Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuti su Autopareri! La community italiana che dal 2003 riunisce gli appassionati di automobili e di motori

Recommended Posts

 

 

2015-FiatFullback-01.jpg

2015-FiatFullback-02.jpg

carscoops

 

 

Press Release:

 

Cita

 

  • Anteprima mondiale del nuovo "Workhero" nato dalle reali esigenze del cliente professionale ma, all'occorrenza, capace di affrontare anche le necessità della vita quotidiana e del tempo libero.
  • Robusto e affidabile - come il ruolo del rugby o football americano da cui prende il nome - il veicolo Fullback è pronto a schierarsi nella fascia "medi" dei pick up venduti in EMEA.
  • Adattata ai singoli mercati e commercializzata a partire da maggio 2016, la gamma offre quattro configurazioni, tre allestimenti, tre motori e due cambi.
  • Fullback completa la già ricca gamma di Fiat Professional e segna un ulteriore passo in avanti nella sua storia nata nel 1901 e da allora sinonimo di competenza, affidabilità e innovazione.

 

Debutta oggi il nuovo pick up di media portata "Fullback" di Fiat Professional che sarà disponibile a partire da maggio 2016 nell'intera area EMEA. Il palcoscenico scelto per l'anteprima mondiale è il "2015 Dubai International Motor Show", il più grande evento del settore organizzato in Medio Oriente e Nord Africa.

Forte di una storia ultrasecolare e di una grande notorietà nel settore LCV in tutto il mondo, oggi il marchio Fiat Professional compie un ulteriore balzo in avanti che gli consente di completare la sua già ricca gamma di prodotti e servizi "tagliata" su misura dei clienti professionali.

Con il nuovo Fullback il brand Fiat Professional entra nella categoria dei "pick up" di media portata che ha registrato circa 675.000 unità vendute nel 2014 per una quota del 23% delle vendite totali del mercato LCV nell'area EMEA. La quota è ancora più rilevante in Medio Oriente (58%) e in Africa (52%).

Un contesto strategico, quindi, dove il nuovo Fullback giocherà certamente un ruolo da protagonista grazie alle sue caratteristiche vincenti di robustezza e affidabilità. Dunque, un impareggiabile "Workhero" nato dalle reali esigenze del cliente professionale ma che, grazie alla sua grande versatilità, si trova a proprio agio anche nella vita quotidiana e nel tempo libero. Insomma, il nuovo veicolo non teme alcuna sfida e da qui la scelta del nome. Il "fullback", infatti, è un ruolo fondamentale nel football americano o rugby (ultimo uomo in difesa e difensore in attacco) che identifica un giocatore capace di risolvere qualsiasi situazione.

Perfettamente allineato alla migliore concorrenza in termini di configurazione, dimensioni e motori, il pick up di Fiat Professional presenta una gamma articolata che sarà adattata alle esigenze dei singoli mercati EMEA. In dettaglio, l'offerta completa propone quattro configurazioni ("Single cab", "Extended cab", "Double cab" e "Chassis") e tre livelli di allestimenti. Tutte le versioni di Fullback sono alte massimo 1.780 mm, larghe fino a 1.815 mm e con un passo da 3.000 mm. Invece, la lunghezza varia a seconda della configurazione: raggiunge 5.155 mm per il "Single Cab", 5.275 mm per quello "Extended" e 5.285 mm per il "Double Cab" i. Varia anche la lunghezza del vano di carico - 2.265 mm per il "Single Cab" 1.850 mmm per l"Extended Cab" e 1.520 mm per il "Double Cab" - e la portata di carico può, secondo la configurazione, arrivare fino ai 1.100 kg ("Single Cab").

