Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuto su Autopareri - il forum dell'automobile!

Recommended Posts

S0-presentation-citroen-c4-cactus-restyl

 

S0-presentation-citroen-c4-cactus-restyl

 

S0-presentation-citroen-c4-cactus-restyl

 

S0-presentation-citroen-c4-cactus-restyl

 

S0-presentation-citroen-c4-cactus-restyl

 

S0-presentation-citroen-c4-cactus-restyl

 

S0-presentation-citroen-c4-cactus-restyl

 

S0-presentation-citroen-c4-cactus-restyl

 

S0-presentation-citroen-c4-cactus-restyl

 

S0-presentation-citroen-c4-cactus-restyl

 

S0-presentation-citroen-c4-cactus-restyl

 

S0-presentation-citroen-c4-cactus-restyl

 

S0-presentation-citroen-c4-cactus-restyl

 

Fonte: www.caradisiac.com

 

Cita

Citroen punta tutto sul comfort e, anche se qualche affezionato, storcerà il naso, cambia la C4 Cactus, privilegiando la comodità e la tecnologia a scapito di un design che, quando aveva debuttato, aveva se non altro fatto parlare di sé. Fra le novità più importanti presentate in questo primo restyling vi sono il debutto europeo delle sospensioni con smorzatori idraulici progressivi e la prima mondiale dei sedili Advanced Comfort. Su spostano, invece, nella parte inferiore della fiancata i caratteristiche Airbump che hanno identificato fino a oggi quest’auto e che sono stati anche felicemente riproposti sulla C3. Completano il restyling le dodici funzioni di assistenza alla guida, le tre tecnologie di connettività, motori fino a 130 CV e la consueta "super personalizzabilità" con la possibilità di scegliere fino a trentuno combinazioni per gli esterni e cinque differenti armonie d’interni.

 

Un po' più berlina, un po' meno crossover

Le dimensioni che nascono dal restyling della C4 Cactus corrispondono ai criteri di berlina compatta con 4,17 metri di lunghezza e 1,71 di larghezza, sul frontale decisamente più in linea con gli altri modelli del marchio. Ora spiccano la "firma" nelle luci diurne a LED e i nuovi proiettori molto allungati. Le linee laterali, invece, sono caratterizzate dalle superfici vetrateche ricoprono circa un terzo del totale. Si spostano gli Airbump che vanno a finire più in basso assolvendo diversamente al loro ruolo protettivo. La seconda firma grafica e tecnologica la C4 Cactus la presenta sul retro con i nuovi proiettori 3D a LED che si prolungano fino al portellone del bagagliaio. All’interno vengono riproposte le linee orizzontali utilizzate per gli esterni, al centro della plancia spicca lo schermo Touch Pad da 7’’ che fa da centro di comando per infotainment e sistemi di bordo in unione all’interfaccia di guida 100% digitale.

Due debutti tecnici importanti

Se per alcuni appassionati la nuova C4 Cactus potrebbe aver leggermente snaturato l’essenza della precedente versione, è anche vero che la strada verso la comodità di viaggio assoluta è sempre più battuta. A testimonianza due soluzioni tecnicheche debuttano proprio su questo restyling. La prima è quella delle sospensioni con smorzatori idraulici progressivi. In pratica, si tratta di un brevetto che ha sostituito i classici smorzatori di fine corsa meccanici con dei dispositivi che entrano in funzione in caso di estensori e compressioniimportanti rallentando in modo progressivo la corsa del sistema molla/ammortizzatore. Oltre a migliorare questa fase, la soluzione idraulica ha permesso anche ai tecnici di aumentare l’escursione della sospensione migliorando il comfort generale. La seconda novità è rappresentata dai sedili Advanced Comfort realizzati con nuova schiuma poliuretanica ad alta densità utilizzata sui sedili anteriori che garantisce un comfort ottimale nel tempo, evitando gli affossamenti causati dalle lunghe ore di guida e l’invecchiamento dopo anni di utilizzo.

Dodici sistemi di assistenza e quattro motorizzazioni

Il comfort al volante passa anche per i sistemi di assistenza alla guida nella misura in cui questi agevolano le manovre e riducono lo stress; anche per questo Citroen ha deciso di metterne ben dodici sulla nuova C4 Cactus, tra questi: la frenata automatica d’emergenza Active Safety Brake, l’avviso di superamento involontario della linea di carreggiata, il sistema di sorveglianza dell’angolo morto e il Park Assist. Sistemi di assistenza che si affiancano alle motorizzazioni, fra tutti il nuovo motore benzina Pure Tech da 130 CV, abbinato al cambio manuale a sei marce. Fra i benzina sono disponibili anche il 110 CV che si può avere anche con il cambio automatico EAT6, mentre l’entry level è rappresentato dall’82 CV. Fra le motorizzazioni Diesel al lancio verrà offerta la Blue HDi 100 e nel corso del 2018 verrà introdotta anche quella da 110 CV abbinata al cambio automatico EAT6.

