Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuto su Autopareri - il forum dell'automobile!

Recommended Posts

000.jpg

000.jpg

000.jpg

WCF

Press Release:

Cita
PSA Peugeot Citroën and Toyota Motor Europe (TME) reveal today the new Citroën SPACETOURER, Peugeot TRAVELLER, and Toyota PROACE. They will be available in MPV versions for private uses and in shuttle versions for business uses. Both companies therefore confirm the continuation of their cooperation agreement signed in 2012.The three vehicles are to be launched in the first half of 2016 and will be present on the respective stands of the three brands at the upcoming Geneva Motor Show in March 2016.

“We are delighted to present today these three new vehicles, the result of the cooperation with Toyota Motor Europe. This agreement has enabled us to develop a new and efficient vehicle platform, offering our customers around the world modern products which are particularly competitive in their segment” said Patrice Lucas, PSA Peugeot Citroën Head of Programme and Strategy.

We’re very pleased that the collaboration we started in 2012 with PSA Peugeot Citroën is now delivering a brand-new generation Toyota PROACE,” said TME President and CEO Johan van Zyl. “Both teams worked very hard together and at individual brand level, and I am confident that our distinctive new van with all its variants will strengthen the Toyota light commercial vehicle offer in Europe. The new PROACE will complement the range of solid and durable vehicles customers are expecting from Toyota.”

The first Toyota Proace vehicles were based since 2013 on the current generation Peugeot Expert and Citroën Jumpy vehicles. It was agreed at the start of the collaboration in 2012 that the companies would work together on next generation vehicles, and that the collaboration would last beyond 2020.

The aim of the collaboration is for both companies to be able to offer a competitive product in the mid-size light commercial vehicle, shuttle and Combi segments and benefit from development and production cost optimisation. The vehicles are produced at PSA Peugeot Citroen’s plant of Sevelnord, in Valenciennes, France.

Toyota Motor Europe participated in the development and industrial investment costs for the new vehicles.

The vehicles share all technical features, powertrains, and equipment and propose a distinctive styling rooted in each of the brand’s design language.

Citroen

 

Cita

 

Addio Jumpy, benvenuto Spacetourer.

Lo trovo decisamente carino.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Niente male, anche se noto che le vetrature si stanno rimpiccolendo.

So che è un esempio estremo, ma un mese fa ho preso un taxi Nissan NV200 e sembrava di essere in un carro armato!

Si sanno le dimensioni? Sembra andare in direzione Trafic/Transporter

Share this post


Link to post
Share on other sites
Niente male, anche se noto che le vetrature si stanno rimpiccolendo.

So che è un esempio estremo, ma un mese fa ho preso un taxi Nissan NV200 e sembrava di essere in un carro armato!

Si sanno le dimensioni? Sembra andare in direzione Trafic/Transporter

Non ancora, ma i concorrenti son quelli da te citati.

Share this post


Link to post
Share on other sites

semplice ma carino, si basa su qualcosa di esistente o è ex-novo? c'è ancora l'accordo con fiat, no vero?

edit. ho visto solo ora gli omologhi Toyota e Peugeot.

Edited by Melone

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il concept Tubik, se lo avessero fatto, sarebbe stato un "oggetto" da possedere a prescindere visti i richiami al famosissimo Type H. Peccato, come al solito fanno concept stupendi (es. C-Métisse) che restano tali.

Ad ogni modo lo trovo davvero bello! Mi piace questo spacetourer! Foto degli interni???

Share this post


Link to post
Share on other sites
Mi aspettavo qualcosa di molto più originale considerato che lo spunto era il concept Tubik di qualche anno fa!

Io invece sono felice che abbia fari che sembrano fari e non frecce o fendinebbia, tipo Picasso, Fiat Toro, Nissan Juke...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il Tubik sarebbe stato spettacolare, ma temo che renderlo un furgone utilizzabile non sarebbe stato semplice. Alla fine questi sono mezzi da lavoro e carico, quella deve essere la loro caratteristica più importante.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Similar Content

    • By reckoner00
      forocoches


       
       
    • By ykdg1984
      DS Automobilies schiera la pedina più importante della sua giovane storia. Infatti, la DS 3 Crossback  è la seconda delle sei auto totalmente inedite che il marchio presenterà entro il 2024, ma è la prima che rispetta la promessa di proporre una versione ibrida plug-in o una full-electric. È, quindi, con questo modello che DS inizia a proporre uno dei frutti del suo ruolo di leader dell’innovazione all’interno del gruppo PSA: l’elettrificazione.
       
