Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuto su Autopareri! La community italiana che dal 2003 riunisce gli appassionati di automobili e di motori
  • EMERGENZA COVID-19 - E' un momento particolarmente difficile
  • ma grazie alla collaborazione di tutti
  • ne usciremo sicuramente vincitori! Nel quotidiano occorre rispettare alcune regole ed accortezze
  • ma nel mondo virtuale non c'è pericolo
  • ed Autopareri vi è virtualmente vicino ed attivo
  • per tenervi compagnia!

Recommended Posts

Cita

DS AERO SPORT LOUNGE, OVVERO L’ARTE DI VIAGGIARE

 

  • AERO SPORT LOUNGE: creazione DS che inaugura un nuovo stile automobilistico, destinato a valorizzare l’efficienza aerodinamica come vettore di avanguardia e desiderabilità.
  • DS AERO SPORT LOUNGE supera i limiti del lusso nell’auto, in un ambiente tecnologico e raffinato, in cui gli schermi lasciano il posto ai materiali nobili.
  • Queste nuove tecniche, come l’« intarsio di paglia », il raso di cotone e un luminoso tessuto tridimensionale, fanno entrare nell’abitacolo la nostra filosofia Future Craft.

 

 

Un soffio innovativo

Posizione di guida rialzata, ampia visibilità e un comfort da First Class, ai quali si aggiungono efficienza aerodinamica, tecnica e design prodigioso. I tratti di DS AERO SPORT LOUNGE sono inediti. L’auto risolve un’equazione molto attuale: coniugare un’efficienza rinnovata senza rinunciare al carattere e alla forza del design.

I nuovi regolamenti impongono una ridefinizione delle forme e dell’impatto ambientale di ogni veicolo. DS AERO SPORT LOUNGE si impone quindi come una risposta unica a problematiche diverse.

Con DS AERO SPORT LOUNGE, DS Automobiles dà vita a una nuova forma di automobile. Questo concept-car accogliente e raffinato, dall’atmosfera ovattata e generosa, intelligente e poetico, anticipa il nostro futuro. Le proporzioni e la carrozzeria di DS AERO SPORT LOUNGE sono in grado di orientare i flussi d’aria per arrivare a un’efficienza aerodinamica ottimale. La lunghezza (5,00 metri) e la linea del tetto spiovente riducono la resistenza aerodinamica; l’aria viene convogliata dalla calandra piana alle appendici laterali, passando per le grandi ruote da 23" scolpite dall’aria.

Il profilo è sottolineato dall’illuminazione della firma E-TENSE, simbolo della motorizzazione elettrica da 500 kW (680 CV), collegata a una batteria di nuova generazione da 110 kWh posta sotto al pianale, per un’autonomia superiore a 650 km. Questa tecnologia ereditata dai titoli conquistati nella Formula E offre accelerazioni straordinarie, per passare da 0 a 100 km/h in soli 2,8 secondi.

La calandra fa da cornice al monogramma e alla scritta luminosa DS AUTOMOBILES. Dei sensori, occhi nascosti dietro il vetro in materiale composito, leggono la strada e alimentano i calcolatori con terabyte di informazioni. Sui lati i proiettori DS MATRIX LED VISION sono abbinati a luci diurne e a DS LIGHT VEIL, bande luminose che preannunciano la futura firma di DS.

 

La tecnologia avanzata: le prestazioni ereditate dalla Formule E

DS Automobiles, primo brand premium impegnato in Formula E, è campione in carica con Jean-Éric Vergne (Piloti) e DS TECHEETAH (Team). Il coinvolgimento in Formula E è di notevole supporto alla ricerca e allo sviluppo dei veicoli elettrificati, che stanno rivoluzionando l’industria automobilistica. In quattro stagioni le vittorie e i titoli conquistati rispetto alla più importante concorrenza mai rilevata in un campionato FIA, hanno permesso di migliorare il know how della marca nel campo dell’elettrificazione. DS AERO SPORT LOUNGE eredita tutta questa competenza.

 

Viaggiare diventa un’arte

La rivoluzione nell’auto non ha risparmiato l’abitacolo. Attraverso la sua storia e i suoi riferimenti DS Automobiles reinventa il design, per creare un “sistema di viaggio” in cui spariscono i display, fino a questo momento elemento preponderante nella maggior parte dei concept car e delle auto di serie.

Due ampi visori di fronte agli occupanti creano una forma sospesa. La parte inferiore, rivestita in raso di cotone, proietta le informazioni dal visore superiore. La superficie si anima con gli elementi necessari alla navigazione o per scoprire nuove forme di infotainment e di condivisione. La fusione tra informazione e divertimento prende il sopravvento eliminando i limiti dei touch screen.

