Vai al contenuto

Messaggi Raccomandati

Messaggio Aggiornato al 21/06/2018

 

Cita

Nuova gamma di motori turbo a benzina 

 

Sulla nuova Renegade esordiscono le inedite motorizzazioni a benzina turbo, sviluppate da una struttura modulare. Sono disponibili nella configurazione da 1 litro a 3 cilindri da 120 CV di potenza massima e 190 Nm di coppia massima con trasmissione manuale a sei marce e trazione anteriore, e 1,3 litri a 4 cilindri da 150 CV in abbinamento al cambio a doppia frizione DDCT e alla trazione anteriore. In abbinamento alla trasmissione automatica a 9 marce con convertitore di coppia e alla trazione 4x4, è disponibile il brillante propulsore turbo da 1,3 litri e 180 CV. La coppia massima, per entrambi i motori da 1,3 litri, è pari a 270 Nm.
I nuovi propulsori a benzina rispondono alla normativa anti inquinamento Euro 6/D e sono dotati di filtro antiparticolato GPF (Gasoline Particulate Filter).


La nuova famiglia bo è stata sviluppata dal gruppo FCA con lo scopo di offrire una gamma di motorizzazioni a benzina modulari di cilindrata ridotta con consumi moderati e prestazioni di riferimento per un'ampia gamma di applicazioni. La struttura di base dei nuovi motori garantisce efficienza, modularità, un notevole livello di standardizzazione dei componenti e del processo produttivo, flessibilità e predisposizione a future evoluzioni.
Le nuove motorizzazioni sono interamente realizzate in lega d'alluminio, che assicura la massima leggerezza: il propulsore a tre cilindri pesa 93 kg. Il basamento cilindri, sviluppato in collaborazione con Teksid, è realizzato in lega d'alluminio pressofuso ad alta pressione. Per migliorarne la robustezza strutturale, è stata adottata una camicia in ghisa da 1,8 mm, rivestita esternamente in alluminio, per creare un "legame metallurgico" tra camicia e blocco. Dopo lo studio di diverse soluzioni di basamento motore, è stata selezionata un'architettura con sottobasamento per la miglior sintesi tra rumorosità, vibrazioni, peso e prestazioni strutturali.


Per massimizzare l'efficienza dei nuovi motori, che garantiscono migliori prestazioni e consumi inferiori rispetto alle unità che sostituiscono, sono stati individuati un alesaggio di 70 mm con un rapporto alesaggio/corsa pari a 1,24 e un dispositivo biella-manovella con offset di 10 mm che si traducono in una camera di combustione molto compatta che incrementa l'efficienza termica e in un'architettura biella-manovella con un'efficienza meccanica superiore grazie agli attriti minimizzati. Tutte le unità dei nuovi motori a 3 e 4 cilindri sono costruite combinando questo modulo di combustione di nuova generazione con cilindrata unitaria di 0,33 litri.


La testata presenta 4 valvole per cilindro e un singolo albero a camme; la struttura con camera di combustione compatta e i condotti di aspirazione "high-tumble" garantiscono la turbolenza dell'aria e una durata di combustione ridotta con una propagazione regolare della fiamma che si traducono in un'efficienza termica elevata e nel controllo della detonazione. L'elevato calibro progettuale dei nuovi propulsori è testimoniato dalla presenza di numerosi contenuti tecnici innovativi come l'iniezione diretta di benzina per massimizzare l'efficienza volumetrica e il turbocompressore a inerzia ridotta gestito da un attuatore wastegate a comando elettrico combinato con un modulo di sovralimentazione raffreddato ad acqua direttamente nel collettore di aspirazione, che assicurano una risposta più rapida nei transitori.

 

Senza contare l'esclusiva tecnologia MultiAir per migliorare l'efficienza di combustione mediante la regolazione continua dell'alzata e della fasatura delle valvole, che sui nuovi motori debutta nella sua terza generazione. Il nuovo stadio di evoluzione MultiAir III ottimizza ulteriormente il controllo indipendente dell'apertura e della chiusura delle valvole di aspirazione: grazie agli specifici profili di camma di aspirazione e scarico, permette di migliorare l'efficienza a carico ridotto tramite il ricircolo del gas di scarico aprendo anticipatamente le valvole di aspirazione e enfatizzando, allo stesso tempo, l'erogazione ai carichi elevati tramite la chiusura ritardata delle valvole di aspirazione. In pratica, la tecnologia MultiAir III consente di ridurre il rapporto di compressione reale, controllando il fenomeno della detonazione e migliorando sostanzialmente i consumi di carburante anche quando il motore eroga una potenza elevata.


