Vai al contenuto

Messaggi Raccomandati

 

Cita

 

Singer 911 by Williams GP Engineering Group, è qualcosa di strabiliante. Un 6 cilindri boxer raffreddato ad aria da 4.0 litri che eroga 500 CV a 9’000 rpm

Dall’immortale Porsche 911, rinasce una Singer 911 straordinaria. Non sono cloni, ma reinterpretazioni di una delle vetture iconiche del panorama automobilistico mondiale. E rivive il mito, ed il suono, del 6 cilindri raffreddato ad aria

Singer Vehicle Design annuncia i dettagli di un nuovo livello di restauro e modifica che sono stati commissionati da tre dei suoi clienti per le loro Porsche 911 Air Cooled. Per soddisfare gli obiettivi di elevata potenza, ma conservando la leggerezza della vettura, i restauratori Singer si sono rivolti ad uno specialista. Grazie agli studi condotti da Williams Advanced Engineering, società del gruppo Williams Grand Prix Engineering Group, si è intrapresa una strada molto vicina al mondo Racing per la loro Singer 911.Scopriamo quale.

 

Un 6 cilindri raffreddato ad aria da 500 CV

Il primo frutto di questo lavoro è l’intramontabile 6 cilindri Boxer della Porsche 911 modificato, aspirato naturalmente, con una cilindrata di 4.0 Litri, quattro valvole per cilindro e quattro alberi a camme. Il risultato? 500 Cavalli.

Il motore beneficia della vasta esperienza del progettista motoristico, nonché famoso ingegnere, Hans Mezger, consulente tecnico del progetto. Rob Dickinson, fondatore di Singer, ha dichiarato:

“Il culmine completo di questo emozionante lavoro con Williams ed altri partner tecnici sarà rivelato a breve e rappresenterà una soluzione stand-alone fortemente orientata verso un guadagno dinamico di alto livello”.

Reinterpretare il mito

Creare una nuova Porsche 911 è una blasfemia: reinterpretarla nella sua forma più affascinante e pura, attingendo agli stilemi tipici degli anni ‘60-’70 è una sfida senza pari. Si inizia adottando la migliore tecnologia disponibile nell’ultima evoluzione del 6 cilindri Air Cooler, ovvero la Porsche 911 della serie 993. Singer Vehicle Design ufficialmente è un preparatore che offre servizi di “profonda” personalizzazione. Si possono trovare esemplari perfetti all’originale dell’epoca, ma con una meccanica completamente stravolta. Il primo veicolo realizzato è stata la “Bahama yellow” del ’69 per poi virare ad una base più moderna, una Carrera 3.2 degli anni ’80.

Poco dopo si decise adottare come basi le 911 della serie 964, prodotte dal 1989 al 1993, poiché più adatte alle esigenze costruttive dell’azienda.  Ed è a questo punto che inizia la “reinterpretazione” di Singer!

Chi è Singer?

Rob Dickinson, designer inglese e cantante (da qui, Singer) nel gruppo “Catherine Wheel”, nei favolosi anni ’70, si innamora della Porsche 911. Lo colpiscono la sua forma a “ciottolo di fiume“, che l’ha resa un’icona in grado di vivere oltre il tempo, A metà degli anni 2000, Dickinson si trasferisce negli States, a New York.

L’idea di base era avere una classica Porsche 911 classica, con delle migliore in ambito comfort e fruibilità; inizia così a personalizzare una 911 del 1969 con cambio automatico “Sportomatic”, color Bahama yellow – molto in voga all’epoca – alla quale allarga i parafanghi in stile racing ispirato alla versione da corsa ST, decorandola con una livrea tono su tono.

Presto detto: venne sommerso dalle richieste di personalizzazione da parte degli appassionati Yankee. Alla luce delle numerose richieste da parte di appassionati riguardanti quella particolare 911, nel 2009 Rob decide di fondare la società Singer Vehicle Design, trasferendosi in California per celebrare la 911, “la migliore auto sportiva al mondo”, secondo le parole dello stesso fondatore.

Sito Ufficiale Singer Vehicle Design


Singer-911-Engine-by-Williams-1.jpgSinger-911-Engine-by-Williams-2.jpgSinger-911-Engine-by-Williams.jpgSinger-911-Engine-by-Williams-3.jpgSinger-911-Engine-by-Williams-4.jpgSinger-911-Engine-by-Williams-5.jpg
 
Modificato da Beckervdo
  • Like! 4
  • Grazie! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

ormai siamo al retro-engineering.

 

Comunque è roba solo USA, in Europa non ti permettono di girare con auto modificate a quel livello, e non c'è verso di passare le omologazioni.

