un articolo di Giorgio Terruzzi che a mio avviso fotografa perfettamente la situazione.

 

cut

 

Mi sono dovuto mettere a 4 metri dallo schermo per leggerlo, ma più o meno dice le stesse cose che ho malamente ragliato nei miei post. Ed essere d'accordo con Terruzzi un po' mi preoccupa devo dire.

  • I Like! 1
  • Haha! 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
Condivido, le colpe sono anche della squadra che non mette in chiaro le cose.

Riporto però un articolo di Giorgio Terruzzi che a mio avviso fotografa perfettamente la situazione.

 

Nell’incidente che ha tolto di scena entrambe le Ferrari c’è qualcosa che purtroppo abbiamo già visto molte volte. C’è la stizza di Sebastian Vettel che innesca una reazione immediatamente dopo uno smacco subito. Nello specifico il sorpasso portato da Leclerc alla “esse” dedicata a Senna. La conseguenza: una deviazione nella retta successiva, inutile e nefasta visto che Seb aveva davanti spazio a sufficienza per tentare una replica di ben altra natura.

Sono i fotogrammi dell’urto a raccontarci una dinamica psicologica reiterata che porta Sebastian a trasformare un piccolo smacco o un danno discreto in un affronto insopportabile, in una voragine spaventosa. Accade così da molto tempo ed è ormai facile per ciascun appassionato osservare un procedimento che ha prodotto una quantità molto rilevante di gioie perdute. Vettel, per qualche verso, si comporta all’improvviso come un bimbo al quale viene tolto il giocattolo e come un bimbo reagisce. Gesti da pista simili a strilli rabbiosi. Niente che abbia a che fare con una padronanza che peraltro manifesta quando ciò che sta tra le sue mani e attorno a lui non comporta un disordine improvviso. Il tutto, nello specifico, dopo una ripartenza infelice dietro Safety Car che aveva danneggiato, involontariamente soprattutto Leclerc, piantato dietro Vettel all’uscita della solita “esse”. Forse il problema in queste fasi è dovuto alla difficoltà di scaldare al meglio le gomme da parte di chi guida una Ferrari ma qui importa relativamente. Piuttosto, Leclerc aveva appena montato gomme morbide nuove ed era evidente, al netto delle caratteristiche caratteriali di chiunque, che fosse carico, pronto e più attrezzato per tentare di recuperare una piazza migliore, magari addirittura un podio, visto che sul podio è finito l’ottimo Gasly con la Toro Rosso, per un compendio preziosissimo offerto all’Italia motoristica. E’ molto facile pretendere da Mattia Binotto una gestione totale dei piloti in rosso. E’ molto difficile gestire un fenomeno che talvolta va in tilt. Anche perché Seb resta un campione di prim’ordine. Ma proprio i limiti caratteriali di Vettel indurranno, crediamo, a limitarne la libertà quando in palio ci sarà ben più di un piazzamento.

Articolo realistico.

Per certi campioni è difficile accettare un nuovo che avanza e spesso migliore.

Lo abbiamo visto diverse volte. Che Vettel abbia delle fragilità psicologiche (sportivamente parlando ovviamente) non lo scopriamo oggi. Vedersi passare così da Leclerc ha innescato la voglia di reagire senza pensare ed ecco fatto il patatrac.

Secondo me per un team è quasi impossibile avere due top driver in squadra. La gestione è molto complessa.

La Ferrari deve prendere delle misure, quello che ha detto Binotto è giusto, ora ci vogliono dei fatti concreti.

 

