Jump to content
News Ticker
Benvenuti su Autopareri, il forum dell'Automobile!

Volvo: velocità limitata a 180 km/h per migliorare la sicurezza


Recommended Posts

A partire dal 2020, Volvo limiterà le proprie vetture elettronicamente a 180 km/h. Il motivo è che i sistemi di sicurezza attiva potrebbero non garantire quel tempo di risposta tale da scongiurare ferite mortali. La scelta deriva dalla "Mission" di Volvo Vision 2020, dove si prefigge di arrivare a zero morti sulle proprie autovetture coinvolte in incidenti.

Questa scelta deriva dal fatto che - dalle analisi precedenti - si è registrato che il 25% degli incidenti è causato dall'eccesso di velocità.

 

Cita

 

Volvo Cars, as a worldwide leader in safety, is sending a strong signal about the dangers of speeding and will limit the top speed on all its cars to 180 kph from 2020.

The company’s Vision 2020, which aims for no one to be killed or seriously injured in a new Volvo by 2020, is one of the most ambitious safety visions in the automotive industry. But realising that technology alone will not get it all the way to zero, Volvo Cars is now broadening its scope to include a focus on driver behaviour.

Research by Volvo Cars has identified three remaining concerns for safety that constitute so-called ‘gaps’ in its ambition to completely end serious injuries and fatalities in its cars, with speeding a very prominent one.

“Volvo is a leader in safety: we always have been and we always will be,” said Håkan Samuelsson, president and chief executive. "Because of our research we know where the problem areas are when it comes to ending serious injuries and fatalities in our cars. And while a speed limitation is not a cure-all, it’s worth doing if we can even save one life.”

Apart from limiting top speeds, the company is also investigating how a combination of smart speed control and geofencing technology could automatically limit speeds around schools and hospitals in future.

“We want to start a conversation about whether car makers have the right or maybe even an obligation to install technology in cars that changes their driver´s behaviour, to tackle things like speeding, intoxication or distraction,” said Mr. Samuelsson. “We don’t have a firm answer to this question, but believe we should take leadership in the discussion and be a pioneer.”

The problem with speeding is that above certain speeds, in-car safety technology and smart infrastructure design are no longer enough to avoid severe injuries and fatalities in the event of an accident. That is why speed limits are in place in most western countries, yet speeding remains ubiquitous and one of the most common reasons for fatalities in traffic.

Millions of people still get speeding tickets every year and traffic accident data from the National Highway and Traffic Safety Administration shows that 25 per cent of all traffic fatalities in the US in 2017 were caused by speeding.

People simply do not recognise the danger involved in speed, says Jan Ivarsson, one of Volvo Cars’ leading safety experts.

“As humans, we all understand the dangers with snakes, spiders and heights. With speeds, not so much,” said Mr Ivarsson. “People often drive too fast in a given traffic situation and have poor speed adaption in relation to that traffic situation and their own capabilities as a driver. We need to support better behaviour and help people realise and understand that speeding is dangerous.”

Beyond speeding, two other problem areas constitute ‘gaps toward zero’. As obvious a problem as speeding (and as difficult to end) is intoxication. Driving under the influence of alcohol or drugs is illegal in large parts of the world, yet it remains a prime reason for injuries and fatalities on today’s roads.

The other area is distraction. Drivers distracted by their mobile phones or otherwise not fully engaged in driving are another major cause of traffic fatailities. In many ways, they are equally dangerous as drunk drivers.

Volvo Cars will present ideas to tackle the problem areas of intoxication and distraction at a special safety event in Gothenburg, Sweden on March 20.

 

 

Via Volvo

  • I Like! 3
  • Sad! 1
  • Absurd! 1
  • Haha! 1
Link to post
Share on other sites
  • Replies 39
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Mi sa di belinata propagandistica. Quante auto sono state coinvolte in incidenti sopra i 180?   Potrebbero fare a questo punto auto che non si accendono mai e sono sempre rotte. Se non

la limitazione a 180km/h esiste già da decadi in Giappone e non di rado in USA. Non fanno niente di nuovo.   Il problema è che dei 3378 morti stradali in Italia nel 2017 solo 296 solo in aut

Invece la mossa è molto intelligente. Volvo ha da sempre una reputazione di costruttore di auto sicure. E i clienti Volvo hanno la reputazione di essere gente più ragionevole che tamarra. Quindi ai lo

Posted Images

Più che i 180 autolimitati (che per una berlinona stradale potrebbero andare anche bene, a parte la soglia psicologia) mi preoccupano di più le intenzioni future, si parla di limitare automaticamente la velocità in zone prestabilite tipo scuole, sono perfettamente d'accordo sul fine del tutto, ma per come concepisco l'auto mai comprerei un auto che controlla quello che sto facendo in maniera così attiva a quel punto tanto vale smettere di guidare e farsi portare in giro.

