Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuto su Autopareri - il forum dell'automobile!

Recommended Posts

Salve a tutti!

E' da un po' di tempo che volevo aprire questo topic per scoprire se ci sono altri autopareristi svapatori e aiutare chi vuole diventarlo!

 

Cominciamo col dire che la e-cig è un dispositivo che funziona attraverso l'evaporazione di un liquido apposito, una soluzione a base di acquaglicole propilenicogliceroloaromi ed eventualmente nicotina. Il liquido è vaporizzato da un atomizzatore, un dispositivo alimentato da una batteria ricaricabile.

Questo atomizzatore è composto in buona sostanza da una spirale di filo resistivo, che si scalda con il passaggio della corrente. Intorno o dentro questa spirale si trova del cotone (che deve essere organico e non trattato), che assorbe il liquido, il quale a contatto con la coil, si scalda e viene vaporizzato.

L'insieme di cotone e filo viene chiamata build, ma spesso si usa coil per indicare tutto, non solo il filo.

 

Gli atomizzatori si dividono in due grosse categorie: rigenerabili e non-rigenerabili.

La differenza è che nel primo la build viene fatta a mano dall'utente, che quindi la "genera" ogni volta che vuole: esempio

20160723_221807.jpg.d553e283d237050daa3e

 

Negli atomizzatori non-rigenerabili (i più semplici e adatti per cominciare), si comprano le testine già fatte, che vanno sostituite ogni tot tempo (dipende dall'atomizzatore e dal liquido che si usa, però intorno alle 2-3 settimane di solito) e costano intorno ai 2-3-5 € l'una.. queste contengono tutto al loro interno, e vanno solo avvitate nella sede opportuna:

314-thickbox_default.jpg

 

Gli atomizzatori si dividono ancora in due categorie: tank e dripper.

I dripper sono tutti rigenerabili, non hanno un serbatoio e li liquido va "sgocciolato" sopra (to drip, appunto) ogni volta che il cotone è asciutto.. 

I tank invece sono quelli più classici composti appunto da un serbatoio da 2-3-4 ml di liquido, che alimenta da solo la resistenza. Possono essere sia rigenerabili che non.

 

Ci sono ancora due categorie di atomizzatori: quelli da tiro di guancia e quelli da tiro di polmone.

Questa caratteristica è indipendente dalle altre, ma è il modo in cui l'atomizzatore va usato.

Per intenderci, il tiro di guancia è quello classico delle sigarette, detto anche Mouth to Lung, perchè il vapore finisce in bocca e poi successivamente viene buttato giù nei polmoni.

Con il tiro di polmoni invece si aspira direttamente con i polmoni, gonfiando il petto diciamo.. per chi ha provato, la modalità di tiro è simile a quella usata per narghile, bong o strumenti similari

 

E' chiaro che il tiro di guancia è quello più adatto per iniziare in quanto molto simile a quello della sigaretta, essendo chiuso e leggermente contrastato

L'altro invece è un tiro molto più arioso ( e di solito fa anche molto più vapore)

 

Ho spiegato penso il 10% di quello che è lo svapo, c'è davvero un mondo dietro.. per me è diventata una passione

 

Allora, ricapitolando, ad un neofita, che vuole smettere di fumare, consiglio una sigaretta elettronica con atomizzatore non rigenerabile, tank e per il tiro di guancia.

Spesso i kit entry-level hanno anche la box incorporata, in sostanza, il pacco batterie + circuito.

Alcuni dispositivi adatti possono essere:

  • Justfog Q14: è stata la mia prima e-cig, pagata all'incirca 35 € in negozio (su intenrnet si trova intorno ai 20), batteria da 900 mAh e 2 ml di capienza.. entrambi più che sufficienti per una giornata (anche 2 o 3, dipende ovviamente da quanto si svapa)..
  • justfog-q14-compact-kit.jpg
  • Joyetech eGo AIO Box: l'atomizzatore è all'interno della box stessa, fatta di plastica.. questo le permette di essere molto resistente agli urti, piccola e leggera.. come durata di batteria siamo piu o meno sugli stessi livelli di quella precedente

  • images?q=tbn:ANd9GcR1GEx-8e1wMUdxKKWyFwi

 

Entrambe dispongono di attacco micro-usb per la ricarica: si può usare quindi il caricabatterie del telefono (comodissima come cosa)

 

 

Un consiglio: da evitare le e-cig in vendita nei tabacchini o nelle farmacie.. sono prodotti cari e poco performanti, con hardware vecchi e scomodi.. molta gente le prova, vede che fanno cagare, le butta via e da quel momento in poi pensa che tutte le sigarette elettroniche facciano cagare. E' sbagliatissimo!

