Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuto su Autopareri - il forum dell'automobile!

Recommended Posts

Posted (edited)

539160_v2.JPEG

 

539170_v2.JPEG

 

539169_v2.jpg

 

539168_v2.JPEG

 

539174_v2.JPEG

 

539171_v2.JPEG

 

539173_v2.JPEG

 

Cita

Automobili Lamborghini conquers new territory with the Huracán Sterrato Concept

Sant’Agata Bolognese, 4 June 2019 – Automobili Lamborghini is exploring new horizons with its unconventional concept, the Lamborghini Huracán Sterrato. Based on the super sports prowess of the V10 Huracán, the Sterrato draws on Lamborghini’s off-road expertise exemplified in the Urus Super SUV, creating a new dimension of Lamborghini ‘fun to drive off-road’: a transfer of technologies creating a super sports car for challenging environments.
 
The Sterrato concept is based on the Huracán EVO with the same 5.2 liter naturally-aspirated engine producing 640 hp. The Huracán EVO’s LDVI (Lamborghini Dinamica Veicolo Integrata) with predictive logic, controls the Sterrato’s systems including four-wheel drive, four-wheel steering, modified suspension and torque vectoring, anticipating the next moves of the driver to ensure perfect driving dynamics. Calibrated for off-road driving including low-adherence surfaces, and tuned to maximize traction and acceleration, the LDVI system in the Sterrato provides enhanced rear-wheel drive behavior, producing more torque together with additional stabilization in oversteering maneuvers.
 
Huracán Sterrato Exterior and Interior
 
The Sterrato is created for demanding environments.  Its appearance immediately illustrates the Sterrato’s imposing off-road abilities within the framework of a super sports car. Ground clearance is heightened by 47 mm, with the car’s front approach sharpened by 1% and the departure angle enhanced by 6.5%. 
 
The wheel track is enhanced front and rear by 30 mm, with 20” wheels on balloon tires set into new wide-body wheel arches with integrated air intakes, giving the Sterrato a commanding presence that makes clear its abilities.  Specially-developed larger tires with increased side walls improve the asperity absorption and grip. Wide, rugged, open shoulder blocks for self-cleaning qualities, provide excellent off-road surface adherence with improved traction and braking and are highly damage resistant.
 
The Sterrato is fitted with underbody reinforcements and body protection, including a rear skid plate that acts as a diffuser. Aluminum reinforcements are integrated within the front frame and covered with an aluminum skid plate, with aluminum-reinforced side skirts. Special protective composite bodywork includes stone-deflecting protection around the engine and air intakes and mud guards in hybrid materials of carbon fiber and elastomeric resin. An off-road LED light package is comprised of a roof-mounted LED light bar and LED bumper lights with flood function.
 
A specially-designed interior trim reflects the sporty off-road character of the Sterrato, featuring a new lightweight titanium roll cage, four-point seatbelts to the new carbon bi-shell sports seats, and aluminum floor panels.   
 
“The Huracán Sterrato illustrates Lamborghini’s commitment to being a future shaper: a super sports car with off-road capabilities, the Sterrato demonstrates the Huracán’s versatility and opens the door to yet another benchmark of driving emotion and performance,” said Maurizio Reggiani, Chief Technical Officer of Automobili Lamborghini. “Lamborghini’s R&D and design teams are constantly exploring new opportunities and delivering the unexpected as a core characteristic of our DNA, challenging possibilities while inspired by Lamborghini brand heritage.”
 
The Lamborghini Jarama and Urraco of the 1970s already explored the potential for combining Lamborghini’s high performance and off-road capabilities. Lamborghini’s test driver Bob Wallace modified the two models to create desert-going high performance sports cars, the Jarama Rally from 1973 and the Urraco Rally from 1974.

 

Ok la voglio. 😁

Mi ha sempre affascinato l'idea di un'auto sportiva un po' "rialzetta", non avrà sicuramente le doti e velleità di un vero fuoristrada ma ha il suo fascino. 

 

Per esempio ho sempre considerato interessante la proposta Parcour di Giugiaro. (che se non erro era proprio su base Lamborghini Gallardo) 

Edited by MotorPassion
  • I Like! 2
  • Sad! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lo dico? Lo dico: piace anche a me, ovviamente al netto di fari supplementari, grafiche truzze, passaruota esagerati e gomme off-road. L'idea di avere un po' più di altezza da terra e di angoli di attacco rispetto ad una supercar "normale" mi pare intelligente, viste anche le strade che ci sono in giro, non solo da noi. L'ideale sarebbero delle sospensioni regolabili in altezza, così da ripristinare l'assetto rasoterra in pista o su una strada decente.

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 minuti fa, Beckervdo scrive:

La barra LED sul tetto è la stessa della Skoda Mountiaq

 

Ci sta sono pezzi forniti da un'azienda esterna, vengono usati anche da altre auto ed anche in qualche rally e negli allestimenti offroad. Quasi quasi la metto pure sulla mia. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Era ora che il gruppo VW riempisse la nicchia delle Supercar "Rialzette" :D 

Detto questo, devo dire anche che mi piace :) 

Share this post


Link to post
Share on other sites
12 ore fa, MotorPassion scrive:

539171_v2.JPEG

"Ti aspetto fuori(strada)" 😂

spacer.png

12 ore fa, MotorPassion scrive:

 

 

 

  • I Like! 1
  • Haha! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

se sono 2 rendering no problem

se è una concept per buttare un po' di fumo negli occhi no problem

se vogliamo farci 2 risate no problem

se ne vogliono fare anche solo mezza ... MA ANCHE NO !!!!

soprattutto spiegatemi cosa dovrebbe rappresentare

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 minuti fa, giopisca scrive:

se sono 2 rendering no problem

se è una concept per buttare un po' di fumo negli occhi no problem

se vogliamo farci 2 risate no problem

se ne vogliono fare anche solo mezza ... MA ANCHE NO !!!!

soprattutto spiegatemi cosa dovrebbe rappresentare

 

 

Una Lambo "WRC"? 