Gli schermi laterali presentano la retrovisione digitale e tutti i comandi di impostazione e comfort, per un viaggio in First Class in cui ognuno ha il proprio schermo personale. Gli elementi necessari alla guida sono proiettati sul parabrezza con realtà aumentata.

L’appoggiagomito centrale tra i sedili funge da guida. Legge, interpreta e risponde a ogni movimento della mano. Grazie alla partnership tecnologica con Ultraleap, una start-up con sede nella Silicon Valley, DS AERO SPORT LOUNGE anticipa le future interazioni nell’abitacolo. Con l’abbinamento di Leap Motion ed Ultrahaptics, la mano comanda con un gesto e riceve una risposta sensoriale. I sensori rilevano ogni movimento, mentre dei piccoli altoparlanti danno impulso a un’onda con la sensazione di spostamento di una massa solida.

I modi di interagire con l’ambiente, resi sempre più semplici per una maggiore serenità, ci pongono il grande dilemma tra un mondo totalmente on line e il desiderio di essere disconnessi. DS AERO SPORT LOUNGE modifica la percezione del tempo, che cambia secondo il momento e si concentra sulla guida e il piacere o sull’infinito del viaggio.

IRIS, l’intelligenza artificiale di DS AERO SPORT LOUNGE, trova posto al centro della plancia per controllare tutto con semplici scambi verbali.

 

La tecnologia avanzata: gli ultrasuoni

In un universo che assottiglia sempre più la barriera che separa il reale e il virtuale, diventa possibile controllare i programmi in modalità no contact, conservando la sensazione del tatto. La tecnologia aptica di comando del sistema di infotainment, messa a punto insieme a un laboratorio della Silicon Valley, è inedita. Con l’elaborazione di ultrasuoni intelligenti in tre dimensioni si ha la sensazione di toccare forme e texture, in un ambiente totalmente libero. Questo controllo gestuale aumentato genera un ritorno di forza tattile naturale che permette un’interazione facile e magica.

 

Dal connubio tra il savoir-faire del lusso francese e i nuovi materiali nobili nasce il Future Craft

Il visore della plancia e lo schienale dei sedili sono confezionati con la tecnica dell’“intarsio di paglia”. Questa lavorazione rappresenta la perfetta alchimia tra il lusso artigianale e la voglia di sostenibilità. La paglia, materiale comune e semplice, viene lavorata con una tecnica unica da un laboratorio parigino, che lo trasforma in un elemento di raffinatezza.

Il raso di cotone riveste la schiuma poliuretanica ad alta densità degli ampi sedili, per portare il comfort in primo piano. La superficie è estremamente piacevole al tatto grazie a un intreccio fine che garantisce robustezza e una morbidezza unica.

Sulle portiere il tessuto tecnico in microfibra intrecciata a tre materiali integra una serie di fili trasparenti, che danno grande luminosità all’abitacolo. L’intreccio unico, realizzato da un artigiano eccezionale, unisce arte e tecnologia.

 

L’arte artigianale: l’ « intarsio di paglia »

La paglia, materiale tra i più umili, entra nel mondo del lusso. Questa tradizione ereditata da tecniche del XVII° secolo, ha un posto d’onore nell’arte decorativa grazie al laboratorio di Lison de Caunes. La paglia di segale, lavorata specificamente per l’abitacolo di DS AERO SPORT LOUNGE, è preziosa per il tatto setoso e i riflessi cangianti. La materia prima è abbondante e naturale. Coltivata e raccolta con metodi tradizionali in Borgogna viene poi essiccata e tinta prima di essere intagliata filo dopo filo secondo una tecnica ancestrale, per essere poi incollata sul lato opaco e appiattita sul suo supporto. La vernice a base di silice naturale rende la paglia resistente al calore e impermeabile.