I nuovi motori sono stati messi a punto con oltre 75.000 ore di analisi virtuali, 60.000 ore di test sul banco prova e 5 milioni di chilometri percorsi in tutto il mondo su strada e in off-road per testarne le doti di robustezza e affidabilità.


La nuova Jeep Renegade è il primo modello del Gruppo ad adottare l'innovativa famiglia di motori a benzina turbo, progettati per offrire ai clienti il divertimento di guida che si aspettano da un SUV Jeep, risparmiando sino al 20% di carburante rispetto ai predecessori e con un eccellente comfort di marcia.

Fonte: press. FCA presentazione Jeep Renegade

 

 

1.0 Multiair III - 3 Cilindri

 

180621_Jeep_Motore-T3_01.jpg

180621_Jeep_Motore-T3_03.jpg

180621_Jeep_Motore-T3_05.jpg

180621_Jeep_Motore-T3_09.jpg

180621_Jeep_Motore-T3_11.jpg

180621_Jeep_Motore-T3_13.jpg

180621_Jeep_Motore-T3_15.jpg

180621_Jeep_Motore-T3_17.jpg

180621_Jeep_Motore-T3_19.jpg

 

 

 

1.3 Multiair III - 4 Cilindri

 

180621_Jeep_Motore-T4_01.jpg

180621_Jeep_Motore-T4_03.jpg

180621_Jeep_Motore-T4_05.jpg

180621_Jeep_Motore-T4_07.jpg

180621_Jeep_Motore-T4_09.jpg

180621_Jeep_Motore-T4_11.jpg

180621_Jeep_Motore-T4_13.jpg

180621_Jeep_Motore-T4_17.jpg

180621_Jeep_Motore-T4_19.jpg

180621_Jeep_Motore-T4_21.jpg

180621_Jeep_Motore-T4_22.jpg

180621_Jeep_Motore-T4_23.jpg

180621_Jeep_Motore-T4_24.jpg

 

 

 

 

 


Messaggio Originale 06/05/2018

 

In FCA debutteranno i GSE(GlobalSmallEngine) 3 e 4 cilindri modulari in alluminio, 3 cilindri 1.0 aspirato e probabilmente turbo che coprirà la fascia di potenza 70-100cv all'incirca e 4 cilindri 1.3-1.4 aspirato e turbo con potenze tra i 100 e 150cv circa. In base alle applicazioni avranno 2 o 4 valvole per cilindro, variatori di fase o multiair, iniezione diretta o indiretta.

 

Poi ci sarà il GME (GlobalMediumEngine) a 4 cilindri 2.0 in alluminio che a spanne starà sui 180cv in sù, ci potrebbero essere anche ipotetiche versioni aspirate per gli USA anche con potenza minore.

 

Sia i GSE che i GME avranno +o- le stesse caratteristiche e tecnologie:

 

New Global engine.jpg

 

 

Entrambi sono motori completamente nuovi, tempo fà qualcuno ipotizzava che il GME fosse derivato alla lontana dal basamento Tigershark/Gema, può essere che lo abbiano utilizzato come base di partenza per progettare il nuovo motore, ma di fatto sono motori diversi.

 

 

 

 

GSE 3-4 cilindri blocco.jpg

Teksid blocchi alluminio.jpg

  • Like! 7

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Qualche parentela col 2.0 di Giulia? Il TwinAir andra' a morire?

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Inviato (modificato)

Interessante,quindi il twinair abbandonerà veramente la scena?

Mi sembra srano perché è un motore che va bene e a metano si stravende..

O è roba che andrà a n primis nel mercato brasiliano a sostituira gli attuali motori?

Modificato da alfagtv

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

il T.A. dovrebbe restare  per le seg A.

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
3 minuti fa, stev66 dice:

il T.A. dovrebbe restare  per le seg A.

Però il 1.2 fire andrà sostituito,quindi per forza finirà nel segmento A facendolo preferire al ta forse

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Inviato (modificato)
12 minuti fa, jeby dice:

Qualche parentela col 2.0 di Giulia? Il TwinAir andra' a morire?