Fonte: http://www.omniauto.it/magazine/49127/citroen-c4-cactus-restyling-2017

 


Spy:  http://www.autopareri.com/forums/topic/63678-citroen-c4-cactus-facelift-2018-spy


 

 

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mah, non mi pare un restyling molto riuscito. Il posteriore mi pare peggiorato, davanti cambia poco, gli airbump poi capisco potessero non piacere, io però li trovavo utili, così rimpiccioliti temo perdano la loro utilità. Dentro migliora, ma continua ad avere quegli ABOMINEVOLI vetri a compasso; i limiti poi del sistema con tutte le funzioni touch della Citroen li abbiamo già discussi, quindi non mi ripeto. Bene invece l' introduzione degli aiuti alla guida.

Alla fine comunque il problema maggiore è un altro: che differenza c' è tra questa e una C3 Aircross? Sono praticamente due auto uguali, questa scelta è totalmente priva di logica.

Share this post


Link to post
Share on other sites

È diventata orrenda a parere mio. La Cactus mi piaceva tanto quanto ora mi ripugni.

 

P.S: Lo stavo già dicendo nell'altro topic, ma i vetri a compasso non si possono vedere!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Praticamente, vista C4 ormai morta, hanno deciso di riposizionare la Cactus con la loro proposta di segmento C...

Peccato che ne esca tremendamente banalizzata.

 

Curioso di sapere come vanno questi bump-stop idraulici. 

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cioè ci hanno rotto per mesi con la pubblicità con gli Airbump e ora li tolgono?? proprio a rinnegare quello con cui prima sembrava non si potesse vivere senza..poi neanche togliendoli da una generazione all'altra, ma con un misero restyling (peggiorativo, imho)..il frontale si mischia con le ultime uscite di casa Citroen, il posteriore ora sembra gli manchi qualcosa..rimane il bel volume generale della macchina e un interno che ancora continuo a gradire.

Meglio la vecchia.

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

non capisco come mai queste scatolette (che non comprerò mai) bruttine mi atirino..come le caxxate giapponesi...stesso effetto

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per me l'hanno peggiorata su ogni lato.
L'originale a me piace tutt'ora da pazzi e più dei compassi posteriori la cosa che mi ha sempre fatto storcere la bocca sono i comandi del clima touch.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Da sottolineare "nouvelle berline" mentre prima era "unconventional crossover"! Ora che hanno la C3 Aircross giustamente la Cactus é stata promossa a C Hatch erede della C4! In ogni caso orrenda, una C3 gonfiata, ma tanto non avrá erede. É solo un tampone in attesa della nuova vera C4 su base EMP2

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ottimo intervento..gli Airbumps dopo un mese non se puo' vede'....... , ora finalmente ha l'aspetto , l'appeal piu' concreto , robusto direi anche piu' curato nei dettagli vedi anche interni , ottima soluzione le sospensioni con smorzatori idraulici progressivi , nuovo sedili ecc.

Credo proprio che vendera'di piu' rispetto al modello che sostituisce...

 

http://www.rivistamotor.it/citroen-punta-al-comfort-con-il-programma-citroen-advanced-comfort/

Risultati immagini per citroen c4 cactus 2018Risultati immagini per citroen c4 cactus 2018

Interni.jpg

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Similar Content

    • By reckoner00
      forocoches


       
       
    • By ykdg1984
      DS Automobilies schiera la pedina più importante della sua giovane storia. Infatti, la DS 3 Crossback  è la seconda delle sei auto totalmente inedite che il marchio presenterà entro il 2024, ma è la prima che rispetta la promessa di proporre una versione ibrida plug-in o una full-electric. È, quindi, con questo modello che DS inizia a proporre uno dei frutti del suo ruolo di leader dell’innovazione all’interno del gruppo PSA: l’elettrificazione.
       