 

« DS AERO SPORT LOUNGE è destinata a diventare il manifesto del neologismo‘sostenobile’, la volontà manifesta di offrire il lusso con la massima attenzione all’impatto ambientale: qualità nella sostenibilità. DS AERO SPORT LOUNGE apre una nuova era nell’auto, una fantastica occasione per trasformare in opportunità le nuove limitazioni, per creare auto sempre più carismatiche. Per questo concept-car che preannuncia le nostre prossime creazioni abbiamo optato per soluzioni tecnologiche all’avanguardia, in cui la bellezza ha il sopravvento sull’aspetto puramente tecnico. Nell’abitacolo abbiamo scelto di lavorare materiali inconsueti, confezionati a mano, con linee semplici, essenziali, espressione di una nuova serenità. »

Thierry Metroz, Direttore Stile di DS Automobiles

« DS Automobiles decide di diventare un challenger, sfruttando la sua storia e il suo savoir-faire unico, per rivoluzionare i codici dell’industria dell’auto. Presentare un concept con una carrozzeria dalla forma nuova e interni dai materiali inediti ma lussuosi, dal forte coinvolgimento, è la dimostrazione che i nostri progetti sono già molto avanti in questo settore. La nostra crescita indica che i nostri clienti ricercano questo savoir-faire e queste tecnologie. DS Automobiles è nata per questo. Appuntamento quindi nei prossimi mesi! »

Béatrice Foucher, Direttrice Generale di DS Automobiles


775C4DBD-B16B-4C1A-86D0-9AB32F846269.png.d1cf2afab230f4824ed69ecda8e4694a.png


B02CFE32-54D1-487F-9574-61FD79847FB4.thumb.jpeg.6691eaa4fbe0ebd08ee82910c989c18e.jpeg

 

B2A30E81-B479-400E-843A-CFE36F3BEAD4.thumb.jpeg.5268427fb44da455e4c7b64e3963f371.jpeg

 

46B80741-406E-417A-8548-B93F03C72955.jpeg.e032a9e618c4cc48112d7c1de647898f.jpeg

via DS Automobilies

Edited by lukka1982
  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 minuti fa, KimKardashian scrive:

0569F165-A6AC-473E-855D-AF8C3569A5DA.jpeg

E629DB4E-8A76-4AE8-B90E-A4639D980E4F.jpeg

55BA0A4E-8F0F-4037-B48C-5ADE64103107.jpeg

9E131336-581F-4B5E-89F7-0F7F6D951CF1.jpeg

Stavo per dire che non mi sembrava affatto male, ora capisco perché 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non è male, anzi è bello a dire il vero. Purtroppo però, come siamo abituati con PSA, il modello di serie sarà un qualcosa di vagamente somigliante a quanto ammiriamo qui sopra.

Edited by VuOtto

Share this post


Link to post
Share on other sites

bello questo concept mitsubishi...ah no Nissan...ah no Lexus...

  • I Like! 1
  • Thanks! 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

quando ho visto la foto del frontale ho pensato a Jackson Storm di cars3.

comunque un bel concept.

e come sempre lascia il tempo che trova.

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nome e design a mio avviso osceni e di chiara ispirazione svedese.

 

Fatico sempre più a capire dove vogliano andare a parere con questo marchio.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Similar Content

    • By PaoloGTC
      Inauguro questo topic perchè ho visto che specifico Porsche non c'era, cominciando con una rara immagine del progetto 902, che ovviamente era variante del 901 (che come si sa, era il primo nome della 911, prima che Peugeot facesse notare di aver depositato tutti i numeri di tre cifre con lo zero al centro).
      Questa era la 902. Cos'era? Una 911 (o 901 che dir si voglia) allungata e ampliata, a quattro comodi posti.

      Proseguendo, una 924 Targa. Se non erro i tempi erano antecedenti l'avvento della 944 e della sua versione scoperta.

      E per ora chiudo con questo stranissimo muletto Porsche che apparve nel 1992 insieme alla notizia di un interessamento a Zuffenhausen per un nuovo modello spider di gamma inferiore alla 911, che si concretizzò poi ovviamente nella Boxster prima serie.
      Non saprei dire se questo accrocchio fosse un muletto di collaudo per la Boxster o una specie di laboratorio mobile per test avanzati.
      Di sicuro, di un'auto definita aveva ben poco.

    • By Lagarith
      Scusate, ma quando ai tempi bmw lanciò questo aborto:

       
      Ci fu una grande levata di scudi, ciononostante i modelli successivi (5er soprattutto, ma anche 3er, z4 e85) secondo me riuscirono bene e sono invecchiati benissimo.
       
      Ma la E65 no: bruttissima era quando è uscita, bruttissima dopo il restyiling (forse anche peggio  in quanto tentativo goffo di "normalizzazione" come fu per multipla) e a mio parere invecchiata malissimo (ne ho vista una dal vivo qualche giorno fa e mi ha fatto ribrezzo)
       
      Queste digressione per dire: si sa che direzione prenderà il design BMW? potrebbe essere la possibilità che questo obbrobrio di serie 4 sia un caso isolato come fu ai tempi la e65?
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.