Il 2.0 di Giulia da 200cv in effetti pare un GME e non un motore con basamento completamente diverso come detto in precedenza*, in questa foto si nota la parentela tra il motore di Giulia e la foto del GME pubblicata sopra

 

Immagine 1.jpgNew Global engine.jpg

 

il Twinair non sò se verrà cassato, le indiscrezioni sul GSE 3 cil 1.0 turbo arrivano dal Sud America dove lo sviluppo di questi motori GSE è più avanti, può essere pure che la versione turbo del 1.0 rimarrà confinata a loro(dove il TA non è costruito) e da noi si continuerà ad usare il TA nella fascia dei piccoli turbo con potenze tra gli 85-105cv.

 

Alla fine è un motore nuovo e nelle ultime evoluzioni và abbastanza bene, sarebbe anche una grossa perdita economica cassarlo.

5 minuti fa, TurboGimmo dice:

Integrated water/air chargecooler.

 

Chi me lo spiega?

 

Intercooler raffreddato a liquido.;)

 

 

 

*Il basamento Alfa Romeo, closed-deck con contralberi che si vede anche nella foto pubblicata sopra tra quei basamenti sul tavolo, probabilmente verrà usato su potenze maggiori.

Modificato da RiRino
  • Like! 2

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Ma quindi c'e' un'altra pompa per il liquido di raffreddamento dell'aria nell'intercooler?

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
2 minuti fa, TurboGimmo dice:

Ma quindi c'e' un'altra pompa per il liquido di raffreddamento dell'aria nell'intercooler?

Penso di si, ci sono due circuiti separati con due vaschette di espansione diverse, lo si è visto anche sulla Giulia Q.

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
34 minuti fa, alfagtv dice:

Però il 1.2 fire andrà sostituito,quindi per forza finirà nel segmento A facendolo preferire al ta forse

 

C'è già il 0.9 bicilindrico aspirato in sostituzione del 1.2 fire.
Panda in Germania lo monta da tempo.

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Contenuti simili

    • Da Beckervdo
      ZF introduce una trasmissione manuale con attuatori elettronici per le vetture micro e mini-ibride.
      eAMT (electrified Automated Manual Trasmission) per l'impiego su vetture con propulsori trasversali. 
      Il sistema combina l'asse elettrico motorizzato (eVD) con la trasmissione manuale (AMT) in un unico sistema, questo gli consente di non avere interruzione di continuità nel passaggio dalla trazione elettrica a quella "convenzionale".
      In aggiunta a tutte le funzioni peculiari dell'ibrido, quali il recupero dell'energia in frenata e boost, è in grado di rendere le piccole vetture convertibili all'ibrido ad un costo ridotto. Resta solo da definire lo spazio all'interno dello chassis.
       
      —Norman Schmidt-Winkel, functional developer of electric drives at ZF   ZF afferma che la nuova eAMT è al pari di funzionamento di un moderno automatico a convertitore di coppia o di un doppia frizione.  Essendo un manuale automatizzato, ci sarà un minimo distacco di potenza nel passaggio da una marcia all'altra, ma questo è ampiamente superato dall'unità elettrica, che limita la mancanza di continuità.  La centralina di gestione dell'unità elettrica sull'asse posteriore, capisce quando è stato richiesto un cambio marcia, o quando è richiesto un plus di potenza - magari in fase di sorpasso - e la trazione viene aggiunta anche dall'asse posteriore.  Valido anche per quando si percorrono sterrati leggeri e fondi a bassa aderenza, sfruttando un integrale on-demand in piena regola.   ZF l'ha dimensionato sulla SUV Duster, proponendo anche un funzionamento - per brevi km - in modalità esclusivamente elettrica, rendendo di fatto la vettura una micro-hybrid.   Utilissimo per gli start/stop cittadini e per il traffic Jam, mentre nelle fasi di gas costante in autostrade è possibile disaccoppiare la trasmissione manuale e veleggiare (Coasting) riducendo i consumi.   


       
      Via Green Car Congress
    • Da Beckervdo
      Prendete quello che scrivo con le pinze, dato che l'ho trovato solo in un sito olandese.
       
      Audi avrebbe brevettato questa nuova architettura modulare che chiama DUOS.
      Praticamente - raffigurato - un quattro cilindri che presenta due coppie di cilindri dall'alesaggio differente. Presumibile per alti e bassi carichi. Per passare da un funzionamento all'altro si utilizza un secondo albero motore che tramite una camma attiva e disattiva il moto di metà motore.


       
      Via Autoblog.nl
×