      Missione strategica. Di conseguenza, le caratteristiche più scontate della DS 3 Crossback sono la corporatura da Suv e la taglia compatta, dovuta alla lunghezza di 4,12 m. Il loro intreccio la collocano in uno dei settori accreditati di maggiore crescita nei prossimi anni e nel quale, in ossequio alle ambizioni premium del marchio, si propone come alternativa a modelli come l’Audi Q2 e la Mini Countryman. Parallelamente questa nuova Suv compatta accompagna in pensione la DS 3.
       
      Si proietta nel futuro, ma non tradisce il passato. Svolge questi compiti indossando vesti nelle quali s’intersecano stilemi evoluti dalla vettura che sostituirà con altri del tutto inediti. Si tratta, per esempio, della palpebra che sormonta i fari anteriori e degli elaborati scudi paraurti. Abbinandosi a tratti caratterizzanti come le “pinne di squalo” laterali ereditate dalla DS 3, le fiancate muscolose che insieme all’andamento orizzontale della coda tendono a esaltare l’autorevolezza della corporatura e l’altezza da terra rialzata originano un aspetto che non passa inosservato. Poi, la DS 3 Crossback sfoggia anche soluzioni raffinate come le maniglie delle porte retrattili, tipo quelle della Tesla e della Range Rover Velar. Inoltre, anteriormente inalbera accanto alla grande calandra DS dei gruppi ottici Matrix Led Vision Beam.
       
       
      Punta al'elettrico... Quella dei fari è una tecnologia inusuale su una vettura compatta, ma non è quella di maggiore spicco. Infatti, la DS 3 Crossback porta al debutto alcune importanti primizie. È questo il caso dell’architettura CMP (Common Modular Platform) studiata per ottimizzare la volumetria interna, soprattutto, in presenza della propulsione elettrica. Quest’ultima dà origine alla versione E-Tense ed è affidata a un’unità con una potenza di 136 CV e una coppia di 260 Nm, gestibile anche con le modalità Eco e Sport. È alimentata da una batteria agli ioni di litio da 50 kWh ricaricabile completamente in 5 ore tramite wallbox e all’80% in 30 minuti utilizzando una colonnina rapida. Secondo la Casa è in grado di spingere la vettura a una velocità di 150 all’ora e sino a 100 orari in 8,7 secondi, con un’autonomia  superiore ai 300 chilometri, secondo il ciclo Wltp. Ma questo valore, al momento, non è ancora stato omologato.
       
      …pur non ripudiando benzina e gasolio. Ma le novità non mancano anche nello schieramento dei motori termici. Tra quelli a benzina PureTech, tra l’altro tutti con filtro antiparticolato, debutta il tre cilindri turbo di 1.2 litri con 155 CV, abbinato al cambio automatico a otto marce, al quale si affiancano quelli di analoga cilindrata da 100 e 130 CV. Il capitolo dei turbodiesel BlueHDi, invece, è composto dai recentissimi motori di 1.5 litri con potenze di 100 e 130 CV. Per le unità da 130 e 155 CV è previsto solo il cambio automatico a otto marce, mentre le meno potenti sono equipaggiate con il manuale a sei marce.
       
      L’artigianalità incontra l’hi-tech. All'interno si ritrovano le lavorazioni complesse che vogliono esaltare la ricercatezza del marchio e anche gli allestimenti Montmartre, Bastille, Rivoli e Opera, ai quali si aggiungono la sportiva Performance Line e quella in tiratura limitata La Première, che rimandano ad ambientazioni parigine. Ma questa Crossback è diversa dalle altre DS. L’arredamento, infatti, è il punto d’incontro tra materiali e lavorazioni che vogliono richiamare l’artigianalità e la sartorialità e soluzioni hi-tech come la strumentazione digitale, l’head-up display e il touch screen da 10,3” del sistema d’infotainment.
       
      Adas, connettività e servizi dedicati. La nuova Crossback porta con sé, di serie o a richiesta, il sistema di guida autonoma di livello 2 della più grossa DS 7, avanzati dispositivi di sicurezza, una connettività che permette di dialogare con la vettura anche solo con il Bluetooth e molte app dedicate. Tra queste, c’è anche quella che consente di assegnare l'auto, anche solo per periodi ben definiti, ad altri utenti. Infine, tra i molti pacchetti va segnalato DS Mobility. È destinato a chi acquista la E-Tense, perché offre la possibilità di utilizzare una DS 3 con motore termico quando non si è così certi di trovare facilmente punti di ricarica per la Crossback elettrica.
       
      Quattroruote.it
       










       
       
       
      TOPIC SPY ⤵️
       
       
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.