Jump to content

Recommended Posts

30 minuti fa, stev66 scrive:

 

Infatti in Luxottica appena i francesi si sono allargati hanno preso una bacchettata sulle mani, e sono tornati a più miti consigli.

N.B. i franzosi si allargano solo quando sono più grandi ed hanno ovviamente vita facile col tessuto industriale italiano fatto di aziende da piccolissime a piccole. E lì la potenza di fuoco conta.

Ma a parità di peso hanno quasi sempre perso.

Ripeto : esattamente come Del Vecchio, JE non è un fesso. E firmerà solo se gli accordi gli daranno quello che vuole.  Sennò farà l'accordo con qualcun altro, lasciando Renault ad affrontare da sola la guerra con Nissan ed il posizionamento mondiale. Battaglie che quasi sicuramente Renault perderebbe, e dovrebbe invocare l'intervento statale , un prezzo politicamente troppo alto da pagare anche per la Francia ( sarebbe la fine dell'UE , magari non formalmente ma praticamente ).

 

 

 

Oddio sempre perso... nel recente accordo Fincantieri-Naval Group hanno ottentuto condizioni incredibili facendo carta straccia di accordi già firmati e infilandoci dentro il loro colosso della difesa (Thales) a discapito di Leonardo. Non hanno "vinto" ma hanno comunque ribaltato le carte in tavola a loro favore strappando un più che dignitoso pareggio (che può diventare una vittoria colossale nel tempo se noi italiani non riusciremo a riequilibrare la presenza di Thales nell'elettronica e nei sistemi d'arma delle future navi)

Ora vogliono di fatto creare un colosso a evidente trazione francese (a partire dalla composizione del board e dalla location della sede) imponendo alla controparte garanzie contro le leggi del mercato che non possono in nessun modo essere riequilibrate, visto che FCA è un soggetto completamente privato e sovra-nazionale

  • I Like! 1
  • TESLA Hug [Trolling Mode] 1

Alfa Romeo Giulietta, 1.4 TBI Multiair 170 CV Exclusive (2013)

Link to comment
Share on other sites

1 minuto fa, JackSEWing scrive:

 

Oddio sempre perso... nel recente accordo Fincantieri-Naval Group hanno ottentuto condizioni incredibili facendo carta straccia di accordi già firmati e infilandoci dentro il loro colosso della difesa (Thales) a discapito di Leonardo. Non hanno "vinto" ma hanno comunque ribaltato le carte in tavola a loro favore strappando un più che dignitoso pareggio (che può diventare una vittoria colossale nel tempo se noi italiani non riusciremo a riequilibrare la presenza di Thales nell'elettronica e nei sistemi d'arma delle future navi)

Ora vogliono di fatto creare un colosso a evidente trazione francese (a partire dalla composizione del board e dalla location della sede) imponendo alla controparte garanzie contro le leggi del mercato che non possono in nessun modo essere riequilibrate, visto che FCA è un soggetto completamente privato e sovra-nazionale

 

sì, ma c'è sempre una differenza id fondo. Fincantieri è azienda di Stato , a cui passare dalla vittoria al pareggio conta poco ( e la vera vittoria era mettere piede nel lucroso mercato francese della difesa ) .

FCA è di John . e la famiglia non firma accordi se non favorevoli a lei . Quindi ci possono anche essere garanzie aggiuntive ( quasi tutte di facciata, oggi la sede operativa ufficiale conta come la neve dell'anno scorso e lo sanno tutti gli attori ) , ma alla fine il nocciolo "sine qua non"  sarà: controllo alla Exor. Se Renault/Macron  accetteranno questo, tutto il resto sarà irrilevante .  

 

 

  • I Like! 3
  • TESLA Hug [Trolling Mode] 2

Archepensevoli spanciasentire Socing.

Link to comment
Share on other sites

Un mio caro amico lavora alla Thales Alenia. Mi ha detto che da quando e' entrata la Thales hanno perso moltissimo lavoro perche' viene deviato sugli stabilimenti Thales.

L'idea del quartier generale a Parigi della nuova societa' derivante dalla fusione FCA Renault mi fa letteralmente vomitare.

Spero vivamente che Elkann e chi lo sta consigliando siano molto attenti a quello che fanno

 

Dimenticavo, lo stato francese vuole anche un posto in consiglio di amministrazione...