☏ Mi MIX 3 ☏

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Similar Content

    • By Beckervdo
      Mercedes presenta la Mercedes-AMG GT Black Series, punta di diamante della gamma Mercedes-AMG GT. Il V8 4.0 litri TwinTurbo è stato completamente rivisto sino a sprigionare ben 537 kW / 730 CV e soprattutto cambia completamente la sua configurazione: da V8 con albero a croce a V8 con albero piatto. In questo modo guadagna in reattività nell'erogazione, una maggior coppia ai bassi regimi e soprattutto un urlo cavernoso.
      È stata rifatta completamente la linea di scarico, compresi i due turbocompressori che ora erogano una sovralimentazione massima di  1.7 Bar (la GT-R si ferma ad appena 1.35 Bar), con ovviamente due intercooler maggiorati. Questo stravolgimento identifica il nuovo motore che prende il nome di M178 LS2.
      La potenza massima di 730 CV è costante tra i 6700 e 6900 giri al minuto, con la possibilità di allungare sino a 7200 rpm. La coppia massima, invece, di ben 800 Nm inizia a 2000 rpm e si mantiene costante fino a 6000 rpm.
      La trasmissione DCT-7 a 7 velocità è stata riprogettata e gli ingranaggi interni rinforzati: in questo modo si possono scaricare tutti i Kgm di coppia senza problemi attraverso il nuovo albero di trasmissione in fibra di carbonio che collega le ruote posteriori al gruppo cambio. Il risultato? 0-100 km/h in 3.2 secondi ed i 200 km/h sono raggiunti in meno di 9 secondi.
      La velocità massima è di 325 km/h.
      Per aiutare la GT Black Series a restare incollata alla pista, la normale carrozzeria GT è stata quasi completamente ridisegnata con nuovi elementi aerodinamici. Davanti, c'è un grande splitter regolabile manualmente, insieme a vari splitter per spingere l'aria in modo efficiente e "intimidatorio". Sul retro c'è un'ala a due stadi a più livelli (con la parte superiore regolabile elettronicamente con un'escursione di 20°) per attaccare la coda muscolare all'asfalto. Una sistema di scarico quadrato spunta da un eccezionale diffusore posteriore. Vi suona familiare? È frutto dell'esperienza fatta sulla AMG GT3 e AMG GT4.
      Un elemento che proviene direttamente dal motorsport è il nuovo cofano in fibra di carbonio le cui ampie prese d'aria aiutano a mantenere il motore fresco, aumentando anche la deportanza. L'aria estratta viene quindi diretta attorno ai montanti anteriori e ai finestrini laterali verso la parte posteriore, dove interagisce con lo spoiler posteriore.
      Fibra di carbonio è utilizzata praticamente ovunque: pannelli porta, cofano motore, baule, tetto, rinforzi nel tunnel centrale, barra di torsione anteriore e posteriore e diversi punti del telaio come rinforzo strutturale.
      Ovviamente, anche le sospensioni sono state riprogettate: un impianto di tipo Coil-Over regolabile preso dalla AMG GT-R con l'ausilio del sistema elettronico AMG Ride Control che controlla elettronicamente e adatta automaticamente lo smorzamento su ciascuna ruota secondo necessità. Il sistema è stato aggiornato per la Black Series e con una moltitudine di modalità di guida e impostazioni regolabili per camber e movimenti di Dive/Squat.
      Gli ingegneri AMG hanno anche installato un nuovo sistema di controllo della trazione con nove livelli di regolazione (Livello 1 per condizioni di bagnato e Livello 9 per la massima libertà). Azionato tramite un controllo sulla console centrale, il sistema di controllo della trazione regola il livello di slittamento possibile controllando la potenza delle ruote utilizzando la mappatura del motore, proprio come nella macchina da corsa GT. Significa che non vi è alcun intervento da parte del sistema di controllo della stabilità.
      Vale anche la pena menzionare la modalità Sport Plus del selettore della modalità di guida. Nella AMG GT Black Series, questo è stato progettato su misura per le specifiche superfici della pista, in quanto può regolare il livello di smorzamento delle sospensioni per adattarsi alla scorrevolezza variabile dei diversi circuiti. Sono programmati i profili per alcuni circuiti noti.
      I cerchi in lega sono unità forgiate che misurano 19 pollici avanti e 20 pollici nella parte posteriore, e sono avvolte in pneumatici Michelin Pilot Sport Cup 2 R che misurano 285/35 nella parte anteriore e 335/30 in quella posteriore. Una versione speciale “a mescola dura” di questo pneumatico è disponibile anche per i giorni di pista in cui le temperature ambientali sono calde. I freni in carbo-ceramica sono standard e il peso a vuoto della vettura è di 1640 kg.
      Il prezzo non è stato comunicato, ma voci di corridoio, danno un valore vicino a 300'000 Euro.
      _______________________________
      Topic Spy➡️ Clicca qui!
      _______________________________
       
      Cartella stampa ufficiale
       
      Via Mercedes-Benz
       
       
       















































    • By nucarote
      Proprio in questi giorni (precisamente il 10 Giugno) del 2000 debuttava al salone dell'auto di Torino, l'Alfa 147.  
       
       
      https://www.quattroruote.it/news/eventi/2020/06/10/alfa_romeo_20_anni_fa_debuttava_la_147_foto_gallery.html


×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.