 

EDIT: parrebbe che ne abbiano venduta qualcuna nel Continente, in UK varie, ma li te lo permettono...

Modificato da Matteo B.

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Molto bello il particolare delle prese d'aria. Ma il motore è raffreddato ad aria e non ha alette? O è tutto carterato? 

  • Perplesso... 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

L'omologazione è l'ultimo dei problemi, il primo è potersela permettere. Per il resto capolavoro! Amo questa categoria di automobili "reinterpretate", potessi permettermela la comprerei subito, così come comprerei da Eagle che reinterpreta in chiave jaguar e da alfaholics per la quale non credo sia necessario spiegare a che casa automobilistica si rifaccia


☏ iPhone ☏

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
52 minuti fa, jeby dice:

Molto bello il particolare delle prese d'aria. Ma il motore è raffreddato ad aria e non ha alette? O è tutto carterato? 

 

credo tutto carterato, aumenti di molto l'efficenza, bel pezzo comunque.

 

Comunque Porsche sempre più Harley Davidson

 

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

-----------------

 

Modificato da ISO-8707
video rimosso da YT... lo potete trovare sotto nel post di jeby. ;-)

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
1 ora fa, ISO-8707 dice:

 

 

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Contenuti simili

    • Da RiRino
      Messaggio Aggiornato al 21/06/2018
       
      Fonte: press. FCA presentazione Jeep Renegade
       
       
      1.0 Multiair III - 3 Cilindri
       









       
       
       
      1.3 Multiair III - 4 Cilindri
       













       
       
       
       
       
      Messaggio Originale 06/05/2018
       
      In FCA debutteranno i GSE(GlobalSmallEngine) 3 e 4 cilindri modulari in alluminio, 3 cilindri 1.0 aspirato e probabilmente turbo che coprirà la fascia di potenza 70-100cv all'incirca e 4 cilindri 1.3-1.4 aspirato e turbo con potenze tra i 100 e 150cv circa. In base alle applicazioni avranno 2 o 4 valvole per cilindro, variatori di fase o multiair, iniezione diretta o indiretta.
       
      Poi ci sarà il GME (GlobalMediumEngine) a 4 cilindri 2.0 in alluminio che a spanne starà sui 180cv in sù, ci potrebbero essere anche ipotetiche versioni aspirate per gli USA anche con potenza minore.
       
      Sia i GSE che i GME avranno +o- le stesse caratteristiche e tecnologie:
       

       
       
      Entrambi sono motori completamente nuovi, tempo fà qualcuno ipotizzava che il GME fosse derivato alla lontana dal basamento Tigershark/Gema, può essere che lo abbiano utilizzato come base di partenza per progettare il nuovo motore, ma di fatto sono motori diversi.
       
       
       
       


    • Da Beckervdo
      ZF introduce una trasmissione manuale con attuatori elettronici per le vetture micro e mini-ibride.
      eAMT (electrified Automated Manual Trasmission) per l'impiego su vetture con propulsori trasversali. 
      Il sistema combina l'asse elettrico motorizzato (eVD) con la trasmissione manuale (AMT) in un unico sistema, questo gli consente di non avere interruzione di continuità nel passaggio dalla trazione elettrica a quella "convenzionale".
      In aggiunta a tutte le funzioni peculiari dell'ibrido, quali il recupero dell'energia in frenata e boost, è in grado di rendere le piccole vetture convertibili all'ibrido ad un costo ridotto. Resta solo da definire lo spazio all'interno dello chassis.
       
      —Norman Schmidt-Winkel, functional developer of electric drives at ZF   ZF afferma che la nuova eAMT è al pari di funzionamento di un moderno automatico a convertitore di coppia o di un doppia frizione.  Essendo un manuale automatizzato, ci sarà un minimo distacco di potenza nel passaggio da una marcia all'altra, ma questo è ampiamente superato dall'unità elettrica, che limita la mancanza di continuità.  La centralina di gestione dell'unità elettrica sull'asse posteriore, capisce quando è stato richiesto un cambio marcia, o quando è richiesto un plus di potenza - magari in fase di sorpasso - e la trazione viene aggiunta anche dall'asse posteriore.  Valido anche per quando si percorrono sterrati leggeri e fondi a bassa aderenza, sfruttando un integrale on-demand in piena regola.   ZF l'ha dimensionato sulla SUV Duster, proponendo anche un funzionamento - per brevi km - in modalità esclusivamente elettrica, rendendo di fatto la vettura una micro-hybrid.   Utilissimo per gli start/stop cittadini e per il traffic Jam, mentre nelle fasi di gas costante in autostrade è possibile disaccoppiare la trasmissione manuale e veleggiare (Coasting) riducendo i consumi.   


       
      Via Green Car Congress
×