 

https://www.ilmessaggero.it/economia/news/fusione_fca_renault_sede_parigi_tagli-4533069.html

Quello appena concluso è stato un week end di trattative intense sulla fusione fra Fca e Renault. Secondo indiscrezioni dell'agenzia Reuters rimbalzate fra Torino e Parigi sarebbero emerse quattro novità. La prima: la sede operativa della nuova società controllata al 50% ciascuna da Fca e Renault dovrebbe essere Parigi. La sede legale della futura società resterà invece l'Olanda come già ora per Fca. Seconda nuova clausola: il nuovo colosso dovrebbe mantenere gli attuali livelli occupazionali per quattro anni e non più per almeno due come ipotizzato nella fase iniziale delle trattative. Terza precisazione: lo Stato francese (primo azionista di Renault con il 15% delle quote ma con il 22% dei diritti di voto ) avrebbe un posto nel consiglio di amministrazione sui nove previsti (4 Fca; 4 Renault; 1 Nissan). Quarta e ultima novità: si starebbe ragionando di un dividendo straordinario di Renault ai suoi soci prima della fusione, in pratica un modo per equlibrare il dividendo straordinario di quasi 3 miliardi che Fca ha ipotizzato di versare agli azionisti per equiparare il suo valore (di circa 18 miliardi) a quello di Renault (15 miliardi).

Edited by vince-991
  • I Like! 2
  • Absurd! 1
  • Haha! 2
Link to comment
Share on other sites

1 minuto fa, vince-991 scrive:

Un mio caro amico lavora alla Thales Alenia. Mi ha detto che da quando e' entrata la Thales hanno perso moltissimo lavoro perche' viene deviato sugli stabilimenti Thales.

L'idea del quartier generale a Parigi della nuova societa' derivante dalla fusione FCA Renault mi fa letteralmente vomitare.

Spero vivamente che Elkann e chi lo sta consigliando siano molto attenti a quello che fanno

 

Ma lì è stata un'acquisizione mascherata da fusione, solo in senso contrario :)

 

Qui o sarà il verso voluto dalla famiglia, o non sarà ( come è sempre stato storicamente ) .

  • I Like! 1

Archepensevoli spanciasentire Socing.

Link to comment
Share on other sites

1 minute ago, stev66 said:

 

Ma lì è stata un'acquisizione mascherata da fusione, solo in senso contrario :)

 

Qui o sarà il verso voluto dalla famiglia, o non sarà ( come è sempre stato storicamente ) .

Spero che tu abbia ragione

Link to comment
Share on other sites

 
sì, ma c'è sempre una differenza id fondo. Fincantieri è azienda di Stato , a cui passare dalla vittoria al pareggio conta poco ( e la vera vittoria era mettere piede nel lucroso mercato francese della difesa ) .
FCA è di John . e la famiglia non firma accordi se non favorevoli a lei . Quindi ci possono anche essere garanzie aggiuntive ( quasi tutte di facciata, oggi la sede operativa ufficiale conta come la neve dell'anno scorso e lo sanno tutti gli attori ) , ma alla fine il nocciolo "sine qua non"  sarà: controllo alla Exor. Se Renault/Macron  accetteranno questo, tutto il resto sarà irrilevante .  
 
 

Buongiorno
Non d’accordo la sede conta è come a livello giuridico i francesi avrebbero il vantaggio visto che a casa loro fanno come vogliono (il governo)
Assolutamente da evitare la sede in Francia
  • I Like! 6
  • Thanks! 1
Link to comment
Share on other sites

6 minuti fa, stev66 scrive:

 

sì, ma c'è sempre una differenza id fondo. Fincantieri è azienda di Stato , a cui passare dalla vittoria al pareggio conta poco ( e la vera vittoria era mettere piede nel lucroso mercato francese della difesa ) .

FCA è di John . e la famiglia non firma accordi se non favorevoli a lei . Quindi ci possono anche essere garanzie aggiuntive ( quasi tutte di facciata, oggi la sede operativa ufficiale conta come la neve dell'anno scorso e lo sanno tutti gli attori ) , ma alla fine il nocciolo "sine qua non"  sarà: controllo alla Exor. Se Renault/Macron  accetteranno questo, tutto il resto sarà irrilevante .  

 

 

Ma è proprio questo il punto che ritengo negativo dal mio punto di vista "italiano", per quello che può valere (e cioè zero)

Agli Agnelli importa essere gli azionisti principali della società, poi se il gruppone è a trazione francese a loro non interessa. Una bella Legion d'honneur appuntata al petto, cospicui dividendi a fine anno con cedoloni ogni tot, e via.

I Francesi invece hanno obiettivi più ad ampio spettro e secondo me molto più paganti nel lungo periodo. Salvaguardare l'occupazione sul loro territorio e tenere le teste pensanti della nuova società a casa loro. Difatti non si parla di sede legale (che sarà probabilmente, come è ovvio che sia, olandese) ma di sede operativa. Poi magari tutto filerà liscio, stabilimenti italiani non toccati, politica sui marchi intelligente, tanti investimenti e tutti felici e contenti.

La cosa che mi fa storcere il naso sono le condizioni di partenza dell'accordo, che sono distorte dalla scomoda presenza dello stato francese. Se pensiamo anche solo per un momento che i francesi, di qualsiasi colore politico, possano anche solo pensare di firmare un accordo che non tuteli il loro interesse nazionale ci sbagliamo di grosso.

