Vai al contenuto

Messaggi Raccomandati

Vi presento un altro nuovo "economizzatore di carburante" e "riduttore di emissioni", oltre che "accrescitore di potenza".

 

Questa volta però non ci sono campi magnetici, ma contatto diretto tra il carburante e dei materiali nobili, palladio in primis.

 

07_img_6652.jpg

Cita

[...]

Ecocar aumenta la potenza, le prestazione e la vita di qualsiasi motore.


È un dispositivo composto da un insieme di minerali nobili (tra cui il Palladio) che a contatto con il carburante, rilasciano le loro proprietà, rendendo così la combustione di quest'ultimo più efficiente.
I risultati?

  • diminuzione del consumo …….. fino al 30%
  • aumento del rendimento de motore ……… eccellente anche per i veicoli muniti di GPL
  • meno emissioni inquinanti ……… oltre il 40% soprattutto sui motori DIESEL


Testato dal CNR di Napoli, nato dalla sinergia Italo- Spagnola, brevettato e testato dal TUV Rehinland.
Non utilizza prodotti chimici nè calamite,al fine di evitare il caos magnetico e gli effetti nocivi diretti e indiretti.Grazie al trattamento fisico de carburante si ottiene una diversa disposizione molecolare che genera alcune nuove proprietà.È proprio questo che produce una maggiore efficienza nella combustione. ll principio secondo il quale si acquisisce questo miglioramento è l’ottenimento di più elettroni disposti a mescolarsi meglio con il carburante, normalmente l’ossigeno, generando una migliore gassificazione del carburante.Tutti i carburanti fossili a contatto con eco-car ottengono una nuova disposizione molecolare che cambia la proprietà fisico-chimica del fluido trattato. Rompendo queste connessioni elettrofisiche, la possibilità di combustione (combinazione con l’ossigeno) è incrementata.Ottenendo una maggiore vaporizzazione a livello molecolare, il rendimento per unità di combustibile sarà anch’esso maggiore.  

Fonte - Sito produttore:  http://eco-caritalia.business.site/

 

 

Ecco come ne parla un noto portale sull'autoriparazione:

Cita

[...]

 

Eco-Car è composto in maggioranza da palladio, minerale nobile che, a contatto con il carburante, agisce come inibitore statico dei campi d’influenza esterna di tipo magnetico, radioelettrico, elettrico, elettromagnetico e simili inibitori che influiscono sui fluidi, liquidi e gas combustibili.

Migliorando il processo di combustione, provoca una nuova disposizione molecolare degli elettroni che generano una migliore gassificazione del carburante, riducendo in maniera sostanziale la formazione delle polveri sottili.
Si ottiene così un triplice vantaggio: riduzione delle emissioni, minori consumi di carburante e migliori prestazioni del motore.

Il prodotto è stato interamente testato e certificato dal CNR di Napoli (settore emissioni), che ha confermato una drastica riduzione delle emissioni, superiore al 35%, e da altri istituti scientifici specializzati, tra cui il CRDC Tecnologie, che hanno verificato la riduzione dei consumi su diversi tipi di motori.

[...]

Articolo completo: http://www.notiziariomotoristico.com/news/9938/emmetechnology-eco-car-il-dispositivo-salva-ambiente

 

 

Ci sono anche dei test di laboratorio, dei quali allegherò i PDF:

 

1) Attività di carattere sperimentale finalizzata alla programmazione ed esecuzione di test di caratterizzazione delle emissioni allo scarico di un motore diesel: cnr_relazione_pdf_firmata_e_relazionata(1).pdf

2) Relazione tecnica 1: relazione_tecnica_1(1).pdf

3) Relazione tecnica 2: relazione_tecnica_2(1).pdf

 

 

 

 

Leggetevi bene le relazioni, e... Siate costruttivi :)

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

C'è una quantità di supercazzole allucinante!
Però le relazioni che hai linkato qualche miglioramento lo confermano...

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Inviato (modificato)

Boh, non è il primo di questi aggeggi che vedo, e non posso che essere dubbioso anche di questo. Se questa tecnologia è talmente rivoluzionaria ed efficace, com'è che fior fior di aziende e ingegneri automotive non ci ha pensato, o ci si è buttata a capofitto successivamente? E ammesso che sia effettivamente una trovata geniale e uno lo voglia usare, è omologato? E' legale metterlo su una macchina? Perchè altrimenti è la solita perdita di tempo.

 

EDIT: tra l'altro, se ho ben interpretato i grafici, dopo il montaggio del dispositivo la CO2 diminuisce, ma tutti gli altri inquinanti aumentano. Insomma, dal mio punto di vista, c'è decisamente bisogno di test più approfonditi prima di poter dire se questo apparecchio è valido

Modificato da GL91

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Benissimo.