Infine, nell'area mediorientale e africana, il pick up Fullback sarà equipaggiato con due motorizzazioni: il diesel da 2,5 litri, con potenze comprese tra 81 kw (110 cv) e 131 kw (178 cv) e il benzina da 2,4 litri che eroga 97 kw (132 cv) di potenza. Questa offerta di motori è allineata alla migliore concorrenza ed è abbinabile, a seconda dell'offerta di mercato, al cambio manuale o automatico, entrambi a cinque marce. Invece, in Europa e negli altri mercati extraeuropei, Fullback proporrà un turbodiesel in alluminio da 2,4 litri e due livelli prestazionali - 113 kW (150 cv) o 133 kW (180 cv) - abbinato alla trasmissione manuale a sei marce o automatica a cinque marce.

Nell'intera regione EMEA il pick up Fullback sarà disponbile sia con trazione posteriore sia con quella integrale.

Il pubblico del "2015 Dubai International Motor Show" potrà ammirare alcuni esemplari del pick up Fullback allestiti con particolari accessori che anticipano una linea specifica, in via di sviluppo, firmata Mopar, il marchio di riferimento per i servizi, il customer care, i ricambi originali e gli accessori per i brand di FCA.

 

Fiat Professional

Cita

,.-


 

 

Autopareri NON può ricevere e rispondere ai messaggi privati!

Contattare la Squadra di Moderazione

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

solite pessime foto by fiat, ma non cambia molto il risultato, alla fina cambiando solo il paraurti si poteva fare ben poco

Share this post


Link to post
Share on other sites

La versione base propongo di chiamarla Bareback. :mrgreen:


La teoria è quando si conosce il funzionamento di qualcosa ma quel qualcosa non funziona.

La pratica è quando tutto funziona ma non si sa come.

Spesso si finisce con il coniugare la teoria con la pratica: non funziona niente e non si sa il perché.

Cita
The world can now rest easy. Toyota has officially embraced "Prii" as the plural of Prius.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma anche questa si può omologare come autovettura?


Mazda MX-5 20th anniversary "barbone edition" - Tutto quello che scrivo è IMHO

k21x8z.png

Share this post


Link to post
Share on other sites
Menghiaaa!

Son proprio uguali! :mrgreen:

Vabbè... non proprio uguali, uguali.... :lol:

fiat ha l'antenna integrata, vera premiumness.


Ciao e buona giornata

Alfa_Milano

Share this post


Link to post
Share on other sites
fiat ha l'antenna integrata, vera premiumness.

no, è sulla portiera :lol:


CI SEDEMMO DALLA PARTE DEL TORTO VISTO CHE TUTTI GLI ALTRI POSTI ERANO OCCUPATI

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Similar Content

    • By v13
      500 1.0 microibrida, esemplare noleggio, 6000 km all'attivo
      versione: credo una Lounge o similare con clima auto, tetto panoramico, cruise, strumentazione analogica, cerchi lega 15 (quelli a raggi, bruttarelli).
      Per il resto la 500 la conoscete tutti, una buona segmento A, con qualità percepita alta e qualità reale più che discreta, anche se c'era un clamoroso errore di montaggio del sottoplancia a sinistra del volante. Quindi mi concentro solo sulla parte inedita, il gruppo motore-cambio.
       
      PRO
       
      - consumi
      su 200 e passa km (di cui poca città, un po' di autostrada a 110km/h e un po' di tangenziale, 70% statale a tratti scorrevole, a tratti lenta) il computer di bordo segnala 4,3 l/100km. Guida attenta, ma normale, con non infrequenti puntate oltre i 3000 giri. Fatto il pieno il cdb mi è sembrato piuttosto accurato, decimo più, decimo meno.
       
      - cambio
      eccezionale! Secco ma gradevole, con corsa ragionevolmente corta. davvero eccellente per una segmento A, ma anche per una B o C.
      E meno male che è gradevole da usare, perché, come vedremo, ce n'è davvero bisogno
      Rapporti corti: qui c'era stato qualche dubbio sulla rapportatura, ma confermo che i 3600 giri a 130 km/h. In prima e seconda anche con una guida dolce si finisce sempre per cambiare sui 3000 giri.
       