Andate sempre da un rivenditore indipendente, non dalle catene tipo smooke, o blu perche vi fregano!

Negli ultimi anni c'è stata un'evoluzione pazzesca, e questi vi rifilano cose del 2012, ovvero risalenti alla prima ondata dello svapo..

 

Sono stato davvero sbrigativo, ma è davvero lunga.. meglio sciogliere i vari dubbi che vengono man mano.. 

E se c'è qualche vaper appassionato si faccia avanti!

Edited by NikoBellic
  • I Like! 3

Share this post


Link to post
Share on other sites
58 minuti fa, jameson dice:

:disp2:

E' una parola che odio anch'io, il liquido non è elettronico; infatti quelle 2 righe le ho copiate e incollate da wikipedia, quasi quasi correggo

Share this post


Link to post
Share on other sites

E' un mondo che non conosco bene, avendo smesso di fumare ormai 5 anni fa. 

Un carissimo amico è titolare di un negozio in franchising di uno dei marchi leader e più cari del settore, e vedo che ha una clientela affezionata e soddisfatta per essere riuscita a fare a meno della sigaretta..."analogica" :D , per lo più professionisti.

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Seguo con attenzione...vorrei provare a svapare pure io...premetto che fumo tabacco sfuso perché le sigarette mi fanno cagare e mi infastidisce pure l'odore (lo so fa ridere perché sembra un controsenso)...un mio amico mi ha fatto provare questa: http://store.smooke.com/kit-808/ fa cagare o è buona?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io vorrei qualche consiglio sui vaporizzatori, che però sono una cosa ben più complessa (e costosa) delle sigarette elettroniche. Qualcuno ha provato dei modelli?

 

Detto senza girarci intorno, mi piace l'erba ma mi fa schifo fumare :D

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 ore fa, Wilhem275 dice:

Io vorrei qualche consiglio sui vaporizzatori, che però sono una cosa ben più complessa (e costosa) delle sigarette elettroniche. Qualcuno ha provato dei modelli?

 

Detto senza girarci intorno, mi piace l'erba ma mi fa schifo fumare :D

 

IMG_5906.JPG

Mai provato e non fumo, però l'idea mi ha intrigato e ho fatto una piccola ricerca...sembra che in usa siano,avanti. Credo che entro l'anno anche la svizzera sarà mercato aperto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, pixhell dice:

 

IMG_5906.JPG

Mai provato e non fumo, però l'idea mi ha intrigato e ho fatto una piccola ricerca...sembra che in usa siano,avanti. Credo che entro l'anno anche la svizzera sarà mercato aperto.

Premetto: non fumo e non tollero il fumo passivo, nemmeno degli svaporatori, così come non tollero coloro che gridano ai quattro venti "legalizziamola".

Quindi: nel momento in cui per le nostre strade dovessero girare automobilisti/camionisti che si svaporano tranquillamente roba col THC, gradirei verso di loro un livello di tolleranza tendente a 0. Come per chi guida ubriaco.

  • I Like! 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Sandro dice:

Premetto: non fumo e non tollero il fumo passivo, nemmeno degli svaporatori, così come non tollero coloro che gridano ai quattro venti "legalizziamola".

Quindi: nel momento in cui per le nostre strade dovessero girare automobilisti/camionisti che si svaporano tranquillamente roba col THC, gradirei verso di loro un livello di tolleranza tendente a 0. Come per chi guida ubriaco.

Ci manca solo di vedere in giro automobilisti elettro sballati, già la situazione è grave senza...sono cose da tenere molto lontano insieme al alcool 

Share this post


Link to post
Share on other sites
8 minuti fa, pixhell dice:

Ci manca solo di vedere in giro automobilisti elettro sballati, già la situazione è grave senza...sono cose da tenere molto lontano insieme al alcool 

Ho già avuto modo di conoscere uno che vantava gli "effetti potenziatori" delle canne alla guida dell'auto, negli anni '90.