IMHO ci può stare tranquillamente sicuramente ben di più dell'Urus.

  • I Like! 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

beh devo dire che una sport car in versione rally é senz'altro da prendere in considerazione, tolte le grafiche da showdown si puó pensare a farne una produzione in serie magari non troppo ampia ma ok

molnto piú in linea lamborghini che non i furgoncini vw ricarrozzati

 

tra l'altro direi che i suvvoni non sono piú ormai l'ultima moda, mentre l'ultima moda potrebbero essere auto come questa

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Similar Content

    • By Uomo dell'Ovest
      La Estoque parrebbe confermata a discapito del suv. Riporto solo le parole di Winkelmann
      ”...il SUV è la scelta sbagliata, non esiste un prodotto simile nella nostra fascia di prezzo e non è una vera auto di lusso. Ci sono molte più opportunità nel segmento delle 4 porte...“. ( Lamborghini: Winkelmann conferma la Estoque al posto del SUV )
      da autoblog
       

       
       
    • By fastfreddy
      Qualche tempo fa ho avuto la fortuna di poter fare un giro da passeggero sulla Lamborghini Countach, uno degli ultimi modelli, una cosa che non capita tutti i giorni …vettura mitica per chi ha più di quarant'anni come me (e forse non solo), per i contenuti tecnici e soprattutto per il suo straordinario design futuristico uscito dalla matita di quel genio di nome Marcello Gandini (per la carrozzeria Bertone).
       
      A distanza di quasi mezzo secolo dalla sua presentazione la Countach riesce ancora a meravigliare per il suo aspetto da “caccia da superiorità stradale”, una macchina che, come tutte le Lamborghini che si rispettino, fa di tutto per stupire. In ogni caso, circa 400cv per 1.500 kg sono veramente tanti anche oggi, benché siano ormai cavallerie da vetture di normale produzione.
       
      La Countach non regala nulla; già “scendere” a bordo richiede contorsioni non indifferenti. Quando si è finalmente riusciti ad incastrarsi nel sedile, ci si ritrova in un abitacolo abbastanza angusto per le dimensioni a cui siamo abituati oggi. La pelle nera si è mantenuta incredibilmente bene.
       
       
      Anche se la vettura nella quale mi trovo è una delle ultime prodotte, e quindi a iniezione, la messa in moto non è così scontata: il 12 cilindri borbotta un po' prima di cominciare a girare da solo ...ma quando lo fa produce un urlo che promette scintille.
       
       
       

       

       
       
      Ci mettiamo per strada non prima di essere violentemente rimbalzati su un paio di dossi. Macchina d'altri tempi questa Lamborghini; il pilota fatica non poco a governarla tra uno sterzo senza servo-assistenza e un cambio che non vuol saperne di cambiare. Impresa tutt'altro che semplice portarla a spasso. Mentre osservo le fatiche dell'amico alla guida mi accorgo che ci guardano tutti, anche chi passa in Ferrari ! ...la Countach fa lo stesso effetto che faceva 50 anni fa ...sembra un Ufo.
       
      Troviamo finalmente qualche rettilineo libero ...usciamo con qualche fatica da una rotonda e chi guida butta giù ...il V12 finalmente è libero di esprimersi ...tira fuori un urlo feroce che ti entra fin nelle ossa e la macchina parte a razzo come solo una vera sportiva sa fare. I rettilinei diventano cortissimi ...la Countach vola ...fermarsi invece è un altro discorso ...i freni sono quelli di un'altra epoca.
       
       
      E' un giorno d'estate e, anche se ci siamo mossi la mattina presto, comincia a fare caldo. La macchina è ovviamente senza aria condizionata e anche l'isolamento dal vano motore lascia molto a desiderare (praticamente una lastra di metallo). Sudiamo entrambi per tutto il viaggio. Non vedo l'ora di rientrare anche solo per scendere da questo forno. Sulla strada del rientro ci accorgiamo che il motore sembra girare a 10 cilindri. Qualche giorno dopo scopriremo che un piccolo guasto alle ventole di raffreddamento ha mandato in tilt l'impianto elettrico. E' una macchina ma ha pur sempre quasi mezzo secolo anche lei.
       
      Auto per uomini veri questa Lamborghini, meccanica allo stato puro che regala emozioni fortissime ma che quasi nessuno oggi sarebbe in grado di sfruttare. La tecnologia ha fatto passi da gigante nel frattempo ma il fascino della Countach rimarrà per sempre insuperabile.
       
       
       
       
      LA MACCHINA SU CUI SONO SALITO
       
       

       
       
       
       

       
       
       
       
       

    • By Beckervdo
      Piattaforma PPE (Premium Platform Electric) che è stata sviluppata con Porsche. Non è la medesima di Taycan, dato che è basata sulla J1 (così come la E-Tron GT).
       
      Per completezza la Q4 E-Tron è basata sulla MEB, mentre la E-Tron SUV sarà basata sulla MLB-EVO elettrificata.

       
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.