Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuto su Autopareri - il forum dell'automobile!

Recommended Posts

Vi presento un altro nuovo "economizzatore di carburante" e "riduttore di emissioni", oltre che "accrescitore di potenza".

 

Questa volta però non ci sono campi magnetici, ma contatto diretto tra il carburante e dei materiali nobili, palladio in primis.

 

07_img_6652.jpg

Cita

[...]

Ecocar aumenta la potenza, le prestazione e la vita di qualsiasi motore.


È un dispositivo composto da un insieme di minerali nobili (tra cui il Palladio) che a contatto con il carburante, rilasciano le loro proprietà, rendendo così la combustione di quest'ultimo più efficiente.
I risultati?

  • diminuzione del consumo …….. fino al 30%
  • aumento del rendimento de motore ……… eccellente anche per i veicoli muniti di GPL
  • meno emissioni inquinanti ……… oltre il 40% soprattutto sui motori DIESEL


Testato dal CNR di Napoli, nato dalla sinergia Italo- Spagnola, brevettato e testato dal TUV Rehinland.
Non utilizza prodotti chimici nè calamite,al fine di evitare il caos magnetico e gli effetti nocivi diretti e indiretti.Grazie al trattamento fisico de carburante si ottiene una diversa disposizione molecolare che genera alcune nuove proprietà.È proprio questo che produce una maggiore efficienza nella combustione. ll principio secondo il quale si acquisisce questo miglioramento è l’ottenimento di più elettroni disposti a mescolarsi meglio con il carburante, normalmente l’ossigeno, generando una migliore gassificazione del carburante.Tutti i carburanti fossili a contatto con eco-car ottengono una nuova disposizione molecolare che cambia la proprietà fisico-chimica del fluido trattato. Rompendo queste connessioni elettrofisiche, la possibilità di combustione (combinazione con l’ossigeno) è incrementata.Ottenendo una maggiore vaporizzazione a livello molecolare, il rendimento per unità di combustibile sarà anch’esso maggiore.  

Fonte - Sito produttore:  http://eco-caritalia.business.site/

 

 

Ecco come ne parla un noto portale sull'autoriparazione:

Cita

[...]

 

Eco-Car è composto in maggioranza da palladio, minerale nobile che, a contatto con il carburante, agisce come inibitore statico dei campi d’influenza esterna di tipo magnetico, radioelettrico, elettrico, elettromagnetico e simili inibitori che influiscono sui fluidi, liquidi e gas combustibili.

Migliorando il processo di combustione, provoca una nuova disposizione molecolare degli elettroni che generano una migliore gassificazione del carburante, riducendo in maniera sostanziale la formazione delle polveri sottili.
Si ottiene così un triplice vantaggio: riduzione delle emissioni, minori consumi di carburante e migliori prestazioni del motore.

Il prodotto è stato interamente testato e certificato dal CNR di Napoli (settore emissioni), che ha confermato una drastica riduzione delle emissioni, superiore al 35%, e da altri istituti scientifici specializzati, tra cui il CRDC Tecnologie, che hanno verificato la riduzione dei consumi su diversi tipi di motori.

[...]

Articolo completo: http://www.notiziariomotoristico.com/news/9938/emmetechnology-eco-car-il-dispositivo-salva-ambiente

 

 

Ci sono anche dei test di laboratorio, dei quali allegherò i PDF:

 

1) Attività di carattere sperimentale finalizzata alla programmazione ed esecuzione di test di caratterizzazione delle emissioni allo scarico di un motore diesel: cnr_relazione_pdf_firmata_e_relazionata(1).pdf

2) Relazione tecnica 1: relazione_tecnica_1(1).pdf

3) Relazione tecnica 2: relazione_tecnica_2(1).pdf

 

 

 

 

Leggetevi bene le relazioni, e... Siate costruttivi :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

C'è una quantità di supercazzole allucinante!
Però le relazioni che hai linkato qualche miglioramento lo confermano...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Boh, non è il primo di questi aggeggi che vedo, e non posso che essere dubbioso anche di questo. Se questa tecnologia è talmente rivoluzionaria ed efficace, com'è che fior fior di aziende e ingegneri automotive non ci ha pensato, o ci si è buttata a capofitto successivamente? E ammesso che sia effettivamente una trovata geniale e uno lo voglia usare, è omologato? E' legale metterlo su una macchina? Perchè altrimenti è la solita perdita di tempo.