Quindi, in una "putechella" in quel di Nola, hanno trovato l'uovo di Colombo. :D 

 

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Nel documento del CNR specificano il regime di funzionamento, ma non il carico. 🤦‍♂️

I consumi sono valutati su cicli non normati e dai dati di computer di bordo. 🤦‍♂️🤦‍♂️🤦‍♂️


Non mi esprimo che é meglio.

  • Like! 2

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
On 14/6/2018 at 13:09, Ario_ scrive:

C'è una quantità di supercazzole allucinante!
Però le relazioni che hai linkato qualche miglioramento lo confermano...

 

22 ore fa, superkappa125 scrive:

Nel documento del CNR specificano il regime di funzionamento, ma non il carico. 🤦‍♂️

I consumi sono valutati su cicli non normati e dai dati di computer di bordo. 🤦‍♂️🤦‍♂️🤦‍♂️


Non mi esprimo che é meglio.

 

Io infatti sono stupito dalle relazioni pubblicate, le metodologie usate e l'analisi delle misurazioni fanno accapponare la pelle per come sono state fatte.

 

Imho questi hanno chiesto una cosa all'ente che centrava poco o nulla, poi l'hanno utilizzata per uno scopo differente ed inizialmente ignoto.

 

Per quanto riguarda le prove su strada ed i dati rilevati dal CdB, posso dire che io, tra quando guido scazzato a quando guido come si deve, riesco ad ottenere divari di consumo molto migliori :)

  • Like! 2
  • Grazie! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Contenuti simili

    • Da Wilhem275
      Visto che con gli strascichi del dieselgate sembra che il segreto di Pulcinella sia venuto allo scoperto e cioé che gli attuali test in laboratorio di omologazione delle emissioni lasciano margine per ampie discrepanze con la situazione su strada, è aumentato l'interesse per nuovi test che misurino in maniera più realistica le emissioni dei motori.
       
      In sede EU su questo tema si è già discusso e anche deliberato, e si va verso una nuova tipologia di test denominata RDE - Real Driving Emissions. Niente di nuovo per addetti e interessati, ma facciamo un po' di riepilogo per gli appassionati.
       
      Cito da varie fonti:
      - Consiglio EU
      - caremissionstestingfacts.eu , sponsorizzato da ACEA
      - theicct.org , ICCT è un ente no profit che spinge per la riduzione delle emissioni nei trasporti
       
      La notizia data dal Consiglio fornisce date precise per il rollout del nuovo test:
      http://www.consilium.europa.eu/it/press/press-releases/2016/02/12-vehicle-emissions-in-real-driving-conditions-2nd-package/
       
       
      La legislazione andrà completata con un terzo e quarto pacchetto, che definiscano in dettaglio limiti e procedure. Il terzo è in agenda per ottobre 2016.
       
      Il test includerà una gamma di condizioni di guida:
      alte e basse altitudini temperature di stagioni diverse maggiore carico a bordo guida in salita e discesa guida urbana, extraurbana ed autostradale  
      L'apparecchiatura per il test è denominata PEMS - Portable Emissions Monitoring System e dovrà essere dotata di diversi sensori per registrare anche la condizione ambientale al momento del test, data la natura eterogenea di un test su strada.
       

       
      (lupus in fabula, un'A4 Euro 5 )
       
       
       
      Proprio questa varietà di condizioni, che influenza non solo il motore ma anche la taratura del PEMS, è il motivo del margine elevato.
       
      L'ICCT è però critico sulla larghezza di questi margini, che con la scusa di far rientrare tutti vanno ad essere più laschi rispetto a quanto i produttori più virtuosi stiano ottenendo già oggi.
      http://www.theicct.org/sites/default/files/publications/ICCTbrief_EU-RDE_201512.pdf
       
      A mio avviso è un compromesso purtroppo necessario, per evitare shock eccessivi sul sistema. La cosa importante, come rileva anche ICCT, è che si stabilisca un punto di partenza e poi si proceda con restrizioni progressive di anno in anno.
       
       
      Da quello che ho capito la novità sta "solo" nella procedura di test, che comunque affiancherà e non sostituirà quella in laboratorio (NEDC e suo successore WLTP ), e almeno per il momento i limiti resteranno quelli Euro 6 definiti nel 2007.
      Anche comprensibile che non si stringa subito, perché sarà già uno sforzo riuscire a rientrare nella realtà col RDE...
      Euro 7 è previsto molto più in là, 2025 per nuove omologazioni e 2026 per nuove immatricolazioni.
       
       
       
      Altri topic attinenti:
      - Insostenibilità ambientale dei motori diesel nelle automobili, per discutere di tutte le discrepanze emerse tra emissioni in laboratorio e su strada, pur restando nei limiti legali di omologazione;
      - il Dieselgate VAG, che invece che sfruttare i buchi della procedura l'ha direttamente saltata a piè pari...
×