E' andato a prendere il Darwin Award direttamente dalle mani del dott. Charles. 

E poi le ipocrisie "eh ma era un bravo ragazzo" eccetera.

Ma sto andando ampiamente OT (oltre che inquinando il thread), quindi mi eclisso.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Similar Content

    • By Pawel72
      Dalla Fanta al primo computer , dalla Volkswagen al carburante sintetico , alcune delle invenzioni nate nella Germania nazista e  utilizzate ancora oggi.
       
       

      Il primo brevetto di un aereo a reazione risale al 1929, ma il suo progettista, l’inglese Frank Whittle, non trovò alcuna industria disposta a realizzarlo. Così il primo jet a entrare in servizio operativo fu, 15 anni dopo, il Messerschmitt Me.163B Komet. L’aereo era il risultato del lavoro di Alexander Lippisch, esperto di alianti tutt’ala, ed Helmuth Walter, realizzatore del primo motore a razzo a carburante liquido. E in effetti il piccolo intercettore non era altro che un aliante che usava la sua rivoluzionaria forma di propulsione per brevi momenti: poteva salire fino a 10 mila metri in 150 secondi e toccare i 900 km/h, ma la sua autonomia a piena potenza era di soli 10 minuti. Il primo incontro con i bombardieri alleati avvenne il 28 luglio del 1944, e il Komet si rivelò eccezionale: gli armieri dei B-17 non facevano in tempo a ruotare la torretta.
       

      Quando nel 1940 la Coca-Cola venne bandita dal Reich a causa dell’interruzione degli scambi commerciali con gli USA, il responsabile tedesco dell’azienda americana decise di trovare un’alternativa “germanica” alla bibita gassata più famosa del mondo. La soluzione? Una bevanda a base di siero di latte e marmellata di mele, ingredienti facilmente reperibili in Germania. Ci volle un’intensa sessione di brainstorming per trovare all’invenzione un nome adatto ma, a furia di usare la fantasia, l’idea arrivò e la bibita venne battezzata, appunto, “Fanta”. 
       

       
      Nel 1937, l’ingegnere Konrad Zuse progettò e costruì (a casa dei genitori) il primo calcolatore elettronico, un antenato dei moderni computer. Alimentato da energia elettromeccanica e provvisto di un’unità di calcolo in virgola mobile con numeri codificati in binario (sekundal), la macchina programmabile di Zuse (Versuchmuller) era in grado di risolvere lunghe operazioni matematiche in brevissimo tempo, impiegando solo un secondo per ogni ciclo di calcolo. Lo Z1 eseguiva sottrazioni, addizioni, divisioni e moltiplicazioni secondo le istruzioni trasmesse attraverso un sistema di schede perforate.
       

       
      L’ingegnere Werner von Braun fu una delle teste più brillanti del Terzo Reich, e non solo. Le sue ricerche e le invenzioni in campo bellico, in particolare quella dei missili balistici V-2, furono successivamente molto utili alla Nasa che se ne servì per sviluppare i primi razzi per l’esplorazione dello spazio. 
      Al termine del conflitto, von Braun iniziò a lavorare per l’agenzia spaziale statunitense e diresse la progettazione del Saturn V, il razzo multistadio a propellente liquido più grande mai realizzato. Il Saturn V fu utilizzato nei programmi spaziali Apollo e Skylab.|
       

       
      Durante la guerra, lo stoccaggio del carburante era un’esigenza fondamentale dell’esercito tedesco. Così, nel 1936 l’azienda Eisenwerke Müller & Co si mise all’opera per progettare e realizzare delle speciali taniche da 20 litri destinate a conservare la benzina necessaria all’aviazione e agli altri veicoli nazisti. Come richiesto da Hitler, nel luglio del 1937 si diede il via alla produzione in serie di questi resistenti canestri in acciaio (Wehrmachtskanisters) utilizzati ancora oggi.
       
      https://www.focus.it/cultura/storia/invenzioni-nazisti-gallery?gimg=63985#img63985
    • By J-Gian
      A partire da questo mercoledì sera, alle 21.25, ritorna Superquark!
       
      A mio avviso è uno dei programmi che meriterebbero un palinsesto fisso per una buona stagione.
       
      Se v'interessa seguirlo da computer, potrete farlo anche tramite RaiPlay in diretta, oppure vedere le repliche.
       
       
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.