Edited by Albe89
  • I Like! 5
Link to post
Share on other sites
5 ore fa, Beckervdo scrive:

Questa scelta deriva dal fatto che - dalle analisi precedenti - si è registrato che il 25% degli incidenti è causato dall'eccesso di velocità.

Quindi il 75% (3 incidenti su 4!) sono causati da gente che stava nei limiti!

Limitando la velocità sotto i 180km/h, magari, Volvo ridurrà gli incidenti di 1/4, ma se limitasse la velocità sopra i 50km/h li ridurrebbe di 2/3.

  • Haha! 1

Sotto i 6000rpm è un mezzo agricolo.

Link to post
Share on other sites

Caratteristiche tecniche:

  • Motori e potenza : 12 volt 10 ah +2 motori da 35 watt
  • Ammortizzatori 
  • Mp3 player,
  • Fari e luci funzionanti
  • Ingresso micro sd + usb
  • Radio fm con 14 stazioni in memoria
  • Porte apribili
  • Cofano anteriore e posteriore apribile
  • Telecomando per controllo anche distanza
  • Interni in pelle Volvo
  • Chiave di accensione ( 2 chiavi in dotazione ) 
  • Funzionamento marcia avanti e indietro con 2 livelli di potenza
  • Regolazione del volume dello stereo

Tempo di ricarica batterie : 8 ore ( 60-90 minuti di utilizzo circa)

Dimensioni: 129 x 76 x 64 cm

La velocità non è dichiarata.

Presentata oggi a Ginevra.
 

5b3e2ce202e58e1c278b4611.jpeg

Edited by Damynavy
  • I Like! 1
  • Haha! 5
Link to post
Share on other sites

Guarda caso 180 è il limite massimo di funzionamento di parecchi adas…….

 

sarà un caso ...

Guidatore medio di S.w. mi piacciono le auto , fumatore Light e AD INTERIM convivente... questo è nicogiraldi....

875kg - 260+ cv i numeri del mio piacere

Link to post
Share on other sites
10 ore fa, nicogiraldi scrive:

Guarda caso 180 è il limite massimo di funzionamento di parecchi adas…….

 

sarà un caso ...

No no, c'è proprio scritto che uno dei motivi è quello.

  • I Like! 2
Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

  • Similar Content

    • By Beckervdo
      Attualmente i motori elettrici delle Volvo Elettriche ed Ibride Plug-In, sono realizzati da Siemens.
      Il mese scorso è stato inaugurato un nuovo centro R&D a Shangai dove verranno realizzati i propri motori elettrici. Tuttavia, Volvo ha già sviluppato motori elettrici a Göteborg e ha laboratori per le batterie sia in Cina che in Svezia.
      Il primo modello a beneficiare del nuovo sistema "made in Sweden" sarà la nuova Volvo XC90 realizzata su piattaforma modulare SPA2.
       
      Henrik Green, chief technology officer at Volvo Cars
       
      L'obiettivo di Volvo è avere entro il 2025, il 50% della gamma Full Electric ed il restante 50% MHEV e PHEV.
       
    • By Beckervdo
      Christian Dahl, fondatore e CEO di Cyan Racing.
       