      Missione strategica. Di conseguenza, le caratteristiche più scontate della DS 3 Crossback sono la corporatura da Suv e la taglia compatta, dovuta alla lunghezza di 4,12 m. Il loro intreccio la collocano in uno dei settori accreditati di maggiore crescita nei prossimi anni e nel quale, in ossequio alle ambizioni premium del marchio, si propone come alternativa a modelli come l’Audi Q2 e la Mini Countryman. Parallelamente questa nuova Suv compatta accompagna in pensione la DS 3.
       
      Si proietta nel futuro, ma non tradisce il passato. Svolge questi compiti indossando vesti nelle quali s’intersecano stilemi evoluti dalla vettura che sostituirà con altri del tutto inediti. Si tratta, per esempio, della palpebra che sormonta i fari anteriori e degli elaborati scudi paraurti. Abbinandosi a tratti caratterizzanti come le “pinne di squalo” laterali ereditate dalla DS 3, le fiancate muscolose che insieme all’andamento orizzontale della coda tendono a esaltare l’autorevolezza della corporatura e l’altezza da terra rialzata originano un aspetto che non passa inosservato. Poi, la DS 3 Crossback sfoggia anche soluzioni raffinate come le maniglie delle porte retrattili, tipo quelle della Tesla e della Range Rover Velar. Inoltre, anteriormente inalbera accanto alla grande calandra DS dei gruppi ottici Matrix Led Vision Beam.
       
       
      Punta al'elettrico... Quella dei fari è una tecnologia inusuale su una vettura compatta, ma non è quella di maggiore spicco. Infatti, la DS 3 Crossback porta al debutto alcune importanti primizie. È questo il caso dell’architettura CMP (Common Modular Platform) studiata per ottimizzare la volumetria interna, soprattutto, in presenza della propulsione elettrica. Quest’ultima dà origine alla versione E-Tense ed è affidata a un’unità con una potenza di 136 CV e una coppia di 260 Nm, gestibile anche con le modalità Eco e Sport. È alimentata da una batteria agli ioni di litio da 50 kWh ricaricabile completamente in 5 ore tramite wallbox e all’80% in 30 minuti utilizzando una colonnina rapida. Secondo la Casa è in grado di spingere la vettura a una velocità di 150 all’ora e sino a 100 orari in 8,7 secondi, con un’autonomia  superiore ai 300 chilometri, secondo il ciclo Wltp. Ma questo valore, al momento, non è ancora stato omologato.
       
      …pur non ripudiando benzina e gasolio. Ma le novità non mancano anche nello schieramento dei motori termici. Tra quelli a benzina PureTech, tra l’altro tutti con filtro antiparticolato, debutta il tre cilindri turbo di 1.2 litri con 155 CV, abbinato al cambio automatico a otto marce, al quale si affiancano quelli di analoga cilindrata da 100 e 130 CV. Il capitolo dei turbodiesel BlueHDi, invece, è composto dai recentissimi motori di 1.5 litri con potenze di 100 e 130 CV. Per le unità da 130 e 155 CV è previsto solo il cambio automatico a otto marce, mentre le meno potenti sono equipaggiate con il manuale a sei marce.
       
      L’artigianalità incontra l’hi-tech. All'interno si ritrovano le lavorazioni complesse che vogliono esaltare la ricercatezza del marchio e anche gli allestimenti Montmartre, Bastille, Rivoli e Opera, ai quali si aggiungono la sportiva Performance Line e quella in tiratura limitata La Première, che rimandano ad ambientazioni parigine. Ma questa Crossback è diversa dalle altre DS. L’arredamento, infatti, è il punto d’incontro tra materiali e lavorazioni che vogliono richiamare l’artigianalità e la sartorialità e soluzioni hi-tech come la strumentazione digitale, l’head-up display e il touch screen da 10,3” del sistema d’infotainment.
       
      Adas, connettività e servizi dedicati. La nuova Crossback porta con sé, di serie o a richiesta, il sistema di guida autonoma di livello 2 della più grossa DS 7, avanzati dispositivi di sicurezza, una connettività che permette di dialogare con la vettura anche solo con il Bluetooth e molte app dedicate. Tra queste, c’è anche quella che consente di assegnare l'auto, anche solo per periodi ben definiti, ad altri utenti. Infine, tra i molti pacchetti va segnalato DS Mobility. È destinato a chi acquista la E-Tense, perché offre la possibilità di utilizzare una DS 3 con motore termico quando non si è così certi di trovare facilmente punti di ricarica per la Crossback elettrica.
       
      Quattroruote.it
       










       
       
       
      TOPIC SPY ⤵️
       
       
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.