 

  • I Like! 4

Alfa Romeo Giulietta, 1.4 TBI Multiair 170 CV Exclusive (2013)

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, stev66 scrive:

 

Infatti in Luxottica appena i francesi si sono allargati hanno preso una bacchettata sulle mani, e sono tornati a più miti consigli.

N.B. i franzosi si allargano solo quando sono più grandi ed hanno ovviamente vita facile col tessuto industriale italiano fatto di aziende da piccolissime a piccole. E lì la potenza di fuoco conta.

Ma a parità di peso hanno quasi sempre perso.

Ripeto : esattamente come Del Vecchio, JE non è un fesso. E firmerà solo se gli accordi gli daranno quello che vuole.  Sennò farà l'accordo con qualcun altro, lasciando Renault ad affrontare da sola la guerra con Nissan ed il posizionamento mondiale. Battaglie che quasi sicuramente Renault perderebbe, e dovrebbe invocare l'intervento statale , un prezzo politicamente troppo alto da pagare anche per la Francia ( sarebbe la fine dell'UE , magari non formalmente ma praticamente ).

 

 

 

Bacchettata sulle mani..... Sta di fatto che la sede è a Parigi e che Del Vecchio non ha 30anni ed è in lotta con qualsiasi suo erede. Quindi una volta che passerà la mano voglio vedere come va a finire 

1 ora fa, slego scrive:

 

su 'sta cosa s'è fatto un baccano ridicolo, dato che la Castelli era di proprietà straniera già da parecchi anni e Lactalis ha semplicemente "preso il posto" di una finanziaria inglese. nessuna pezzo di italianità svenduto al nemico, quindi.

(e se è finita in mani straniere è per il semplice motivo che il vecchio proprietario s'era trovato sommerso di debiti e senza un piano industriale decente per uscirne).

non so di che baccano parli, comunque si è vero che la castelli apparteneva ad un fondo inglese. Questo non toglie che sia stata comprata dai Francesi e che in gara per l'acquisizione c'era anche Granarolo

30 minuti fa, stev66 scrive:

 

sì, ma c'è sempre una differenza id fondo. Fincantieri è azienda di Stato , a cui passare dalla vittoria al pareggio conta poco ( e la vera vittoria era mettere piede nel lucroso mercato francese della difesa ) .

FCA è di John . e la famiglia non firma accordi se non favorevoli a lei . Quindi ci possono anche essere garanzie aggiuntive ( quasi tutte di facciata, oggi la sede operativa ufficiale conta come la neve dell'anno scorso e lo sanno tutti gli attori ) , ma alla fine il nocciolo "sine qua non"  sarà: controllo alla Exor. Se Renault/Macron  accetteranno questo, tutto il resto sarà irrilevante .  

 

 

 

Il fatto è che probabilmente ad Elkan/Exor dei posti di lavoro italiani frega relativamente, mentre ai francesi conta eccome. Quindi fare così gli arrendevoli è già sintomo che quando andranno prese decisioni pesanti i Francesi si troveranno già in una posizione di forza.

 

La sede legale da un punto di vista lavorativo conta poco, ma conta in quanto vale la legislazione del paese.

La sede operativa da unpunto di vista legale conta poco, ma in questo caso può contare da un punto di vista lavorativo se parliamo di sedi con parecchi dipendenti. 

Una sede legale la puoi cambiare facilmente, un'operativa se lo è davvero e come detto ha diversi dipendenti non così facilmente, a quel punto è più facile cambiare mano alle azioni.

 

Non pensavo di poterlo mai dire in vita mia ma mi trovo costretto a sperare nel duo di capre Salvini - Trump

  • I Like! 3
  • TESLA Hug [Trolling Mode] 1
Link to comment
Share on other sites

sta succedendo esattamente quello che pensavo: i francesi non permetteranno mai una fusione in cui non siano loro a comandare o ad avere un peso decisionale superiore allo straniero.

 

A questo punto meglio rinunciare anche perchè non c'è più Marchionne a trattare ma il fratello scemo di Lapo...

Edited by itr83
  • I Like! 7
  • Confused... 1
Link to comment
Share on other sites

11 minuti fa, itr83 scrive:

sta succedendo esattamente quello che pensavo: i francesi non permetteranno mai una fusione in cui non siano loro a comandare o ad avere un peso decisionale superiore allo straniero.

 

A questo punto meglio rinunciare anche perchè non c'è più Marchionne a trattare ma il fratello scemo di Lapo...

 

è quello che succede quando da un lato hai un soggetto privato che legittimamente persegue i suoi interessi, mentre dall'altro uno stato, che altrettanto legittimamente, persegue i suoi. Solo che i due soggetti hanno concezioni di interesse profondamente differenti ;)

 

 

Alfa Romeo Giulietta, 1.4 TBI Multiair 170 CV Exclusive (2013)

Link to comment
Share on other sites

Guest
This topic is now closed to further replies.
 Share


×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.