      Con la Volvo P1800 Cyan, il team non ha voluto creare un'auto moderna con le ultime tecnologie. L'auto quindi non ha motore elettrico, né aiuti alla guida, funzioni di guida autonoma o opzioni di connessione. La P1800 Cyan non ha nemmeno un sistema ESP, ABS o servofreno. È "tornato alla base", come lo era prima quando è nata l'auto originale.
      La base è una Volvo P1800 rosso chiaro del 1964 che è finita alla Cyan Racing nel 2018. È scomparsa la carrozzeria originale che è stata sostituita con una molto simile in fibra di carbonio che aiuta a irrigidire l'auto. Come dice Cyan Racing, le auto degli anni '60 si flettono molto e questo era qualcosa che dovevano contrastare. Il corpo in fibra di carbonio ad alta resistenza è incollato alla struttura del telaio, che è rinforzata con acciaio ad alta resistenza. Oltre all'elevata rigidità torsionale, i materiali e la tecnologia offrono un altro vantaggio: il peso ridotto. La Volvo P1800 Cyan pesa solo 990 chili.
      La carrozzeria differisce dall'originale in quanto l'abitacolo è in una posizione leggermente diversa e, come si può chiaramente vedere nelle immagini, dove si nota una vettura notevolmente allargata per ottenere una carreggiata più ampia. La parte anteriore misura 1466 mm e la parte posteriore 1489 mm. È molto più dei 1315 mm della vettura originale sia davanti che dietro.
      Il passo è di 244,6 centimetri, quattro millimetri più corto delle dimensioni tradizionali della P1800. Alla lunga, molti centimetri sono scomparsi con il paraurti molto più ordinato della P1800 Cyan. 420,3 centimetri sono quasi 15 centimetri in meno. In larghezza è 174,8 centimetri, poco meno di cinque centimetri più larga, e in altezza 122 centimetri, circa sei centimetri più bassa della vettura originale.
      Prima che questa P1800 diventasse la P1800 Cyan, aveva sotto il cofano il famoso motore Volvo B18, cioè un motore da 1,8 litri che in questo caso raggiungeva i 108 cavalli. Cyan Racing ha pensato di mantenere questo motore originale, ma ha anche esaminato altre alternative, tra cui il motore Volvo B230 da 2,3 litri, l'immensamente popolare cinque cilindri in linea di Volvo e il sei cilindri in linea della casa automobilistica svedese. La scelta alla fine è ricaduta sul quattro cilindri turbo di Volvo da 2,0 litri, ovvero il motore VEA di oggi, ma con più o meno lo stesso progetto dell'auto vincitrice del WTCC 2017 - Volvo S60 Polestar Cyan Racing TC1 con cui Thed Björk è diventato campione del mondo. Ciò significa 420 cavalli di potenza e 455 Newton metri di coppia e la possibilità di allungare sino a 7.700 giri / min. La potenza massima viene raggiunta a 7.000 giri / min e la coppia massima a 6.000 giri / min.
      La sovralimentazione con singolo turbocompressore BorgWarner da 2.7 bar è progettata in maniera tale da avere un comportamento da aspirato ad alta capacità. Il motore è collegato alle ruote posteriori tramite un cambio manuale a cinque marce di Holinger, che si dice sia selezionato con cura perché offre quella sensazione meccanica del passato. Tuttavia, la precisione è superiore rispetto ai cambi degli anni '60, mentre il nuovo cambio può gestire forze significativamente maggiori.
      L'assale posteriore, che è stato sostituito da uno nuovo sviluppato da Cyan Racing, è dotato di freno differenziale.
      Come su molte vetture da pista e sportive, gli ammortizzatori sono regolabili per un controllo totale sia della compressione che del ritorno.Oltre agli ammortizzatori regolabili, è possibile avvitare anche gli angoli di camber e di caster e lo sterzo.
      I cerchi sono larghi 18 pollici, larghi 8,5 pollici nella parte anteriore e 9,5 pollici nella parte posteriore. Su questi sono montati Pirelli P Zero, 235 millimetri con profilo 40 sulle ruote anteriori e 265 millimetri con profilo 35 sulle ruote posteriori. Dietro questi c'è una pinza a quattro pistoncini sia anteriore che posteriore. Queste impugnano dischi larghi 362 millimetri nella parte anteriore e 330 millimetri nella parte posteriore. Un dettaglio ispirato alle auto da pista è il bullone centrale dei cerchi.
      Oggi non troviamo alcun dato sulle prestazioni, ma siccome l'auto pesa poco meno di una tonnellata (distribuzione del peso 47/53 anteriore / posteriore) e che ha avuto il C30 Polestar Performance Prototype; la C30 PCP, che era la prima vettura stradale della Cyan Racing (allora ancora chiamata Polestar), aveva 405 cavalli e faceva 0-100 km / h in 4,1 secondi, ma pesava anche quasi 400 chili in più della P1800 Cyan.
      Cyan Racing non menziona un cartellino del prezzo, ma scrive che i potenziali clienti possono ottenere tali informazioni insieme ad altre specifiche (dai 500.000 dollari che abbiamo successivamente ricevuto come informazioni sui prezzi da Cyan Racing).
       
      Topic Spy➡️ Clicca Qui!
       
       
       






































    • By Beckervdo
      Volvo presenta le rinnovate S90 / V90 e V90 Cross Country come M.Y. 2020, aggiornandole nell'estetica e nella meccanica creando una gamma completamente Mild-Hybrid e PHEV.
      Esteticamente non cambiano molto:  nuovi fendinebbia, uno spoiler dal profilo diverso ed un nuovo paraurti anteriore più basso. Dove cambia maggiormente è la parte posteriore delle V90 e V90 CC: tecnologia Full LED e frecce progressive.
      Nuove tonalità per la carrozzeria e nuove opzioni per quanto riguarda i cerchi, vanno ad ampliare ulteriormente le possibilità di personalizzazione.
      Internamente, l’impianto Bowers & Wilkins eleva ulteriormente il livello dell’esperienza audio a bordo grazie all’unità di amplificazione rivista, al sistema di cancellazione automatica del rumore nell'abitacolo e a una nuova impostazione che emula effetti acustici da jazz club.
      Un’altra novità nell’abitacolo è l’unità Advanced Air Cleaner con sensore di particelle di particolato PM 2.5. Sviluppato inizialmente per il mercato cinese e ora disponibile in tutte le aree geografiche.
      Per la prima volta - oltre la XC90 - vengono proposti gli interni "leather-free" basati su un tessuto ecologico misto-lana, totalmente riciclabile. 

       
       















       
      via Volvo
       
      ————————————————————————————————————
      SPY TOPIC ➡️ CLICCA QUI!
      ————————————————————————————————————

×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.