Vai al contenuto

Messaggi Raccomandati

Buona sera amici, sono un nuovo iscritto,

Posseggo una jaguar xj6 4.2 ed ho notato che nel libretto di circolazione c'è scritto "BL CARS LIMITED XJ6" 

COSA VUOL DIRE? 

CHE HO UNA VERSIONE A NUMERO LIMITATO ?

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Inviato (modificato)

British Leyland Automobili srl

Modificato da johnpollame
  • Like! 6

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Limited (abb. LTD) e' semplicemente il significato italiano di S.p.a

 

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

ai tempi in pratica una gang bang di tutti i marchi inglese poi scoppiata 

  • Like! 4
  • Ahah! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Bella macchina comunque, complimenti.

 

Nell'immaginario forse sconta ancora il fatto di essere rimasta troppo a lungo sul mercato, lasciando un ricordo di vettura superata, e di essere comunque uscita dopo troppo giacere sotto naftalina in tempi di crisi petrolifera.

 

Ma rimane vettura assai elegante di linea, di buon telaio e motore pastoso, credo verrà presto rivalutata come merita.

 

Se ti va posta qualche foto, fa sempre piacere vedere delle vecchie signore ancora in forma!

  • Like! 3

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Risultati immagini per jaguar xj6 4.2

per me ha delle proporzioni eccezionali 

 

sono innamorato della versione coupè

Risultati immagini per jaguar xjc6 4.2

  • Like! 5
  • Wow! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Vetture esteticamente bellissime ancor oggi, sia dentro che fuori.

Ma, per quel che vale il sentito dire, scontano la formidabile affidabilità :lol: meccanica britannica.

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

ruggine e perdite d'olio come qualsiasi inglese :mrgreen: 

in più i pezzi di ricambio cominiciano a diventare cari e rari se non si va nella perfida albione. 

Curiosità: certe versioni hanno problemi di gomme perchè, come molte altre auto di lusso ai tempi, usavano solo Michelin, i quali, da simpatici francesi quali erano, imposero misure metriche anche per il diametro, salvo rimangiarsi tutto dopo un po'  

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
56 minuti fa, Cosimo dice:

ruggine e perdite d'olio come qualsiasi inglese :mrgreen: 

in più i pezzi di ricambio cominiciano a diventare cari e rari se non si va nella perfida albione. 

Curiosità: certe versioni hanno problemi di gomme perchè, come molte altre auto di lusso ai tempi, usavano solo Michelin, i quali, da simpatici francesi quali erano, imposero misure metriche anche per il diametro, salvo rimangiarsi tutto dopo un po'  

I malefici TRX :muto:

  • Like! 4

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
On 3/1/2018 at 12:30, Caronte89 dice:

I malefici TRX :muto:

Montati su Testarossa, Citroen CX e un sacco di altra bella roba dell'epoca! Oggi trovabili nella linea Michelin Classics, alla modica cifra di un occhio della testa! :-(

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Contenuti simili

    • Da Pawel72
      Una Peugeot L45 Grand Prix del 1914 è stata venduta per 7,26 milioni di dollari ad una recente asta di Bonhams a Los Angeles.
       
      Per gran parte del secolo scorso si è pensato che questa iconica Peugeot, venduta per l’equivalente di oltre 6,2 milioni di euro, avesse condotto Dario Resta alla vittoria nella 500 Miglia di Indianapolis del 1916. Invece recentemente è stato confermato che si tratta della vettura che, nella stessa competizione venne guidata da Ralph Mulford, che si classificò terzo.
      Nei primi anni del ‘900, le Case automobilistiche francesi dominavano la scena del motorsport e nel 1913 Jules Goux vinse la 500 Miglia di Indianapolis, che a quell’anno era alla sua terza edizione, con una Peugeot molto simile a questa.
      La Peugeot L45 Grand Prix in questione ha gareggiato nel 1916 con un motore 3.0 litri, ma più avanti venne  dotata di motore con doppio albero a camme in testa e quattro valvole per cilibndro da 4.5 litri che sviluppa 112 CV a 2.800 giri al minuto. La vettura monta anche i freni a tamburo meccanici ai quattro angoli, le sospensioni a balestra semiellittiche e gli assali anteriori e posteriori.
            The ex-Indianapolis, Ralph Mulford, Arthur H. Klein, Lindley Bothwell
      1914 PEUGEOT L45 GRAND PRIX TWO SEATER
      Chassis no. 1
      Engine no. 1
      4,491cc 112hp Inline 4-Cylinder engine with Gear-Driven Dual Overhead Camshafts and 4 Valves Per Cylinder
      Single Miller Barrel Throttle Updraft Carburetor (original Peugeot unit included) 112bhp at 2,800rpm
      4-Wheel mechanical drum brakes
      Semi-Elliptical Leaf Spring Suspension, Live Axles

      THE BOTHWELL PEUGEOT

      In a dual overhead camshaft engine, the cams operate on inclined valve stems directly or through interposed cam followers. The intake and exhaust valves are disposed through an intermediate angle that minimizes intake and exhaust flow restrictions. Combustion chamber shape can be tailored to fuel quality, spark plug position and combustion propagation. It is the accepted standard for extracting performance and economy in internal combustion engines. Today virtually every racing engine uses dual overhead camshafts. At the other end of the internal combustion engine spectrum, high efficiency road engines, even hybrids, use them to maximize recovery of the innate energy of hydrocarbon fuels.  
      RACING IN FRANCE

      The center of the automobile industry in the early 20th century was France. It had more serious automobile manufacturers than the rest of the world combined. Its technology was the most advanced, its engineers the most educated, its factories the best equipped, its road network the finest in the world, and the first automobile races, held on city-to-city routes over open roads, were held in France.
        https://www.bonhams.com/auctions/24733/lot/408/
×