 

EDIT: tra l'altro, se ho ben interpretato i grafici, dopo il montaggio del dispositivo la CO2 diminuisce, ma tutti gli altri inquinanti aumentano. Insomma, dal mio punto di vista, c'è decisamente bisogno di test più approfonditi prima di poter dire se questo apparecchio è valido

Edited by GL91

Share this post


Link to post
Share on other sites

Benissimo.

Quindi, in una "putechella" in quel di Nola, hanno trovato l'uovo di Colombo. :D 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nel documento del CNR specificano il regime di funzionamento, ma non il carico. 🤦‍♂️

I consumi sono valutati su cicli non normati e dai dati di computer di bordo. 🤦‍♂️🤦‍♂️🤦‍♂️


Non mi esprimo che é meglio.

  • I Like! 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
On 14/6/2018 at 13:09, Ario_ scrive:

C'è una quantità di supercazzole allucinante!
Però le relazioni che hai linkato qualche miglioramento lo confermano...

 

22 ore fa, superkappa125 scrive:

Nel documento del CNR specificano il regime di funzionamento, ma non il carico. 🤦‍♂️

I consumi sono valutati su cicli non normati e dai dati di computer di bordo. 🤦‍♂️🤦‍♂️🤦‍♂️


Non mi esprimo che é meglio.

 

Io infatti sono stupito dalle relazioni pubblicate, le metodologie usate e l'analisi delle misurazioni fanno accapponare la pelle per come sono state fatte.

 

Imho questi hanno chiesto una cosa all'ente che centrava poco o nulla, poi l'hanno utilizzata per uno scopo differente ed inizialmente ignoto.

 

Per quanto riguarda le prove su strada ed i dati rilevati dal CdB, posso dire che io, tra quando guido scazzato a quando guido come si deve, riesco ad ottenere divari di consumo molto migliori :)

  • I Like! 2
  • Thanks! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Similar Content

    • By Beckervdo
      Nella primavera del 2018, Volvo Cars ha avviato un progetto pilota insieme a Taxi Gothenburg, che doveva gestire un centinaio di automobili, in primis la V90 con motori D3 e D4, alimentati con HVO100. Il tutto è andato così bene che Volvo ha annunciato in autunno che tutte le compagnie di taxi in Svezia potranno utilizzare il biodiesel rinnovabile nelle versioni D3, D4 e D5 del modello S90 e V90 dal 2018 in poi, così come il modello V60 dal 2019 in poi.
       
      Ora, sei mesi dopo, Volvo ha ricevuto un forte riconoscimento del fatto che l'HVO100 viene ben digerito dai suoi diesel. Pertanto, oggi annunciano che sarà disponibile anche per i conducenti di auto private la possibilità di rifornirsi con il Biodiesel rinnovabile l'HVO100.
       
      - Siamo soddisfatti dei buoni risultati del test con le flotte di taxi in Svezia. Pertanto, possiamo rilasciare liberamente il carburante HVO100 per i clienti privati e aziendali ", afferma Mats Andersson, Vicepresidente di Propulsion Power Systems di Volvo Cars.
       
      I modelli approvati per HVO100
      L'alimentazione con HVO100, tuttavia, non sono disponibili per tutti i modelli Volvo con motore diesel, ma solo per i modelli di auto su piattaforma SPA e CMA attualmente in produzione, ovvero XC90 dal 2015, S90, V90, V90 Cross Country dal 2016 in poi, XC60 dal 2017, V60, V60 Cross Country dal 2018 in poi e XC40 dal 2018 in poi. Le auto più vecchie con la stessa designazione del modello non devono essere riempite con HVO100.
       
      - Riteniamo molto positivo che ora possiamo offrire ai clienti che hanno un'auto Volvo con motore diesel tra i modelli attuali di poter rifornire di carburante un'alternativa senza fossili. Queste macchine hanno un sistema di alimentazione adattato alle caratteristiche leggermente diverse del carburante HVO100, afferma Mats Andersson.
       
      Emissioni più basse
      L'HVO100 omologato per il rifornimento di carburante deve essere classificato secondo lo standard europeo di carburante per il diesel paraffinico EN15940. 
      L'HVO100 riduce le emissioni di anidride carbonica dell'85-90 %. HVO, che sta per Hydatic Vegetable Oil, è anche incluso nel normale diesel ma in quantità notevolmente inferiore rispetto a HVO100 dove 100 rappresenta una quota del 100% di HVO.
       
      Via Teknikensvarld.se
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.