      Motore:
      in sé e per sé non sembra male. Non vibra assolutamente mai e, pur senza avere la verve nel prendere giri del 3L VW o del Ford, arriva in fretta ai 5000 giri, poi si siede un po'. Su questo fa un po' meglio degli ultimi 1.2 Fire.
      Il problema è che gli manca coppia e si sente. Sotto i 2000 giri fa fatica e in realtà per tenere il ritmo del traffico bisogna tenerlo sempre fra i 2500 e i 3500. Se poi si vuole un minimo di brillantezza si devono usare le marce basse e tirarle fino e oltre i 4500 giri. Come detto, sia il cambio, sia il motore assecondano senza problemi. A occhio, però, i consumi risentono abbastanza dello stile di guida.
       
      La 6ª marcia è utile e confortevole, ma va usata sempre oltre i 2000-2500 giri ed esclusivamente in pianura. Al minimo falsopiano o salita, di default bisogna scalare in 5ª per non perdere velocità. Per guadagnare velocità, invece, va scalato in 4ª. Sono frequenti i passaggi 4ª-6ª, e in uscita da caselli o rotonde su statale anche i passaggi da 3ª a 5000 giri a 6ª.
       
      Il motore è piuttosto silenzioso. Non fa rumore da tricilindrico da fermo, ma non ha neanche quel rumore quasi da 6 cilindri (si fa per dire ) ad alti regimi, come i concorrenti PSA, Ford o VW. Ho notato una rombosità cupa ai 2000 e soprattutto ai 2500 giri frutto di qualche risonanza.
      L'unico vero problema è che ho notato incertezze ai bassi regimi, sia a caldo che a freddo, e solo con poco carico di acceleratore. Schiacciando oltre la metà nessun problema.
       
      Il Ford 1.1 85CV guidato su Fiesta mi era sembrato più potente, rotondo e gradevole. Il 1.2 82CV su C3 molto più vibrante, ma con più coppia in basso (ma con un cambio da denuncia). Il VW 70CV guidato su Polo precedente mi sembrò molto simile in tutto.
       
      Comportamento del microibrido:
      Fondamentalmente non si nota nulla.
      Nella strumentazione analogica (molto carina, ma davvero poco leggibile) l'indicazione della temperatura del refrigerante è sostituita dall'indicazione di carica della batteria. E qui si vede che la batteria si scarica e ricarica continuamente, segno che viene usata a tutte le velocità. C'è una spia quando la batteria si sta caricando.
      Interessante la ricarica da freno motore, che è così intensa che permette di rallentare spesso senza toccare i freni. All'inizio del rilascio è quasi inavvertibile ma se il rilascio prosegue, allora si fa molto deciso il recupero. Sotto i 1500 giri il freno motore comincia a perdere intensità e il computer suggerisce di scalare.
      Il cosiddetto "veleggio" sotto i 30 km/h è in realtà una specie di start & stop evoluto e devo dire che funziona davvero molto bene. Appena ci si fa l'abitudine si usa sempre.
       
      In definitiva, il comportamento è quello di un 3 cilindri aspirato moderno. Moscio è moscio, al limite del sottomotorizzato, ma se vi ritrovate in uno di questi profili:
      1) vi piace guidare
      2) hai imparato con gli aspirati del secolo scorso
      3) hai imparato bestemmiando con una Panda 750 fire, con la sua miscela magra a freddo e il suo cambio scorbutico,
       
      ...beh, allora ci farete subito la mano.
      Chi invece venisse da un turbo o da un'elettrica o ibrida rimarrà probabilmente traumatizzato.
    • By Pandino
      FB
       
      Inizia a muovere i primi passi la quarta generazione del Ducato (e compagnia bella), attesa nel 2020.
       
      @Aymaro ne sai qualcosa?


×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.